Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

 

LICEO SCIENTIFICO STATALE

DONATO BRAMANTE

VIA TRIESTE 70

20013 MAGENTA

MI PS25000Q

 

ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI

DI SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE

( L.425/97 – DPR 323/98 art.5.2 )

 

DOCUMENTO

PREDISPOSTO DAL CONSIGLIO DI CLASSE

5a C   TRADIZIONALE/P.N.I.

a.s. 2004/2005

Dirigente scolastico prof.ssa A. LOMBARDI

 

INDICE:

I. PRESENTAZIONE DELL’ISTITUTO

II. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE

II.1. COMPOSIZIONE  E PROVENIENZA DELLA CLASSE NEL TRIENNIO

II.2. DOCENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE

II.3 PROFILO GENERALE DELLA CLASSE

II.3.1 DEBITI FORMATIVI

II.3.2 MODALITA’ DI RECUPERO

II.3.3  ATTIVITÀ CURRICULARI ED EXTRACURRICULARI

III. PROGRAMMAZIONE COLLEGIALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE

III.1  OBIETTIVI  TRASVERSALI

III.2  PERCORSI TEMATICI PLURIDISCIPLINARI

III.2  MODALITA’ DI LAVORO

III.3  STRUMENTI DI VERIFICA

III.4 CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE VERIFICHE E DI CONVERSIONE IN QUINDICESIMI

III.5  SPAZI E MEZZI UTILIZZATI

III.6  TIPOLOGIA DELLE PROVE D’ESAME SVOLTE DURANTE L’ANNO

III.7  INTERVENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE IN MERITO ALLA TERZA PROVA SCRITTA DELL’ESAME DI STATO

III. 7.1   CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE TERZE PROVE SCRITTE

III. 8   TESTI DELLE SIMULAZIONI DI TERZE PROVE

III.9  CREDITO SCOLASTICO

IV. PROGRAMMAZIONE NELLE SINGOLE MATERIE

IV.1 RELIGIONE

IV.2 ITALIANO

IV.3 LATINO

IV.4 LINGUA E LETTERATURA INGLESE

IV.5 STORIA

IV.6 FILOSOFIA

IV.7 MATEMATICA corso tradizionale

IV.8 FISICA corso tradizionale

IV.9 MATEMATICA corso sperimentale P.N.I

IV.10 FISICA corso sperimentale P.N.I

IV.11 SCIENZE NATURALI

IV.12 DISEGNO E STORIA DELL’ARTE

IV.13 EDUCAZIONE FISICA


 

I. PRESENTAZIONE DELL’ISTITUTO

 

 

Il Liceo Scientifico Statale DONATO BRAMANTE  è una scuola di lunga tradizione, attiva sul territorio del magentino a partire dall’anno scolastico 1971/72. Si propone di esercitare un ruolo di formazione e informazione nei confronti dell’utenza, di varia provenienza sociale; utilizza sia le tradizionali modalità di insegnamento, tese all’acquisizione di competenze e conoscenze specifiche, sia le moderne proposte metodologiche attente alle esigenze e alle istanze dei singoli studenti ai quali guarda nel rispetto della peculiarità che li contraddistingue.

Attualmente sono attivi nell’istituto cinque corsi: Liceo Scientifico tradizionale, Liceo Scientifico Tecnologico (a partire dal presente anno scolastico), Liceo Scientifico P.N.I., Liceo Scientifico Doppia Lingua, Liceo Scientifico indirizzo Scienze.

Si presentano all’Esame di Stato tre classi quinte.

II. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE

 

La classe è composta da 23 alunni, di cui 9 ragazze e 14 ragazzi. Una parte degli alunni frequenta il corso tradizionale ed una parte il Piano Nazionale di Informatica (da adesso in poi semplicemente P.N.I). Terminato il biennio con 21 alunni, vi è stato in terza l’inserimento di tre alunni esterni, dei quali solo uno solo (Sorrenti) è arrivato fino al compimento del corso di studi, in quanto uno è stato bocciato in terza e l’altro si è ritirato in quarta. In classe quarta è stata inserita l'alunna Mungari, proveniente da un'altra classe di questo stesso liceo. Vi è stata una certa stabilità nel corpo insegnanti. Nell’ultimo anno è cambiato solo il docente di Storia dell’arte, in quanto il prof. Ferrara, andato in pensione, è stato sostituito dalla prof.ssa Gervasoni.

 

II.1. COMPOSIZIONE  E PROVENIENZA DELLA CLASSE NEL TRIENNIO

 

 

cl.3^

a.s.1999/2000

cl.4^

a.s.2000/2001

cl.5^

a.s.2001/2002

Iscritti

24

24

23

Inseriti

3

1

 

Ritirati

 

1

 

Non promossi

1

 

 

Promossi

23

23

 

 

 

II.2. DOCENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE

 

MATERIA

NOME

CONTINUITÀ

Religione

Troncon Gabriella

dalla prima

Lingua e Lett. italiana e latina

Gaudio Luigi

dalla prima

Lingua e Lett. inglese

Galli Alberto

dalla prima

Storia e Filosofia

Radice Angela

dalla terza

Matematica e Fisica (corso tradizionale)

Cattaneo Piercarlo

dalla quarta

Matematica (P.N.I)

Zanin Monica

dalla terza

Fisica (P.N.I.)

Bernacchi Alessandro

dalla prima

Scienze naturali

Monolo Maria Teresa

dalla seconda

Disegno e Storia dell’arte

Gervasoni Margherita

dalla quinta

Educazione fisica

Moscatelli Emilio

dalla quarta

 

II.3 PROFILO GENERALE DELLA CLASSE

 

La classe si caratterizza per buone capacità personali di apprendimento e rielaborazione. Tuttavia il clima di disinteresse e di trasgressione alle più elementari norme del lavoro scolastico ha sempre reso ardue le spiegazioni degli argomenti e l’approfondimento in classe. I programmi sono andati un po’ a rilento, malgrado tutte le sollecitazioni e le tecniche adottate per richiamare i ragazzi ad un atteggiamento più responsabile. Nel momento della verifica, scritta o orale, i risultati sono stati generalmente accettabili, ma più per uno studio individuale sul manuale che per una rielaborazione del lavoro scolastico. È venuta infatti a mancare la serietà e la continuità dell’impegno, soprattutto nelle ore scolastiche e i ragazzi hanno preso pochi appunti.

C’è da dire che questo discorso, valido in generale per la classe, non è applicabile indiscriminatamente a tutti, poiché alcuni studenti hanno sempre mostrato notevole disponibilità all’approfondimento e serietà di comportamento.

Alcuni di essi, poi, in particolare hanno mostrato doti di eccellenza, per la capacità di rielaborare personalmente e approfonditamente gli argomenti di studio.

 

II.3.1 DEBITI FORMATIVI

 

Piuttosto limitato il numero delle insufficienze a fine anno scolastico. Nell’anno scolastico 2003/2004 si sono riscontrati i seguenti debiti: uno in scienze, uno in italiano e uno in matematica

 

II.3.2 MODALITA’ DI RECUPERO

 

 

 

Recupero in orario curricolare

Recupero in orario extracurricolare (sportello e I.D.E.I)

LINGUA E LETT. ITALIANA

x

 

LINGUA E LETT. LATINA

x

 

SCIENZE

x

 

STORIA e FILOSOFIA

x

 

LINGUA E LETT. INGLESE

x

 

MATEMATICA

 

x

DISEGNO E Storia dell'arte

x

 

FISICA

x

 

 

II.3.3  ATTIVITÀ CURRICULARI ED EXTRACURRICULARI

 

TIPO DI ATTIVITA’

 

ATTIVITA’

OBIETTIVI

VISITE GUIDATE – USCITE

DIDATTICHE DI STORIA DELL'ARTE

“Andy Warhol”- Palazzo dell’Arte- Milano;

 

Caravaggio – Esposizione fotografica- Cesano Boscone;

 

“Mario Merz” – GAM di Torino;

 

“Boldini”- Padova

Completare lo studio della storia dell'arte con la visione delle opere

VISITE GUIDATE – USCITE

DIDATTICHE di altre materie

Spettacolo teatrale “Don Giovanni”

 

 

Uscuta didattica con lezione presso il Planetario di Milano

Rafforzare le conoscenze e le nozioni di letteratura e di filosofia

 

Completare lo studio dell’astronomia

CONFERENZE

 

Incontro-testimonianza con i reduci della seconda guerra mondiale

 

Far conoscere ai ragazzi gli eventi storici più tragici della storia recente, per non dimenticare gli orrori della seconda guerra mondiale

ATTIVITA’ VARIE

Olimpiadi di matematica

Giochi di Archimede

Sviluppare le capacità logico-matematiche in un contesto ludico e competitivo

ORIENTAMENTO

Incontri presso le facoltà universitarie, visita al Campus e incontro con gli esperti;

Distribuzione di materiale;

Utilizzo di internet.

Incontri a scuola

Presa di coscienza delle modalità di studio in rapporto alle facoltà;

Conoscenza dei piani di studio offerti;

Conoscenza degli sbocchi professionali.

III. PROGRAMMAZIONE COLLEGIALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE

 

 

III.1  OBIETTIVI  TRASVERSALI 

 

 

OBIETTIVI CULTURALI

Acquisire conoscenze e abilità delle singole discipline

Sviluppare capacità di analisi e di sintesi degli argomenti e delle tematiche trattate

Conoscere i linguaggi specifici delle varie discipline e saperli usare nei diversi contesti

Saper operare collegamenti interdisciplinari

Saper utilizzare le conoscenze nei molteplici contesti

Saper formulare giudizi autonomi.

 

OBIETTIVI FORMATIVI

Promozione della crescita della persona in modo che sia in grado di:

approfondire la conoscenza delle proprie attitudini e aspirazioni

 

OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

Assunzione di comportamenti rispettosi dei diritti degli altri

Accettazione delle regole e delle dinamiche della vita comunitaria

Affinamento della sensibilità nei confronti dei problemi altrui

Consapevolezza delle proprie responsabilità

 

Come già detto nella presentazione generale della classe, gran parte gli obiettivi culturali sono stati raggiunti dalla quasi totalità della classe, mentre quelli formativi e comportamentali solo da una parte di essa.

 

III.2  PERCORSI TEMATICI PLURIDISCIPLINARI

 

Nel corso dell’ultimo anno scolastico i docenti hanno privilegiato il lavoro interdisciplinare, individuando le seguenti tematiche interdisciplinari da sviluppare in classe:

T. 1: Il ribelle

T. 2: La natura

T. 3: L’amore

T. 4: La guerra

T. 5: Spazio e Tempo

T. 6: Il lavoro

 

III.2  MODALITA’ DI LAVORO

 

 

 

Lezione

frontale

Lezione

interattiva

Lettura e

analisi

del testo

Problem

solving

Attività

extra-

curricol.

 

REL.

X

X

 

 

 

IT.

x

x

x

 

x

LAT.

x

x

x

 

 

INGL.

x

x

x

 

 

STORIA

x

X

X

 

X

FILOS.

x

X

X

 

X

MAT/FIS. Tradizionale

x

x

 

x

X

MAT.PNI

x

x

 

x

X

FISICA PNI

x

x

 

X

 

SCIEN.

x

X

 

 

x

DIS.

x

x

X

 

X

ED.FIS.

 

X

 

 

 

 

III.3  STRUMENTI DI VERIFICA

 

 

 

Interrog.

Interventi

Prove struttur.

Prove aperte

Simulaz.

Terza pr.

Reading

comprehension

Esercizi

pratici

REL.

 

X

 

 

 

 

 

IT.

x

 

 

x

 

 

 

LAT.

x

 

 

 

x

 

 

INGL.

x

 

 

x

x

x

 

STORIA

x

 

x

x

x

 

 

FILOS.

x

 

x

x

x

 

 

MAT/FIS. Tradiz.

x

 

 

x

X (fisica)

 

 

MAT.PNI

X

 

 

X

 

 

 

FISICA PNI

x

 

 

X

x

 

 

SCIEN.

x

 

 

x

x

 

 

DIS.

X

 

 

x

x

 

X

ED.FIS.

