Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

 

UTOPIA E BRIGATE ROSSE

Sono in questo recinto di filo spinato da tanti anni, ho conosciuto per mia scelta irresponsabile  la violenza della teoria e l'illusione morta della pratica.

Nella mia mente c'è indelebile il rumore sordo delle nocche infrante sulle labbra,  negli occhi il sangue colato a fiumi.

Tanti anni trascorsi a sopravvivere,  tanti giorni in fila per tre,  senza domani,atomizzati dal delirio di onnipotenza, in miserie vissute a piene mani.

Ora  e nuovamente avanzano antichi spettri in risoluzioni strategiche, pagine scritte di panico bianco,poi d’improvviso la scia del sangue nel delitto D'Antona.

Mi sono costretto a  riprendere in mano il mio ultimo libro da poco pubblicato, a sfogliarne  lentamente  le  pagine,   a  rileggerne   le  parti  che  riguardano  il  mio pezzo di carcere vissuto nell'incontro con le Brigate Rosse.

Ho ritrovato intatto l'urto di un'incoscienza che non conosce timore dei dazi da pagare, ma che poi sono venuti con il fragore del ferro e del fuoco. Come una fotografia impolverata dal tempo, lo sguardo della memoria mi riporta al carcere dell'Asinara, alla cella buia in cui fui chiuso, agli altri miei coinquilini per la prima volta diversi da me, diversi perché detenuti politici.

La sensazione di aver di fronte dei sognatori che tentavano di spiegarmi i loro ideali, così naturali nel loro mondo-universo-umanità, persino in quella mia stessa disumanità che ci faceva stare insieme e ci illudeva di renderci più umani. Un sogno disegnavano, un sogno maledetto che non si sarebbe mai potuto avverare.

A quei tempi io ero un rapinatore, un detenuto comune, ai loro occhi una vittima del capitalismo e di quel potere statuale che combattevano. Sorridevo sornione allora e sorrido amaro ancor oggi, perché non mi consideravo affatto una vittima. Loro erano contro la proprietà privata, io invece per difenderla ad oltranza, anzi per appropriarmene facendo ricorso all'illegalità. Nel mio assolutismo subculturale, ritenevo rivoluzionaria la mia ribellione, la quale    altro non era che il mio individualismo sotto vuoto spinto, e loro ne rappresentavano l'esatto contrario.

I poli opposti che convergono.

Ricordo il riferimento costante agli altri, il presupposto forte delle masse operaie, la continua e martellante aggregazione all'ideologia, al dogma, alla battaglia o meglio a una guerra costruita sullo scontro di principi che non consentono mediazioni.

Libertà, libertà, libertà, si gridava nelle celle, aggrappati alle finestre, stesi sul pavimento imbrattato di sangue.

Libertà rincorsa come una prostituta, una libertà priva di interdipendenza, di interrelazioni, di consapevolezza di sbagliare, di ferire, di morire.

Di una cosa ero e sono convinto; sebbene alzassero il livello di scontro, in cuor loro sapevano di essere e di rimanere degli sconfitti. In carcere siamo tutti uomini sconfitti.

In questo presente ci si chiede se quanto sta accadendo é da addebitarsi a un rigurgito di quel vecchio sistema che non può più tornare.

Ci si chiede se sono realmente le Brigate Rosse o qualche altro nucleo combattente.  Io invece chiedo a questo chicchessia a che prò?

Mi rendo conto di essere  un perfetto incompetente, non ho nozioni da trasmettere né specificità acquisite, non ho conoscenza diretta di questo nuovo fenomeno, Non posseggo il dono della brillantanza né ho le famose allucinazioni di Shinning, ma scorgo ugualmente delle stranezze, delle incongruenze, segnali concreti che sconsigliano il perpetrarsi di queste follie, perché l'intorno reale non é quel reale inventato a misura di chi si reinventa guerriero e paladino di una rivoluzione che non esiste.

Oggi quelle masse operaie compatte  e simpatizzanti di una giustizia dell'ingiustizia, non sono più ben allineate e intruppate sul campo delle ideologie. Oggi il consenso alla lotta armata è in disuso, é di per sè fallimentare, oggi nessuno scende in piazza inneggiando alla stella a cinque punte. Oggi non c'é più nell'aria quell'attimo fuggente che si verificò in anni non remoti e che non fu mai colto dagli  stessi protagonisti  in armi, e non per una sorta di ipnosi collettiva, bensì per una precisa indecisione a portare a compimento un progetto pensato e voluto, il quale solo nella  teoria tutti coinvolse e sospinse avanti, ma nella pratica marchiò solo alcuni come restauratori di una nuova ecatombe annunciata e sottoscritta dalla storia.

 

 

 

Ci si chiede sono i vecchi? Sono i nuovi? Chi sono? Io non so chi siano, o forse sono coloro che gridano da tanto tempo inascoltati e che per questa nostra disattenzione faranno del male a se stessi e agli altri. Si, forse sono coloro che noi  non vorremmo mai essere.

A pensarci bene é incredibile; sebbene dall'interno di un carcere, mi accorgo del divario che li separa da un'umanità reale e vivificante, mentre loro così racchiusi nelle certezze non s'avvedono dell'inganno che li coglie. Da circa sei anni ho il privilegio di frequentare le Scuole, le Parrocchie, le Università, di incontrare tanti giovani e studenti, e  più volte mi sono sorpreso nel constatare il vuoto di memoria delle nuove generazioni, certo, una dimenticanza colpevole per un preciso momento storico del nostro paese, della nostra storia recente, anzi recentissima.

