Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

 

Il dio Pan

di Fabio Alberto Maggioni - 1° liceo scientifico A - Istituto S. Ambrogio Milano

supervisione del professor Luca Manzoni

Pan è un dio particolare: è l’unico ad essere mortale e le sue origini sono incerte. Perciò di Pan ne sono esistiti diversi, e quindi, per essere distinti, furono chiamati in modi differenti, in base al loro padre: Ermopan da Ermes, Diopan da Zeus e Titanopan dai Titani. Il più famoso è Ermopan, figlio di Ermes e Driope. Come racconta Omero nel suo XIX inno, la madre, dopo la nascita del figlio, terrorizzata dal suo orribile aspetto, lo abbandonò e fuggì; il padre invece lo raccolse e, dopo averlo avvolto amorevolmente in una pelle di lepre, lo portò sul monte Olimpo per far rallegrare gli dei. Le divinità gli attribuirono il nome di Pan, che significa “Tutto”, poiché con il suo aspetto ridicolo rallegrava “Tutti”. Infatti Pan è rappresentato sovente come un demone mezzo uomo e mezzo animale, con un volto barbuto avente un’espressione di astuzia; un mento prominente e due zanne ingiallite. È provvisto di due corna sulla fronte, un corpo peloso e due gambe simili a quelle di un caprone, con zoccoli ed agili zampe e , secondo la tradizione, un fallo perennemente eretto. Tuttavia alcuni mitologi, come Cicerone ne “La natura degli dei”, affermarono che egli fosse figlio di Penelope, la regina di Itaca, che si sarebbe unita a “Tutti” i suoi pretendenti e avrebbe partorito Pan. Altre fonti come Apollodoro affermano che il dio fosse figlio di Zeus e Ibris o Callisto; in quest’ultima versione sarebbe quindi fratello di Arcade. Infine, viene talvolta identificato come figlio di Etere e della ninfa Enoe, o di Crono e di Rea, oppure di Urano e di Gea, o semplicemente di Crati, un pastore, che si unì ad una capra.

In tutte le versioni tuttavia, Pan è sempre considerato il dio dei pastori e delle greggi, la divinità dei boschi, in quanto non risiedeva sull’Olimpo ma viveva specialmente nelle selve; nume dei campi e della fertilità, anche se si dedicò alla musica e alla caccia nelle valli dell’Arcadia, regione del Peloponneso. Era dotato di una attività sessuale notevole: ebbe numerose relazioni con tutte le Menadi1 e diverse
 

1 Le Menadi, dette anche “Le baccanti”, erano le celebratrici di Dioniso  che danzavano e vagavano come animali per monti e foreste.

___________________________________________________________________________________

 

Ninfe2, tra le quali Eco, con la quale generò Lince, Lunge e Lambe,  ed Eufeme, con la quale generò Croto, il Sagittario dello zodiaco. Procreò anche il Torcicollo o Uccello Serpente, ovvero un volatile migratore utilizzato per la magia erotica. Tuttavia Pan, a causa del suo aspetto, trovava difficoltà nell’accoppiamento con donne, uomini ed animali, e così cercava da solo la propria soddisfazione mediante la masturbazione; avendo perciò una predilezione  per  i  piaceri  sessuali, veniva collegato alla  figura  della   lussuria. A lui erano anche associati i Satiri, ovvero personificazioni della fertilità e della forza vitale della natura, i quali, come occupazione primaria, si accoppiavano con le ninfe nelle foreste e conducevano una vita tranquilla suonando i loro flauti.

Possedeva anche un’agilità prodigiosa: era veloce nella corsa e si arrampicava agevolmente sulle rocce, riuscendo così a  nascondersi  nei cespugli, dove  tendeva  imboscate ai viaggiatori  dai quali era temuto in quanto appariva di sorpresa, suscitando terrore; perciò a lui si associa la  parola “Panico”, che deriva proprio da questa sua caratteristica.