X

 

 

 

x

 

X

 


 

III.4 CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE VERIFICHE E DI CONVERSIONE IN QUINDICESIMI

 

Conoscenze

Competenze

Capacità

Voto /10

Voto /15

Complete, approfondite, ampliate

Esegue compiti com-plessi;  sa applicare con   precisione contenuti e procedure in qualsiasi nuovo contesto

Sa cogliere e stabilire relazioni anche in pro-blematiche complesse, esprime valutazioni critiche e personali

9-10

14-15

Complete, approfondite

Esegue compiti com-plessi; sa applicare  con tenuti anche in contesti non usuali

Sa cogliere e stabilire relazioni nelle varie problematiche, effettua analisi e sintesi com-plete, coerenti ed ap-profondite

8

13

Complete

Esegue compiti con una certa complessità; appli- cando con coerenza le giuste procedure

Sa cogliere e stabilire relazioni nelle problema-tiche note;  effettua ana-lisi e sintesi  coerenti

7

11-12

Essenziali

Esegue semplici compi-ti, applicando le cono-scenze acquisite negli usuali contesti

Sa cogliere e stabilire re-lazioni in  problematiche semplici ed effettua analisi con una certa  coerenza

6

10

Superficiali

Esegue semplici compiti ma commette qualche errore; ha difficoltà ad applicare le conoscenze acquisite

Sa effettuare analisi e sintesi parziali, tuttavia opportunamente guidato /a riesce ad organizzare le conoscenze

5

8-9

Frammentarie

Esegue solo compiti semplici e commette molti e/o gravi errori nell’applicazione delle procedure

Sa effettuare analisi solo parziali, ha difficoltà di sintesi e solo se oppor-tunamente guidato/a rie-sce ad organizzare qual-che conoscenza

4

6-7

Pochissime o nessuna

Non riesce ad applicare neanche le poche conoscenze di cui è in possesso

Manca di capacità di analisi e sintesi e non riesce ad organizzare le poche conoscenze, nean-che se opportunamente guidato/a

1-3

1-2-3-4-5


 

III.5  SPAZI E MEZZI UTILIZZATI

 

Audio registratore

Laboratorio di informatica

Laboratorio di fisica

Palestre interne e campi esterni

Tecnologie informatiche (cd)

Videoproiettore

Videoregistratore

 

 

III.6  TIPOLOGIA DELLE PROVE D’ESAME SVOLTE DURANTE L’ANNO

 

PRIMA PROVA

Analisi di testo letterario in poesia e in prosa

Saggio breve o articolo di giornale

Tema storico

Tema di attualità

SECONDA PROVA

Risoluzione di problemi

TERZA PROVA

Tipologia A e B

 


 

III.7  INTERVENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE IN MERITO ALLA TERZA PROVA SCRITTA DELL’ESAME DI STATO

 

 

Il consiglio di classe, tenuto conto dell'effettiva impostazione didattica nell'insegnamento delle singole discipline, ha ritenuto opportuno che l'accertamento delle conoscenze acquisite nel corso dell'ultimo anno fosse meglio verificabile attraverso la trattazione sintetica di un argomento (tipologia A) e i quesiti a risposta singola (tipologia B).

Nel rispetto della richiesta di pluridisciplinarietà, i quesiti sono stati formulati in modo che ad ognuno corrispondesse l'ambito conoscitivo di una sola materia, nell'intento di accertare la capacità di sintetizzare le conoscenze fondamentali delle singole discipline.

Sono pertanto state effettuate due simulazioni della tipologia A e una della tipologia B con il vincolo di contenere le risposte entro un numero di righe indicato.

Per le simulazioni è stato utilizzato un tempo massimo di due ore e mezza.

 

Di seguito sono riportati gli obiettivi e gli indicatori per la valutazione delle terze prove.


 

CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA TERZA PROVA SCRITTA

Italiano - Latino Storia - Filosofia - Storia dell'arte - Educazione fisica

 

 

 

          VOCE

 ELEMENTI che                concorrono   all'attribuzione del punteggio complessivo

      SCALA DI VALUTAZIONE IN                QUINDICESIMI

 

VALUTAZIONE

 

 

 

  

   CONOSCENZE

    

 

-         qualità e quantità delle informazioni disciplinari

-         qualità e quantità delle informazioni interdisciplinari

-         lessico specifico

-         Eccellente  (14 - 15)

-         Ottimo (13)

-         Distinto (12)

-         Buono (11)

-         Sufficiente (10)

-         Insufficiente (7-8-9)

-         Gravemente insufficiente (3-4-5-6)

-         Nullo (1-2)

 

 

 

 

 

                /15

 

 

 

 

 

  COMPETENZE

 

 

 

-         Pertinenza

-         Completezza

-         Dettaglio

-         Relazione interna delle idee

 

-         Eccellente  (14 - 15)

-         Ottimo (13)

-         Distinto (12)

-         Buono (11)

-         Sufficiente (10)

-         Insufficiente (7-8-9)

-         Gravemente insufficiente (3-4-5-6)

-         Nullo (1-2)

 

 

 

 

 

 

         

                /15

 

 

 

 

 

      ABILITA'

-         Organizzazione logica delle informazioni

-         Analisi

-         Sintesi

-         Rielaborazione

-         Efficacia comunicativa

-         Collegamenti disciplinari e/o interdisciplinari

 

-         Eccellente  (14 - 15)

-         Ottimo (13)

-         Distinto (12)

-         Buono (11)

-         Sufficiente (10)

-         Insufficiente (7-8-9)

-         Gravemente insufficiente (3-4-5-6)

-         Nullo (1-2)

 

 

 

 

 

 

                /15

 

 

 

 TOTALE

 

                /45: 3

 

 

 

VALUTAZIONE COMPLESSIVA

 

                /15

 

 


 

CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA TERZA PROVA SCRITTA

Lingua e letteratura straniera

 

VOCE

ELEMENTI che concorrono all’attribuzione del punteggio complessivo

SCALA di VALUTAZIONE in QUINDICESIMI

VALUTAZIONE

LINGUA

Grammatica

Sintassi

Ricchezza formale

Lessico

Ortogrtafia

Coesione

Registro

Divisione in paragrafi

Introduzione

Conclusione

Eccellente (14 -15)

Ottimo (13)

Distinto (12)

Buono (11)

Sufficiente (10)

Insufficiente (7 - 8 - 9)

Gravemente insufficiente

(3 - 4 - 5 - 6)

Nullo (1 - 2)

        /15

CONTENUTI

Pertinenza

Completezza

Dettaglio

Relazione interna delle idee

Eccellente (14 -15)

Ottimo (13)

Distinto (12)

Buono (11)

Sufficiente (10)

Insufficiente (7 - 8 - 9)

Gravemente insufficiente

(3 - 4 - 5 - 6)

Nullo (1 - 2)

 

        /15

ABILITA’

Organizzazione logica delle informazioni

Analisi

Sintesi

Rielaborazione

 

    Eccellente (14 -15)

    Ottimo (13)

    Distinto (12)

    Buono (11)

    Sufficiente (10)

    Insufficiente (7 - 8 - 9)

    Gravemente insufficiente

(3 - 4 - 5 - 6)

    Nullo (1 - 2)

 

       /15

 

 

TOTALE

         /45 : 3

 

 

VALUTAZIONE COMPLESSIVA

  /15

 


 

CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA TERZA PROVA SCRITTA

Scienze - Fisica

 

OBIETTIVI

INDICATORI

PUNTEGGIO

PUNTEGGIO ATTRIBUITO

CONOSCENZA

 

-         Conoscenza degli argomenti

-         Conoscenza del significato dei termini specifici

1-5

 

                /15

COMPRENSIONE

-         Comprensione dei quesiti e dei problemi proposti

1-5

                /15

CAPACITA' ARGOMENTATIVE

-         Capacità di analisi e di sintesi

-         Presenza di confronti

-         Sicurezza nelle procedure risolutive

1-5

 

                /15

padronanza nell'utilizz0o dei mezzi espressivi

-         Corretto uso del lessico specifico

-         Esattezza di calcolo

1-5

 

                /15

 

 

 

 TOTALE

 

                /15

 


 

III. 8   TESTI DELLE SIMULAZIONI DI TERZE PROVE

 

1a simulazione - 17 dicembre 2004

 

Tipologia della prova:    A – breve trattazione

Materie coinvolte:            Inglese, Storia, Latino, Disegno e Storia dell’arte

Tempo                   2 ore e mezza

 

Inglese

Discuss the following topic in about 150-200 words.

Discuss the role of imagination in English Romantic poetry with reference to at least three poets you have studied.

 

Storia

Dopo aver elencato le più significative differenze tra la prima e la seconda Rivoluzione Industriale, evidenzia le ripercussioni che questo fenomeno ebbe sulla politica interna dei principali paesi europei.

La trattazione deve essere compresa tra le 150 e le 200 parole

 

Latino

Rispondi alla seguente domanda (minimo 150, massimo 200 parole)

Quali sono i modelli tratti dalla letteratura greca presenti nell’opera di Orazio?

 

Storia dell’arte

Rispondi alla seguente domanda (minimo 150, massimo 200 parole)

In che modo l’autore dell’opera che ti viene proposta chiarisce quale possa essere l’atteggiamento dell’uomo moderno nei confronti della realtà naturale?

 


 

2a simulazione – 5 aprile 2005

 

Tipologia della prova:    B – Domande a risposta aperta

Materie coinvolte:            , Scienze, Fisica (corso tradizionale e P.N.I), Filosofia, Disegno e storia dell’arte

Tempo                   2 ore e mezza

 

 

Scienze

  1. Definisci le discontinuità e indica le loro caratteristiche. (massimo 6 righe; 60 parole)

  2. Descrivi i tipi di nubi ardenti e i loro meccanismi. ( 8 righe; 80 parole)

  3. Definisci le isosisme e metti in evidenza la loro importanza. ( 6 righe; 60 parole)

 

Fisica (corso tradizionale)

  1. Entropia e irreversibilità dei processi termodinamici

  2. La legge di Coulomb

  3. Il fenomeno di induzione elettromagnetica

 

Fisica (P.N.I.)

Rispondi alle seguenti domande con un massimo di sei righe (70 parole)

  1. Il 2° principio della termodinamica specifica il verso in cui si sviluppa un processo spontaneo. Esistono diverse formulazioni di tale principio: enunciane almeno due

  2. Inquadra brevemente il concetto di energia relativistica e rispondi alle seguenti domande:

    1. che cosa succede all’energia quando la velocità è molto più piccola di c?

    2. che cosa succede in un processo in cui l’energia del corpo varia di ΔE?

  3. Rispondi alle seguenti domande riguardanti “l’introduzione alla relatività generale”:

    1. di che cosa si occupa?

    2. qual è l’enunciato fondamentale della teoria?

Concludi enunciando il principio di equivalenza

 

Filosofia

Rispondi ai quesiti usando al massimo 70 parole

  1. Delinea in breve le finalità principali del Corso di filosofia positiva di Comte

  2. Nel parlare del mondo come “rappresentazione”, Schopenauer si richiama esplicitamente a Kant, ma lo critica per alcuni versi, introducendo delle novità. Sviluppa un confronto sistematico tra i due autori relativamente alla questione proposta.

  3. La filosofia di Kierkegaard è caratterizzata dal recupero del piano dell’esistenza contro il sistema che non considera gli individui. Individua i tratti caratterizzanti la categoria dell’esistenza per Kierkegaard.

 

Storia dell’arte

  1. Le scelte cromatiche della pittura impressionista costituiscono una vera dichiarazione di indipendenza nei confronti della tradizione accademica . Il candidato indichi i principi essenziali di tale rivoluzione.

  2. A quali cambiamenti storici e culturali può essere ricondotta la crisi di identità dell’artista di fine ottocento?

  3. In che modo la “Sequenza di Fibonacci” si collega all’opera “povera” di Mario Merz?

 


 

3a simulazione - 5 maggio 2005

 

 

Tipologia della prova:    A – trattazione sintetica di argomenti

Materie coinvolte:            Inglese, Storia, Storia dell’Arte, Educazione fisica

Tempo                   2 ore e mezza

 

Inglese

Discuss the following topic in about 150-200 words. Only English-English dictionaries are allowed.

 

With reference to The Importance of Being Earnest, Arms and the Man and Mrs Warren's Profession make a comparison between Wilde's and Shaw's plays as regards dramatic technique, characters, language and themes.

