Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

 

Il Parlamento

di Giosuè Carducci

Della Canzone di Legnano

PARTE I [1879]

 

IL PARLAMENTO

I.

Sta Federico imperatore in Como.

Ed ecco un messaggero entra in Milano

Da Porta Nova a briglie abbandonate.

«Popolo di Milano,» ei passa e chiede,

5 «Fatemi scorta al console Gherardo.»

Il consolo era in mezzo de la piazza,

E il messagger piegato in su l'arcione

Parlò brevi parole e spronò via.

Allor fe' cenno il console Gherardo,

10 E squillaron le trombe a parlamento.

 

II.

Squillarono le trombe a parlamento:

Ché non anche risurto era il palagio

Su' gran pilastri, né l'arengo v'era,

Né torre v'era, né a la torre in cima

15 La campana. Fra i ruderi che neri

Verdeggiavan di spine, fra le basse

Case di legno, ne la breve piazza

I milanesi tenner parlamento

Al sol di maggio. Da finestre e porte

20 Le donne riguardavano e i fanciulli.

 

III.

«Signori milanesi,» il consol dice,

«La primavera in fior mena tedeschi

Pur come d'uso. Fanno pasqua i lurchi

Ne le lor tane, e poi calano a valle.

25 Per l'Engadina due scomunicati

Arcivescovi trassero lo sforzo.

Trasse la bionda imperatrice al sire

Il cuor fido e un esercito novello.

Como è co' i forti, e abbandonò la lega.»

30 Il popol grida: «L'esterminio a Como.»

 

IV.

«Signori milanesi,» il consol dice,

«L'imperator, fatto lo stuolo in Como,

Move l'oste a raggiungere il marchese

Di Monferrato ed i pavesi. Quale

35 Volete, milanesi? od aspettare

Da l'argin novo riguardando in arme,

O mandar messi a Cesare, o affrontare

A lancia e spada il Barbarossa in campo?»

«A lancia e spada,» tona il parlamento,

40 «A lancia e spada, il Barbarossa, in campo.»

 

V.

Or si fa innanzi Alberto di Giussano.

Di ben tutta la spalla egli soverchia

Gli accolti in piedi al console d'intorno.

Ne la gran possa de la sua persona.

45 Torreggia in mezzo al parlamento: ha in mano

La barbuta: la bruna capelliera

Il lato collo e l'ampie spalle inonda.

Batte il sol ne la chiara onesta faccia,

Ne le chiome e ne gli occhi risfavilla.

50 È la sua voce come tuon di maggio.

 

VI.

«Milanesi, fratelli, popol mio!

Vi sovvien» dice Alberto di Giussano

«Calen di marzo? I consoli sparuti

Cavalcarono a Lodi, e con le spade

55 Nude in mano gli giurâr l'obedïenza.

Cavalcammo trecento al quarto giorno,

Ed a i piedi, baciando, gli ponemmo

I nostri belli trentasei stendardi.

Mastro Guitelmo gli offerí le chiavi

60 Di Milano affamata. E non fu nulla.»

 

VII.

«Vi sovvien» dice Alberto di Giussano

«Il dí sesto di marzo? Ai piedi ei volle

Tutti i fanti ed il popolo e le insegne.

Gli abitanti venian de le tre porte,

65 Il carroccio venía parato a guerra;

Gran tratta poi di popolo, e le croci

Teneano in mano. Innanzi a lui le trombe

Del carroccio mandâr gli ultimi squilli,

Innanzi a lui l'antenna del carroccio

70 Inchinò il gonfalone. Ei toccò i lembi.»

 

VIII.

«Vi sovvien?» dice Alberto di Giussano:

«Vestiti i sacchi de la penitenza,

Co' piedi scalzi, con le corde al collo,

Sparsi i capi di cenere, nel fango

75 C'inginocchiammo, e tendevam le braccia,

E chiamavam misericordia. Tutti

Lacrimavan, signori e cavalieri,

A lui d'intorno. Ei, dritto, in piedi, presso

Lo scudo imperïal, ci riguardava.

80 Muto, col suo dïamantino sguardo.»

 

IX.

«Vi sovvien,» dice Alberto di Giussano,

«Che tornando a l'obbrobrio la dimane

Scorgemmo da la via l'imperatrice

Da i cancelli a guardarci? E pe' i cancelli

85 Noi gittammo le croci a lei gridando

- O bionda, o bella imperatrice, o fida,

O pia, mercé, mercé di nostre donne! -

Ella trassesi indietro. Egli c'impose

Porte e muro atterrar de le due cinte

90 Tanto ch'ei con schierata oste passasse.»

 

X.

«Vi sovvien?» dice Alberto di Giussano:

«Nove giorni aspettammo; e si partiro

L'arcivescovo i conti e i valvassori.

Venne al decimo il bando - Uscite, o tristi,

95 Con le donne co i figli e con le robe:

Otto giorni vi dà l'imperatore -.

E noi corremmo urlando a Sant'Ambrogio,

Ci abbracciammo a gli altari ed a i sepolcri.

Via da la chiesa, con le donne e i figli,

100 Via ci cacciaron come can tignosi.»

 

XI.

«Vi sovvien» dice Alberto di Giussano

«La domenica triste de gli ulivi?

Ahi passïon di Cristo e di Milano!

Da i quattro Corpi santi ad una ad una

105 Crosciar vedemmo le trecento torri

De la cerchia; ed al fin per la ruina

Polverosa ci apparvero le case

Spezzate, smozzicate, sgretolate:

Parean file di scheltri in cimitero.

110 Di sotto, l'ossa ardean de' nostri morti.»

 

XII.

Cosí dicendo Alberto di Giussano

Con tutt'e due le man copriasi gli occhi,

E singhiozzava: in mezzo al parlamento

Singhiozzava e piangea come un fanciullo.

115 Ed allora per tutto il parlamento

Trascorse quasi un fremito di belve.

Da le porte le donne e da i veroni,

Pallide, scarmigliate, con le braccia

Tese e gli occhi sbarrati al parlamento,

120 Urlavano - Uccidete il Barbarossa -.

 

XIII.

«Or ecco,» dice Alberto di Giussano,

«Ecco, io non piango piú. Venne il dí nostro,

O milanesi, e vincere bisogna.

Ecco: io m'asciugo gli occhi, e a te guardando,

125 O bel sole di Dio, fo sacramento:

Diman la sera i nostri morti avranno

Una dolce novella in purgatorio:

E la rechi pur io!» Ma il popol dice:

«Fia meglio i messi imperïali.» Il sole

130 Ridea calando dietro il Resegone.

libri

Top twentytwo collaboratori attivi

1-Paola Viale (1045 file)

2-Miriam Gaudio (676 file)

3-Carlo Zacco (394 file)

4-Vincenzo Andraous (354 file)

5-Gianni Peteani (294 file)

6- Giovanni Ghiselli (288 file)

7-Enrico Maranzana  (266 file)

8-Piero Torelli (153 file)

9-Luca Manzoni (147 file)

10-Sandro  Borzoni (133 file)

11-Maria Concetta Puglisi (117 file)

12-Irma Lanucara (104 file)

13-Gennaro Capodanno (92 file)

14-Elio Fragassi (85 file)

15-Laura Alberico (70 file)

16-Alissa Peron (63 file)

17-Francesco Avolio (59 file

18-Rosalia Di Nardo (54 file)

19-Silvia Sorrentino (47 file)

20-Vittorio Tornar (46 file)

20-Cristina Rocchetto (46 file)

22-Samuele Gaudio (44 file)

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2017 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

 

 

 

 

 

 

 

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di

 

 

Privacy Policy