Il culto di Pan, oltre che in Grecia, si estese anche al di fuori del mondo Ellenico, in quanto egli possedeva una grande connotazione sessuale, simbolo della supremazia maschile. Nel tempo tuttavia Pan divenne per molti una figura simile a Satana, a causa delle sue passioni e del suo aspetto, mentre i suoi Satiri diventarono i diavoli; le ninfe divennero perfide streghe, e i piacevoli svaghi nel cuore delle foreste divennero raduni infernali dove questi esseri si accoppiavano. Comunque, fu un dio molto apprezzato e lodato, poiché, nel 490 a.C., aveva fatto trionfare gli ateniesi nella battaglia di Maratona contro i persiani, tantoché essi gli consacrarono un luogo di culto ad Atene. Inoltre Pausania scrive che i Galli, dopo aver saccheggiato la grecia, giunti ad Atene, videro in questo tempio la statua del dio Pan e furono così tanto spaventati che fuggirono, non tornando più indietro per la paura.

Pan era famoso anche grazie ai diversi attributi che possedeva, ed ognuno aveva una propria leggenda d’origine. La Siringa è il suo elemento più importante e quasi sempre

 

2 Le Ninfe erano divinità minori della natura o celesti.

___________________________________________________________________________________ 

rappresentato insieme al dio,conosciuta anche con il nome di “Flauto di Pan”. Il mito narra che la divinità si innamorò della Ninfa Siringa, la quale fuggiva alle sue insidie scappando. Arrivati alle rive del fiume Ladone3, la ragazza si rese conto di non poter più proseguire nella fuga e così pregò le sorelle Naiadi4 di trasformarla. Quando il Satiro afferrò la Ninfa, si accorse di aver preso solo canne palustri. Poi Pan notò che il vento, vibrando all’interno dei tubi, produceva un suono soave; decise quindi di tagliarli in sette parti diseguali ed unirli tra loro con della cera, in modo da creare uno strumento musicale che, in onore della fanciulla, venne chiamato “Siringa”. Si narra inoltre che Pan avesse deposto il flauto in una grotta vicino a Efeso. Questo antro serviva per mettere alla prova le ragazze che sostenevano di essere vergini: venivano chiuse nel suo interno e, se erano veramente pure, il dio le coronava con rami di pino e le deliziava con il dolce suono della Siringa. Nel caso contrario, si udivano grida funeree e le fanciulle scomparivano dopo alcuni giorni. Un’origine simile ebbe un suo altro attributo, la corona di pino: per sfuggire al dio Pan che voleva catturarla, la ninfa Pitis chiese e ottenne di essere trasformata in un albero di pino. Secondo un’altra versione, Pitis aveva due uomini che la contendevano: Pan e il vento del Nord Borea. Quando Pitis scelse il primo, Borea si vendicò con il suo soffio impetuoso, facendo precipitare la poveretta dall’alto di una roccia, ma la Terra trasformò il suo corpo in un albero di pino; Pan, addolorato, decise di portare sempre con sé un ramoscello di quella pianta, nel ricordo della sua amata. Un altro elemento fondamentale di Pan è il suo membro: in molti dipinti e sculture è rappresentato con un fallo eretto che ne evidenzia la sua potenza creatrice. Questa figura della divinità trasmette un’idea di grande fertilità e procreazione del nume. Il dio portava inoltre sempre con sé anche un bastone da pastore, chiamato “Lagòbolon”.

 

3 Il Ladone è un fiume che sorge in Arcadia, a ovest di Tripoli e sfocia nel Mar Ionio. È anche il nome latino di Oceano, menzionato da Esiodo nella Teogonia.

4 Le Naiadi erano ninfe figlie di Nereo e Doride, le quali custodivano  tutte le acque dolci della terra e avevano facoltà guaritrici e profetiche.

___________________________________________________________________________________

 

Esistono altre leggende che riguardano le disavventure amorose di Pan. Il suo più grande amore  fu rivolto a Selene, ma la dea non gradiva quel nume sporco e peloso. Allora Pan, essendo una divinità scaltra, si mutò in un cavallo dal pelo bianco e profumato; Selene, non riconoscendolo, accettò di cavalcarlo e fu sedotta da egli. Un altro mito, non di natura amorosa, narra che Tifone, dopo la titanomachia, voleva uccidere Zeus per vendicare i Giganti, così
gli dei, terrorizzati, fuggirono. Si recarono in 
Egitto, dove si mutarono in animali per nascondersi. Pan si trasformò in un essere metà pesce e metà capra, ma la forma era così strana che Zeus, ammirato, creò con quella stessa fisionomia la costellazione del Capricorno, al fine di ringraziare il nume dei boschi dell’aiuto offertogli per difendere l’Olimpo. La scienza dedicò poi a Pan un satellite di Saturno e un asteroide, entrambi omonimi della divinità.