 

Storia

La Società delle nazioni fu il primo tentativo di edificare un’organizzazione mondiale degli stati. Dopo aver dettagliato quando, perché e a opera di chi nacque tale organismo, tratteggia quali sviluppi successivi e quale ruolo ebbe negli anni tra le due guerre. (La trattazione deve essere compresa tra le 150 e le 200 parole)

 

Storia dell’arte

Attraverso l’analisi della realtà linguistica, compositiva e cromatica dell’opera riprodotta, il candidato esponga i contenuti innovativi della pittura cubista nella direzione di una sempre maggiore “autonomia” espressiva delle avanguardie artistiche del ‘900

 

Educazione fisica

Il sistema muscolare è il motore del corpo umano: descrivi le caratteristiche e le differenze tra le varie tipologie di muscoli e in particolare le proprietà delle fibre muscolari che li compongono


 

III.9  CREDITO SCOLASTICO

 

CRITERI PER L'ASSEGNAZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO

 

Per l'assegnazione del credito scolastico il Collegio dei Docenti ha fissato i seguenti criteri:

Punteggio iniziale corrispondente alla media dei voti rispettando le tabelle ministeriali.

Considerazioni delle variabili di comportamento:

Partecipazione al dialogo educativo.

Progressione dell'apprendimento.

Grado di autonomia e di partecipazione propositiva all'attività didattica.

Partecipazione  ad attività integrative proposte dalla scuola.

Attribuzione del credito formativo derivante da attività extra-scolastiche documentate.

 

Relativamente al credito formativo il Collegio dei Docenti ha approvato all'unanimità i seguenti criteri:

E' opportuno tenere ferma la possibilità di attribuire il punteggio massimo, previsto dalla banda di oscillazione, ad ogni allievo che presenti i requisiti di profitto, frequenza, impegno, interesse e partecipazione al dialogo educativo, indipendentemente dalla certificazione dei crediti formativi acquisiti in ambiti extra-scolastici.

Nel caso in cui queste certificazioni di attività esterna alla scuola possano opportunamente integrare il punteggio minimo previsto, il Consiglio di Classe attribuisce il relativo credito formativo in base all'effettiva incidenza di tali attività e competenze nel processo di formazione culturale e civile dello studente interessato.

 

 

 

 

                                                   


 

IV. PROGRAMMAZIONE NELLE SINGOLE MATERIE

 

IV.1 RELIGIONE

Prof.ssa Gabriella Troncon

 

RELIGIONE

 

OBIETTIVI

 

         Si considerano mediamente raggiunti i seguenti obiettivi:

 

 

CONOSCENZE

COMPETENZE E CAPACITA’

  1. Acquisizione della conoscenza del   messaggio biblico e del Magistero della pace; confronto fra le culture della pace e, in antitesi, le culture del totalitarismo.

  2. Approfondimento del significato della sessualità nel contesto di una visione unitaria della persona.

  3. Impostazione delle cooordinate del progetto famiglia nell’ottica della comunicazione cristiana.

  • Acquisizione della capacità di interpretare la vita umana come responsabilità verso se stessi e verso gli altri.

  • Acquisizione della consapevolezza della grande dignità dell’uomo come ragione dell’impegno di promozione e rispetto di ogni individuo.

  • Acquisizione della coscienza della natura come qualcosa di strettamente interconnesso con l’esistenza umana. Distinzione tra una visione del cosmo come “creato” e una visione panteistica e immanentistica della natura.

  • Comprensione e apprezzamento delle finalità inerenti alla proposta sociale della Chiesa.

 

 

CONTENUTI

 

Testo in adozione

 

G.MARINONI –C. CASSINOTTI –G.AIROLDI, La domanda dell’uomo, Marietti

 

La dignità dell’uomo

Concetto di persona

Carta dei diritti: i diritti dell’uomo nei documenti del Magistero

La libertà e la sessualità : eros e agape

Il matrimonio e la famiglia : il servizio alla persona

I principi fondamentali della dottrina sociale della Chiesa

Esame della Shoah e dei Gulag

La Sacra Scrittura e il Magistero e il loro messaggio di pace

La scelta della non violenza e la testimonianza di pace di alcuni uomini

La scelta ecologica lungo la storia della Chiesa

Il problema ecologico come problema di giustizia planetaria


 

IV.2 ITALIANO

Prof. Gaudio Luigi

RELAZIONE SULLA CLASSE (ITALIANO E LATINO)

La classe ha mostrato sin dall'inizio del biennio un sufficiente interesse per la lettura dei testi letterari, italiani e latini, anche se non sempre ha contribuito a rendere le lezioni serene e proficue, a causa di un’eccessiva irrequietezza comportamentale. È venuto a mancare anche l’approfondimento personale, tranne per alcuni alunni più responsabili. In genere, gli studenti hanno finalizzato lo studio alla preparazione delle singole verifiche.

Tra le attività complementari allo svolgimento del programma, segnalo:

·         Gli ipertesti di geografia in classe prima

·         La partecipazione ad alcuni spettacoli teatrali, tra i quali: Così è se vi pare di Luigi Pirandello in classe terza

·         Il corso di cineforum e introduzione al linguaggio cinematografico presso il Cinema -teatro "Nuovo" con l'esperto, Sig. Invernizzi

·         Il “quotidiano in classe” che ha educato gli alunni alla lettura del giornale (iniziativa quindi che ha centrato il suo obiettivo primario)

·         Le letture domestiche di romanzi ed altri testi, anche se, al momento della verifica, risultano essere stati letti in modo approfondito e personale solo da una parte della classe

Per alcuni alunni, alle difficoltà generali, si è aggiunta una certa incapacità di operare collegamenti interdisciplinari, oppure tra autori o all’interno delle opere dello stesso autore, cui si è cercato di ovviare con le frequenti e approfondite verifiche orali (interrogazioni)

La preparazione grammaticale, sia in latino sia in italiano, e la proprietà terminologica possono dirsi comunque complessivamente accettabili, per una classe di liceo, con alcune punte di alunni dotati di particolare ricchezza lessicale e proprietà linguistica

ITALIANO

Si intendono mediamente raggiunti i seguenti obiettivi:

  • Costruire  testi espositivi e argomentativi di varia lunghezza controllandone la coerenza e la coesione morfosintattica.

  • Esporre pubblicamente in modo sintetico argomenti su cui si è già lavorato in classe o individualmente.

Questo saper fare si basa su :

  • conoscenza                  del contenuto dei testi presi in considerazione

            generale del pensiero degli autori

  • competenza                 nel comprendere e fare uso corretto del linguaggio di base

                        nell’analizzare , interpretare e contestualizzare i testi

  • capacità                       di rielaborare in modo rigoroso e autonomo i concetti utilizzati

                                               di utilizzare  uno stile espressivo personale

Metodi 

Lezioni frontali / lezioni interattive guidate (con domande )/ Lettura e commento di testi autonoma o guidata, individuale o di gruppo /  Interventi individualizzati/ Attività di recupero e approfondimento

Strumenti

Testi e Manuali di riferimento :

Dante , La Commedia , a cura di A.Brasioli, ed. ATLAS

Di Sacco, Cervi , Serìo  Moduli di letteratura italiana, ed Signorelli, vol. 4, 5, 6, 7

Contenuti

Dante Alighieri: Paradiso

canto 1            T5

3

6                      T4

8                      T3

15

17

22

26

33                    T3

La prima metà dell’ottocento

Neoclassicismo

“La bellezza sublime” di Winckelmann T3

Romanticismo

 “Inno III” da Inni alla notte (Novalis)            T2

Il romanticismo italiano e il risorgimento

“Lettera semiseria di Grisostomo a suo figlio” di G. Berchet

Risorgimento

“Federalismo e nazione” di Carlo Cattaneo

La poesia dialettale

“La creazione del mondo” di G.G.Belli

“La preghiera di Donna Fabia” di C.Porta        T6

Ugo Foscolo

Vita e opere

da Le ultime lettere di Jacopo Ortis:

Il sacrificio della patria nostra è consumato       T1

Il paesaggio, la sera, l'amore                            T3 e T2

A Firenze e in Toscana

Il colloquio con Parini

dai Sonetti:

Alla sera                                                         T2

A Zacinto                                                        T1

In morte del fratello Giovanni

Dei Sepolcri:  lettura integrale

Notizia intorno a Didimo Chierico

da Le Grazie:

Una similitudine: inno terzo (vv. 143 / 187)       T3

Alessandro Manzoni

Vita e opere

Epistolario

Il rapporto tra storia e poesia (da Lettre à M.Chauvet)

Sul Romanticismo (dalla lettera al Marchese D’Azeglio”)

Gli inni sacri

“La pentecoste”                                              T6

Odi civili

“Il cinque maggio”                                           T4

Le tragedie

Coro atto secondo “S’ode a destra uno squillo di tromba” da Il conte di Carmagnola  T4

Il viaggio del diacono Martino da Adelchi

Coro atto secondo “Dagli atri muscosi, dai fori cadenti” da Adelchi

Coro atto quarto “Sparsa le trecce morbide” da Adelchi

La morte di Adelchi (da l’ Adelchi)

I promessi sposi                                                                      T3

Giacomo Leopardi

Vita e opere

Leopardi e i romantici

Teoria del piacere e poetica dell’indefinito e del vago da Lo Zibaldone

La noia da Lo Zibaldone

Le operette morali

Dialogo della Natura e di un Islandese                         T2

Dialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggere         T5

I canti

Il passero solitario                                                                   T2

L’infinito                                                                                 T5

Alla luna                                                                                 T2

A Silvia                                                                                  T2

Canto notturno di un pastore errante dell'Asia              T2

A se stesso                                                                             T1

La ginestra (sintesi del contenuto)                                            T2

La seconda metà dell’ottocento

La poesia simbolista

I caratteri del movimento

Baudelaire

La scapigliatura

I caratteri del movimento

 “Preludio” di Emilio Praga

Giosuè Carducci

Vita e opere

Traversando la Maremma toscana

Pianto antico

Nevicata

Naturalismo francese

Le poetiche del naturalismo francese e le differenze con il verismo italiano

Verismo

Il verismo italiano

Giovanni Verga

Vita e opere

La sofferenza di Maria (da Storia di una capinera)                   T3

Prefazione a L'amante di Gramigna

Novelle:

Fantasticheria

Rosso Malpelo                                                           T6

La roba                                                                                  T6

Libertà                                                                                   T1

Presentazione della famiglia Toscano  (da I Malavoglia)

La visita del consòlo (da I Malavoglia)

L’addio di ‘Ntoni  (da I Malavoglia)                                        T1

La morte di Don Gesualdo Motta (da Mastro Don Gesualdo)

Decadentismo

La poetica e i temi del decadentismo

La prima metà del novecento

Parole chiave:

Irrazionalismo

Psicanalisi

Nichilismo

Nazionalismo e imperialismo coloniale

Giovanni Pascoli

Vita e opere

                Da Il fanciullino (1897):

Il poeta                                                                       T2

                Da Myricae (1891):

Arano                                                                         T2

Lavandare

L'assiuolo                                                                   T2

Novembre

Il lampo

                Dai  Poemetti

Digitale purpurea

                Dai  Canti di Castelvecchio

Nebbia

Il gelsomino notturno                                                   T3

La mia sera

Gabriele D’Annunzio

Vita e opere

Da Poema paradisiaco: Consolazione

Da Alcyone:

La sera fiesolana                                                         T2

Pioggia nel pineto

Settembre

Da Alcyone:

Andrea Sperelli

Italo Svevo

Vita e opere

La morte di Alfonso (da Una vita)

L’incontro con Angiolina – inizio del romanzo (da Senilità)                   T2

La trasfigurazione di Angiolina – conclusione del romanzo (da Senilità) T2

Il fumo (da La coscienza di Zeno)

Il matrimonio (da La coscienza di Zeno)                                                          T3

La moglie sana (da La coscienza di Zeno)

La catastrofe finale (da La coscienza di Zeno)                                     T5

Luigi Pirandello

Vita e opere

da Uno nessuno e centomila:

Riflessioni del protagonista Vitangelo Moscarda                                              T5

