Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

Ripassa per la maturità:

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

Aggettivi prima classe

di Luca Manzoni

GLI AGGETTIVI DELLA I CLASSE

 

Gli aggettivi della prima classe presentano tre desinenze, una per ciascun genere grammaticale.

 

Essi possono essere classificati in tre modelli:

 

1.       – US ( m ), -A ( f ), -UM ( n )       = bon.us, bon.a, bon.um

2.      ER (m ), –ERA ( f), -ERUM ( n ) = miser, miser.a, miser.um

3.      ER( m ), -RA ( f ), -RUM ( n )     = piger, pigr.a, pigr.um

 

Questi modelli seguono la flessione dei sostantivi della I e II declinazione nominale.

 

 

SINGOLARE

 

PLURALE

M

F

N

M

F

N

N

BON. US 

= buono

 

BON.  A

=buona

BON. UM

= buona cosa

 

BON. I

= buoni

BON.AE

= buone

BON. A

= buone cose

G

BON. I

BON.AE

BON.I

BON. ŌRUM

BON.ĀRUM

BON.ŌRUM

DAT

BON. O

 

BON.AE

 

BON.O

 

BON. IS

 

BON. IS

 

BON. IS

 

ACC

BON. UM

BON.AM

 

BON. UM

BON. OS

BON. AS

BON. A

V

BON .E   

 

BON. A

 

BON. UM

 

BON. I

 

BON. AE

 

BON. A

 

ABL

BON. O

 

BON. Ā

 

BON. O

 

BON . IS

 

BON. IS

 

BON. IS

 

 

SINGOLARE

 

PLURALE

M

F

N

M

F

N

N

MIS.ER 

= misero

MISER.  A

=misera

MISER. UM

= misera cosa

MISER. I

= miseri

MISER.AE

= misere

MISER. A

= misere cose

G

MISER. I

MISER.AE

MISER.I

MISER. ŌRUM

MISER.ĀRUM

MISER.ŌRUM

DAT

MISER. O

 

MISER.AE

 

MISER.O

 

MISER. IS

 

MISER. IS

 

MISER. IS

 

ACC

MISER.UM

MISER.AM

 

MISER. UM

 

MISER. OS

 

MISER. AS

 

MISER. A

 

V

MISER   

 

MISER. A

 

MISER. UM

 

MISER. I

 

MISER. AE

 

MISER. A

 

ABL

MISER. O

 

MISER. Ā

 

MISER. O

 

MISER . IS

 

MISER. IS

 

MISER. IS

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SINGOLARE

 

PLURALE

M

F

N

M

F

N

N

PIG.ER 

= pigro

PIGR.  A

=pigra

PIGR. UM

= cosa pigra

PIGR. I

= teneri

PIGR.AE

= tenere

PIGR. A

= tenere cose

G

PIGR. I

PIGR.AE

PIGR.I

PIGR. ŌRUM

PIGR.ĀRUM

PIGR.ŌRUM

DAT

PIGR. O

 

PIGR.AE

 

PIGR.O

 

PIGR. IS

 

PIGR. IS

 

PIGR. IS

 

ACC

PIGR. UM

PIGR.AM

 

PIGR. UM

 

PIGR. OS

 

PIGR. AS

 

PIGR. A

 

V

PIGER

PIGR. A

 

PIGR. UM

 

PIGR. I

 

PIGR. AE

 

PIGR. A

 

ABL

PIGR. O

 

PIGR. Ā

 

PIGR. O

 

PIGR . IS

 

PIGR. IS

 

PIGR. IS

 

 

La  CONCORDANZA

 

In latino esistono tre tipi di concordanza:

 

1.   Concordanza  SOSTANTIVO – AGGETTIVO ( > funzione di attributo / predicativo )

2.   Concordanza  SOSTANTIVO – SOSTANTIVO ( > funzione di apposizione / denominazione )

 

1.a)  La CONCORDANZA  SOSTANTIVO - AGGETTIVO

 

L’aggettivo in latino, sia in funzione di attributo sia di predicativo, deve sempre concordare in CASO/ GENERE  / NUMERO col sostantivo cui si riferisce.

 

La concordanza non significa necessariamente identità di desinenze, cioè la desinenze dell’aggettivo non deve essere necessariamente uguale a quella del sostantivo ! 

La concordanza consiste invece in una identità di CASO / GENERE / NUMERO (  C/G / N ), per cui le desinenze del sostantivo e dell’aggettivo possono essere differenti.

 

Il punto di riferimento per stabilire la concordanza è il SOSTANTIVO ( dal latino: substantivum = “sostanza”), con il quale l’aggettivo deve concordarsi ( = adattarsi / adeguarsi ), appunto, in C / G / N.

