Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

Ripassa per la maturità:

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

La notte

di Elie Wiesel

Recensione sul libro di Mariasole Barbaglia

Il nazismo è uno dei pochi argomenti della storia che mi interessa.
Il libro LA NOTTE mi ha attirato molto. È l’autobiografia del periodo che l’autore ha vissuto dalla sua cattura alla sua liberazione dai diversi campi di concentramento nei quali è stato deportato perché ebreo durante il periodo nazista nel corso dell’ultima parte della seconda guerra mondiale.
Racconta di come si viveva nei campi di concentramento vista da un ragazzo di 15 anni che ha dovuto fingersi diciottenne per poter lavorare con il padre e poter sopravvivere senza venir sterminato con gli altri ragazzi della sua vera età appena arrivati al campo. Infine il padre muore e lui dopo vari giorni viene liberato dagli americani.
Sono rimasta molto colpita da due fatti: il primo è che un ragazzo ha dovuto mettere nel forno crematorio il proprio padre, l’altro era la brutalità, la cattiveria di come venivano trattate queste povere persone: venivano chiamati cani pidocchiosi, gli avevano tolto la loro identità erano solo un numero, venivano frustrati ed i soldati li denutrivano, li facevano lavorare fino alla morte, li uccidevano solo perché erano ebrei, solo perché un pazzo diceva che erano inutili, che rendevano il mondo sbagliato.
Elie Wiesel scrivendo questo libro, secondo me, ha voluto raccontare con estrema sincerità tutto ciò che accadeva.
Mi è rimasto impresso anche che Elie non ha mai abbandonato suo padre, lo ha sempre aiutato fino alla fine anche quando sapeva che era inutile lui lo ha sempre aiutato dandogli la propria razione di zuppa e di pane; mentre mi ha molto colpito che alcuni figli uccisero il proprio padre, mi ha impressionato quando un figlio ha picchiato fino a ucciderlo il padre per una razione di pane.
Ultimamente ho visto il film IL BAMBINO COL PIGIAMA A RIGHE di cui mi sono rimaste impresse delle immagini alquanto spiacevoli e leggendo LA NOTTE mi tornavano in mente.

Mariasole Barbaglia 2I

Bibliografia

Top twenty collaboratori attivi

1-Paola Viale (1010 file)

2-Miriam Gaudio (575 file)

3-Vincenzo Andraous (344 file)

4-Gianni Peteani (266 file)

5-Enrico Maranzana  (246 file)

6- Giovanni Ghiselli (222 file)

7-Luca Manzoni (124 file)

7-Sandro  Borzoni (124 file)

9-Maria Concetta Puglisi (117 file)

10-Gennaro Capodanno (86 file)

10-Piero Torelli (86 file)

12-Elio Fragassi (77 file)

13-Alissa Peron (63 file)

14-Francesco Avolio (59 file

15-Laura Alberico (57 file)

16-Rosalia Di Nardo (54 file)

17-Silvia Sorrentino (47 file)

18-Vittorio Tornar (46 file)

19-Samuele Gaudio (44 file)

19-Cristina Rocchetto (44 file)

 

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2014 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

Guarda le videolezioni:

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di