Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

 

Convivere con Auschwitz

La Memoria contro l’indifferenza e la discriminazione

Convegno presso l' Università degli Studi di Trieste Mercoledì 25 gennaio 2017

Comitato permanente Ondina Peteani

4° convegno “Convivere con Auschwitz”

La Memoria contro l’indifferenza e la discriminazione

Mercoledì 25 gennaio 2017 ore 15.00 
Settimana della Memoria 

Aula Magna, Via Filzi, 14 - Trieste 
Dipartimento di Scienze Giuridiche, del Linguaggio, 
dell’Interpretazione e della Traduzione

Il Convegno "Convivere con Auschwitz", giunto alla quarta edizione, accentua la distintiva caratterizzazione multidisciplinare esplorando ulteriori ambiti scientifici. Il Novecento ha duramente segnato la storia di Trieste e il suo territorio: l’incendio del Balkan nel 1920, l’annuncio delle leggi razziali nel 1938 e durante l’occupazione tedesca, la conversione della Risiera di San Sabba nell'unico campo di concentramento nazista munito di forno crematorio in Italia e nell'Europa meridionale. Dal Silos della Stazione ferroviaria centrale di Trieste, dal 1943 al 1945, partì il maggior numero di convogli dall’Italia di deportate/i con destinazione Auschwitz. Dati che fissano in questo quadrante geografico già lacerato dalla Prima Guerra mondiale una drammatica eredità storica che è fondamentale ricordare in uno scenario che registra l'acutizzarsi dello stato di belligeranza nello scacchiere internazionale, la recrudescenza del terrorismo, i flussi migratori di chi fugge da guerre e miseria che si scontrano con le problematiche emergenti di una società europea in bilico tra accoglienza e ostilità. 
In ottemperanza alla Legge 211/2000, istitutiva del Giorno della Memoria, il convegno persegue il monito di Primo Levi: analisi, studio e conoscenza dell'abominio di Shoah e deportazione nei lager di sterminio nazisti, in funzione di una più ampia consapevolezza come antidoto contro la reiterazione del crimine nelle sue varie forme. Memoria, cultura e istruzione di quanto è stato, contro razzismo, discriminazione e prevaricazione razziale, sociale, culturale e religiosa, per promuovere una convivenza libera e pacifica. 



Programma 

ore 15.00 
Saluto del Magnifico Rettore, Università degli Studi di Trieste 
MAURIZIO FERMEGLIA 


Introduzione 
GIANNI PETEANI 
Presidente Comitato permanente Ondina Peteani 

FULVIO LONGATO 
Docente di Storia della filosofia - Coordinatore della Laurea magistrale 
interateneo in Filosofia (Trieste-Udine), Università degli Studi di Trieste 


ore 15.15 
Sicurezza e sacrificio. I volenterosi carnefici di ieri e di oggi. 
MAURO BARBERIS 
Docente di Diritto pubblico comparato, 
Università degli Studi di Trieste 
Vi sono tre possibili spiegazioni per le politiche securitarie: spiegazioni che 
le avvicinano ai provvedimenti anti-immigrazione e alla stessa Shoah. La 
prima spiegazione è data dagli stessi autori: dobbiamo proteggere la società, 
difendere i confini, tutelare la razza. La seconda è quella tipica dei 
maestri del sospetto: ci sono sempre sinistri interessi che spiegano tutto. 
La terza, che prediligo, è antropologica: la chiamerò l'Ipotesi del sacrificio. 
La spiegazione ultima, che entra in gioco solo quando le altre non bastano 
a spiegare l'enormità dei crimini compiuti, è: continuiamo a praticare sacrifici 
umani, come ai primordi della specie uomo. La Shoah è solo una parte 
dell'Olocausto: i 6 milioni di ebrei sacrificati alla difesa della razza sono solo 
una parte dei milioni di umani sacrificati in quel periodo, e ancor oggi. 


