Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

Orgoglio di essere italiani

tema svolto di Murgia Morgana

classe V CP – Istituto “A. Monti” di Asti - indirizzo psico-pedagogico

anno scolastico 2012 - 2013

pubblicazione a cura della prof.ssa Silvia Sillano

Tipologia D: tema di argomento generale

Traccia

“Quando un popolo non ha più senso vitale del suo passato si spegne. La vitalità creatrice è fatta di una riserva di passato. Si diventa creatori anche noi, quando si ha un passato. La giovinezza dei popoli è una ricca vecchiaia” (C.Pavese). Discutete e sviluppate con riflessioni personali il principio enunciato nel passo su riportato.

Svolgimento

Sentirsi italiani oggi non è semplice; se si guarda al passato, emergono certamente stimoli ed esempi, una certa nostalgia a volte orgoglio, altre volte vergogna per le atrocità e gli sbagli dei nostri avi.
Un piccolo sforzo mnemonico ed ecco tornarci alla mente la storia, la cultura, l’arte, la politica di un tempo che non è il nostro, ma a cui inevitabilmente siamo legati.
Il passato è importantissimo, quanto meno dovrebbe insegnare, servire da modello in positivo o in negativo. Il passato è sempre avvolto in una patina di fascino, perché quello che siamo è il risultato dei grandi uomini, di importanti avvenimenti storici, delle scelte che furono, ma anche di quegli uomini che non sono entrati nei libri di storia, nonostante abbiano costruito con la loro esistenza e il loro lavoro la storia stessa.
È possibile sentirsi italiani se si escludono taluni periodi storici o personaggi. Intendo dire che sarebbe davvero un’utopia se pensassimo che rimanendo legati a uomini quali Dante, Leonardo da Vinci, Calvino, De Andrè, Rino Gaetano, ecc.. si potesse progredire.
L’orgoglio che deriva dall’essere cittadini della medesima patria di poeti, scrittori, artisti, filosofi, uomini politici, cantautori risulta però inefficace nell’offrirci possibilità di creare, superare i modelli del passato.
È un atteggiamento proprio dell’uomo il guardare con occhi nostalgici al passato. A testimonianza di ciò i continui ritorni al classicismo, alla razionalità, al sentimento; i modelli artistico-filosofici greci e architettonici romani mai fuori moda, i programmi scolastici legati in tutto e per tutto al passato. Evolversi significa sfruttare il passato per migliorare, non venerare le imprese dei nostri padri in un’adorazione fine a se stessa. Forse in Italia siamo “malati” di passato, forse tutto ciò ha portato ad una stagnazione culturale.
Attendo con ansia il nuovo Botticelli, il nuovo Gaber, il nuovo Manzoni: ma purtroppo non sappiamo “usare” correttamente il passato. Non ci sono istruzioni per l’uso, esiste la voglia di essere orgogliosi dell’Italia di oggi. Con un passato come quello italiano, il presente dovrebbe essere giovane, ricco di vitalità creatrice.
L’Italia nel 2012, invece, è fatta di politici corrotti, di uno sviluppo praticamente inesistente, di crisi, di tasse, di poca compattezza sociale, di approfittatori, di arringatori di folle senza sani ideali, di interessi privati, di poco amore e rispetto per l’Italia stessa e infine di gente che crede nelle proprie capacità, crede nell’Italia, gente onesta, ma che non ha tante chances. Il passato è la nostra consolazione. Sentirsi italiani oggi non è semplice, l’Italia è un Paese per pochi. Per i giovani non c’è futuro noi siamo l’Italia di domani e siamo costretti alla fuga. Un paese che perde cittadini è un paese malato.
Resto perché amo l’Italia, per De Andrè, per la pizza, l’arte, la cultura, i monumenti, i musei, i romanzieri, il clima, gli affetti del mio Paese.
Parto perché penso a me, perché scappo da un paese che non mi promette nient’altro che sacrifici, perché mi sento sempre meno italiana e sempre più cittadina del mondo.

Libri

Top twentytwo collaboratori attivi

1-Paola Viale (1045 file)

2-Miriam Gaudio (676 file)

3-Carlo Zacco (394 file)

4-Vincenzo Andraous (354 file)

5-Gianni Peteani (294 file)

6- Giovanni Ghiselli (288 file)

7-Enrico Maranzana  (266 file)

8-Piero Torelli (153 file)

9-Luca Manzoni (147 file)

10-Sandro  Borzoni (133 file)

11-Maria Concetta Puglisi (117 file)

12-Irma Lanucara (104 file)

13-Gennaro Capodanno (92 file)

14-Elio Fragassi (85 file)

15-Laura Alberico (70 file)

16-Alissa Peron (63 file)

17-Francesco Avolio (59 file

18-Rosalia Di Nardo (54 file)

19-Silvia Sorrentino (47 file)

20-Vittorio Tornar (46 file)

20-Cristina Rocchetto (46 file)

22-Samuele Gaudio (44 file)

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2015 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

 

 

Atuttascuola network 728x90

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di

 

 

Privacy Policy