Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

Ripassa per la maturità:

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

Pirandello e gli altri

Paragoni fra Pirandello e altri autori della letteratura italiana

I confronti

Per capire meglio ciò che contraddistingue l’arte di questo autore, proviamo a fare alcuni confronti con gli scrittori del tempo suo e del periodo precedente.

 

Pirandello e Leopardi

Sono entrambi disincantati, ma è cambiato il punto di riferimento ideologico-filosofico, che non è più l’inappuntabile meccanicismo. Per Leopardi, infatti, la realtà era univoca, per Pirandello no. I riferimenti del relativismo gnoseologico pirandelliano sono da ricercare nella filosofia a lui contemporanea

 

Pirandello e la rinuncia del razionalismo

Infatti, Pirandello rifiuta esplicitamente il razionalismo positivistico in due saggi:

“Arte e coscienza d’oggi” (1893)

“Rinunzia” (1896)

“La scienza e la filosofia moderna implicano una rinunzia rispetto al mistero della vita.” = La realtà problematica dell’uomo contemporaneo non è riconducibile agli schemi razionalistici.

 

Pirandello e Verga

Pirandello si sente legato a Verga.

Nel Discorso su Verga in occasione dell’80° anniversario della nascita distingue fra scrittori di cose (come Verga) e scrittori di parole (come D’Annunzio)

Questi ultimi interpretano i gusti della gente, ed hanno successo. I primi ricercano i perché più profondi, e non sempre hanno successo. Pirandello, insomma, si vuole inserire nel solco di Verga (scrittore di cose) e non di D’Annunzio (scrittore di parole).

Tuttavia, nel saggio “Rinunzia” egli fa esplicitamente a meno delle leggi dell’ereditarietà.

Insomma, non crede, come i veristi, che siano le cause sociali a schiacciare l’uomo. Nelle vicende umane grande spazio è dato alla scelta personale, ma soprattutto all’imprevisto, al caso (vedi la differenza fra Rosso Malpelo e Ciàula scopre la luna)

 

Pirandello e D’Annunzio

Pirandello tuttavia rinunzia anche all’idea della vita come letteratura, non si accontenta dei surrogati dannunziani, come l’estetismo, l’arte-vita, il superuomo. Con lui si passa, dice Salinari, dai miti alla coscienza del decadentismo italiano. Pirandello vuole guardare in faccia la verità dell’uomo, così come è, per questo preferisce Verga a D’Annunzio come punto di riferimento da cui partire.

 

Pirandello e Pascoli

Pirandello descrive non il ripiegamento interiore, non la regressione al fanciullino, ma la coscienza della crisi di identità dell’uomo.

Tuttavia, a evidenziare più analogie che differenze tra i due, occorre ricordare che, in un saggio del 1933, Pirandello scriveva così:

“Creare forme di vita, o forme vive, che è lo stesso, è opera ingenua e naturale […] ed è una forza che all’artista resta dalla sua infanzia, una qualità del bambino che egli è stato […] Egli sente che nelle cose è un mistero che nessuno, nemmeno i grandi, gli potranno spiegare, quello stesso della vita, il lato più importante, il mistero […] il nostro bambino se lo trova sempre davanti”

 

Pirandello e i futuristi

Nell’11° capitolo del 2° libro del suo romanzo Uno, nessuno e centomila, Pirandello parla negativamente della macchina e della velocità, e scrive, quasi in polemica con i futuristi: “Ci vorrebbe in po’ più d’intesa tra l’uomo e la natura”

 

Pirandello e Svevo

Molti sono i punti in comune fra i due scrittori, ma mentre per Pirandello la letteratura è tutto, per Svevo essa occupa solo alcune fasi della sua vita.

libri

Top twenty collaboratori attivi

1-Paola Viale (1010 file)

2-Miriam Gaudio (575 file)

3-Vincenzo Andraous (344 file)

4-Gianni Peteani (266 file)

5-Enrico Maranzana  (246 file)

6- Giovanni Ghiselli (222 file)

7-Luca Manzoni (124 file)

7-Sandro  Borzoni (124 file)

9-Maria Concetta Puglisi (117 file)

10-Gennaro Capodanno (86 file)

10-Piero Torelli (86 file)

12-Elio Fragassi (77 file)

13-Alissa Peron (63 file)

14-Francesco Avolio (59 file

15-Laura Alberico (57 file)

16-Rosalia Di Nardo (54 file)

17-Silvia Sorrentino (47 file)

18-Vittorio Tornar (46 file)

19-Samuele Gaudio (44 file)

19-Cristina Rocchetto (44 file)

 

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2014 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

Guarda le videolezioni:

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di