Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

Ripassa per la maturità:

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

Le stagioni di Van Gogh

di Laura Alberico

Genio e follia hanno caratterizzato la vita di questo artista, un arco temporale in cui la sua produzione artistica si è colorata di vita e di morte, di gioia e cupa tristezza. Il tormento interiore di cui era spesso vittima lo ha portato a esternare nei suoi dipinti i colori di un animo ribelle, in conflitto tra la ragione e l’istinto, due aspetti in netta antitesi ma sempre uniti e indissolubili. Le stagioni di Van Gogh sono quelle in cui, attraverso le sue opere, è possibile conoscere i tratti della sua personalità e della visione della vita. Del periodo olandese ricordiamo “I mangiatori di patate”(1885) in cui il colore monocromatico e dai toni scuri ci trasmette una sensazione di grigiore tipica della vita senza risorse per chi è  schiavo del lavoro e della quotidiana lotta per la sopravvivenza. Questo dipinto  apre una finestra sulle condizioni sociali ed economiche del tempo; i personaggi rappresentati esprimono, con i visi deformati, una realtà carica di un pesante fardello. Ad Anversa Van Gogh comincia a manifestare i segni della malattia, una breve stagione di tre mesi di cui non ci sono pervenuti tutti i dipinti. Il periodo in cui c’è quasi un’ esplosione di colori è quello di Arles. Fiori e natura  sembrano quasi gridare e liberare una intensa e palpitante vitalità. “ I girasoli” assomigliano ad occhi spalancati sulla vita, un desiderio di carpire e di possedere la sua essenza attraverso i colori lucidi e solari della natura. Questa stagione di Van Gogh è quella più conosciuta da tutti e forse anche la più tormentata perché l’artista si avvia verso la fine della sua vita con l’atto estremo del suicidio. Pochi mesi prima di morire dipinse il “Campo di grano con corvi” (1890) in cui i colori si sono attenuati creando quasi un amalgama tra il cielo e la terra. Il  campo di grano appare come  un mare in tempesta su cui volano i corvi,  messaggeri della morte; persistono i colori che hanno reso immortali le sue opere e il giallo oro, come un guerriero sconfitto sembra dominato e quasi soffocato  da un cielo plumbeo.

Laura Alberico

Top twenty collaboratori attivi

1-Paola Viale (1010 file)

2-Miriam Gaudio (575 file)

3-Vincenzo Andraous (344 file)

4-Gianni Peteani (266 file)

5-Enrico Maranzana  (246 file)

6- Giovanni Ghiselli (222 file)

7-Luca Manzoni (124 file)

7-Sandro  Borzoni (124 file)

9-Maria Concetta Puglisi (117 file)

10-Gennaro Capodanno (86 file)

10-Piero Torelli (86 file)

12-Elio Fragassi (77 file)

13-Alissa Peron (63 file)

14-Francesco Avolio (59 file

15-Laura Alberico (57 file)

16-Rosalia Di Nardo (54 file)

17-Silvia Sorrentino (47 file)

18-Vittorio Tornar (46 file)

19-Samuele Gaudio (44 file)

19-Cristina Rocchetto (44 file)

 

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2014 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

Guarda le videolezioni:

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di