 

Dunque la prima domanda che bisogna chiedere ad un sostantivo è:

 

DI QUALE GENERE SEI ???

 

Ricordiamo che, in latino, salvo alcune tendenze d’uso, non vi sono regole fisse per stabilire il genere di un sostantivo: quindi biosogna sempre CERCARE SUL VOCABOLARIO il genere del sostantivo in esame.

Per esempio,  il sostantivo AGRICOL.A, -AE = contadino ( nome di professione ) è di genere MASCHILE, mentre PIN.US, -I = pino ( nome di pianta ) è femminile.

 

Voglio concordare al sostantivo NAUT.A, -AE  l’aggettivo PERITUS, -A, -UM; invece, al sostantivo PIN.US, .I voglio concordare l’aggettivo ALT.US, -A, -UM.

 

Come fare: applico la regola della concordanza tra sostantovo- aggettivo:

L’aggettivo deve sempre concordare in C / G / N col sostantivo cui si rifersice.”

 

Scrivo per primo il sostantivo, poi l’aggettivo:

  


 

NAUT.A     PERIT.US         = il contadino esperto     //      PIN.US    ALT.A  = il pino alto           

RIASSUMENDO:

 

CONCORDANZA NON SIGNIFICA NECESSARIAMENTE AVERE LA STESSA DESINENZA !!!

 

Questo non significa necessariamente che anche le desinenze devono essere identiche!

 

Per esempio, sappiamo che la I declinazione comprende anche sostantivi maschili in – A =

( NAUT.A, -AE ): se dobbiamo dire in latino, “IL MARINAIO ESPERTO”,  ( PERĪTUS, -A, -UM ) dobbiamo quindi procedere in questo modo:

 

1. Verifico sul Vocabolario il GENERE del sostantivo ( naut.a, -ae = MASCHILE );

 

2. Analizzo CASO e NUMERO in cui devo esprimere il sintagma ( per esempio: SOGG = NOMINATIVO )

 

3. Concordo il sostantivo con la forma di AGGETTIVO CONCORDANTE IN CASO / GENERE / 

NUMERO.

 

SINGOLARE

PLURALE

N

Naut- A       perit- US = il marinaio esperto

Naut- AE         perit-I = i marinai esperti

G

Naut- AE     perit-I = del marinaio esperto

Naut- ARUM   perit- ORUM = dei marinai  esperti

D

Naut- AE     perit-O = al marinaio esperto

Naut- IS          perit- IS = ai marinai esperti

ACC

Naut- AM   perit- UM = il marinaio esperto

Naut- AS         perit- OS = i marinai esperti

V

Naut- A       perit-E = o marinaio esperto

Naut- AE         perit-I = i marinai esperti

ABL

Naut- A       perit-O = col marinaio esperto

Naut- IS          perit- IS = con i marinai esperti

   

1.b) LE FUNZIONI DELL’AGGETTIVO

 

Dopo aver individuato in un testo un aggettivo e la sua cooncordanza, prima di tradurlo ,devio riconoscerne la FUNZIONE / USO  nella sintassi.

L’aggettivo latino può svolgere tre funzioni / usi sintattici:

 

1. AGGETTIVO SOSTANTIVATO

2. AGGETTIVO ATTRIBUTIVO

3. AGGETTIVO PREDICATIVO ( DEL SOGGETTO /  DELL’OGGETTO )

 

-  AGGETTIVO   SOSTANTIVATO

L’aggettivo in funzione sostantivata si riconosce perché l’aggettivo NON CONCORDA CON  

ALCUN SOSTANTIVO nella frase.

L’aggettivo sostantivato si traduce premettendo all’aggettivo l’articolo determinativo.

NOTA BENE: Sul vocabolario, sotto la voce dell’aggettivo, alla fine della colonna, sono riportati gli USI SOSTANTIVATI dell’aggettivo stesso, con relativa traduzione !!!

 

BONI  a domino laudantur  = I BUONI sono lodati dal padrone.

 

-  AGGETTIVO   ATTRIBUTIVO

L’aggettivo in funzione attributiva si riconosce perché l’aggettivo CONCORDA CON   UN

SOSTANTIVO in C / G / N  e modifica il significato SOLO ALL’AGGETTIVO STESSO

( non del predicato verbale ).

L’aggettivo attributivo si traduce vicino ( primo o dopo ) il sostantivo cui si riferisce.

 

SERVI  boni  a domino laudantur = gli schiavi buoni ( = che sono buoni ) sono lodati dal

                                                            padrone.

