Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

 

Dove la battaglia infuria

articolo sulle dipendenze

di Vincenzo Andraous

“Mi faccio qualche canna, cosa vuoi che sia, tanto lo fanno tutti, mica mi faccio di coca”.

Questa la lezione che siamo stati bravi a imparare, i  mezzi di informazione divulgano dati e percentuali denudati dei segnali di allarme,  la vulgata afferra a due mani il rischio per farne bandiera.

Tutto ciò accade nell’indifferenza del mondo adulto che dovrebbe essere protagonista del cambiamento su questo ring di colpi proibiti, invece risulta uno sparring patner di basso profilo, che soccombe agli studi di parte, alle ricerche smozzicate, alle adunate in onore degli innumerevoli Peter Pan.

Droga che non fa passi indietro, non fa sconti a nessuno, non risparmia occhi innocenti né lupi dal pelo folto.

Droga di ogni tipo, di ogni forma, per addomesticare la volontà, droga che fa male, tutta, senza eccezioni, e ancora meno accezioni da inventare a misura per  meglio logorare resistenze, dubbi e perplessità.

Lo scontro è ideologico, politico, di facciata, come fosse un problema che è possibile dilatare, rallentare, postdatare a piacimento, è droga che non concede metri al caso, all’accidente dietro l’angolo,  è droga che ti mette sotto, e spesso non ti fa rialzare.

A scuola, al pub, in discoteca, non c’è possibilità di sbagliare, di essere fraintesi, di non capire quanto è corposa la richiesta di “roba”, mischiata a un bel po’ di  alcol, somiglia alla consumazione di un prodotto affettivo, qualcosa che è divenuto importante compagno di viaggio senza la cui presenza viene meno ogni entusiasmo.

 E’ droga da “calare” senza badare alla legalità sbeffeggiata, alla salute che quando c’è, è inscalfibile,  alla vita scolata tutta in un bicchiere, è droga che non porta mediazione.

I ragazzi non hanno paura delle parole, delle minacce, delle prediche di alto bordo,  perché percepiscono la prostituzione fraudolenta di un certo mondo adulto, timoroso al punto da risultare incapace di  incidere,  di fare la cosa giusta,  capace di un intervento autorevole, rigoroso, non più rinviabile

La droga c’è, aumenta il suo consumo, ma se ne parla sempre meno, di mafie dislocate qua e là un po’ di più, se ne discute, se ne prende atto, si circoscrivono le alleanze, le misure, le quantità, il malaffare, eppure la “roba” circola, incrocia le menti, trasforma nuove identità, falsifica passaporti per un ipotetico mondo dall’altra parte della strada, e attraversare al buio diventa la regola per non avere più paura di vivere.

Droga che non conosciamo, ma tutto si svolge alla luce del sole, si vende e si compra a ogni angolo di città, di periferia, nell’indifferenza a vedere oltre la solita tv extraterreste, eppure genitori, adulti, educatori, sanno bene quanto la droga sia la più grande delle bugie, e non sia più rinviabile l’onere del proprio ruolo di tutore del bene, per affrontare a viso aperto la difficoltà a dare e fare rispettare alcune regole, non tante e incomprensibili, ma  poche, chiare e dirette, vere e proprie salvavita.

Forse è il caso di affidare meno denari alla cartellonistica che non arriva al cuore del problema, tanto meno al cuore dei ragazzi in preda al panico.

Forse è necessario recarsi dove infuria la battaglia, dove gli occhi ridono intontiti, le gambe barcollano  e le mani tremano, forse è il momento di incontrare davvero chi è in difficoltà, e incontrarlo significa faticare, impegnarsi, soprattutto conquistare-custodire amore per la giustizia, unica possibile solidarietà per ogni persona.

Vincenzo Andraous
tutor Comunità
Casa del Giovane
Pavia dicembre 2010

Libri

Top twentytwo collaboratori attivi

1-Paola Viale (1045 file)

2-Miriam Gaudio (676 file)

3-Carlo Zacco (394 file)

4-Vincenzo Andraous (354 file)

5-Gianni Peteani (294 file)

6- Giovanni Ghiselli (288 file)

7-Enrico Maranzana  (266 file)

8-Piero Torelli (153 file)

9-Luca Manzoni (147 file)

10-Sandro  Borzoni (133 file)

11-Maria Concetta Puglisi (117 file)

12-Irma Lanucara (104 file)

13-Gennaro Capodanno (92 file)

14-Elio Fragassi (85 file)

15-Laura Alberico (70 file)

16-Alissa Peron (63 file)

17-Francesco Avolio (59 file

18-Rosalia Di Nardo (54 file)

19-Silvia Sorrentino (47 file)

20-Vittorio Tornar (46 file)

20-Cristina Rocchetto (46 file)

22-Samuele Gaudio (44 file)

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2017 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

 

 

 

 

 

 

 

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di

 

 

Privacy Policy