Da    Il fu Mattia Pascal (1904):

Una scena movimentata

La lanterninosofia                                                                                           T5

da Così è se vi pare :

La signora Frola

Il signor Ponza

Il finale

Da   Novelle per un anno:

La patente                                                                                                      T6

Il treno ha fischiato                                                                                         T6

Una giornata                                                                                                  T5

Il crepuscolarismo

 “A Cesena” di Marino Moretti                                                                       T3

Il futurismo

“Manifesto del futurismo” di F.T.Marinetti                                                       T1, T4

La “voce”: frammentismo ed espressionismo

“La chimera” di Dino Campana

Giuseppe Ungaretti

Vita e opere

              Veglia                                                                                              T4

              Fratelli                                                                                             T4

              Non gridate più                                                                                T4

Carlo Emilio Gadda:

Vita e opere

da La cognizione del dolore

Il colonnello Di Pascuale

Alberto Moravia

Vita e opere

da Gli jndifferenti

Carla e Leo

Una pistola scarica

Eugenio Montale

Vita e opere

Da Ossi di seppia (1927)

              I limoni

              Non chiederci la parola

              Spesso il male di vivere ho incontrato

Da Satura (1966)

              Ho sceso dandoti il braccio                                                              T3

Umberto Saba

Vita e opere

Da : Trieste e una donna  (1912)

              Trieste

              Città vecchia

In Italia l’esperienza ermetica

Mario Luzi

Vita e opere

Nell’imminenza dei quarant’anni                                                                      T5

La seconda metà del novecento

Genocidio

Terezin: testimonianze dai bambini ebrei destinati al lager                                 T4

Primo Levi : 

Vita e opere

Sul fondo (da Se questo è un uomo)                                                               T4

Lavoro (da Se questo è un uomo)                                                                   T6

Cesare Pavese:

Vita e opere

La collina (da La casa in colina)

Italo Calvino : 

Vita e opere

Leonardo Sciascia : 

Vita e opere

L'interrogatorio di Don Mariano (da Il giorno della civetta)

Umberto Eco

Vita e opere

Uno strano francescano (da Il nome della rosa)


 

IV.3 LATINO

Prof. Gaudio Luigi

Nella disciplina, alla fine del percorso, gli studenti hanno mediamente raggiunto i seguenti obiettivi:

  • Riconoscere le strutture morfologiche e sintattiche della lingua latina in testi originali

  • Orientarsi nella lettura e nella ricostruzione di elementi di contesto di testi letterari in prosa e poesia della letteratura latina, presentati in traduzione italiana o nel testo latino.

  • Comprendere, tradurre e commentare  testi  di autori latini

  • Esporre pubblicamente in modo sintetico argomenti su cui si è già lavorato in classe o individualmente.

 

Questo saper fare si basa su :

1)       Conoscenza                  delle strutture fondamentali della lingua latina

del contenuto dei testi  presi in considerazione

(generale) del pensiero degli autori

 

2)       Competenza                  nel comprendere e fare uso corretto del linguaggio di base e letterario italiano

nell’analizzare (se testi* anche nell’originale latino) , interpretare e contestualizzare i testi

3)       Capacità                       di rielaborare in modo rigoroso e autonomo i concetti utilizzati

                                               di utilizzare  uno stile espressivo personale

 

Metodi

Lezioni frontali / lezioni interattive guidate (con domande ) e uso eventuale del laboratorio multimediale/ Lettura e commento di testi autonoma o guidata, individuale o di gruppo / Relazioni degli studenti (in italiano)/ Interventi individualizzati/ Attività di recupero e approfondimento/

 

Manuali e testi di riferimento :

Di Sacco-Serio: Il mondo latino – volumi 3, 4 e 5 - ed. Bruno Mondadori

Monticini Lingua latina – teoria ed esercizi 2 – ed. Principato

 

Contenuti

GRAMMATICA

Sintassi del periodo

Proposizioni coordinate

Congiuntivo obliquo, eventuale caratterizzante

Attrazione modale

Consecutio temporum

Tempi del congiuntivo usati in valore proprio

L’idea di futuro nel congiuntivo

Proposizioni interrogative indirette

Completive introdotte da quod

Completive volitive

Verba dicendi

Verba timendi

Verba dubitandi

Verba impediendi

 

 

 

LETTERATURA

Introduzione all’età augustea

Il circolo di Mecenate

Virgilio

Vita e opere

Bucoliche: Ecloga I                                                                 T6

Bucoliche: Ecloga IV

Orazio

Vita e opere

Odi del primo libro: 1

4                                                         T3

Livio

Vita e opere

Ab urbe condita: praefatio 1-3 T4

Tibullo

Vita e opere

Elegiae: I,1                                          T3

Properzio

Vita e opere

Ovidio

Vita e opere

Metamorfosi: Apollo e Dafne   T3

Seneca

Vita e opere

Ad Lucilium: 5, l’atteggiamento del filosofo

Lucano

Vita e opere

Petronio

Vita e opere

Satyricon: la matrona di Efeso  T3

Tacito

Vita e opere

Agricola: Il discorso di Càlgaco           T4

Apuleio

Vita e opere

Asino d’oro: Il prologo dell’opera

Agostino

Vita e opere                                        T5


 

IV.4 LINGUA E LETTERATURA INGLESE

Prof. Alberto Galli

OBIETTIVI

 

Si considerano mediamente raggiunti i seguenti obiettivi:

 

LINGUA

 

CONOSCENZE

Strutture morfosintattiche fondamentali della lingua

Lessico di carattere generale e settoriale (storico-letterario)

 

COMPETENZE e CAPACITA’

Comunicare efficacemente in una discreta gamma di situazioni utilizzando un linguaggio appropriato

Utilizzare in modo autonomo il linguaggio scritto e parlato facendo uso anche di strutture complesse

 

CONTENUTI

 

CONOSCENZE

Linee di storia della letteratura del XIX e XX secolo in riferimento anche al contesto storico sociale

 

COMPETENZE e CAPACITA’

Comprendere un testo letterario

Analizzare un testo letterario nelle sue componenti strutturali, stilistiche e tematiche

Effettuare confronti e parallelismi nel panorama letterario inglese del XIX e XX secolo

Rielaborare i contenuti letterari

 

 

TESTI IN ADOZIONE

 

M. Spiazzi, M. Tavella, Only Connect..., Second Edition, Vol. 2 e 3, Zanichelli

JAMES JOYCE, Dubliners, CIDEB

 

 

PROGRAMMA

 

English Romantic Poetry

 

Authors

 

William Blake

William Wordsworth

Samuel Taylor Coleridge

George Gordon Lord Byron

Percy Bysshe Shelley

John Keats

 

 

 

Primary Sources - Texts

 

London from Songs of Experience by Blake D36 T5

The Lamb from Songs of Innocence by Blake D38 T2 T5

The Tyger from Songs of Experience by Blake D39 T2 T5

Nurse’s Song from Songs of Innocence by Blake (photocopy) T5

Nurse’s Song from Songs of Experience by Blake (photocopy) T5

The Solitary Reaper from Poems in Two Volumes by Wordsworth (photocopy) T2 T5 T6

Daffodils from Poems in Two Volumes by Wordsworth D86 T2 T5

Composed Upon Westminster Bridge from Sonnets by Wordsworth D88 T2 T5

Our Birth is But a Sleep from Ode: Intimations of Immortality from Recollection of Early Childhood by Wordsworth  (photocopy) T2 T5

The Rainbow from Poems in Two Volumes by Wordsworth (photocopy) T2 T5

A Certain Colouring of Imagination from Preface to Lyrical Ballads by Wordswoth D84 T2

The Rime of the Ancient Mariner parts 1, 3, 4 and 5 by Coleridge D106 T2

Once More Upon the Waters from Childe Harold's Pilgrimage by Byron D126 T1 T2  

Search, Then, the Room! from Don Juan by Byron D129 T3

Manfred’s Wake from Manfred by Byron D134 T1 T2 T5

Ode to the West Wind by Shelley (photocopy) T1 T2 T3 T5

To a Skylark by Shelley D141 T1 T2 T3 T5

Ode on a Grecian Urn by Keats D148 T2 T3 T5

 

Secondary Sources

 

Industrial and Agricultural Revolutions from the textbook D5

Social Implications of Industrialism from the textbook D8

Emotion Vs Reason from the textbook D10

Sublime from the textbook D10

Romanticism from the textbook D67

Reality and Vision: Two Generations of Poets from the textbook D69

Imagination in the Romantic Poets from The Romantic Imagination by M. Bowra D71

 

Fiction and Drama in the Victorian Age

 

Authors

 

Charles Dickens

William Makepeace Thackeray

Robert Louis Stevenson

Oscar Wilde

George Bernard Shaw

 

Primary Sources - Texts

 

Mr Bouderby from Hard Times by Dickens (photocopy) T6

Coketown from Hard Times by Dickens (photocopy) T5 T6

Murdering the Innocents from Hard Times by Dickens (photocopy) T6

Amelia Sedley from Vanity Fair by Thackeray

Becky Sharp from Vanity Fair by Thackeray

The Siren Becky from Vanity Fair by Thackeray E64 T3

Story of the Door from Dr Jekyll and Mr Hyde by Stevenson E112 T1

Jekyll's Experiment from Dr Jekyll and Mr Hyde by Stevenson E116 T1

Portrait of an Aesthete from The Picture of Dorian Gray by Wilde (Photocopy) T1

Deceits, Tea and Muffins from The Importance of Being Earnest by Wilde E150 T3

The Soldier from Arms and the Man by Shaw E162 T4

Mother and Daughter from Mrs Warren's Profession by Shaw T6

 

Secondary Sources

 

The British Empire 1839-1878 from the textbook E5

A Nation of Town Dwellers from the textbook E9

The Urban Habitat from the textbook E10

Education in Victorian Britain from Victorian Values by J. Walvin E12

The Victorian Compromise from the textbook E14

The Victorian Frame of Mind from the textbook E16

Aestheticism and Decadence from the textbook E36

Dandy from the textbook E36

 

A Quick Look at the Modern Age

 

Authors

 

David Herbert Lawrence

Edward Morgan Forster

James Joyce

Samuel Beckett

 

Primary Sources - Texts

 

The Miners's Dwellings from Sons and Lovers by D. H. Lawrence F121 T5

Son and Lover from Sons and Lovers by D. H. Lawrence F123 T3 T5

Clifford and Constance from Lady Chatterley's Lover by D. H. Lawrence F126 T3

The Secret Understanding of the Heart from A Passage to India by E. M. Forster F139 T3 T5

Everything Exists, Nothing Has Value from A Passage to India by E. M. Forster F144 T5

The Sisters from Dubliners by J. Joyce T5

Araby from Dubliners by J. Joyce T3 T5

Eveline from Dubliners by J. Joyce T3 T5

The Boarding House from Dubliners by J. Joyce T3 T5

The Dead from Dubliners by J. Joyce T3 T5

A Flight into Freedom from A Portrait of the Artist as a Young Man by J. Joyce F162 T1 T5

Inside Bloom's Mouth from Ulysses by J. Joyce F168 T5

Waiting from Waiting for Godot by S. Beckett G104 T5

 

Secondary Sources

 

Between the Wars: English Society in the 1920s and in the 1930s from the textbook F15

The Place of Women from The Pelican Social History of Britain by J. Stevenson F18 

The Age of Anxiety: The Crisis of Certainties from the textbook F20

Revolt and Experimentation from the textbook F23

The Divided Consciousness from the textbook F24

A New Realism from the textbook F28

Absurd and Anger: Post-War Drama from the textbook G24


 

IV.5 STORIA

Prof.ssa Angela Radice

STORIA, EDUCAZIONE CIVICA

 

 

OBIETTIVI

 

CONOSCENZE :       -   conoscere i dati fondamentali del programma svolto

                            -   conoscere il linguaggio specifico della disciplina   

 

COMPETENZE :       -    usare concetti e termini storici in rapporto ai contesti storico-culturali                                                                  

                                         specifici

-         collocare gli eventi nel loro contesto spaziale (locale, nazionale,                 continentale, globale) e temporale

-         individuare persistenze e cambiamenti nell'epoca analizzata

-         interpretare criticamente e collocare anche a livello interdisciplinare gli elementi fondamentali che danno conto della complessità dell'epoca studiata

