Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

 

Cause del doping

A) Cause di natura socioambientale:

  1. Eccessive aspettative e pressioni ambientali possono predisporre l'atleta all'uso di sostanze dopanti: il mito sociale del successo appare qui largamente responsabile e può risultare decisamente seducente per i ragazzi adolescenti, cioè in soggetti che non hanno ancora completato l'età evolutiva.

Nel mondo dello sport stiamo assistendo al dilagare del doping, anche e soprattutto in ambito amatoriale. Sono stati rilevati  casi di doping nelle stesse Paraolimpiadi, settore che già si riteneva assolutamente “pulito” per via delle forti e sofferte motivazioni dei loro partecipanti.

Stiamo assistendo, in buona sostanza, ad un progressivo calo generale della coscienza, sia essa intesa in senso etico che in senso di consapevolezza, sotto i colpi del mito del successo, dei grandi guadagni e dell'apparire.

  1. L'eccessivo impegno sportivo così stimolato nell'atleta risponde alla funzione di sostenerne un'autostima e un'identità fondata esclusivamente prima sul successo agonistico e sul prestigio sociale (e, in campo professionistico, anche e soprattutto su aspettative di elevati redditi) e poi, in misura sempre più crescente, sulla paura di poter perdere tale identità “vincente”.

  2. Ciò determina un eccesso di stress ed una conseguente, crescente ansia per contenerlo e ridurlo. Di qui la necessità di utilizzare il doping anche con precipue funzioni di rassicurazione, operazione quindi funzionale, in questa fase, a nche a ridurre lo stress. Il che si traduce, ovviamente, in un ulteriore rinforzo motivazionale ad assumere sostanze dopanti.

 

B) Cause di natura psicoemotiva

in questo caso la spinta al doping è   maggiormente  originata dalla stessa struttura caratteriale del soggetto,che  può essere soggetta a:

-         un Io molto insicuro e alla conseguente paura di fallire la prestazione, un Io che può facilmente proiettarsi in un Io ideale “costruito” tramite la suggestione di un qualche campione che si cercherà ossessivamente di imitare.

-         un Io eccessivamente competitivo e perfezionista, che rivela   una già presente fissazione narcisistica.

 

C) Cause di natura psicofisiologica

     la spinta al doping può Instaurarsi:

-         come scorciatoia per una veloce riconquista della forma perduta in seguito ad infortunio;

-         per controllare il peso-forma.

 

Conclusioni

Occorre pertanto che le istituzioni, attraverso gli organismi preposti come le Federazioni e gli Enti di promozione sportiva, rendano trasparenti a tutti gli atleti non solo le imprescindibili conseguenze organiche delle varie sostanze dopanti (morbo di Gerich, leucemie, tumori ecc.) ma anche le loro forti e penose ripercussioni psicopatologiche. Per certi aspetti queste ultime appaiono ancor più subdole di quelle fisiche e, in quanto tali, potenzialmente foriere di condizionare negativamente tutta la vita dell'ex atleta, specie se non riconosciute come effetto delle pratiche dopanti, come facilmente può avvenire.

Le istituzioni potranno pertanto, in questi tempi in cui il doping non sta certo affatto regredendo, cogliere occasioni importanti quali quelle offerte dalla risonanza sociale di eventi come le Olimpiadi Invernali per sensibilizzare il cittadino che pratica o intende praticare un'attività sportiva, sia a livello professionistico che amatoriale, portandolo a conoscenza dell'intera gamma dei rischi psicofisici connessi all'uso di sostanze dopanti, nonché illustrandogli i meccanismi sociali e psicologici mediante cui egli potrebbe essere tentato di assumere le sostanze in oggetto.

Accanto quindi alla necessità di proseguire le campagne di divulgazione dei vantaggi psicofisici di una corretta attività fisica, si sottolinea quindi con forza la parallela necessità di  campagne  di prevenzione promuovendo una cultura educativa medico-psicologica sempre più costante, diffusa e massiccia tesa ad informare quanti più cittadini possibile  su tutti gli immensi svantaggi psicofisici e sociali connessi con l'assunzione di sostanze dopanti.

Libri

Top twentytwo collaboratori attivi

1-Paola Viale (1045 file)

2-Miriam Gaudio (676 file)

3-Carlo Zacco (394 file)

4-Vincenzo Andraous (354 file)

5-Gianni Peteani (294 file)

6- Giovanni Ghiselli (288 file)

7-Enrico Maranzana  (266 file)

8-Piero Torelli (153 file)

9-Luca Manzoni (147 file)

10-Sandro  Borzoni (133 file)

11-Maria Concetta Puglisi (117 file)

12-Irma Lanucara (104 file)

13-Gennaro Capodanno (92 file)

14-Elio Fragassi (85 file)

15-Laura Alberico (70 file)

16-Alissa Peron (63 file)

17-Francesco Avolio (59 file

18-Rosalia Di Nardo (54 file)

19-Silvia Sorrentino (47 file)

20-Vittorio Tornar (46 file)

20-Cristina Rocchetto (46 file)

22-Samuele Gaudio (44 file)

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2017 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

 

 

 

 

 

 

 

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di

 

 

Privacy Policy