Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

 

Teorie sugli obiettivi

appunti di pedagogia

Vengono elaborate negli Stati Uniti, intorno agli anni cinquanta, da Tyler, alcune domande

1.      Quali sono le finalità educative che la scuola deve cercare di raggiungere? Che fine ha?

2.      Quali sono le esperienze che dovremmo attivare per raggiungere questo fine?

3.      Quali posso realizzare di queste esperienze?

4.      Come posso verificare, valutare il conseguimento di queste finalità?

Poi, nel 1962, Hilda Taba, studiosa russa, elabora il modello sequenziale, che divide un curricolo educativo, che deve preoccuparsi di promuovere l’apprendimento, quindi non può che partire dai suoi bisogni, quindi focalizza i suoi bisogni, e, da qui, spiega quali sono gli obiettivi, per poi giungere ai contenuti (tipico per esempio del corso di studi di base), da un curricolo formativo, cioè partendo dagli obiettivi, per poi passare ai contenuti attraverso i bisogni (tipico per esempio di un corso di laurea universitario).

Schematizzando:

1.      Curricolo educativo:

a.      Bisogni

b.      Obiettivi

c.      Contenuti

2.      Curricolo formativo:

a.      Obiettivi

b.      Bisogni

c.      Contenuti

Nel 1975 Nicholls ha prodotto la rappresentazione di un modello circolare, che sottolinea la complessità della progettazione di un curricolo, con un approccio olistico, secondo il seguente schema

1.      Obiettivi

2.      Metodi

3.      Realizzazione

4.      Valutazione

La cosa importante è che, una volta arrivati al punto  4, si riprende dal punto 1, in modo ricorsivo, con un miglioramento continuo.

Lo stesso Nicholls ha ripreso il modello facendolo diventare sistemico, per cui i 4 elementi sono legati fra loro da un rapporto di correlazione sistemica, per cui se si modifica solo uno di quegli aspetti, tutto il sistema si modifica. Ogni elemento, in questo modello sistemico, è correlato con l’altro.

Francesco De Bartolomeis, pedagogista torinese, ha ripreso in Italia questi modelli, che poi sono diventati un punto di riferimento, anche per la pedagogia italiana, nel periodo degli anni ottanta-novanta

Libri

Top twentytwo collaboratori attivi

1-Paola Viale (1045 file)

2-Miriam Gaudio (676 file)

3-Carlo Zacco (394 file)

4-Vincenzo Andraous (354 file)

5-Gianni Peteani (294 file)

6- Giovanni Ghiselli (288 file)

7-Enrico Maranzana  (266 file)

8-Piero Torelli (153 file)

9-Luca Manzoni (147 file)

10-Sandro  Borzoni (133 file)

11-Maria Concetta Puglisi (117 file)

12-Irma Lanucara (104 file)

13-Gennaro Capodanno (92 file)

14-Elio Fragassi (85 file)

15-Laura Alberico (70 file)

16-Alissa Peron (63 file)

17-Francesco Avolio (59 file

18-Rosalia Di Nardo (54 file)

19-Silvia Sorrentino (47 file)

20-Vittorio Tornar (46 file)

20-Cristina Rocchetto (46 file)

22-Samuele Gaudio (44 file)

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2017 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

 

 

 

 

 

 

 

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di

 

 

Privacy Policy