-         definire gli aspetti fondamentali dei periodi studiati, esponendoli sia oralmente sia per scritto

 

 CAPACITA'  :            -    comprensione

-         analisi, sintesi

-         valutazione

-         comunicazione 

 

 

CONTENUTI

 

Testi in adozione:

Franco Bertini  Storia, Fatti e interpretazioni  vol.2° e 3°

Marchese/Mancini/Greco/Assini     Stato e società    La Nuova Italia

                                                                

 PROGRAMMA

 

 1)  Il proletariato europeo e lo sviluppo dei movimenti socialisti ( T. 6 )

     a)  Il proletariato europeo alla metà dell'Ottocento e le sue organizzazioni

     b) La Prima Internazionale

     c)  Marxismo ed Anarchismo; l'esperienza della Comune

 2)   L'Italia dalla Sinistra alla crisi di fine secolo

a)    Crisi della Destra storica

b)    La Sinistra al potere:  i governi Depretis; il colonialismo italiano

c)    Crispi: politica interna ed estera

d)    La formazione del proletariato in Italia e la nascita del Partito Socialista

e)    La crisi di fine secolo

 3)   La Chiesa Cattolica e la questione sociale

      a)  Il Sillabo e il Concilio Vaticano 1

      b ) Il Cattolicesimo liberale e quello intransigente

      c) L'Enciclica Rerum Novarum  (T.6 )

  4)  Il capitalismo tra crisi e trasformazione

     a)  La grande depressione e la Seconda Rivoluzione Industriale ( T. 6 )

     b) Concentrazione monopolìstica e capitale finanziario

  5)  L'età dell'imperialismo

     a)  Cause e presupposti

     b) Problemi di interpretazione

     c)  La costituzione degli Imperi coloniali

     d) Nuove funzioni dello Stato

     e)  Nuovi aspetti della società capitalistica

 f) L'ascesa del socialismo e la Seconda Internazionale ( T. 6 )

g) Il dibattito politico nel movimento operaio

  6) L'Italia nell'età giolittiana

a)    Il decollo industriale ( T. 6 )

b)    Le forze politiche: liberali, socialisti, cattolici, nazionalisti

c)    L'opera di Giolitti: le riforme di Giolitti e la questione meridionale

d)    La crisi del sistema giolittiano

e)         Valutazione storiografica

   7) La Grande Guerra   (T. 4)

    a)   Le tensioni internazionali

    b)  La cultura europea verso il mito della guerra

    c)   Lo scoppio della guerra e il primo anno di ostilità

    d)  L'Italia dalla neutralità all'intervento

     e)  La guerra di posizione e le sue conseguenze (economiche, politiche, sociali)

f)     La svolta del 1917

g)    Il crollo degli imperi centrali

h)    I trattati di pace e la Società delle Nazioni

 8)  La rivoluzione russa

     a)   La Russia prima della Grande Guerra (politica, economia, società)

     b) La rivoluzione di febbraio e la rivoluzione d'ottobre

     c)  Il programma  di Lenin

     d) Dal comunismo di guerra alla NEP

    9)  Il mondo tra le due guerre

      a) Gli anni Venti: isolazionismo e proprietà economica

      b)   La crisi del '29

      c) La risposta dalla dottrina economica.: M. Keynes

      d)   La risposta politica: il New Deal

      e) Le ripercussioni della crisi in Europa

 10)  Il dopoguerra in Europa: politica, economia, società

a)      La diffusione della società di massa

b)      I regimi totalitari e riflessioni sul concetto di totalitarismo ( Arendt, Stoppino)

c)      Il welfare state

d)      La crisi dello stato nazionale

  11)  L'Italia tra le due guerre

      a)   Dalla crisi dello Stato liberale all'avvento del fascismo

    b)  Lo Stato fascista: istituzioni, politica concordataria, economia, società, politica estera     

    c)  Principali interpretazioni  storiografiche del fascismo 

  12)  La Germania tra le due guerre

    a)   Dalla Repubblica di Weimar all'avvento del nazismo

    b)  Il regime nazista

    c)   Antisemitismo e persecuzioni razziali

    d)  La politica economica del III Reich

    e)   L'aggressività della politica internazionale di Hitler

    13) L’URSS negli anni Trenta

a)   Stalin e l'edificazione dello Stato totalitario: 'comunismo in un solo paese', le 'purghe', l'economia, la politica estera

b)   L’apertura di Stalin in politica estera: la politica dei ‘fronti popolari’

14)    La situazione europea alla vigilia della seconda guerra mondiale

a)  La situazione politica in Francia e Inghilterra

b)  La guerra tra repubblicani e fascisti in Spagna 

      15) La Seconda Guerra Mondiale come guerra totale  (T.4)

        a) Cause prossime e remote

        c) Gli schieramenti e le fasi principali della guerra

        d) La svolta del 1942

        e) Quadro generale della resistenza europea

      16)  Le vicende militari e politiche in Italia dal 1943 al 1945

        a) Nascita e sviluppo del movimento della Resistenza

c)  Il  crollo del regime

d)  Dalla liberazione al governo Parri

      17) Il crollo della Germania e del Giappone

        a) L'ultima fase della guerra

        b) Gli anglo-americani a Berlino

        c) L'olocausto e il processo di Norimberga

d) Hiroshima e Nagasaki

e)      Le conferenze di Teheran, Yalta, Potsdam e i trattati di pace

f)        L’O.N.U.

18) Il mondo bipolare

a)     Il patto Atlantico

b)    Il patto di Varsavia

c)     I Paesi non allineati

d)    Riflessioni sulle cause e conseguenze della guerra fredda (T.4)

       19) La situazione italiana nel dopoguerra

a)     Dal primo governo De Gasperi alla Costituente (1945-46)

b)     1947-48: la rottura fra sinistre e Democrazia cristiana

c)     L’Italia del centrismo

d)     Verso l’integrazione europea

e)     La Comunità Europea

f)       Il Trattato di Maastricht

        20)  Genesi e struttura della Costituzione Italiana: i principi Fondamentali.

 

*  Sono state analizzate le seguenti voci del dizionario di educazione civica in adozione:

- liberalismo, - democrazia, - nazione, - popolo, - rapporti stato/chiesa, - imperialismo,                              -   capitalismo, - welfare state, keinesismo, - totalitarismo.

 


 

IV.6 FILOSOFIA

Prof.ssa Angela Radice

 

 OBIETTIVI  mediamente raggiunti, espressi in termini di:

 

 CONOSCENZE: - acquisizione dei dati fondamentali degli argomenti inerenti al programma 

                                svolto

                             -  assimilazione del linguaggio filosofico:

                                      a) lessico di base

         b) terminologia dei singoli autori

                                      c) variazione  di significato del termine o del concetto  nei  diversi                     

                                         contesti    

             

COMPETENZE:     -  saper individuare le modalità di approccio in ambiti specifici del

                                          pensiero filosofico  (ontologia, gnoseologia , etica, politica, estetica)

             -   ricondurre una tesi enunciata al pensiero complessivo dell'autore

                                 -   confrontare e contestualizzare le differenti risposte dei filosofi alle    

                                    stesse  problematiche

                                 -   esporre, sia in forma orale sia scritta, le conoscenze acquisite

                                -   analizzare un testo filosofico

 

 CAPACITA' :         -    comprensione

                                -    analisi, sintesi

            -    valutazione

            -    comunicazione

 

 

CONTENUTI

 

Testi in adozione:

Tornatori, Polizzi, Ruffaldi   Filosofia. Testi e argomenti Loescher vol.3 e vol. 4

 

           

                                                                                                                                                                   

PROGRAMMA

 

1)        Genesi e caratteri essenziali del Romanticismo

a)   Il Romanticismo tra rivoluzione e reazione

b)  Lo Sturm und Drang

c)   Il Circolo di Jena

d)  La revisione del kantismo

 

 

2) Fichte

 

a)        La Dottrina della Scienza e la struttura dell'idealismo  etico

b)        I principi della dialettica : l’Io assoluto e il rapporto Io/non-Io

c)        I  'Discorsi alla Nazione tedesca'

 

3) Schelling

 

a)    Caratteristiche  della Naturphilosophie tedesca  ( T.2 )

b)    L'idealismo trascendentale

c)    La filosofia dell'identità

 

4) Hegel

 

a)    Gli scritti teologici giovanili: l'amore come anelito di fusione totale ( T.3)

b)    I capisaldi del sistema

c)    La Fenomenologia: la Coscienza (certezza sensibile, percezione, intelletto); l'Autocoscienza (dialettica servo-padrone (T.6), stoicismo, scetticismo, coscienza infelice)

d)    La Logica: la nuova concezione della logica; la logica dell'essere, dell'essenza, del concetto

e)    La filosofia della Natura o idea fuori di sé ( T.2 )

f)     La filosofia dello spirito: lo spirito soggettivo, spirito oggettivo e la natura dello Stato,   

       lo spirito assoluto, la concezione della storia e  della storia della filosofia

 

5) Feuerbach

 

a)    La riduzione della teologia ad antropologia

b)    Il concetto di alienazione

c)        Dall'amore per Dio all'amore per l'uomo (T.3)

 

6) Marx

 

a)    Marx critico di Hegel, della Sinistra hegeliana, degli economisti  classici, del Socialismo utopistico, della religione

b)    L'alienazione del lavoro (T.6), il materialismo storico, il materialismo dialettico

c)        Il concetto di plusvalore e i capisaldi dell'economia  marxiana ;  il passaggio dalla società classista ad una società senza classi

d)        Lettura di parti del Manifesto del partito comunista

 

7) Lineamenti generali del Positivismo

 

a)      Sviluppi della società e progressi della scienza nell'epoca del Positivismo

b)      I punti nodali della filosofia positivistica

 

8) Comte  e il positivismo sociologico

 

a)    La legge dei tre stati e la classificazione delle Scienze (T.5)

b)    La sociologia

 

9) Schopenhauer

 

a)        Il mondo come rappresentazione e la conoscenza scientifica: forme a priori di spazio e

   tempo e causalità (T.5)

c)      Casella di testo:  

 

Il  mondo come volontà:  pessimismo esistenziale , sociale e storico

 

d)      Le forme di liberazione dell'uomo: arte,  il riconoscimento della volontà e la compassione, l’ascesi.

 

11)  Kierkegaard

 

a)    La critica dell'idealismo e la categoria dell'esistenza: il sentimento paralizzante del possibile

b)    L'istante e la storia : l'eterno nel tempo. (T. 5)

c)    Gli stadi dell'esistenza : vita estetica, vita etica

d)    L'angoscia e la disperazione come strutture costitutive dell'essere umano

e)    La fede come paradosso e scandalo logico

 

12) Nietzsche

 

  a) La Nascita della tragedia: spirito apollineo e spirito dionisiaco

     b) Il prospettivismo

  c)  La seconda inattuale sulla storia

d)  La morte di Dio, il nichilismo, l'oltre-uomo, l'eterno ritorno dell'uguale ( T. 5) ;   la

     volontà di potenza

f)  La critica della morale e il processo ai fondamenti del pensiero occidentale

g)      Lettura e commento dell'aforisma 125 della Gaia Scienza e di parti di  Così parlò Zarathustra

 

13) Bergson

 

a)    La coscienza come principio costitutivo della realtà

   b)    Il tempo spazializzato e il tempo come durata ( T. 5)

   c)    Perché la durata fonda la libertà

 

  14)  Freud e la psicoanalisi

 

a)    La nevrosi come sintomo, la tecnica psicoanalitica

b)    L'interpretazione dei sogni e l'analisi dell'inconscio

c)    La teoria della sessualità; nevrosi e normalità; la sessualità infantile

d)    Le dinamiche psichiche e la genesi delle nevrosi

e)    La struttura della psiche: io, es, super-io

f)     Psicoanalisi e società

g)        Freud e  Einstein sulla guerra  ( T. 4)

 

 

 

 


 

IV.7 MATEMATICA corso tradizionale

RELAZIONE  DIDATTICA   V  C

MATEMATICA E FISICA

PROF. Piercarlo Cattaneo

 

OBIETTIVI

Ho cercato soprattutto, nella didattica  delle due discipline, di evidenziare i fondamenti e i nuclei più importanti sia dal punto di vista teoretico sia dal punto di vista applicativo.

