Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

L'impresa industriale

L’impresa industriale è un’azienda di produzione diretta che attua la trasformazione fisico tecnica di materie prime o semi lavorate in prodotti finiti, attraverso 2 tipi fondamentali di processi:

-          produzione in senso stretto,

-          montaggio o assemblaggio.

 

Struttura patrimoniale delle imprese industriali è caratterizzata, dalla prevalenza delle immobilizzazioni rispetto alla consistenza dell’attivo circolante. Ciò ne determina una certa rigidità e contribuisce a spiegare come queste imprese siano generalmente rilevanti i costi fissi.

 

La gestione è il sistema unitario d’operazioni tra loro coordinate, poste in essere x il raggiungimento delle finalità perseguite dal soggetto aziendale. Nell’imprese industriali si posso individuare i seguenti gruppi d’operazioni o processi:

-          processi di finanziamento: l’impresa ottiene i mezzi necessari allo svolgimento della propria attività,

-          processi d’investimento: acquisizione dei fattori produttivi,

-          processi di trasformazione economico tecnica: trasformazione di materie prime,

-          processo di disinvestimento: recupero finanziario dei mezzi impiegati attraverso la vendita.

 

La gestione comprende varie aree o settori d’operazioni:

-          gestione caratteristica: operazioni relative all’acquisizione, trasformazione e vendita dei prodotti,

-          gestione finanziaria: operazioni di negoziazione, remunerazione e rimborso dei finanziamenti ottenuti,

-          gestione patrimoniale: operazioni di disinvestimento, d’amministrazione e d’investimento dei beni,

-          gestione straordinaria: comprende i componenti di reddito che sono estranei all’esercizio in corso,

-          gestione fiscale: operazioni relative alle imposte sul reddito.

 

La gestione può essere esaminata sotto diversi aspetti:

-          aspetto tecnico: riguarda i processi interni di trasformazione,

-          aspetto finanziario: riflette le variazioni provocate dalle operazioni nei valori finanziari,

-          aspetto economico: riguarda le variazioni del capitale proprio.

 

La contabilità generale è la parte del sistema informativo contabile che ha per oggetto la sistematica rilevazione delle operazioni aziendali al fine di determinare il reddito d’esercizio e il patrimonio di funzionamento.

Gli strumenti sono:  - il libro giornale: registra in ordine cronologico i fatti di gestione,

-    il mastro: contiene rilevazioni sistematiche

-    piano dei conti: documento che elenca i conti di una determinata azienda per rilevare i fatti di gestione e le operazioni di fine periodo.

 

Il sistema contabile adottato dalle nostre imprese è il sistema del patrimonio e del risultato economico, il quale analizza i fatti di gestione esterna sotto un duplice profilo:

-          aspetto finanziario: tende ad individuare le variazioni nei valori finanziari,

-          aspetto economico: mira ad individuare i componenti di reddito e le variazioni di capitale.

 

Le scritture d’esercizio relative al personale riguardano:

-          retribuzioni periodiche: salari che mensilmente si danno ai dipendenti,

-          premio INAIL: istituto nazionale d’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (è completamente a    carico del datore di lavoro, riguarda anche le malattie e soprattutto è obbligatoria),

-          liquidazione del TFR: (trattamento di fine rapporto).

 

Scritture di assestamento: rilevazioni di fine periodo con cui si trasformano i valori “di conto” in valori “di bilancio”, cioè in valori che consentono di determinare correttamente il reddito d’esercizio.

Si distinguono in:

-          scritture di completamento:  riguardano costi e ricavi di competenza dell’esercizio in chiusura, ma che non sono ancora stati contabilizzati perché derivano da variazioni finanziarie liquidabili soltanto al termine dell’esercizio,

-          scrittura di integrazione: rilevano costi e ricavi che avranno manifestazione finanziaria “futura”

-          scritture di rettificazione: hanno la funzione di rinviare al futuro costi e ricavi già manifestati, ma economicamente di competenza del prossimo esercizio.

L’ammortamento è un operazione tecnico-contabile con cui i costi dei beni strumentali vengono ripartiti in più anni. La ripartizione dei costi pluriennali deve seguire i seguenti elementi:

-          valore d’ammortizzare,

-          durata dell’ammortamento,

-          criterio di ripartizione del valore da ammortizzare.

 

Vari tipi di ammortamento:

-          ammortamento ordinario: il coefficiente non deve essere superiore al valore espresso dal Ministero delle Finanze, per tutti gli anni deve mantenere sempre il suo valore tranne nel primo e ultimo anno d’amm. che il suo valore è la metà.

