Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturitÓ

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

UniversitÓ  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

 

Quel rosignol, che sÝ soave piagne

sonetto, n. 311 del canzoniere di Petrarca

analisi del testo di Alissa Peron

testo

Quel rosignol, che sÝ soave piagne,
forse suoi figli, o sua cara consorte,
di dolcezza empie il cielo et le campagne
con tante note sÝ pietose et scorte,

et tutta notte par che m'accompagne,
et mi rammente la mia dura sorte:
ch'altri che me non ˛ di ch'i' mi lagne,
chÚ 'n dee non credev'io regnasse Morte.

O che lieve Ŕ inganar chi s'assecura!
Que' duo bei lumi assai pi˙ che 'l sol chiari
chi pens˛ mai veder far terra oscura?

Or cognosco io che mia fera ventura
vuol che vivendo et lagrimando impari
come nulla qua gi˙ diletta, et dura.

analisi

Sonetto 311: fa coppia con il 310, tema tipico e topico del ritorno della primavera: la stagione porta alla rinascita di ogni cosa, ma non rinasce la stagione dell'amante. Il 310 Zefiro torna Ŕ piuttosto limpido e non ha bisogno di esegesi; Zefiro soffia da Occidente, la zona dove originariamente era Laura ??. Figlia di Giove: Venere, indica il rigenerarsi della natura. Animal: essere animato, che si ripropone di tornare all'amore. Augelletti: affettivo, non diminutivo. Per lui vedere il rinascere della natura Ŕ come vedere un deserto, le donne in particolare appaiono come fiere aspre e selvagge. L'usignuol del 311 lo lega al precedente, anche qui negazione dell'amore contro il rinascere di esso in tutto l'ambito naturale. Il sonetto condensa vari temi del Canzoniere: tempo, fragilitÓ umana, inganno che l'uomo crea su se stesso quando Ŕ innamorato, contrasto tra natura e animo del poeta. Quel: forte valore deittico, sembra mettere fuori l'usignolo dal contesto, scolpirlo e metterlo in evidenza. Empie il cielo e le campagne: dilatarsi del canto dell'usignolo, entrambi termini che proiettano al lettore l'immagine di spazi estesi. Scorte: abilmente modulate. Oh che lieve ecc.: il poeta si fondava sull'illusione che la donna amata fosse una divinitÓ, non credeva che in lei regnasse morte; l'illusione si Ŕ unita al dolore del distacco.

Libri

Top twentytwo collaboratori attivi

1-Paola Viale (1045 file)

2-Miriam Gaudio (676 file)

3-Carlo Zacco (394 file)

4-Vincenzo Andraous (354 file)

5-Gianni Peteani (294 file)

6- Giovanni Ghiselli (288 file)

7-Enrico Maranzana  (266 file)

8-Piero Torelli (153 file)

9-Luca Manzoni (147 file)

10-Sandro  Borzoni (133 file)

11-Maria Concetta Puglisi (117 file)

12-Irma Lanucara (104 file)

13-Gennaro Capodanno (92 file)

14-Elio Fragassi (85 file)

15-Laura Alberico (70 file)

16-Alissa Peron (63 file)

17-Francesco Avolio (59 file

18-Rosalia Di Nardo (54 file)

19-Silvia Sorrentino (47 file)

20-Vittorio Tornar (46 file)

20-Cristina Rocchetto (46 file)

22-Samuele Gaudio (44 file)

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di MaturitÓ 2017 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

 

 

 

 

 

 

 

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di

 

 

Privacy Policy