 

 

CONTENUTI

Ad esempio, in entrambe le discipline, talvolta sono andato al di là del programma tradizionale che normalmente  si  fa (vedi programma) perché mi è sembrato molto importante che lo studente al di là delle naturali attitudini e predisposizioni  abbia una visione organica della materia sotto ogni punto di vista.

Difatti, dove era possibile, ho evidenziato nello sviluppo di alcuni argomenti e tematiche  il dibattito culturale e le fasi critiche che sottostavano al problema evidenziando, seppure brevemente anche il loro sviluppo storico.

Ho cercato anche, soprattutto in fisica, di mettere in evidenza  sviluppando opportunamente la parte applicativa , la differenza tra “teoria “ e “applicazione”.

L’uso del laboratorio è stato fatto solo in funzione e completamento della parte teorica con videocassette e visualizzazione di esperimenti già preparati.  Questo perché avrei altrimenti ridotto di molto  il programma ma anche e soprattutto perché  la classe non ha offerto la possibilità  e la volontà  per permettere  perlomeno a qualche studente  o gruppo di studenti  un uso  autonomo  per particolari ricerche e esperimenti.

 

 

VERIFICHE

Nella prima parte dell’anno  (1°  quadrimestre) ho fatto verifiche sia  orali che scritte. Nella seconda parte  ho effettuato solo verifiche scritte , anche brevi , per entrambe le materie. In primo luogo perché ho voluto sviluppare al massimo la parte didattica  di  spiegazione e di esposizione facendo intervenire i l più possibile  anche in modo diretto gli studenti stessi , in secondo luogo  per poterli abituare alla  terza prova dell’esame. Mi è sembrato che questo fosse il metodo migliore e più efficace .

 

 

VALUTAZIONE

Ho valutato gli studenti, cercando al di là della predisposizione  e attitudine per le materie, la sintesi, la chiarezza, la capacità di cogliere gli argomenti e gli elementi essenziali delle questioni  dando di conseguenza voti commisurati a tali aspetti. Ho tenuto conto anche della chiarezza  nella esposizione e della capacità dello studente nel cogliere i particolari e fare collegamenti.

 

VOTAZIONI

1/2/3/4 Lavoro con errori molto gravi e gravemente lacunoso a seconda della gravità e del numero degli stessi.

5 Lavoro incompleto e con errori non gravi ma tali da inficiare il tutto.

6 Lavoro sufficiente anche con errori e lacune non gravi e tali da non stavolgere il tutto.

7/8/9 Lavori di buon livello con votazioni che evidenziano capacità, intuizione ed attitudini.

10 Lavoro pregevole

PROGRAMMA DI MATEMATICA

 

Libri di testo:Lamberti-Mereu-Nanni“Matematica tre”

                       Zwirner-Scaglianti “Funzioni" vol. 1^ 2^                                   

                       Ricci “Analisi 1”

 

ELEMENTI DI ANALISI COMBINATORIA :

 

Permutazione  di “n” oggetti distinti.  Fattoriale di “n”. Classificazione delle permutazioni. Permutazioni con oggetti non necessariamente distinti. Combinazioni. Disposizioni. Potenza naturale del binomio.

 

COSTRUZIONE DEL CAMPO NUMERICO:

 

Definizione del campo dei numeri complessi. Il campo complesso come ampliamento del campo reale. Forma algebrica dei numeri complessi. Modulo, argomento, forma trigonometrica dei numeri complessi. Formula di De Moivre.  Potenza di un numero  complesso.  Forma esponenziale del numero complesso. Formula di Eulero. Radici “ennesime” dell’unità. Calcoli coi numeri complessi.

 

INSIEMI

 

Definizione di insieme. operazioni con gli insiemi. Unione ed intersezione. Insieme totale, Insieme complementare, insieme differenza. Legge di Dualità. Insieme numerabile, insieme denso, insieme continuo. Insiemi in R. (n=1, n=2). Punti interni, esterni e di frontiera. Punti isolati, punti di accumulazione. Insiemi aperti, chiusi, limitati, infiniti.Il Th. di Bolzano-Weierstrass per gli insiemi infiniti. Insiemi compatti. Copertura di un insieme. Il Th. di Lindeloff. Il Th. di Heine-Pincherle-Borel-Lebesque per gli insiemi compatti. Misura secondo Peano-Jordan per gli insiemi in R

 

SUCCESSIONI  NUMERICHE,  LIMITI

 

Introduzione. Successioni. Successioni di numeri reali. Successioni convergenti, divergenti, irregolari. Confronto di successioni. Maggiorante, minorante. Criterio generale di convergenza  per le successioni monotone. Criterio generale di convergenza: condizione di Cauchy.

Il calcolo dei limiti. Somma: Differenza: La forma di indecisione del tipo  (         ).

Prodotto per un numero.  Prodotto. La forma di indecisione (0x   ). Potenza naturale. Reciproco. Quoziente. Le forme di indecisione dei tipi (O/O), (   /  ).  Potenza: Le forme di indecisione dei tipi  (1^   ), (0^0), (  ^0) Logaritmo. Le forme di indecisione (log   ), (log 0), (log  1), (log     ), (log   0). Osservazione conclusiva del  calcolo dei 

l imiti. Il numero “e” (numero di  Napier). Limiti fondamentali che si deducono dalla definizione del numero “e”. I simboli “~” e “  “  riguardanti  il  confronto di successioni.

 

 FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE:

 

Concetto generale di “funzione”. Funzioni limitate. Estremi superiore ed inferiore massimo e minimo.

 

 

 

LA NOZIONE DI LIMITE PER LE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE:

 

Limite della funzione F(x) per x-- x . Limite della destra. Limite della sinistra. Limite per  per . Asintoto orizzontale. Limite finito per eccesso o per difetto. Unicità del limite. Confronto di funzioni. Criterio generale di convergenza. Condizione di Cauchy. Limiti notevoli. Infinitesimi e infiniti I simboli “~1 e “ “ riguardanti il confronto di funzioni infinite ed infinitesime.

 

CONTINUITA’ DELLE FUNZIONI:

 

Continuità in un punto. Continuità in un insieme. Oscillazione di una funzione in un insieme od in un punto. Discontinuità delle funzioni monotone. Il teorema fondamentale per funzioni continue negli insiemi compatti. La continuità uniforme. Proprietà di Heine-Cantor.

 

DERIVATA E DIFFERENZIALE DELLE FUNZIONI REALI DI UNA VARIABILE REALE:

 

Incremento di una funzione. Rapporto incrementale: suo significato e sua immagine geometrica. Derivata: suo significato e sua immagine geometrica. Derivata finita e continuà. Le derivate delle funzioni elementari. Derivata delle funzioni inverse. Regole di derivazione, derivate delle F(x) composte. Differenziale: sua immagine geometrica. Punti di valore stazionario.

 

PROPRIETA’ DELLE FUNZIONI  DERIVABILI. LA FORMULA DI TAYLOR:

 

Il teorema di Rolle. Il teorema dell’incremento di Cavalieri-Lagrange. Le due espressioni fondamentali dell’incremento finito secondo Lagrange e Peano. Il teorema di Cauchy sul rapporto degli incrementi di due funzioni. Il teorema di Peano sugli incrementi di tre funzioni: suo significato geometrico. Primo e secondo teorema di De L'Hospital.

 

STUDIO DELL’ANDAMENTO DELLE FUNZIONI REALI DI UNA VARIABILE REALE E DEI RELATIVI DIAGRAMMI:

 

Massimi e minimi relativi: i punti di flesso con la tangente orizzontale. Punti di inflessione del diagramma. Verso della concavità su un intervallo. Asintoti di un diagramma. Rettificazione delle linee piane o spaziali. Differenziale dell’arco

 

SERIE DI POTENZE NEL CAMPO REALE. SVILUPPO IN SERIE DI TAYLOR:

 

La serie di Taylor e di Mac Laurin. Sviluppo in serie di Mac Laurin delle funzioni elementari. Serie esponenziale, delle funzioni circolari.

 

INTEGRALE:

 

Integrale definito secondo Darboux-Riemann. Priprietà degli integrali definiti. Classi di F(x) integrabili (funzione di Dirichelet): I teorema della media. La funzione integrale come funzione primitiva. Calcolo di integrali. Integrazione per scomposizione. Integrazione per parti. Integrazioni di funzioni razionali. Calcolo de aree e regioni finite di piano. Integrali generalizzati (funzione non limitata, intervallo non limitato). Volumi di solidi di rotazione. Rettificazione delle curve. Elementi di calcolo differenziale.


 

IV.8 FISICA corso tradizionale

PROF. Piercarlo Cattaneo

PROGRAMMA DI FISICA

 

Libro di testo: Caforio –Ferilli “Fisica II e III”

 

 

TERMODINAMICA

·        Principio di equivalenza di Joule.

·        I° principio.

·        Trasformazioni termodinamiche.

·        Calori specifici molari.

·        II° principio.Macchina di Carnot.

 

·Definizione di Entropia per un sistema termodinamico.

·Deduzione microscopica dell'Entropia.Entropia e probabilità.

·formula di Bolztmann e sua interpretazione.

·Proprietà dell'Entropia e Th. di Clausius.

·3^ principio della termodinamica e la formula di Tetrode-Sackur.

·                    Diavoletto di Maxwell.

Paradosso di Zermelo e principio di ricorrenza.

 

ELETTROSTATICA:

 

·        Introduzione allo studio dei fenomeni elettrici: elettrizzazione dei corpi; elettricità positiva e negativa ; conduttori ed isolanti.

·        Legge di Coulomb

·        Campo elettrostatico e vettore campo elettrico “E”

·        Linee di forza equipotenziali

·        “circolazione e circuitazione” del campo elettrico “E”

·         Flusso del campo elettrico “E”. Teorema di  Gauss; Teorema di Coulomb

·        Campo elettrico in un punto prossimo ad una piastra ed all’interno di un condensatore

·        Relazione tra un campo elettrostatico e potenziale

·        Capacità elettrica di conduttori, di una sfera, di un condensatore piano

·        Capacità di condensatori collegati in “serie” ed in “parallelo”

Polarizzazione del dielettrico per “deformazione” o per “orientamento”

 

ELETTROCINETICA:

 

·        Corrente elettrica: intensità e resistenza

·        Leggi di Ohm

·        Forza elettromotrice

·        Leggi di Kirchoff

·        Resistori in serie ed in parallelo

 

MAGNETOSTATICA:

·        Il magnetismo. Magneti permanenti. Esperimento della calamita spezzata. Polarità Nord e Sud. Magnetismo terrestre. Proprietà magnetiche della materia. Il vettore campo magnetico”H”, il vettore induzione magnetica “B”.

·        Sostanze para-dia-ferro magnetiche.

·        Il ciclo di isteresi magnetica.

·        Spiegazione microscopica del magnetismo.Domini di Weiss.

 

 

ELETTROMAGNETISMO:

·        Esperienza di Oersted.

·        Campo magnetico creato da corrente rettilinea indefinita e da spira circolare.

·        Leggi di Biot-Savart.

·        Circolazione di “B”. Formula di Ampere.

·        Principio di equivalenza di Ampere.

·        Mutue interazioni correnti e campi magnetici. Le due leggi di Laplace.

·        Forza di Lorentz.Moto di particella carica in campo magnetico.

·        Induzione elettromagnetica. Esperienze fondamentali.

·        Forza elettromotrice indotta

·        Legge di Faraday.Lenz

·        Autoinduzone: forza elettromotrice autoindotta e coefficiente di autinduzione

·        Forza elettromotrice alternata e corrente alternata

·        Circuiti “R”,”L”,”C”,RLC in serie

·        Equazione differenziale dei circuiti e loro deduzione

·        Extracorrente di apertura e di chiusura

·        Valori efficaci

·        Equazioni di Maxwell.

 


 

IV.9 MATEMATICA corso sperimentale P.N.I.

Prof.ssa Monica Zanin

 

Obiettivi

 

Si considerano mediamente raggiunti i seguenti obiettivi:

Conoscere gli aspetti teorici

Usare correttamente i simboli matematici.

Utilizzare un linguaggio specifico corretto.

