Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

 

Mastery learning

Teoria del mastery learning di Bloom

Bloom insiste sul successo nell'apprendimento. In rapporto con questa teoria,  Carrol scrisse che l'attitudine non è qualcosa di innato, ma si acquisisce nel tempo. Per Carrol c'è un rapporto tra il tempo reale necessario per l'apprendimento e il tempo realmente speso per raggiungere quel contenuto. C'è il problema infatti di sveltire i tempi di apprendimento. Per questo motivo, vedendo il successo dell'organizzazione aziendale, di tipo tayloristico, si pensò di applicare il modello tayloristico anche alla scuola. Venne enfatizzata l'azione del docente, con una visione di tipo comportamentista, per cui valeva la pena di porre l'attenzione sul tempo necessario per far apprendere un contenuto. Quindi la teoria del mastery learning si basa su una visione comportamentista della didattica. Per trasmettere sapere basta dedicare il tempo necessario, magari anche con ripetizioni, alla trasmissione di contenuti. Per questo il docente deve essere responsabilizzato, preparato, formato, ecc... In questa visione, sono trascurati altri elementi, come l'allievo, e l'attenzione è tutta posta sul docente. L'importante è che si raggiunga lo scopo, senza tener conto delle variabili, o senza tener conto delle reazioni dello studente. Se lo studente non apprende, per la teoria del mastery learning, basta solo ripetere la spiegazione. Si tratta di una visione molto deterministica. L'ambizione, l'ideale nobile e utopico di Bloom è stata quella di modificare la curva di gauss, in una curva a j, cioè fare in modo che le differenziazioni sociali si appianassero. La scuola non deve discriminare e penalizzare la povera gente, come diceva anche Don Milani. Per far questo bisogna operare per obiettivi, in modo che tutti possano raggiungere un traguardo. In realtà, però, la scuola non riesce a modificare le discriminazioni sociali, anzi spesso le enfatizza. Dopo il sessantotto, il mastery learning contribuì però a lasciare da parte teorie spontaneistiche, impostando nuovamente l'azione educativa sulla docenza piuttosto che sull'alunno (superando l'attivismo). Da qui il formalismo educativo, cioè l'azione educativa sottoposta ad un percorso prestabilito. Il rischio del mastery learning è stato quello dell'omologazione, cioè dell'utopia che tutti potessero raggiungere gli stessi livelli, anche a costo di abbassare i livelli. In definitiva, in modo razionalistico, questi pedagogisti del mastery learning non hanno personalizzato l'azione pedagogica. poiché tutti dovevano raggiungere determinati livelli, e hanno ottenuto spesso l'unico effetto di livellare e abbassare i livelli, senza necessariamente operare quell'innalzamento del livello culturale delle classi più basse.

Libri

Top twentytwo collaboratori attivi

1-Paola Viale (1045 file)

2-Miriam Gaudio (676 file)

3-Carlo Zacco (394 file)

4-Vincenzo Andraous (354 file)

5-Gianni Peteani (294 file)

6- Giovanni Ghiselli (288 file)

7-Enrico Maranzana  (266 file)

8-Piero Torelli (153 file)

9-Luca Manzoni (147 file)

10-Sandro  Borzoni (133 file)

11-Maria Concetta Puglisi (117 file)

12-Irma Lanucara (104 file)

13-Gennaro Capodanno (92 file)

14-Elio Fragassi (85 file)

15-Laura Alberico (70 file)

16-Alissa Peron (63 file)

17-Francesco Avolio (59 file

18-Rosalia Di Nardo (54 file)

19-Silvia Sorrentino (47 file)

20-Vittorio Tornar (46 file)

20-Cristina Rocchetto (46 file)

22-Samuele Gaudio (44 file)

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2017 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

 

 

 

 

 

 

 

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di

 

 

Privacy Policy