ore 15.30 
Narrare Auschwitz. Scrittori e scrittrici di fronte al trauma 
MARIA CRISTINA BENUSSI 
Docente di Letteratura italiana contemporanea 
Collaboratrice del Rettore, Università degli Studi di Trieste 
Scrittori e scrittrici, pur testimoni della stessa storia, focalizzano memorie e 
si aprono a prospettive diverse. Attraverso una breve campionatura che da 
Primo Levi arriva ad Aldo Zargani, e da Liana Millu arriva a Clara Sereni, vengono 
ricostruiti due tipologie narrative che si completano a vicenda e che 
confermano l'esistenza di due sguardi e di due ricerche di senso all'interno 
di una cultura che ha fatto della memoria uno strumento fondamentale di 
conoscenza della propria storia passata e di un progetto di futuro. 


ore 15.45 
J. M. Coetzee e il post-apartheid sudafricano 
RENZO CRIVELLI 
Presidente della “Trieste Joyce School” - Docente presso il Dipartimento 
di Studi umanistici, Università degli Studi di Trieste 
J.M. Coetzee, premio Nobel 2003, ha espresso una forte visione dell’esclusione 
dell'apartheid interpretando gli effetti psicologici di questa drammatica 
discriminazione razziale prima della caduta delle barriere tra 
bianchi e neri e, dopo, ha ben interpretato la società sudafricana nel periodi 
di transizione Mandeliana. 


ore 16.00 
Le psichiatrie italiane prima di Tiergartenstrasse 4 
GIUSEPPE DELL’ACQUA 
Già Direttore del Dipartimento di Salute mentale di Trieste 
Nella prima metà del secolo scorso i manicomi criminali in Italia vivono 
la loro massima affermazione. La “bonifica umana” è l’obiettivo della 
grande psichiatria giudiziaria. I delinquenti abituali, gli anarchici, i dissidenti, 
gli indigenti vanno individuati e messi da parte in condizione di 
non nuocere e non inquinare. Così come le psichiatrie coloniali si incaricano 
di definire e catalogare le popolazioni africane a sostegno di teorie 
e pratiche razziste. Con un rigore e una convinzione scientifica ai nostri 
occhi sorprendente. E poi la Germania. Centinaia di migliaia tra la fine 
degli anni ’30 e il 1945 vennero sterminati in ragione della psichiatria del 
cervello, della inguaribilità, della pericolosità. 


ore 16.15 
Ciò che ci ricorda 
GIOVANNI FRAZIANO 
Docente di Composizione architettonica e urbana - 
Collaboratore del Rettore, Università degli Studi di Trieste 
Riflessione sulla Memoria considerando l’arte e l’architettura, e ovviamente 
la condizione “umana”, a partire da un aforisma di Octavio Paz, secondo il 
quale la memoria non è ciò che ci ricordiamo, ma ciò che ci ricorda. 


ore 16.30 
Testimone del Lager di sterminio di Dachau 
RICCARDO GORUPPI 
Già presidente ANED Trieste - Associazione Nazionale Ex Deportati nei 
Lager Nazisti 


ore 16.45 
Convivere con Auschwitz in Germania 
THOMAS JANSEN 
Segretario generale h.c. del Movimento Europeo Internazionale 
La Giornata della Memoria che ricorda e onora tutte le vittime del regime 
nazista si celebra in Germania a partire dal 27 gennaio 1996. Importanti 
sono anche i luoghi della memoria, i campi di concentramento. Giornate e 
luoghi della memoria come pure i diversi monumenti che esprimono il 
netto rifiuto dei crimini nazisti da parte della nuova Germania. Questo rifiuto 
trova espressione soprattutto nella fondazione e nell’ordinamento 
della Repubblica federale. Nel primo articolo della sua costituzione si stabilisce 
infatti: “La dignità dell’uomo è intangibile”. 

ore 17.00 

La missione ALSOS 
EDOARDO MILOTTI 
Docente di Fisica sperimentale - Coordinatore del Centro interdipartimentale
per le Scienze computazionali, Università degli Studi di Trieste
Alla fine della Seconda Guerra Mondiale gli Stati Uniti diedero il via alla missione ALSOS.
Lo scopo era quello di individuare e catturare gli scienziati tedeschi coinvolti negli sviluppi bellici,
in particolare quelli legati alle ricerche nucleari. Il capo scientifico della missione,
il fisico Samuel Goudsmit, ci ha lasciato una testimonianza profonda e struggente
della sua esperienza, che spazia dai ricordi della famiglia distrutta dalla guerra al difficile
rapporto con i prigionieri – che sono stati sconfitti due volte, come tedeschi e come scienziati.