-          ammortamento anticipato: il coefficiente è il doppio del suo valore ordinari per diminuire il tempo di amm., è sempre la metà per il primo e l’ultimo anno, viene fatto per ridurre gli utili imponibili e differirne la tassazione.

-          Ammortamento intensivo e accelerato: se si dimostra un intensa utilizzazione del bene rispetto a quella normale avviene l’amm. intensivo.

 

Il bilancio d’esercizio: è un documento amministrativo, ha il compito di fornire la rappresentazione della situazione patrimoniale e finanziaria dell’impresa al termine del periodo amministrativo.

Il bilancio deve essere redatto da tutte le imprese che hanno l’obbligo delle scritture contabili.

Per le imprese individuali e le società personali gli schemi di bilancio sono liberi, devono soltanto attenersi ai criteri di valutazione.

 

Principio generale del bilancio è espresso nell’art.2423: “il bilancio deve essere redatto con chiarezza, e deve rappresentare in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria della società”.

I principi di redazione:

-          principio della prudenza

-          principio della continuità aziendale

-          principio della competenza

-          principio della valutazione

-          principio della costanza

Struttura di bilancio: è costituita da 3 parti.

-          Stato Patrimoniale: configura la struttura e l’entità del patrimonio,

-          Conto Economico: da dimostrazione del risultato dell’esercizio,

-          Nota Integrativa: documento che completa i 2 prospetti contabili.

 

Reddito fiscale d’impresa si determina apportando all’utile o alla perdita le variazioni in aumento o in diminuzione.

 

Le principali variazioni fiscali:

-          valutazione delle rimanenze, (riguarda beni destinati alla produzione)

-          amm. delle immobilizzazioni materiali e immateriali

-          spese di manutenzione, riparazione e ammodernamento, (sono deducibili nel limite del 5% del costo complessivo)

-          interessi passivi,

-          svalutazione crediti, (sono deducibili nel limite dell’  0,50% del loro importo)

-          accantonamenti di rischi su crediti.

 

IRAP: (imposta regionale sulle attività produttive), imposta proporzionale a carattere reale non deducibile,

i soggetti che devono pagare l’IRAP sono: Società di capitali, enti commerciali assoggettati all’IRPEG, Società in nome collettivo, produttori agricoli e le persone fisiche che esercitano arte e professioni.

La base imponibile dell’IRAP è rappresentata dal valore della produzione netta.

 

Indici di bilancio: l’analisi di bilancio viene svolta mediante il calcolo degli indici, costituiti dal rapporto o dalla differenza tra valori contenuti nel bilancio.

Gli indici sono espressivi di indizi che possono indirizzare i giudizi sull’andamento storico prospettico della gestione dell’impresa.

L’analisi di bilancio mediate gli indici può essere:

-          interna: posta dall’azienda a scopo di programmazione e di controllo,

-          esterna: se condotta da persone estranee all’azienda,

-          puntuale: se effettuata sui valori contenuti in un solo bilancio,

-          temporale: se riguarda 2 o + bilanci consecutivi dalla stessa azienda,

-          settore: se effettuata su bilanci di aziende diverse ma nello stesso settore.

 

La procedura dell’analisi per indici è contraddistinta da diverse fasi:

-          interpretazione revisionale del bilancio,

-          eliminazione delle eventuali interferenze fiscali,

-          riclassificazione di bilancio,

-          scelta, calcolo degli indici,

-          coordinamento degli indici,

-          compilazione di una relazione interpretativa.

di Francesco Avolio

Libri

Top twenty collaboratori

1-Paola Viale (956 file)

2-Miriam Gaudio (519 file)

3-Vincenzo Andraous (333 file)

4-Gianni Peteani (255 file)

5-Enrico Maranzana  (227 file)

6- Giovanni Ghiselli (178 file)

7-Luca Manzoni (124 file)

8-Sandro  Borzoni (121 file)

12-Maria Concetta Puglisi (99 file)

10-Elena (84 file)

11-Gennaro Capodanno (83 file)

12-A.Lalomia (80 file)

13-Piero Torelli (75 file)

14-Elio Fragassi (74 file)

15-Francesco Avolio (59 file)

16-Rosalia Di Nardo (53 file)

17-Alissa Peron (49 file)

18-Vittorio Tornar (48 file)

19-Silvia Sorrentino (47 file)

20-Laura Alberico (44 file)

20-Samuele Gaudio (44 file)

20-Cristina Rocchetto (44 file)

 

 

 

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

Guarda le videolezioni:

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di