Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

 

Educare prima per educare in tempo

articolo sulla prevenzione

di Vincenzo Andraous

Un Preside mi ha detto che nella sua scuola non ci sono problemi di bullismo, non c’è alcun eccesso di aggressività dirompente, neppure uso di sostanze stupefacenti, insomma un istituto che non ha falle né disattenzioni da consegnare alle solite giustificazioni.

Un scuola vera in un paese vero, dove l’intera comunità partecipa al bene di ogni adolescente.

E’ confortante apprendere che non tutto è perduto, e che addirittura un’accentuazione del problema non produce buona prevenzione, ma distribuisce ulteriore paura di rimanerci incagliati dentro.

La scuola, la famiglia, la società, una triade che forma le coscienze e consegna libertà, spingendo a formulare scelte e stili di vita responsabili negli anni che dobbiamo riempire di contenuti.

Quel Preside non ritiene di doversi preoccupare per la sua scuola, per i suoi studenti, è convinto di esser al sicuro, il suo territorio scolastico  è uno spazio pulito che promuove efficacia-efficienza educativa: ma proprio per questo perchè non prendere in considerazione l’opportunità di  appropriarsi di strumenti idonei a contrastare eventuali dinamiche che coinvolgono i più giovani?

La scuola dovrebbe essere quella disegnata da questo Preside, una parte importante del territorio che non cede metri all’usura e allo sconquasso delle dimenticanze.

Una scuola che non scivola nell’indifferenza, ma combatte i rischi dell’incuria adolescenziale, fa si che si parli, si ragioni senza veline o resistenze su cosa significa essere violenti, cosa comporta avere nelle tasche una dose di droga, cosa potrebbe avvenire a vivere nella illegalità, e infatti il carcere non è quello rappresentato filmograficamente, ma ben peggio, è quello dove se qualcuno ci muore nel silenzio, nessuno si sorprende.

In quella scuola ognuno svolge il proprio ruolo con intelligenza, la collettività è aperta allo scambio relazionale, perché allora non munirsi di una formazione e di una conoscenza, allorquando dovesse presentarsi sull’uscio l’ospite sgradito.

Occorre parlarne, è necessario farlo con un’analisi che non tralascia niente, con la fermezza dei piedi ben piantati per terra, affinché i più giovani, quelli sempre più spesso ammaliati  dal colpo sferrato dietro il mucchio, dallo spinello provato e usato per rimanere dentro il quadrato, non abbiano a issare bandiera bianca prima ancora di iniziare a vivere.

Potrebbe essere salutare prendere atto del dazio da pagare sbattendoci il grugno sulla storia, sulla testimonianza,  sulla sequela degli errori, ai ragazzi bisogna fare arrivare forte e chiaro cosa significa denudare dei diritti un coetaneo, quali droghe-bugie assumiamo, quale sarà la batosta che ci attende al varco, il dolore disperato perché dentro una galera invivibile.

Non è necessario affidare alle minacce la speranza del futuro, ma dobbiamo  rifiutare di licenziare questa tragedia definendola una risultanza prettamente sociale, quindi  costringendo le responsabilità a non trovare cittadinanza nella scuola e nelle sue tre componenti cardinali: genitori, insegnanti, studenti.

Sono felice di constatare che la scuola è anche e soprattutto quella del Signor Preside, ma proprio per questo occorre partecipare ed essere pronti a intervenire, infatti qualsiasi scelta di prevenzione si realizza con l’educazione, e solamente con essa scaturisce la possibilità di educare prima, di educare  in tempo.

Top twentytwo collaboratori attivi

1-Paola Viale (1045 file)

2-Miriam Gaudio (676 file)

3-Carlo Zacco (394 file)

4-Vincenzo Andraous (354 file)

5-Gianni Peteani (294 file)

6- Giovanni Ghiselli (288 file)

7-Enrico Maranzana  (266 file)

8-Piero Torelli (153 file)

9-Luca Manzoni (147 file)

10-Sandro  Borzoni (133 file)

11-Maria Concetta Puglisi (117 file)

12-Irma Lanucara (104 file)

13-Gennaro Capodanno (92 file)

14-Elio Fragassi (85 file)

15-Laura Alberico (70 file)

16-Alissa Peron (63 file)

17-Francesco Avolio (59 file

18-Rosalia Di Nardo (54 file)

19-Silvia Sorrentino (47 file)

20-Vittorio Tornar (46 file)

20-Cristina Rocchetto (46 file)

22-Samuele Gaudio (44 file)

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2017 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

 

 

 

 

 

 

 

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di

 

 

Privacy Policy