ore 17.15 
Educazione alla pace e alla non discriminazione: 
i progetti della Regione Friuli Venezia Giulia 
LOREDANA PANARITI 
Assessora al lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili, 
ricerca e università della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - 
Docente di Storia economica, Università degli Studi di Trieste 
Ripercorrere le tappe e offrire gli esiti di un percorso che attraverso progetti 
di integrazione e accoglienza, tramite la lettura, laboratori tesi a promuovere 
l’inserimento di programmi di educazione alla pace in tutte le scuole 
di ogni ordine e grado centrati sul protagonismo degli studenti e sullo sviluppo 
della collaborazione tra la scuola, gli Enti Locali e il territorio e ricerche 
sulla discriminazione, vuole educare alla convivenza costruttiva e 
rafforzare i fondamenti democratici della nostra società. 


ore 17.30 
L'Europa nata sulle ceneri di Auschwitz è morta a Srebrenica? 
PIERLUIGI SABATTI 
Giornalista - Presidente del Circolo della Stampa di Trieste 
Partendo dai drammi della seconda guerra mondiale che hanno portato 
alla nascita di un'Europa unita, verranno toccati i momenti fondamentali 
di questo percorso, che ha assicurato al continente 45 anni di pace (non 
settanta come si ostinano a ripetere coloro che ignorano la guerra nella 
ex Jugoslavia), fino al conflitto scoppiato nel 1990 con gli orrori che hanno 
ricordato la follia nazista. Una crisi spaventosa che l'Europa non è riuscita 
ad affrontare e ha imboccato una china discendente allontanandosi sempre 
più dagli ideali che l'avevano motivata. 


ore 17.45 
Figlio della Shoah 
ALESSANDRO SALONICHIO 
Presidente della Comunità Ebraica di Trieste 


ore 18.00 
Papà ci siamo persi 
Documento audiovisivo RAI 
Diamantina Salonichio dopo il campo di concentramento non ha avuto il coraggio 
di dire al padre la sorte del resto della famiglia. Il padre ha atteso invano 
per anni che qualcuno ritornasse. Mario Rizzarelli ha incontrato 
Diamantina Vivante Solinichio. 


ore 18.15 
Crimini Internazionali: immunità degli Stati e tutela 
dei diritti fondamentali 
SARA TONOLO 
Docente di Diritto internazionale - Direttrice del Dipartimento di Scienze politiche 
e sociali, Università degli Studi di Trieste 
La nozione di crimine internazionale è strettamente collegata alla affermazione 
della tutela internazionale dei diritti fondamentali della persona umana. Il rispetto 
dei diritti fondamentali può ritenersi oggetto di una norma generale imperativa 
del diritto internazionale e le loro violazioni gravi e sistematiche fonte di responsabilità 
penale personale a capo di individui peri comportamenti da questi tenuti, anche se agenti 
come organi degli Stati, e di responsabilità qualificata erga omnes a capo degli 
Stati responsabili.  I crimini della Germania nazista hanno ancora recentemente 
evidenziato una forte tensione tra tali norme del diritto internazionale e quelle poste a tutela 
della sovranità degli Stati, nell’ambito delle controversie instaurate dai c.d. 
“schiavi di Hitler” per accertare la responsabilità civile degli Stati, dal momento 
che il riconoscimento delle prerogative statuali è in evidente contrasto 
con la tutela dei diritti fondamentali. 


Con il patrocinio dell'Università degli Studi di Trieste

Direzione scientifica 
FULVIO LONGATO 
Docente di Storia della filosofia - Coordinatore della Laurea magistrale 
interateneo in Filosofia (Trieste-Udine), Università degli Studi di Trieste 


Organizzazione 
GIANNI PETEANI 
Presidente Comitato permanente Ondina Peteani 
Info: giannipeteani2000@yahoo.it

Scarica il programma e la locandina in pdf

Invito

al rilevante 4° Convegno "Convivere con Auschwitz"

che si terrà la prossima settimana all'Università di Trieste

"Convivere con Auschwitz" è una nuova formula di approccio, quasi un format in via di costante crescita che ho varato nella prima embrionale edizione risalente a sei anni or sono, concretizzatasi nel Convegno internazionale di Psicologia dell’Università di Trieste.
L'anno scorso UniTs con questo strumento divulgativo si è attestata in vetta alle Università italiane nell'applicazione della Legge 211/2000 che perora lo studio tematico nella Giornata della Memoria.

