Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

 

Tema su Dante e Machiavelli

Traccia

L’uomo di Dante e l’uomo di Machiavelli

Svolgimento

Dante e Machiavelli, pur appartenendo a periodi e contesti molto diversi, hanno tratti comuni sulla concezione dell’uomo. Entrambi dimostrano con le loro opere una visione piuttosto pessimistica dell’umanità: nell’Inferno dantesco Minosse, il ministro divino cui è affidato il compito di porre i peccatori nel giusto girone attraverso il numero di cerchi descritti dalla sua coda, non interrompe mai il suo lavoro, e questo è segno della grande quantità di peccatori morti senza pentirsi delle proprie colpe. Nella commedia di Machiavelli “La mandragola” quasi tutti i personaggi sono disposti al tradimento e all’inganno per soddisfare il proprio utile; anche la virtuosa Lucrezia alla fine si piegherà alla volontà di tutti gli altri e compirà azioni contro i valori in cui crede, accettando la soluzione finale come voluta da Dio; Machiavelli rappresenta quindi un’umanità egoista ed incline al male che soffoca rari fiori di virtù.
Nel Principe Machiavelli descrive il comportamento di papa Alessandro VI Borgia, che concentra i suoi sforzi nel soddisfare la propria ambizione e brama di grandezza per sé e per i propri figli, dimostrando sempre grande immoralità. Questo è un esempio contemporaneo allo scrittore di egoismo da parte di una personalità che, per la sua posizione ed il suo ruolo, avrebbe dovuto essere un maestro di virtù.
In un altro passo del Principe Machiavelli dà una caratterizzazione molto negativa dell’umanità definendola una massa di popolo: quest’espressione serve ad affermare che la maggior parte degli uomini guarda più all’apparenza che alla sostanza delle cose e delle persone, atteggiamento tipico del popolo poco istruito e poco attento. Partendo da questa considerazione dichiara che per un principe è più importante far vista di seguire ed esercitare le virtù che agire veramente in questo modo.
Dante, avendo scritto nel periodo medievale, ha una visione teocentrica del mondo ed è convinto che è compito dell’uomo seguire la volontà di Dio ed accettarla di buon grado; strumenti e guide nel difficile percorso che conduce a raggiungere questo scopo sono la ragione e la teologia, rappresentate allegoricamente da Virgilio e Beatrice. Il poeta non è completamente pessimista
ma evidenzia che spesso l’uomo fraintende il volere di Dio ed è quindi indotto in errore. Nel contesto dell’incontro con gli avari e i prodighi, fa pronunciare a Virgilio un discorso sul diffuso concetto sbagliato della fortuna: l’uomo la vede come una dea bendata che assegna i beni ora all’uno ora all’altro, ed impegna la propria vita nella loro ricerca. In verità, sostiene Dante, questo passaggio dei beni terreni avviene secondo un preciso progetto di Dio che l’uomo non può conoscere, ma a cui non può opporsi; perciò afferma che è vano ed insensato preoccuparsi soprattutto del possesso di beni materiali, come moltissimi uomini fanno. Per Machiavelli invece la fortuna coincide con il caso, è come per Dante qualcosa che l’uomo non può controllare, ma che incide sulle vicende umane nella stessa misura delle virtù, mentre Dante non le dà un peso così notevole.
Machiavelli, come autore rinascimentale, è fautore di una visione antropocentrica del mondo e spiega il variare di alcuni atteggiamenti dell’uomo mettendolo in rapporto con le istituzioni a cui è abituato. Nei capitoli dedicati al mantenimento di principati conquistati, Machiavelli distingue il modo di comportarsi di fronte a repubbliche e a governi totalitari: nel primo caso l’uomo è sempre stato abituato ad essere governato secondo un’equa costituzione ed ha profondamente radicato il concetto di libertà, quindi in nome di essa è disposto anche alla ribellione ed è difficile per un dominatore piegarlo alle sue leggi. Non possiede questa forza chi è da sempre abituato ad essere dominato da un governo dittatoriale, perché è solito esercitare l’obbedienza e la sottomissione.

Alissa Peron

Libri

Top twentytwo collaboratori attivi

1-Paola Viale (1045 file)

2-Miriam Gaudio (676 file)

3-Carlo Zacco (394 file)

4-Vincenzo Andraous (354 file)

5-Gianni Peteani (294 file)

6- Giovanni Ghiselli (288 file)

7-Enrico Maranzana  (266 file)

8-Piero Torelli (153 file)

9-Luca Manzoni (147 file)

10-Sandro  Borzoni (133 file)

11-Maria Concetta Puglisi (117 file)

12-Irma Lanucara (104 file)

13-Gennaro Capodanno (92 file)

14-Elio Fragassi (85 file)

15-Laura Alberico (70 file)

16-Alissa Peron (63 file)

17-Francesco Avolio (59 file

18-Rosalia Di Nardo (54 file)

19-Silvia Sorrentino (47 file)

20-Vittorio Tornar (46 file)

20-Cristina Rocchetto (46 file)

22-Samuele Gaudio (44 file)

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2017 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

 

 

 

 

 

 

 

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di

 

 

Privacy Policy