Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

 

Valutare il comportamento

Il comportamento degli studenti è parte della valutazione interna della scuola. Con il Ministero Gelmini e la legge 169/08, oggi viene attribuito al comportamento un valore rilevante nel giudizio finale sull’alunno. Dopo anni di discussioni sul “se” e sul “quanto” il comportamento debba influire rispetto ai risultati scolastici, oggi abbiamo una chiara presa di posizione governativa che vuole essere un tentativo di arginare i fenomeni di bullismo che purtroppo avvengono nelle scuole. Come fare però per valutare il comportamento di uno studente resta argomento di larga discussione. Si potrebbe dare una risposta a questa domanda, proponendo una valutazione mensile da parte di ogni docente su ogni alunno. Senza dubbio emerge la necessità, ma anche la difficoltà, di attribuire un voto numerico a variabili comportamentali. Un’operazione che davvero ha poco a che vedere con la pedagogia e la psicologia, una forzatura che riporta in termini matematici ciò che matematico non può essere. Ai docenti non resta che adoperarsi in un’operazione fantasiosa e altamente discrezionale che non può assolutamente rappresentare la realtà. E’ già difficile e discutibile dare un voto numerico ad un compito scritto nero su bianco, figuriamoci ad un comportamento. Per operativizzare un comportamento occorre scegliere – primo passo di discrezionabilità – degli indicatori. Si potrebbe scegliere, ad esempio, “dimostra coscienza civile e sociale”, “rispetta le regole”,  “partecipa alle attività di classe e di istituto”. Sono indicatori che chiaramente esprimono concetti anche parzialmente sovrapponibili. Sono tre tra mille possibilità di opzioni diverse. E chi può dire quale sia più rappresentativo del reale? Teorie pedagogiche diverse danno risposte diverse, sensibilità varie portano a scelte diverse. Insomma, si corre il rischio di  fare questa operazione (valutare il comportamento) perché costretti, per scelte calate dall’alto che le scuole in qualche modo sono costrette a rispettare.

Top twentytwo collaboratori attivi

1-Paola Viale (1045 file)

2-Miriam Gaudio (676 file)

3-Carlo Zacco (394 file)

4-Vincenzo Andraous (354 file)

5-Gianni Peteani (294 file)

6- Giovanni Ghiselli (288 file)

7-Enrico Maranzana  (266 file)

8-Piero Torelli (153 file)

9-Luca Manzoni (147 file)

10-Sandro  Borzoni (133 file)

11-Maria Concetta Puglisi (117 file)

12-Irma Lanucara (104 file)

13-Gennaro Capodanno (92 file)

14-Elio Fragassi (85 file)

15-Laura Alberico (70 file)

16-Alissa Peron (63 file)

17-Francesco Avolio (59 file

18-Rosalia Di Nardo (54 file)

19-Silvia Sorrentino (47 file)

20-Vittorio Tornar (46 file)

20-Cristina Rocchetto (46 file)

22-Samuele Gaudio (44 file)

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2017 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

 

 

 

 

 

 

 

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di

 

 

Privacy Policy