Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

 

Esami di maturità:

le leggi non si cambiano a "Porta a porta"

di Gennaro Capodanno

L’intervento del ministro Gelmini nella puntata di “Porta a porta” dell’ 8 giugno scorso, sta creando non poche perplessità e difficoltà nei consigli di classe impegnati in questi giorni nelle valutazioni di fine anno per l’ammissione degli allievi ai prossimi esami di maturità. Eppure il quadro normativo è molto chiaro. Difatti il DPR n. 122 del 22 giugno 2009, così come richiamato anche nella più recente OM n. 44 del 5 maggio 2010, recita all’art. 6, comma 1: “ Gli alunni che, nello scrutinio finale, conseguono una votazione non inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina o gruppo di discipline valutate con l’attribuzione di un unico voto secondo l’ordinamento vigente e un voto di comportamento non inferiore a sei decimi sono ammessi all’esame di Stato “. Dunque stando alla norma basta un’insufficienza in una sola materia, un cinque per intenderci, per la non ammissione, partendo da due presupposti fondamentali: che “ la valutazione degli alunni in sede di scrutinio finale è effettuata dal consiglio di classe “, quindi che si tratta comunque di una decisione collegiale; e che “ le deliberazioni del Consiglio di classe di non ammissione all’esame devono essere puntualmente motivate “, come si precisa in due passaggi della già richiamata ordinanza. Alla luce di quanto sopra non si comprende da dove trae spunto la dichiarazione rilasciata dal ministro che con un cinque non si boccia nessuno, rilevando, però, che con tale assunto si è configurata una vera e propria “ invasione di campo”, la quale, peraltro, va proprio in direzione opposta al concetto sancito dall’ art. 1, comma 2 del D.P.R. n.122/2009, laddove si afferma che “ la valutazione è espressione dell’autonomia professionale propria della funzione docente, nella sua dimensione sia individuale che collegiale “. Autonomia che, nel rispetto delle leggi dello Stato, non deve essere intaccata neppure dalle esternazioni ministeriali.

Top twentytwo collaboratori attivi

1-Paola Viale (1045 file)

2-Miriam Gaudio (676 file)

3-Carlo Zacco (394 file)

4-Vincenzo Andraous (354 file)

5-Gianni Peteani (294 file)

6- Giovanni Ghiselli (288 file)

7-Enrico Maranzana  (266 file)

8-Piero Torelli (153 file)

9-Luca Manzoni (147 file)

10-Sandro  Borzoni (133 file)

11-Maria Concetta Puglisi (117 file)

12-Irma Lanucara (104 file)

13-Gennaro Capodanno (92 file)

14-Elio Fragassi (85 file)

15-Laura Alberico (70 file)

16-Alissa Peron (63 file)

17-Francesco Avolio (59 file

18-Rosalia Di Nardo (54 file)

19-Silvia Sorrentino (47 file)

20-Vittorio Tornar (46 file)

20-Cristina Rocchetto (46 file)

22-Samuele Gaudio (44 file)

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2017 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

 

 

 

 

 

 

 

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di

 

 

Privacy Policy