Per questa assenza di memoria storica reputo doppiamente pericolosa la strategia in atto.

1 giovani non conoscono assolutamente il dramma degli anni di piombo, cosa hanno significato quei teatri di guerra in termini di assenze eterne e di paralisi riformistica.

Nelle classi, negli oratori, nelle università, ci sono plotoni e reggimenti di giovani che non sono documentati né hanno voglia di conoscere uno scenario che per loro é sepolto dal benessere e dal successo da conseguire a tutti i costi.

Proprio in questa osservazione che volutamente ho generalizzato per meglio rendere visibile; e l'inattualità, e l'impossibilità oggettiva e soggettiva di un ritorno delle Brigate Rosse, vi é intrinseca la solitudine suicida che attraverserà la recita macabra di qualsiasi fantasma del passato.

Grossi e urgenti i temi affrontati da questi nuovi guerrieri in armi; la questione sociale, il lavoro, l'americanizzazione europea, la guerra, la disparità di opportunità ecc.

Problemi e conflitti che però potrebbero fuorviare tanti ragazzi confusi dalle sconfitte interiori che ci portiamo dentro. Ragazzi disposti a tutto pur di risultare presenze vive, pur di trovare risposte alle tante inquietudini che li tormentano, travolgendoli.

In questa architettura sgangherata non risplende il sacrificio della solidarietà, non sale alto il lamento di una generazione oppressa, in questa nuova sfida non c’è profilo né ombra di antigoni itineranti, c'é soltanto, e tutta intera, la colluttazione sorda di chi non sa convivere                                                                                                                     con le scelte fatte in una  terra ove non esista il Paradiso, e giustamente dico io.

Nel mio piccolo conosco il sistema e quando esso non funziona, so perfettamente quanto può essere ingiusto e perverso al punto da stritolarti se gli dai fastidio. Sì, lo so bene io, e ugualmente ritengo che occorra darsi per ciò che siamo, per ciò in cui crediamo, e ciò in forza della nostra capacità di contribuire dinamicamente e correttamente a una comune umanità, tentando, sì, di spostare le assi di coordinazione sociale, di modificare le stesse correnti di pensiero, ma ciò  non può significare il ritorno alla violenza, allo scontro frontale, dapprima al diniego e in  seguito al funerale del dialogo.

I,a clessidra dei secoli non s'é fermata, le parole non si riuscirà ancora una volta a piegarle agli slogans, ai concetti di immagine, di contrapposizione ideologica, di dottrine che non hanno più presa né scaltri consumatori.

L'araba fenice in questo senso non risorgerà.

Forse occorrerebbe riflettere su quegli anni di furore e di immense tragedie, sull'ipocrisia storica “dell'avanzare o muori”, sì, forse é necessario pensare a ciò che nel frattempo é intervenuto, agli slanci in avanti ed ai percorsi di impegno e di riconciliazione, ai nuovi  rapporti duraturi e importanti instaurati nella nostra società.

Forse é il caso di ripercorrere le orme di quel ragazzo che innanzi alle spoglie morte di suo padre, e poco lontano dal drappo con la stella a cinque punte, seppe sussurrare con la voce rotta cos'é il dolore del perdono, e facendolo si consegnò vicendevolmente.

Ora e ancora mani armate decantano inni e lodi alla rivoluzione, ora e ancora ci saranno autorappresentazioni, o peggio autocelebrazioni, ma nulla si potrà di allora, nulla si ripeterà di ieri.  Soprattutto  nulla potrà ovviare alle  grandi responsabilità che ci si assumerà nei riguardi dei tanti ragazzi al palo della vita, di tanti  coetanei e propri simili con gli sguardi perduti e già stanchi a vent'anni.

Un mio amico filosofo un giorno mi ha detto; “guai a tradire se stessi e guai a tradire gli altri”.

A voi vorrei dire; non tradite voi stessi, tradendo la possibilità di scegliere di tanti altri.

Vincenzo Andraous
Responsabile Centro Servizi Interni
Comunità Casa del Giovane
via Lomonaco 43
Pavia 27100
tel cell 348-3313386

vincenzo.andraous@cdg.it

Libri

Top twentytwo collaboratori attivi

1-Paola Viale (1045 file)

2-Miriam Gaudio (676 file)

3-Carlo Zacco (394 file)

4-Vincenzo Andraous (354 file)

5-Gianni Peteani (294 file)

6- Giovanni Ghiselli (288 file)

7-Enrico Maranzana  (266 file)

8-Piero Torelli (153 file)

9-Luca Manzoni (147 file)

10-Sandro  Borzoni (133 file)

11-Maria Concetta Puglisi (117 file)

12-Irma Lanucara (104 file)

13-Gennaro Capodanno (92 file)

14-Elio Fragassi (85 file)

15-Laura Alberico (70 file)

16-Alissa Peron (63 file)

17-Francesco Avolio (59 file

18-Rosalia Di Nardo (54 file)

19-Silvia Sorrentino (47 file)

20-Vittorio Tornar (46 file)

20-Cristina Rocchetto (46 file)

22-Samuele Gaudio (44 file)

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2017 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

 

 

 

 

 

 

 

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di

 

 

Privacy Policy