Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

 

Competenze

Dall'industriale al post-industriale

Negli anni sessanta si puntava sulla quantità (produrre tanto) più che sulla qualità.

A quell'epoca la scuola doveva semplicemente formare degli esecutori.

Oggi il modello economico è basato sulla qualità più che sulla quantità (sulla quantità i cinesi ci supererebbero senza problemi).

Quindi anche la scuola non forma semplicemente degli esecutori, come nella scuola di massa, ma dei competenti.

La competenza

Occorre quindi puntare l'attenzione sulle competenze, e, da questo, sulle abilità.

Non basta più formulare contenuti disciplinari minimi, ma soprattutto delle abilità (metter in pratica delle conoscenze), cioè non solo "sapere", ma anche "saper fare". Quindi non bastano gli apprendimenti di tipo cognitivo, ma sono necessarie esperienze (es. laboratori, stage, ecc...).

Lo sviluppo dell'intelligenza nel bambino (Piaget) dimostra che c'è un fase in cui è importantissima l'esperienza, il saper fare, le istruzioni.

Certe cose si acquisiscono solo facendo, non solo con la teoria. Bisogna fare e rifare più volte, per sapere come si fa.

L'apprendimento deve modificare il nostro modo di pensare, ma anche di comportarsi e di agire.

La conoscenza vale se ci semplifica la vita, non deve essere fine a se stessa.

Certe volte, però, c'è un'idea equivoca della competenza, cioè secondo la definizione di Spencer e Spencer, una perfomance eccellente causalmente collegata ad una attitudine intrinseca.

Non bisogna invece parlare della competenza in modo generale, ma della persona che è competente. Noi non possiamo oggettivare le competenza, possiamo semmai oggettivare le conoscenze.

La competenza deve essere una dimensione della persona, aperta all’apprendimento. È deleterio pensare di sapere già tutto. Questa è già una competenza fondamentale:  capire che devo imparare ancora moltissimo.

Libri

Top twentytwo collaboratori attivi

1-Paola Viale (1045 file)

2-Miriam Gaudio (676 file)

3-Carlo Zacco (394 file)

4-Vincenzo Andraous (354 file)

5-Gianni Peteani (294 file)

6- Giovanni Ghiselli (288 file)

7-Enrico Maranzana  (266 file)

8-Piero Torelli (153 file)

9-Luca Manzoni (147 file)

10-Sandro  Borzoni (133 file)

11-Maria Concetta Puglisi (117 file)

12-Irma Lanucara (104 file)

13-Gennaro Capodanno (92 file)

14-Elio Fragassi (85 file)

15-Laura Alberico (70 file)

16-Alissa Peron (63 file)

17-Francesco Avolio (59 file

18-Rosalia Di Nardo (54 file)

19-Silvia Sorrentino (47 file)

20-Vittorio Tornar (46 file)

20-Cristina Rocchetto (46 file)

22-Samuele Gaudio (44 file)

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2017 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

 

 

 

 

 

 

 

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di

 

 

Privacy Policy