Essere in grado di applicare le conoscenze teoriche.

 

CONTENUTI

 

Il percorso formativo è stato sviluppato attraverso la trattazione dei seguenti argomenti:

 

Complementi di calcolo delle probabilità e statistica;

Limiti;

Successioni;

Calcolo differenziale ed applicazioni;

Studio e rappresentazione grafica di una funzione

Calcolo integrale ed applicazioni.

 

Per maggiori dettagli si rinvia al programma analitico.

 

Metodo di lavoro

 

Si rimanda alla griglia relativa alle modalità di lavoro del consiglio di classe.

Si precisano inoltre le seguenti modalità:

Lezione frontale per introdurre teoricamente l’argomento partendo, se possibile, dall’ampliamento di conoscenze già acquisite, per stimolare i ragazzi a formulare semplici ipotesi da verificare insieme.

Esercitazioni di graduata difficoltà svolte insieme alla lavagna, assegnazione di esercizi da svolgere a  casa e successiva correzione di quelli che hanno comportato maggiori difficoltà.

Discussione in classe delle eventuali difficoltà incontrate nello studio.

Quando è stato possibile, si è seguito un approccio di tipo problematico (problem solving).

 

 

testo in adozione

 

DODERO-BARONCINI-MANFREDI Nuovi elementi di Matematica vol. B

DODERO-BARONCINI-MANFREDI Nuovi elementi di Matematica vol. C

 

ATTIVITA’ DI AMPLIAMENTO DELL’OFFERTA FORMATIVA

 

Giochi di Archimede

Gran Premio della Matematica Applicata

 

 

 

 

 

Programma svolto di Matematica

 

STATISTICA DESCRITTIVA

 

Statistica bivariata: frequenze marginali, covarianza, correlazione, retta di regressione lineare (metodo dei minimi quadrati).

 

FUNZIONI

 

Richiami su concetto di funzione, dominio, funzione iniettiva, suriettiva, biunivoca. Simmetrie di una funzione: funzioni pari e dispari, funzioni simmetriche rispetto a una retta parallela all’asse y e rispetto a un punto. Funzioni periodiche. Grafici deducibili dal grafico di f(x): |f(x)|, f(|x|), - f(x), f(x+a), f(x)+a, af(x). Funzione inversa e inverse delle funzioni goniometriche. Funzioni composte.

 

TEORIA DEI LIMITI DI UNA FUNZIONE

 

Elementi di topologia in R: intervalli, intorni, punti di accumulazione.

Concetto di limite. Teoremi sui limiti (unicità del limite, permanenza del segno, confronto).Limite destro e sinistro. Operazioni sui limiti. Casi di indecisione.

 

FUNZIONI CONTINUE

 

Definizione di funzione continua. Classificazione dei punti di discontinuità di una funzione. Limiti notevoli. Teoremi sulle funzioni continue: teorema di Weierstrass, teorema dei valori intermedi, teorema dell'esistenza degli zeri. Asintoti.

 

SUCCESSIONI

 

Limite di una successione. Successione di Fibonacci e suo legame con la sezione aurea.

 

TEORIA DELLE DERIVATE

 

Rapporto incrementale e derivata e loro significato geometrico. Derivata destra e sinistra. Ricerca di tangenti e normali al grafico di una funzione. Continuità delle funzioni derivabili . Classificazione dei punti in cui una funzione è continua ma non derivabile: punti a tangente verticale, punti angolosi, punti di cuspide.  Derivate delle funzioni elementari. Regole di derivazione: derivata della somma, del prodotto, della funzione reciproca, del quoziente, della funzione inversa, della funzione composta. Funzione derivata. Derivate successive di una funzione. Differenziale e suo significato geometrico.

 

 

MASSIMI E MINIMI DI UNA FUNZIONE

 

Concetto di massimo e minimo, punto di massimo e punto di minimo.Teoremi di Fermat, Rolle, Cauchy, Lagrange, De l'Hopital. Determinazione degli intervalli in cui una funzione cresce o decresce, dei punti di massimo e di minimo e dei flessi a tangente orizzontale. Condizione sufficiente per la derivabilità agli estremi di un intervallo. Concavità, convessità, flessi. Studio del grafico di una funzione. Risoluzione grafica di un'equazione (determinazione del numero delle radici reali) o di una disequazione. Ricerca di massimi e minimi assoluti. Problemi di massimo e minimo. Studio di funzione. Deduzione del grafico di f’(x) dal grafico di f(x).  

 

INTEGRALI DEFINITI

 

L'integrale definito e il suo significato geometrico. Approssimazione di un integrale definito. Proprietà dell’integrale definito. Teorema della media . Teorema di Torricelli. Calcolo dell'integrale definito. Calcolo di aree  di domini piani e di volumi dei solidi di rotazione. Cenni sulla lunghezza di un arco di curva assegnata in forma cartesiana .

Cenni sugli integrali impropri.

 

 

INTEGRALI INDEFINITI

 

Funzioni primitive di una funzione data. Integrale indefinito e sue proprietà. Calcolo di integrali indefiniti (calcolo di integrali immediati, integrazione per decomposizione, integrazione delle funzioni razionali fratte con polinomio a denominatore di I o II grado, integrazione per sostituzione e per parti).Grafico della funzione integrale dal grafico di f .

 

COMPLEMENTI DI CALCOLO DELLE PROBABILITA’

 

Variabili casuali di Bernouilli e binomiale.

Variabili casuali continue.

 

INFORMATICA

 

Risoluzione approssimata di equazioni tramite il metodo di bisezione. Integrazione numerica :metodo dei rettangoli e dei trapezi.

 

 


 

IV.10 FISICA corso sperimentale P.N.I.

Prof. Alessandro Bernacchi

OBIETTIVI

  - Conoscenza teorica degli argomenti.

- Capacità di inserirli nel quadro specifico.

- Risoluzione di esercizi di applicazione delle leggi studiate di varia difficoltà.

- Esposizione ordinata e corretta, con un linguaggio rigoroso.

- Capacità di formulare ipotesi, di organizzare la loro verifica.

 

CONTENUTI

 

1)ELETTROMAGNETISMO capitoli 32-33-34

Campi magnetici indotti-Corrente di spostamento-Equazioni di Maxwell-Oscillazioni LC: anali qualitativa e quantitativa -corrente alternata- tre circuiti semplici- Potenza nei circuiti in corrente alternata -il trasformatore- Propagazione dell’onda e.m.trattazione qualitativa-polarizzazione.

 

2) Termologia e termodinamica  capitoli 19-20-21

Temperatura e calore e prima legge della termodinamica-Teoria cinetica dei gas-Entropia e seconda legge della termodinamica.

 

3) RELATIVITA' capitolo38

 I Postulati-Determinazione di un evento-Eventi simultanei- Relatività del tempo-Relatività delle lunghezze- Trasformazioni di Lorentz- relatività delle velocità Effetto Doppler- un nuovo sguardo alla quantità di moto e all’energia.

La relatività generale (documentazione allegata)                

 Il problema della gravitazione- La proporzionalità tra massa inerziale e massa gravitazionale -Alcuni esempi ideali- Il principio di equivalenza -Il principio di relatività generale- Gravità e curvatura dello spazio-tempo- Lo spazio tempo curvo e la luce.

                                                                                                      .                                                                                                                                                                               

4)FOTONI E ONDE DI MATERIA capitoli 39-40-41

Il corpo nero e l'ipotesi di Planck - L'effetto  Fotoelettrico- I fotoni hanno quantità di moto-

Luce come onde di probabilità-Elettroni e onde di materia-Principio di indeterminazione di Heinsemberg-Effetto tunnel-Onde su corde onde di materia-elettrone intrappolato-elettrone in una buca finita- atomo di idrogeno–Alcune proprietà degli atomi- Lo spin dell’elettrone-

I momenti angolari momenti dipolari magnetici- RaggiX- Laser.

 

5)Applicazioni alla fisica della derivata e dell’integrale.

 

TESTI IN ADOZIONE  a) Halliday-Resnick   , Elettromagnetismo  ,Zanichelli

                                         b) Halliday-Resnick    ,  Termologia             ,Zanichelli

                                         c) Halliday-Resnick    ,  Fisica moderna,       , Zanichelli    


 

IV.11 SCIENZE NATURALI

Prf.ssa Maria Tersa Monolo

Obiettivi didattici

Conoscere la Terra, sapere come è strutturata internamente.

Saper spiegare come si sono formati e si evolvono gli oceani, i continenti e le catene montuose alla luce delle principali leggi che stanno alla base dei fenomeni esogeni ed endogeni della Terra.

Saper inquadrare i fenomeni sismici e vulcanici e di evoluzione del globo terrestre secondo la teoria della tettonica delle placche.

Conoscere i compiti e i limiti della geografia astronomica attraverso l’utilizzo delle leggi che la reggono e dei modelli che rappresentano tali leggi.

Consapevolezza della complessità dei fenomeni geologici e astronomici.

 

Obiettivi metodologici

Uso di un linguaggio corretto che dimostri coordinamento logico e uso di termini specifici.

Capacità di centrare gli argomenti con schematicità e completezza.

Capacità di individuare relazioni tra gli argomenti affrontati.

 

CONTENUTI

 

Il programma svolto segue due percorsi didattici.

Il primo di Scienze della Terra prende l’avvio dall’analisi di minerali e rocce per proseguire attraverso lo studio dei fenomeni vulcanici e sismici e giungere alla conoscenza dell’interno della Terra. Il tutto è interpretato secondo le teorie mobilistiche con particolare riferimento alla teoria della tettonica delle placche.

Il secondo percorso di Astronomia e Astrofisica si muove dall’osservazione degli astri, dall’interpretazione di dati fisici per approdare ai modelli di evoluzione stellare e di origine dell’Universo.

 

Introduzione alla geologia

Minerali: caratteristiche e proprietà – criteri di classificazione dei minerali – classificazione dei silicati – minerali non silicati

 

Le rocce magmatiche: struttura, composizione e classificazione delle rocce magmatiche – l’origine del magma e dei plutoni – dualismo magmatico e cristallizzazione frazionata.

 

I fenomeni vulcanici
Origine dei fenomeni vulcanici – descrizione dell’apparato vulcanico - eruzioni vulcaniche e prodotti dell’attività vulcanica – classificazione dei vulcani – distribuzione dei vulcani sulla superficie terrestre – vulcanesimo secondario.

 

I fenomeni sismici
Le cause dei terremoti – classificazione dei terremoti – comportamento elastico delle rocce – le onde sismiche – sismografi e sismogrammi – Misure dell’intensità dei terremoti

 

L’interno della Terra
Lo studio dell’interno della Terra – le superfici di discontinuità – la crosta – il mantello – il nucleo – litosfera ed astenosfera – il principio dell’isostasia.

 

Il calore interno della Terra e il magnetismo
Il flusso termico – origine del calore – trasferimento di calore – i moti convettivi nel mantello –– Il magnetismo – il campo magnetico terrestre – la magnetizzazione permanente

 

La dinamica della litosfera     

La teoria della teoria della deriva dei continenti
I precedenti storici – le prove della deriva dei continenti - gli argomenti geofisici - gli argomenti geologici - gli argomenti paleontologici - gli argomenti paleoclimatici.

L'espansione dei fondali oceanici
Lo studio dei fondali oceanici – il paleomagnetismo – l'inversione di polarità – l'apparente migrazione dei poli - le dorsali oceaniche - la teoria dell'espansione dei fondali oceanici.

 

La tettonica delle placche
I margini delle placche – il moto delle placche – il meccanismo che muove le placche – la collisione tra placche – i punti caldi – tettonica a placche e attività sismica e vulcanica.

L'orogenesi - I fenomeni orogenetici – l’orogenesi secondo la tettonica delle placche.

 

Astronomia e astrofisica   

La posizione e distanza dei corpi celesti
La sfera celeste - il sistema di riferimento - le coordinate celesti - la distanza di un corpo celeste - il metodo della parallasse annua - il parsec - l'unità astronomica - l'anno luce.

 

La luce –- l'analisi spettrale della luce delle stelle – classificazione delle stelle per classi spettrali – classificazione di Harvard – classi di luminosità – le popolazioni stellari -  l'effetto Doppler - lo spostamento degli spettri.

