Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

Giuseppe Ungaretti

Schema concettuale di Elisabetta

Nacque nel 1888 ad Alessandria d’Egitto, da genitori italiani, il padre morì poco dopo. Trasferitosi a Parigi studio alla Sorbona incontrando i maggiori poeti del tempo. Quando scoppiò la prima guerra mondiale, il poeta venne in Italia e si arruolò come volontario. Fra le trincee del Carso egli scrisse le sue celebri poesie dettate dall’esperienza terribile della guerra. Altri avvenimenti che influirono sulla sua poetica furono la morte del figlio Antonetto e la seconda guerra mondiale.[1]

Morì nel 1970 a Milano.

 

-          opere:

Di Ungaretti sono tipici i cosiddetti frammenti, componimenti brevissimi, in cui il poeta ferma le emozioni, nella loro essenzialità, come Soldati[2], in cui esprime la precarietà della vita; Mattina, in cui il poeta si abbandona nell’immensità luminosa della mattina.

 

Raccolta famosa è L’Allegria. Ricordiamo San Martino del Carso, teatro cruento della prima guerra mondiale ed in cui combatté Ungaretti. Il poeta di fronte ad un paesaggio così desolato, devastato, non può non pensare che il “paese” più devastato è chi è sopravvissuto e rimasto solo non può che guardare impotente gli effetti dell’inutile guerra.                                                                     Veglia, il poeta passa la notte affianco un compagno morto, ma accanto all’atrocità della morte si fa più profondo l’istintivo attaccamento alla vita, che è quello che la guerra toglie.                                     Fratelli, ha come tema la solidarietà, la ricerca di alleanza per superare la guerra, scoprendo la fraternità degli uomini nella fragilità.

 

In Sono una creatura, da Vita di un uomo, il poeta paragona il suo animo desolato all’aridità di San Michele del Carso. In questo clima l’essere scampato alla morte si può scontare solo vivendo e soffrendo giorno per giorno.

 

Nel La madre, da Sentimento del tempo, il poeta immagina l’incontro con la madre nell’aldilà, che lo guiderà verso Dio. Il poeta prima della guerra era ateo, ma con l’esperienza vissuta sente di far parte di un disegno più grande.

 

-          ermetismo:

Ungaretti cerca di togliere alla parola il carattere comunicativo che aveva assunto, per conservare solo quello evocativo 


 

[1] Poesia e biografia legate tra loro

[2] Dà sempre il titolo alle sue poesie, esso diventa parte integrante della poesia

Libri

Top twenty collaboratori attivi

1-Paola Viale (956 file)

2-Miriam Gaudio (529 file)

3-Vincenzo Andraous (333 file)

4-Gianni Peteani (256 file)

5-Enrico Maranzana  (228 file)

6- Giovanni Ghiselli (181 file)

7-Luca Manzoni (124 file)

8-Sandro  Borzoni (121 file)

9-Maria Concetta Puglisi (99 file)

10-Gennaro Capodanno (83 file)

11-Piero Torelli (75 file)

12-Elio Fragassi (74 file)

13-Francesco Avolio (59 file

14-Rosalia Di Nardo (54 file)

15-Alissa Peron (49 file)

16-Silvia Sorrentino (47 file)

17-Vittorio Tornar (46 file)

17-Laura Alberico (46 file)

19-Samuele Gaudio (44 file)

19-Cristina Rocchetto (44 file)

 

 

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2014 se sei uno studente

Guarda le videolezioni:

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di