In successione, nella Trieste del preannuncio delle "leggi razziali", nella Trieste della prima caduta della Resistenza italiana, Alma Vivoda, nella Trieste della Risiera di San Sabba, unico Lager di sterminio nazista munito di forno crematorio sorto in Italia e nell'Europa meridionale, nella Trieste da cui partì oltre il 70% dei convogli ferroviari di Deportati dall'Italia con destinazione Auschwitz, nella Trieste Medaglia d'Oro al Valor Militare. A Trieste e in tutta Italia, trova grande importanza questa particolare elaborazione, propriamente nei canoni della celebrazione attiva della Memoria dell'Olocausto/Deportazione del 27 Gennaio.

Varando la rotta della multidisciplinarietà d’indagine, focus scientifico, modo e sistema diffuso di ricerca, sono state indebolite le pretestuose strumentalizzazioni alimentate da versanti antagonisti volte all'individuazione di difficoltà nel mantenimento di un livello d’interesse e d’attenzione sulla Memoria, di fatto rafforzatasi partendo da disparati orizzonti culturali, convergenti con originali prospettive nell’esplicazione del dogma di Primo Levi. Modalità rivelatesi rigeneratrici con tutte le positive ricadute inerenti l’analisi e la promozione del “ricordo di quanto è stato” nella perpetuazione dello sbarramento a ogni forma di razzismo e prevaricazione, propriamente nell’assunto che “Convivere con Auschwitz”, rappresenta l’imprescindibile condizione umana, per il mantenimento, rafforzamento e laddove il raggiungimento della Pace e della Libertà, contro l'abominio della reiterazione del Crimine.

Nell’ambito della settimana della Memoria, il Convegno “Convivere con Auschwitz” giunto alla quarta edizione è divenuto annuale appuntamento di divulgazione scientifica. Il coinvolgimento di media locali, e nazionali ha posto l’Ateneo triestino ai vertici del sistema interuniversitario per quanto concerne la divulgazione dei canoni della Memoria, appuntamento che brilla quest'anno grazie a un parterre pluricomposito costituito da docenti di riconosciuto rilievo accademico nazionale. Tra gli altri un testimone del Lager, il Presidente della Comunità Ebraica di Trieste, (con proiezione del filmato RAI sullo sterminio subito dalla sua famiglia), Giuseppe Dell’Acqua, discepolo di Franco Basaglia, Thomas Jansen, Segretario generale del Movimento Europeo Internazionale, Loredana Panariti, Docente e Assessora regionale FVG con delega all’Università.

"Convivere con Auschwitz" - La Memoria contro l'indifferenza e la discriminazione - alla luce del quotidiano orrore che sta flagellando la migrazione biblica ai cui troppi risultano indifferenti è un grande risultato e un imperdibile occasione pubblica di che dopo davvero tanto lavoro, sarebbe magnifico trovasse massima visibilità.

GIANNI PETEANI 
Presidente Comitato permanente Ondina Peteani 
Info: giannipeteani2000@yahoo.it

Scarica il programma e la locandina in pdf

Top twentytwo collaboratori attivi

1-Paola Viale (1075 file)

2-Miriam Gaudio (676 file)

3-Piero Torelli (429 file)

4-Carlo Zacco (394 file)

5-Vincenzo Andraous (382 file)

6-Gianni Peteani (322 file)

7-Enrico Maranzana  (296 file)

8- Giovanni Ghiselli (291 file)

9-Luca Manzoni (147 file)

10-Sandro  Borzoni (142 file)

11-Maria Concetta Puglisi (117 file)

12-Irma Lanucara (110 file)

13-Gennaro Capodanno (95 file)

14-Elio Fragassi (92 file)

15-Laura Alberico (81 file)

16-Alissa Peron (63 file)

17-Francesco Avolio (59 file

18-Rosalia Di Nardo (54 file)

19-Silvia Sorrentino (47 file)

20-Vittorio Tornar (46 file)

20-Cristina Rocchetto (46 file)

22-Samuele Gaudio (44 file)

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2017 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

 

 

 

 

 

 

 

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di

 

 

Privacy Policy