Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

 

Eppure il carcere è società

articolo di Vincenzo Andraous

Più volte è stato sostenuto che ogni intuizione educativa, responsabilizzante, un cambio di mentalità all’interno di una prigione, è sistematicamente resa monca, dal sovraffollamento, dalla carenza di personale e di fondi.

Forse è possibile recuperare un atteggiamento più attivo e propositivo anche dentro un carcere, perché rifuggire il nuovo, senza scommettersi, non impegnarsi insieme con gli altri, Operatori Penitenziari e Società civile, non esponendosi in prima persona  per la  propria crescita personale e professionale, equivale a non vivere pienamente questa vita che ci precede e osserva, trasfigurando la quotidianità, trascendendo l'umanità stessa.

In questo tempo d’impegno nella comunità “Casa del Giovane”, ho capito che è proprio dall'esperienza che nasce la necessità di cercare ripetutamente dei chiarimenti, la  spinta a mettersi in discussione, a rimettersi in gioco, per conoscere di più noi stessi e gli altri, dagli incontri e dal confronto che ne deriva.

 “Se il carcere permarrà un sistema chiuso, esso gestirà i problemi del cambiamento e dell’aggiornamento tentando di mantenere lo status quo ripiegandosi su se stesso; se invece diverrà  un sistema di detenzione aperto agli ideali nuovi e possibili, allora diverrà anche un luogo di reale testimonianza”.

E’ innanzitutto al detenuto che viene chiesto doverosamente di essere all'altezza del servizio offerto ( e sarebbe bene intenderlo come una conquista di coscienza e non solo come una mera possibilità statuale ), ma questa prigione costantemente  costretta a vivere del suo, a rigenerarsi di una speranza pressochè spenta, ne rafforza la separazione:  eppure il carcere è società.

Forse bisogna intendere il carcere  per ciò che davvero è rispetto alla tendenza sociale, opponendo la sua credibilità e capacità di rinnovamento interloquendo con le giovani generazioni, e inducendo un ripensamento culturale, in modo che nessuno si senta esente dal fornire il proprio contributo.

Credo che occorra fare bene il proprio mestiere di uomo, sia di uomo libero che di uomo ristretto per gli errori commessi, infatti esercitare il mestiere di uomo, significa agire in modo da rispettare in noi e negli altri la dignità insita all’essere umano.

Mi viene in mente la pedagogia della speranza della Comunità Casa del Giovane, quanta importanza abbia una  tecnica dialogica che consenta all’altro di accorciare le distanze, l’essere capaci di ascoltare l’altro in se stessi, con sensibilità diverse, interpretazioni diverse, ma   giungendo alla stessa finalità.

Non serve a nulla tifare ideologicamente per una o altra ortopedia penitenziaria, piuttosto c’è necessità di fare camminare rettamente dentro quei percorsi sociali condivisi, per tentare di riparare la frattura, di lenire il dolore e la lacerazione di coloro che hanno ricevuto il male, imparando che espiazione e risarcimento non equivalgono a vendetta, né a indifferenza, colpa-pena-punizione non è un'astrazione filosofica o limitata al giudice che eroga una sentenza, ma memoria di ciò che è stato, e proprio da qui occorre ripartire per una assunzione di responsabilità  commisurate alle reali capacità delle persone detenute, per non rendere l'attuale condizione una dimensione di nullità e di peso,  dannoso per se stessi e per gli altri.

Vincenzo Andraous
tutor Comunità
Casa del Giovane
Pavia luglio 2010

Libri

Top twentytwo collaboratori attivi

1-Paola Viale (1045 file)

2-Miriam Gaudio (676 file)

3-Carlo Zacco (394 file)

4-Vincenzo Andraous (354 file)

5-Gianni Peteani (294 file)

6- Giovanni Ghiselli (288 file)

7-Enrico Maranzana  (266 file)

8-Piero Torelli (153 file)

9-Luca Manzoni (147 file)

10-Sandro  Borzoni (133 file)

11-Maria Concetta Puglisi (117 file)

12-Irma Lanucara (104 file)

13-Gennaro Capodanno (92 file)

14-Elio Fragassi (85 file)

15-Laura Alberico (70 file)

16-Alissa Peron (63 file)

17-Francesco Avolio (59 file

18-Rosalia Di Nardo (54 file)

19-Silvia Sorrentino (47 file)

20-Vittorio Tornar (46 file)

20-Cristina Rocchetto (46 file)

22-Samuele Gaudio (44 file)

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2017 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

 

 

 

 

 

 

 

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di

 

 

Privacy Policy