Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

 

È bello vivere liberi

Teatro necessario al San Teodoro

e-bello-vivere-liberi-teatro-necessario-al-san-teodoro

Ondina Peteani, diciassette anni, fazzoletto rosso al collo, sguardo aperto, sorriso accecante, entusiasmo contagioso. Ondina Peteani, diciassette anni, operaia, prima staffetta partigiana d’Italia, combattente della Brigata Proletaria sul Carso, deportata ad Auschwitz nel 1944. Ondina Peteani, diciassette anni, è la protagonista di È bello vivere liberi, spettacolo di Marta Cuscunà, tratto dall’omonima biografia scritta dalla storica Anna Di Gianantonio, vincitore del Premio Scenario per Ustica nel 2009 e andato in scena venerdì scorso al Teatro San Teodoro di Cantù

Una prova attoriale superba e intensa, quella della Cuscunà, che ha incantato e rapito il numeroso pubblico presente, un lungo monologo mai noioso, mai prevedibile, ricco allo stesso tempo di ironia, gioia e disperazione, capace di mantenere viva l’attenzione, perché ricco di personaggi, ognuno caratterizzato da elementi unici, impossibili da confondere. L’utilizzo di diversi registri vocali e linguistici, il passaggio fluido e continuo dalla prima alla terza persona, la gestualità e la mimica hanno dato l’impressione che l’attrice non fosse da sola sul palco, ma che tutti i protagonisti della vicenda fossero realmente presenti accanto a lei

Grande fonte di stupore generale è stata l’introduzione, nella narrazione, di cinque burattini e un pupazzo, che hanno preso vita tra le sapienti mani della Cuscunà, regalando un’emozione sospesa, giocata tra realtà feroce e fantasia leggera, tra scenari ispirati sia alla solare tradizione popolare, sia allo stile noir tipicamente “timburtoniano”. È bello vivere liberi è uno spettacolo maturo e indispensabile, che aiuta a mantenere salda la memoria storica del nostro Paese e parla di libertà necessaria, di felicità incontenibile, di entusiasta resistenza, di un’adolescenza forte e piena, vissuta tra gli orrori della guerra, la paura e il sacrificio, che però non hanno scalfito la consapevolezza di sé e dei propri ideali, perseguiti fino all’ultimo, con coraggio e abnegazione.

(Fotografie di Eleonora Pafundo)

Top twentytwo collaboratori attivi

1-Paola Viale (1075 file)

2-Miriam Gaudio (676 file)

3-Piero Torelli (429 file)

4-Carlo Zacco (394 file)

5-Vincenzo Andraous (382 file)

6-Gianni Peteani (322 file)

7-Enrico Maranzana  (296 file)

8- Giovanni Ghiselli (291 file)

9-Luca Manzoni (147 file)

10-Sandro  Borzoni (142 file)

11-Maria Concetta Puglisi (117 file)

12-Irma Lanucara (110 file)

13-Gennaro Capodanno (95 file)

14-Elio Fragassi (92 file)

15-Laura Alberico (81 file)

16-Alissa Peron (63 file)

17-Francesco Avolio (59 file

18-Rosalia Di Nardo (54 file)

19-Silvia Sorrentino (47 file)

20-Vittorio Tornar (46 file)

20-Cristina Rocchetto (46 file)

22-Samuele Gaudio (44 file)

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2017 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

 

 

 

 

 

 

 

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di

 

 

Privacy Policy