 

 

-       AGGETTIVO   PREDICATIVO

 

L’aggettivo in funzione predicativa si riconosce perché l’aggettivo CONCORDA CON   UN

SOSTANTIVO in C / G / N, ma, a differenza dell’attributo, modifica il significato SIA DELL’AGGETTIVO, SIA DEL PREDICATO VERBALE.

( non del predicato verbale ).

L’aggettivo predicativo  si traduce separato dal sostantivo cui si riferisce e sempre DOPO il predicato verbale stesso.

L’aggettivo  predicativo  ha dunque bisogno di verbi “speciali”, ovvero verbi che devono essere completati nel costrutto e nel significato: infatti, senza l’aggettivo predicativo, il predicato verbale non avrebbe senso compiuto.

 

I verbi che necessitano il predicativo sono generalmente:

 

1.        VERBI APPELLATIVI          ( appellare, vocare … )

2.        VERBI ELETTIVI                  ( eligĕre, fecĕre, nominare ..)

3.        VERBI ESTIMATIVI             ( existimare, ducĕre, hebēre … )

 

Questi verbi, al passivo, reggono i PREDICATIVO DEL SOGGETTO ( = DOPPIO NOMINATIVO ); all’attivo, invece, reggono il PREDICATIVO DELL’OGGETTO ( = DOPPIO ACCUSATIVO ).

 

-SERVI        BONI        a domino   DUCUNTUR = gli schiavi sono considerati  BUONI

                       ( 1° NOM)  ( 2° NOM )                                                dal padrone.

 

 

-dominus  SERVOS     BONOS   DUCIT = il padrone  considera  gli schiavi  ( come ) buoni..

                                        ( 1° ACC )   ( 2° ACC )

 

 

  

2.      ALTRI TIPI DI CONCORDANZA: SOSTANTIVO – SOSTANTIVO

 

La concordanza può interessare non solo un sostantivo ed un aggettivo, ma anche un sostantivo con un altro sostantivo.

 

In questo caso, due sono i tipi di concordanza in latino:

 

1.                 L’APPOSIZIONE : un sostantivo viene aggiunto ad un altro, per meglio specificarne il significato:

Esempi: Vittorio Emanuele, re di Italia // lo zio Antonio //  Boateng, campione del Milan…

In italianoa la valenza di apposizione è posta tra virgole oppure è giustapposta al nome cui si riferisce.

Se i nomi giustapposti sono l’uno comune di cosa / persona  e l’altro un nome proprio, l’apposizione è sempre il nome proprio.

 

2.                 LA DENOMINAZIONE: un sostantivo viene posto accanto ad un altro, per indicarne la denominazione, cioè il nome proprio.

In italiano la valenza di denominazione è introdotta dalla preposizione DI

Esempi:  L’isola di Creta / la città di Roma, la regione del Peloponneso

 

In latino, come concordano l’apposizione e la denominazione?

 

REGOLA:

L’apposizione ela denominazione concordano col nome cui si riferiscono SEMPRE NEL CASO, mentre NEL GENERE E NEL NUMERO solo se possibile.

 

-O Maria, serva del Signora   =   MARIA, ANCILLA  Domini  

( APPOSIZIONE = concordanza: C / G / N )

 

-O Maria, aiuto dei Cristiani   =  MARIA, AUXILIUM  Christianorum

                                               ( APPOSIZIONE = concordanza: solo C / N ; non il genere !!! )

 

-L’isola di Creta  è grande = INSULA CRETA  est magna.

( DENOMINAZIONE = concordanza: C / G / N )

 

-I Romani prendono la città di Pisa = ROMANI  OPPIDUM  PISAS  CAPIUNT

( DENOMINAZIONE = concordanza: solo in C ! NO G / N ).

 

Top twenty collaboratori attivi

1-Paola Viale (1010 file)

2-Miriam Gaudio (575 file)

3-Vincenzo Andraous (344 file)

4-Gianni Peteani (266 file)

5-Enrico Maranzana  (246 file)

6- Giovanni Ghiselli (222 file)

7-Luca Manzoni (124 file)

7-Sandro  Borzoni (124 file)

9-Maria Concetta Puglisi (117 file)

10-Gennaro Capodanno (86 file)

10-Piero Torelli (86 file)

12-Elio Fragassi (77 file)

13-Alissa Peron (63 file)

14-Francesco Avolio (59 file

15-Laura Alberico (57 file)

16-Rosalia Di Nardo (54 file)

17-Silvia Sorrentino (47 file)

18-Vittorio Tornar (46 file)

19-Samuele Gaudio (44 file)

19-Cristina Rocchetto (44 file)

 

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2014 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

Guarda le videolezioni:

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di