 

Le stelle
La dimensione delle stelle - la magnitudine apparente e la magnitudine assoluta - il colore delle stelle e la temperatura stellare - la massa delle stelle - il diagramma di Hertzsprung-Russell - l'evoluzione stellare - la nascita, la maturità e la morte delle stelle - i buchi neri - le variabili Cefeidi - le novae - le supernovae - le stelle di neutroni - le pulsar - le quasar - le nebulose.

 

Le galassie e l'universo
La Via Lattea - le forme e le dimensioni delle galassie - l'espansione dell'Universo - la teoria del big bang - la radiazione cosmica di fondo - la teoria dello stato stazionario - l'Universo aperto e l'Universo chiuso.

 

Testo in adozione: Lupia Palmieri Parotto "Il globo Terrestre" - Zanichelli

 

 


 

IV.12 DISEGNO E STORIA DELL’ARTE

Prof.ssa Margherita Gervasoni

 

OSSERVAZIONI PRELIMINARI

Le conoscenze pregresse della classe rispetto alla specifica disciplina risultavano, all’inizio dell’anno scolastico, lacunose sia nei contenuti che nel metodo di studio e di analisi del testo visivo.

ATTIVITA’ DI RECUPERO

Per questo motivo si è ritenuto necessario iniziare il percorso didattico con il recupero di alcuni contenuti necessari alla comprensione del contemporaneo e delle abilità connesse alla lettura dell’opera d’Arte. A tale scopo sono state effettuate uscite didattiche mirate nonché prove di lettura del testo visivo guidate e individuali, sia durante la lezione frontale che nell’ambito delle prove di verifica e di simulazione di terza prova.

ESITO DELLE ATTIVITA’

Attualmente la classe possiede competenze di lettura, analisi e comprensione del testo visivo artistico complessivamente buone. La conoscenza dei contenuti trattati è globalmente soddisfacente. In alcuni casi sono osservabili capacità di approfondimento e di costruzione di rapporti interdisciplinari anche abbastanza complessi.

SVOLGIMENTO DEL PROGRAMMA PREVISTO

La necessità più sopra esposta di intervenire sulle lacune pregresse, non ha permesso di esaurire gli argomenti previsti ed in particolare  non è stato possibile affrontare in modo esauriente i temi del contemporaneo. Si ritiene, comunque, che l’analisi svolta sulle premesse  tematiche delle Avanguardie Storiche, insieme alle occasioni di approfondimento offerte dalle visite d’istruzione effettuate, costituiscano una buona base per la comprensione e l’avvicinamento consapevole alle manifestazioni artistiche a noi più vicine.

 

 

ARGOMENTI EFFETTIVAMENTE SVOLTI

IL MANIERISMO

1.                                                                    Caratteri generali

2.                                                                    Il primo manierismo toscano

3.                                                                    L’Emilia: Correggio e Parmigianino

4.                                                                    Giulio Romano - Vasari

5.                                                                    La scuola Veneta

6.                                                                    La maturità di Tiziano

7.                                                                    Il manierismo a Venezia

IL BAROCCO

1.                                                                    Caratteri generali

2.                                                                    Carracci, Cravaggio, Rubens

3.                                                                    La scultura e l’architettura a Roma: Bernini e Borromini

4.                                                                    Gli sviluppi del baroco:Guarino Guarini

SETTECENTO E IL NEOCLASSICISMO

1.                                                                    Flippo Juvarra a Torino

2.                                                                    Luigi Vanvitelli : La Reggia di Caserta

3.                                                                    Il Vedutismo veneto: Canaletto, Guardi e Bellotto

4.                                                                 Pietro Longhi e l’aspetto sociale

LA SCULTURA E LA PITTURA DEL SETTECENTO

1.                                                                    Cratteri generali

2.                                                                    La scultura : Canova

3.                                                                    Il neoclassicismo e Napoleone: Ingres

IL ROMANTICISMO

1.                                                                    caratteri generali

2.                                                                    Sublime: Blake, Fussli

3.                                                                    Pittoresco. Constable , Turner

4.                                                                    Romanticismo e neoclassico in Francia: David, Gericault, Millet, Corot e Rousseau

L’IMPRESSIONISMO

1.                                                                    Caratteri generali

2.                                                                    Teoria del colore

3.                                                                    Manet, Monet,Renoir, Degas, Pissarrò.

4.                                                                    Fattori e i macchiaioli italiani

Boldini: il linguaggio personale e la ricerca

POST-IMPRESSIONISMO

1.                                                                    Puntinismo: Seurat e Signac, Pellizza da Volpedo

2.                                                                    Cezannes : premessa al cubismo

3.                                                                    Matisse e i Fauve

                           DALLE AVANGUARDIE STORICHE AL CONTEMPORANEO

1.                                                                    Cubismo: Picasso e Braque

2.                                                                    Espressionismo: Munch, Kirchner

3.                                                                    Il Futurismo italiano: Boccioni e Balla- Sinestesia e dinamismo

4.                                                                    Astrattismo: Kandinskj

5.                                                                    Arte Cinetica – Op Art – Calder

6.                                                                    Dada: Duchamp e Schwitters

7.                                                                    Arte Concettuale e Arte Povera : MarioMerz

8.                                                                    Pop Art: Warhol

9.                                                                    Il Surrealismo: Magritte, Dalì, Ernst, Mirò

 

USCITE E VISITE DI ISTRUZIONE

Come evidenziato in premessa, durante l’anno scolastico sono state effettuate visite d’istruzione alle seguenti manifestazioni culturali:

·                                                                          “Andy Warhol”- Palazzo dell’Arte- Milano;

·                                                                          Caravaggio – Esposizione fotografica- Cesano Boscone;

·                                                                          “Mario Merz” – GAM di Torino;

·                                                                          “Boldini”- Padova

 

 

 


 

IV.13 EDUCAZIONE FISICA

Prof. Emilio Moscatelli                                    Classe VC                                          A.S. 2004/5

PIANO DIDATTICO

EDUCAZIONE FISICA

FINALITA’ GENERALI:

 

L’acquisizione del valore della corporeità, attraverso esperienze di attività motorie e sportive, di espressione e di relazione, in funzione della formazione di una personalità equilibrata e stabile.

Il consolidamento di una cultura motoria e sportiva quale costume di vita, intesa come capacità di realizzare attività finalizzate e di valutarne i risultati e di individuare i nessi pluridisciplinari.

Il raggiungimento del completo sviluppo corporeo e motorio della persona attraverso l’affinamento delle capacità di utilizzare le qualità fisiche e le funzioni neuromuscolari.

L’approfondimento operativo e teorico di attività motorie e sportive che, dando spazio anche alle attitudini e propensioni personali, favorisca l’acquisizione di capacità trasferibili all’esterno della scuola (tempo libero, lavoro, salute).

L’ arricchimento della coscienza sociale attraverso la consapevolezza di sé e l’acquisizione della capacità critica nei riguardi del linguaggio del corpo e dello sport.

OBIETTIVI DIDATTICI SPECIFICI

Lo studente deve dimostrare:

1. di essere consapevole del percorso effettuato per migliorare le QUALITA’ FISICHE E NEUROMUSCOLARI

2. di essere in grado di utilizzare le qualità fisiche e neuromuscolari in modo adeguato ai diversi contenuti motori

3. di praticare almeno due tra le discipline individuali e di squadra attraverso l’ apprendimento delle tecniche individuali e delle caratteristiche tattiche.

4. di trasferire capacità e competenze motorie in realtà ambientali diversificate

5. di conoscere:

· concetti elementari di anatomia e fisiologia applicata al movimento:

-paramorfismi e dismorfismi

-il sistema muscolare

-l’energia muscolare

-lo schema corporeo

-le qualità motorie

· principi e valori della cultura sportiva

-archeologia del movimento

-lo sport contemporaneo

 

· concetti  elementari   di educazione alimentare

 

· il doping nelle sue forme e nei suoi perchè

 

 

 

 

CRITERI DIDATTICI (metodologia, strumenti)

1.      Il metodo cercherà di essere adeguato agli obiettivi, partendo da un rapporto di fiducia e di disponibilità con e tra gli alunni, che miri a stimolare la loro motivazione mediante la proposta di contenuti e attività adeguati ai loro bisogni e alle loro capacità. Si cercherà di favorire il dialogo e la riflessione, per stimolare gli alunni ad una continua presa di coscienza delle tappe che si susseguono per arrivare all’obbiettivo, delle difficoltà che si incontrano, del loro ruolo e delle modalità che ognuno deve trovare per superarle. Si ritiene inoltre che la presa di coscienza di ciò che avviene dentro di sé possa portare ad una reale modificazione a livelli più approfonditi degli schemi motori e di una migliore comprensione del ruolo dell’ attività motoria nel quotidiano. Con la non secondaria conseguenza che, stimolando le capacita di analisi, di riflessione,di associazione, si concorrerà in modo positivo allo sviluppo dell’organizzazione del pensiero. Si favorirà un metodo di apprendimento induttivo per dare ampio spazio alle potenzialità degli alunni.

 

VERIFICHE

1. Si stabilisce di effettuare un numero minimo di due verifiche quadrimestrali

2. Si valutano soprattutto il significativo miglioramento delle:

capacità fisiche e condizionali

· capacità operative e sportive

· conoscenze teoriche

3. Gli strumenti utilizzati saranno:

·        Pratica attività motorie e sportive individuali e di squadra

·        Prove di valutazione di qualità e funzioni diverse

·        Questionari scritti (CONOSCENZE TORICHE)

Il conseguimento degli obiettivi didattici specifici sarà verificato nel rispetto dei principi di validità, affidabilità e obbiettività.

 

VALUTAZIONE

 

Nel processo di valutazione si prendono in considerazione:

·        Il percorso dell’apprendimento

·        La partecipazione alle attività sportive

·        L’impegno e l’interesse

 

La partecipazione verrà valutata con un giudizio numerico che terrà anche conto delle giustificazioni (ne sono consentite 3 per quadrimestre) che farà media con il voto risultante dalle verifiche specifiche. Si intende per “giustifica” la non partecipazione dell’alunno alla lezione in quanto privo degli strumenti necessari o impossibilitato a farlo (sono esclusi gli esoneri temporanei accompagnati da certificato medico).

Per gli studenti esonerati verrà valutata:

·        Il coinvolgimento nel lavoro (ruolo di arbitro, ecc.)

·        Le conoscenze teoriche

 

 


 

Magenta, 15 maggio 2005

Firme dei docenti e dei rappresentanti di classe:

Religione

Troncon Gabriella

 

Lingua e Lett. italiana e latina

Gaudio Luigi

 

Lingua e Lett. inglese

Galli Alberto

 

Storia e Filosofia

Radice Angela

 

Matematica e Fisica (corso tradizionale)

Cattaneo Piercarlo

 

Matematica (P.N.I)

Zanin Monica

 

Fisica (P.N.I.)

Bernacchi Alessandro

 

Scienze naturali

Monolo Maria Teresa

 

Disegno e Storia dell’arte

Gervasoni Margherita

 

Educazione fisica

Moscatelli Emilio

 

Rappresentante degli studenti

Giammattei Amedeo

 

Rappresentante degli studenti

Bardelli Elisa

 

 

Top twentytwo collaboratori attivi

1-Paola Viale (1045 file)

2-Miriam Gaudio (676 file)

3-Carlo Zacco (394 file)

4-Vincenzo Andraous (354 file)

5-Gianni Peteani (294 file)

6- Giovanni Ghiselli (288 file)

7-Enrico Maranzana  (266 file)

8-Piero Torelli (153 file)

9-Luca Manzoni (147 file)

10-Sandro  Borzoni (133 file)

11-Maria Concetta Puglisi (117 file)

12-Irma Lanucara (104 file)

13-Gennaro Capodanno (92 file)

14-Elio Fragassi (85 file)

15-Laura Alberico (70 file)

16-Alissa Peron (63 file)

17-Francesco Avolio (59 file

18-Rosalia Di Nardo (54 file)

19-Silvia Sorrentino (47 file)

20-Vittorio Tornar (46 file)

20-Cristina Rocchetto (46 file)

22-Samuele Gaudio (44 file)

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2017 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

 

 

 

 

 

 

 

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di

 

 

Privacy Policy