Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

 

La maleducazione

Tema svolto

di Alissa Peron

Traccia

La maleducazione è un atteggiamento dell’animo e della mente o un fenomeno di costume sempre più diffuso e generalizzato? Commenta.

Svolgimento

La maleducazione è un fenomeno che si sta sempre maggiormente diffondendo. Dipende da molti fattori: il tipo di ambiente in cui ci si trova, gli insegnamenti che si ricevono, le circostanze nelle quali si vive.

La maleducazione infatti, come anche il suo contrario, non è un fenomeno innato o legato alla personalità. é perlopiù appreso e legato più al comportamento che al carattere o all’aspetto interiore. Evitare comportamenti maleducati deve essere quindi insegnato e questo è uno dei più importanti compiti che spettano ai genitori.

Il fenomeno della maleducazione è sempre più diffuso perché la società è molto cambiata rispetto alle scorse generazioni. È nata quasi una moda per certi atteggiamenti e in molti casi questi ultimi risultano maleducati. Inoltre le persone sono diventate più influenzabili e, condizionate dalle tendenze, tengono comportamenti sbagliati.

Spesso si è maleducati inconsapevolmente, perché non si distingue un atteggiamento del genere da altri. In molti confondono maleducazione e umorismo. Senza volerlo, solo per essere spiritosi o richiamare l’attenzione, si può arrivare ad usare linguaggi molto inadeguati e invece di far divertire gli altri, si può dare di se stessi un’impressione negativa che spesso non è la vera immagine del proprio carattere. Forse tutto questo succede così frequentemente soprattutto a causa dei mezzi di comunicazione di massa. La televisione, la radio e i giornali non esitano a diffondere ed esaltare queste tendenze sbagliate e la gente debole si lascia influenzare. Una volta non era così: si privilegiavano gli atteggiamenti educati; quindi è ragionevole attribuire in gran parte ai mezzi di comunicazione di massa e quindi della “moda” che ne consegue la causa della diffusione della maleducazione. Comunque l’umorismo non è il solo atteggiamento che si confonde con essa. Anche chi cerca di essere sincero e schietto risulta in molti casi maleducato. In questa situazione ciò che distingue i due atteggiamenti è il modo di fare. Si può dire infatti quello che si pensa in modo diverso e da questo dipende la distinzione.

La maleducazione è un atteggiamento appreso, ma talvolta per evitarla è necessaria una sorta di autocontrollo. Può infatti succedere che in la stessa persona si trovi in situazioni diverse a seconda degli ambienti che frequenta: ad esempio può trovarsi in un ambiente familiare molto educato, ma in una classe in cui accade l’esatto contrario. In tal caso è importante l’autocontrollo e inoltre ci si trova di fronte ad una scelta: bisogna decidere quale dei due atteggiamenti proposti vuole tenere per la sua vita. Fare questa scelta nel modo giusto è in stretta relazione con la crescita. Infatti, col passare del tempo, tutti si accorgeranno che la maleducazione nella vita non aiuta maie danneggia in particolare i rapporti con gli altri. Anche se forse all’inizio si è convinti del contrario presto ci si renderà anche conto che l’educazione adeguata aiuta a fare le scelte giuste, tra le persone che ci circondano, per le amicizie e i rapporti più ravvicinati.

Io penso di essere fortunata sotto questo punto di vista: sia nell’ambiente familiare sia in quello scolastico, mi viene insegnato adeguatamente ad evitare atteggiamenti maleducati. Questo per me è importante per la mia crescita, il mio futuro, i miei rapporti. Io do molta importanza all’educazione nelle mie scelte e questo mi è sempre stato d’aiuto.

Sono convinta che la maleducazione sia un fenomeno da contrastare nella società attuale e che per raggiungere questo obiettivo sia necessario avere una forte personalità, un buon ambiente familiare e saper distinguere ogni tipo di atteggiamento. Ci sono molte persone nel mondo che da tempo si dedicano a contrastare questo fenomeno. Io mi auguro che abbiano l’opportunità di diffondere le loro risoluzioni e che si possa fermare la diffusione della maleducazione.

Libri

Top twentytwo collaboratori attivi

1-Paola Viale (1045 file)

2-Miriam Gaudio (676 file)

3-Carlo Zacco (394 file)

4-Vincenzo Andraous (354 file)

5-Gianni Peteani (294 file)

6- Giovanni Ghiselli (288 file)

7-Enrico Maranzana  (266 file)

8-Piero Torelli (153 file)

9-Luca Manzoni (147 file)

10-Sandro  Borzoni (133 file)

11-Maria Concetta Puglisi (117 file)

12-Irma Lanucara (104 file)

13-Gennaro Capodanno (92 file)

14-Elio Fragassi (85 file)

15-Laura Alberico (70 file)

16-Alissa Peron (63 file)

17-Francesco Avolio (59 file

18-Rosalia Di Nardo (54 file)

19-Silvia Sorrentino (47 file)

20-Vittorio Tornar (46 file)

20-Cristina Rocchetto (46 file)

22-Samuele Gaudio (44 file)

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2017 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

 

 

 

 

 

 

 

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di

 

 

Privacy Policy