Comunque, pur essendo un personaggio astuto, con molte doti e di grande fama, nella letteratura e nei miti degli antichi, Pan non ebbe un ruolo particolare. Nella scrittura moderna tuttavia, il dio compare stabilmente nella poesia campestre; è sovente discussa la sua morte, in quanto fu l’unico dio greco mortale. Il mito narra che Tamo, un egiziano, si trovava su una nave diretta in Italia e, verso l’isola di Paxos5, udì per caso il lamento “Thamuz pan-megas Tethneke” (“Il grande Tammuz è morto”), ma percepì invece “Tamo, il grande Pan è morto”. L’imperatore Tiberio, quando venne a conoscenza della notizia, ordinò di indagare e scoprì che si trattava proprio del dio Pan. Anche Plutarco, sacerdote di Delfi durante la seconda metà del primo secolo a.C., credette a questa storia e la pubblicò nel “De defectu oraculorum 17”; tuttavia, quando lo scrittore e geografo Pausania fece un viaggio in Grecia un secolo dopo, scoprì che i santuari, gli altari e le grotte sacre di Pan erano ancora molto frequentati. Soprattutto per alcuni commentatori Cristiani, in questa leggenda è simboleggiata la fine degli dei pagani tantoché molti poeti, come Elizabeth Browning, Gabriele D’annunzio ed Ezra Pound, scrissero poesie a riguardo.

 

5 Paxos (o Passo) è un’isola ionica della Grecia, situata a sud dell’isola di Corfù.

___________________________________________________________________________________

 

Bibliografia:

Eric Moormann – Wilfried Uitterhoeve, Miti e personaggi del mondo classico, dizionario di storia, letteratura, arte, musica a cura di Elisa Tetamo, Bruno Mondadori, Pavia 2004.

J.C. Cooper, Enciclopedia Illustrata dei simboli, Franco Muzzio editore, Padova 1987.

Pierre Grimal, Enciclopedia della Mitologia, garzanti, Milano 2004. 

Luisa Biondetti, Dizionario di Mitologia classica - Dei, eroi, feste, Baldini & Castoldi, Milano 2000.

Roberto Malini, Pan dio della selva, Edizioni dell'Ambrosino, Milano 2000.

Anthony S. Mercante, Dizionario universale dei miti e delle leggende, Newton & Company, Roma 2001.

Michael Stapleton - Elizabeth Servan-Schreiber, Il grande libro della mitologia greca e romana, Arnoldo Mondadori, Milano 19823.

Livio Gratton – Giuliano Romano, Il grande libro dello spazio, Arnoldo Mondadori, Milano 19811.

Robert Graves, I miti greci, Longanesi & Company, Milano 2000.

 

Sitografia:

Pan, www.wikipedia.it , consultato il 22 aprile 2011

Pan, www.miti3000.it , consultato il 14 aprile 2011

Top twentytwo collaboratori attivi

1-Paola Viale (1045 file)

2-Miriam Gaudio (676 file)

3-Carlo Zacco (394 file)

4-Vincenzo Andraous (354 file)

5-Gianni Peteani (294 file)

6- Giovanni Ghiselli (288 file)

7-Enrico Maranzana  (266 file)

8-Piero Torelli (153 file)

9-Luca Manzoni (147 file)

10-Sandro  Borzoni (133 file)

11-Maria Concetta Puglisi (117 file)

12-Irma Lanucara (104 file)

13-Gennaro Capodanno (92 file)

14-Elio Fragassi (85 file)

15-Laura Alberico (70 file)

16-Alissa Peron (63 file)

17-Francesco Avolio (59 file

18-Rosalia Di Nardo (54 file)

19-Silvia Sorrentino (47 file)

20-Vittorio Tornar (46 file)

20-Cristina Rocchetto (46 file)

22-Samuele Gaudio (44 file)

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2017 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

 

 

 

 

 

 

 

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di

 

 

Privacy Policy