Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

Guarda le videolezioni:

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturitÓ

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

UniversitÓ  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

 

Aedi e rapsodi

di Alissa Peron

Noi chiamiamo rapsodica la poesia omerica perchÚ gli antichi chiamavano rapsodoý coloro che la professavano, Ŕ termine specifico di contro a aoid˛s generico che indica anche Eschilo. Rapsodia Ŕ composto di rapto = cucire + odŔ = canto; per spiegarlo Ŕ necessario indagare i termini che in greco indicano metaforicamente la composizione poetica: i campi semantici sono numerosi, attingono a diverse attivitÓ, ad esempio Ŕ attestato una volta (Od XXIV) teuchein, fare qualcosa, fabbricare, teuchein aoidŔn, Ŕ sottesa un'attivitÓ artigianale; sempre in Omero abbiamo ent¨nein, harm˛zein, daidÓllein, ergÓzesthai aoidŔn; l'oggetto Ŕ il termine primario per indicare la poesia. PoiŔo non compare prima del V secolo (Democrito, o Erodoto) e da Platone la poýesis diventa il fare poetico, il fare per antonomasia. Questo passaggio lessicale sottolinea che all'inizio il tratto saliente era il cantare, l'atto esecutivo, come se quello creativo non avesse importanza, si dÓ per scontato, non emerge; quando poiŔo assume il nuovo valore, il centro di gravitÓ del poetare si sposta sulla creazione, Ŕ il contrassegno del passaggio tra poesia tradizionale e poesia individuale; al tempo della poesia tradizionale il cantore non si vanta di ci˛ che ha creato, ripete ci˛ che le Muse gli hanno trasmesso, solo le Muse sono state presenti ai fatti che raccontano, e lui racconta i klŔa andr˛n perchÚ ne Ŕ stato informato dalle Muse. Metafora del poeta Ŕ il fabbro, comune alla poesia italiana (Dante Purg XXVI su Guinizzelli), anche in Carducci c'era frequente questa metafora; in Grecia sono presenti queste metafore a partire dal V secolo (Eschilo Agamennone, Cassandra descrive quello che sta accadendo, l'uccisione di Agamennone, e il Coro risponde epýfoba melotupeýs, canti fabbricandole cose spaventose, si ha l'immagine del fabbro che batte t¨pto l'incudine). Nella poesia scaldica, medievale di corte dotta di ambito vichingo, con versi ricchi di complesse e ardite metafore, si ha come termine che indica la poesia smida, inglese smith = fabbro; non Ŕ una metafora antica, la stessa attivitÓ metallurgica non Ŕ molto pi¨ antica della letteratura, Ŕ un processo graduale la produzione di un campo semantico cosý familiare da attingerne. Altro campo Ŕ quello del carpentiere, tŔkton, i poeti sono tŔktones epŔon; Pausania riporta un verso della poetessa <boi˛ che riporta il verso di un poeta altrettanto antico della Licia, in cui compare questa stessa metafora (verbo tektaýno). Altro campo Ŕ quello del tessere o del filare, numerosissime le metafore attinte da esso: tessere = hufaýno, intrecciare = kataplŔko; Ŕ metafora indoeuropea, la si trova giÓ nell'avestico, in cui il verbo vaf significa il dire del poeta, radice indoeuropea che si ritrova nell'inglese weave. L'idea del filo Ŕ comune nel nostro parlare (perdere il filo, dire per filo e per segno, katÓ mýton eklogýzomai), Ŕ l'idea di qualcosa che si prolunga nello spazio. In greco oýme / oýmos = striscia, al maschile strada, striscia di forma allungata; oýme Ŕ termine tecnico dell'attivitÓ poetica, indica la via che il cantore percorre, filone tematico, uno degli argomenti adoperabili; pensa al prooýmion, ci˛ che apre il poema, proposizione del contenuto che seguirÓ; paroimýa = proverbio, sta a fianco dell'intreccio, non Ŕ genere narrativo ed Ŕ fuori dalla oýme; testo da textus = tessuto. Dunque non stupisce che rapsod˛s sia un cantore che cuce il canto; non abbiamo attestata in poesia la parola rapsaoidýs perchÚ non entra nell'esametro, lo pseudo-Ŕsiodo dice rÓpsantes aoidŔn. Il problema Ŕ per˛ l'interpretazione della metafora, bisogna capire cosa significava per gli antichi tessere e cucire un canto, non creavano lunghi pezzi e cucivano assieme, ma dal telaio usciva il vestito con pochi ritocchi da fare, non si tessono lunghi rotoli. RÓpto vuol dire intrecciare, pu˛ avere come oggetto qualunque tipo di fibra o corda; dunque rapsodo Ŕ chi connette tra loro fili delle oýmai, e ne esce un intreccio.

Aristotele parla dell'Iliade come mýa prÓxis polimerŔs, un'azione sola costituita da molte parti; si Ŕ sottolineato il mýa per definirla unitaria, a leggerla nella trama sembra che il disegno sia unitario; unitarietÓ per˛ costituita da molte parti, cosa che non Ŕ stata invece evidenziata, si Ŕ cercato di dimostrare quanto Omero superi la poesia tradizionale e orale, cosa insostenibile. L'Iliade Ŕ fatta da tante componenti intrecciate insieme, non Ŕ chiaro come ma ci sono stati contributi significativi come quello di Parry. Le storie che erano raccontate erano conosciute, quindi il cantore doveva strutturarle (partire da un punto qualunque, ham˛then), dare successione logica, e mettere in versi il racconto, in particolare in esametri, versi rigidi difficili da comporre. ╚ per questo che il cantore ha a disposizione una lingua specializzata, che gli permette di combinare frasi e versi; non siamo certi sul come si Ŕ costituita questa lingua, ma Ŕ dimostrabile che la tradizione esametrica nasce in etÓ micenea (1200-1050 circa). Questo Ŕ ci˛ che ha descritto Milman Parry. Questi parte dalle considerazioni dei linguisti, che avevano concluso che la lingua dell'epica Ŕ tradizionale: Parry cita versi tragici, lingua della tragedia anch'essa mista: immagina di tradurre in attico versi corali dell'Edipo a Colono, potrebbe farlo senza intaccare la metrica; non altrettanto delle alternative linguistiche a disposizione del poeta epico, che ha possibilitÓ sempre metricamente diverse. Ricorda che ci vuole del tempo perchÚ si fissi una sola forma per la stessa funzione grammaticale, e lo stesso per la selezione di quelle forme che costituiscono ciascuna un'alternativa metrica, non pu˛ essere uno stile forgiato da un singolo.

torna all'indice della Introduzione all'Iliade di Omero di Alissa Peron

Libri

 

 

Top twenty collaboratori

1-Paola Viale (812 file)

2-Vincenzo Andraous (308 file)

3-Miriam Gaudio (289 file)

4-Gianni Peteani (222 file)

5-Enrico Maranzana  (195 file)

6-Alissa Peron (178 file)

7-Luca Manzoni (124 file)

8-Sandro  Borzoni (109 file)

9-Elena (84 file)

10- A.Lalomia (80 file)

11-Gennaro Capodanno (76 file)

13-Elio Fragassi (68 file)

13-Francesco Avolio (59 file)

14-Piero Torelli (56 file)

14- Giovanni Ghiselli (56 file)

16-Rosalia Di Nardo (50 file)

17-Silvia Sorrentino (47 file)

18-Samuele Gaudio (44 file)

19- Valentina Mariano (35 file)

19-Stella (35 file)

 

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

    

Compra i libri di