Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

 

UNA FUNE SULL' ABISSO

Il carcere a detta di molti affermati studiosi non riesce a piegarsi a nessuno scopo sociale condivisibile.

Personalmente non sono d’accordo con questi scienziati;  almeno fin tanto che il carcere renderà pietra dura anche il pensiero più fragile, quel pensiero senza più credo affondato dalle scelte sbagliate.

Inutile  nasconderlo, la prigione sequestra i bisogni-desideri, e stabilisce quando questi debbono essere soddisfatti, persino decidendo quando e dove sarà  possibile realizzarli.

Impossessandosi così del corpo e della mente di una persona detenuta nel maggior riproduttore di perdita di affettività e  senso cognitivo.

E’ in questa dinamica che  la mente finisce in un anfratto remoto, in un angolo dove non è più possibile vedere niente.

Penso che fino a quando  non si comprenderà che in carcere si va perché puniti e non per essere puniti, questa dicotomia spingerà il detenuto privato della libertà a sedersi a tavola con la morte, decidendo di guardarla in faccia e sfidarla. Senza però tenere in considerazione che la morte quasi sempre vince. E’ una prova questa, che indica la paura del potere della morte, ma ugualmente il carcere continua a rimanere un luogo non autorizzato a fare nascere  vita nè speranza, non rammentando che l’uomo privato della speranza è un uomo già morto.

Questo “niente” inciderà forzatamente sulle menti, per cui gli stessi messaggi diventeranno cifrati, non più chiari né leggibili per tentare di rielaborarli.

Momento dopo momento, giorno dopo giorno, anno dopo anno, in compagnia del solo passato che ricompone la sua trama, e passato, presente  e futuro sono lì, in un presente che è attimo dove non esiste futuro.

Quando il sentimento dell’amore è segregato, sei  ancorato a una stanchezza che ti fa sentire perduto;  hai  in comune con il tuo simile solo un dolore  sordo, che evita di guardare all’indietro nè di pensare al  domani, e allora riconoscere i propri errori è un’impresa ardua.

Le analisi sistematiche a questo punto servono  poco, per rendere più umano l’inumano: dalla mia ridotta specola sono più propenso a credere che dobbiamo convincerci  noi, quelli dentro, della  possibilità di raggiungere dei traguardi e degli obiettivi, per ritornare a volerci un po’ bene, per riuscire a essere persone e non solo numeri usati per la statistica.

Finchè i ragionamenti saranno  un’estensione degli atteggiamenti negativi, le rappresentazioni mentali si trasformeranno  in eventi negativi.

Il carcere è ancora, ancora e ancora quello che ben sappiamo, ma chi vive in quest’agglomerato umano ha il diritto-dovere di ritrovare fiducia in se stesso e negli altri, e ci riuscirà solamente comprendendo che l’intorno non parla, perché noi non parliamo, e peggio non siamo capaci di  aprirci.

Eppure gli altri sono i mille pezzi che a noi mancano, che a noi sono sempre mancati, e finché noi continueremo a pensare di sopravvivere senza il bisogno dell’altro, nel lungo tempo ci  ritornerà questo annichilimento con la stessa intensità e precisione, inevitabilmente.

Ciò che noi diventeremo è ciò che ci siamo incisi nella mente, l’immagine di noi stessi che ci siamo costruiti si riprodurrà con un fatto concreto.

Ecco perché sono dell’idea che finché il carcere, ma meglio dire tutto il consorzio sociale, non si attiverà consapevolmente con il suo interessamento produttivo e non pietistico, e non si predisporrà ad aiutare chi è nell’errore a ritenersi capace di essere in costante e continuo miglioramento,ebbene, questa indifferenza e questo disinteresse collettivo  continuerà a seppellire quei “dettagli” che invece servono  per migliorarci tutti.

Vincenzo Andraous
Responsabile Centro Servizi Interni
Comunità Casa del Giovane
via Lomonaco 43
Pavia 27100
tel cell 348-3313386

vincenzo.andraous@cdg.it

Libri

Top twentytwo collaboratori attivi

1-Paola Viale (1045 file)

2-Miriam Gaudio (676 file)

3-Carlo Zacco (394 file)

4-Vincenzo Andraous (354 file)

5-Gianni Peteani (294 file)

6- Giovanni Ghiselli (288 file)

7-Enrico Maranzana  (266 file)

8-Piero Torelli (153 file)

9-Luca Manzoni (147 file)

10-Sandro  Borzoni (133 file)

11-Maria Concetta Puglisi (117 file)

12-Irma Lanucara (104 file)

13-Gennaro Capodanno (92 file)

14-Elio Fragassi (85 file)

15-Laura Alberico (70 file)

16-Alissa Peron (63 file)

17-Francesco Avolio (59 file

18-Rosalia Di Nardo (54 file)

19-Silvia Sorrentino (47 file)

20-Vittorio Tornar (46 file)

20-Cristina Rocchetto (46 file)

22-Samuele Gaudio (44 file)

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2017 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

 

 

 

 

 

 

 

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di

 

 

Privacy Policy