Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

 

Io ci ho provato

Storia di una ricerca didattica

di Elio Fragassi

Che ci fosse la necessità di una rivisitazione critica dell’insegnamento-apprendimento delle “Discipline geometriche” nel Liceo artistico ne ero convinto da moltissimi anni ma, in ogni scuola, dove ho cercato di coinvolgere i colleghi, ho trovato sempre una grande diffidenza che si è sostanziata, poi, in rifiuto del nuovo con tutte le sue incertezze e insicurezze a favore del provato, dell’assodato e verificato.

Io ci ho provato ed ho cercato di far capire agli studenti che questa disciplina è fondamentale per chi opera in campo progettuale perché fornisce gli strumenti concettuali, teorici e operativi per attualizzare il futuro che è il processo primario della progettazione. Ribadisco continuamente che questa disciplina, apparentemente fredda e impersonale, è ricca di un fascino nascosto che pervade le varie espressioni grafiche e si estende, in modo più o meno esplicito, su tutte le discipline artistiche (figurative e non) trasformando il segno grafico in disegno, quindi, in una comunicazione iconica con leggi e regole come per ogni altro linguaggio dell’uomo.

Con la ricerca condotta in questi anni, ho cercato di fornire uno spunto diverso per l’insegnamento-apprendimento delle discipline geometriche nella scuola superiore cercando un approccio interdisciplinare tra le materie logico-scientifiche e quelle grafico-descrittive collocandomi, con il mio metodo didattico, in un ambito operativo compreso tra le vecchie metodologie “riproduttive” fondate sulla “manualità e il lapis” e le nuove proposte che si affidano completamente alla macchina “computer e al mouse” della tecnologia informatica. La ricerca collocandosi in questa posizione intermedia cerca di dare concretezza al necessario passaggio che dal “disegno disegnato a matita” porta al “disegno elaborato mentalmente” per agganciare, quindi, la geometria descrittiva al “disegno elaborato in forma digitale”. Con questo mio lavoro ho provato a dare una possibile risposta a quel necessario rinnovamento didattico espresso già nel 2005 con l’articolo “Discipline geometriche e riforma delle superiori” proseguito poi nel 2006 con l’articolo “Learning  objects di geometria  descrittiva” e poi, nel 2008 con l’articolo “Geometria descrittiva: dal disegno disegnato al disegno elaborato”.

A convalidare la bontà della ricerca sono arrivati, prima, il riconoscimento al premio nazionale “Orientascienza 2008”, ora, la conferma, indiretta, dalla lettura delle “Indicazioni nazionali degli obiettivi specifici di apprendimento per il sistema del Licei” del MIUR che, per quanto attiene i Licei artistici recita:”. . . Lo studente dovrà essere in grado di organizzare i tempi ed il proprio spazio di lavoro in maniera adeguata ed essere consapevole che il disegno geometrico è un linguaggio che richiede rigore tecnico ed esercizio mentale” come afferma la frase di presentazione del sito personale “ . . . se il disegno è, com’è, un pensiero, prima d’insegnare a fare è necessario educare a pensare”. Più oltre, le medesime indicazioni  affermano: ”. . . lo studente sarà guidato a riconoscere, denominare e classificare gli elementi fondamentali della geometria euclidea, ad acquisire i principi di orientamento e riferimento nel piano e nello spazio” ed ancora “. . . Lo studente sarà condotto nell’uso corretto degli strumenti tradizionali del disegno tecnico, ed acquisire autonomia operativa attraverso la pratica dell’osservazione e dell’esercizio”. I due volumi di “Geometria descrittiva dinamica” pubblicati nel 2004 rispondono completamente a queste indicazioni ministeriali come si può evincere navigando la specifica area predisposta nel sito personale.

Io ci ho provato a dare a questa disciplina un’immagine diversa, più creativa ed accattivante e penso di aver ottenuto qualche risultato positivo.

Sottoponendo le discipline geometriche, in generale, e la Geometria descrittiva, in particolare ad un’indagine di tipo insiemistico, esse assumono una veste didattica diversa ed una funzione nuova offrendo a ogni studente la possibilità di esprimere il proprio mondo interiore di forme e modellare le proprie singole personali esperienze spaziali mettendo in atto, così, la personalizzazione dell’insegnamento. Per questo motivo, e con questo scopo, i temi sono assegnati in forma scritta perché ogni studente possa dare una risposta propria, singola e individuale utilizzando le proprie conoscenze, il proprio vocabolario grafico, le proprie aspirazioni e le proprie sensibilità creative come ho potuto riscontrare con continuità nel corso della ricerca.

Questa metodologia attualizza, inoltre, il rapporto docente-discente in un lavoro didattico di condivisione in cui la verifica non va fatta, tanto sul risultato grafico (diverso da alunno ad alunno), quanto sul processo e, quindi, sulle singole e diverse capacità degli studenti di codificare e/o decodificare un medesimo messaggio. La disciplina della rappresentazione geometrica non è trattata come momento grafico ma come sostegno concettuale (mediante la definizione e lo sviluppo di algoritmi grafici) propedeutico alla rappresentazione stessa, in collegamento alle operatività digitali con supporto informatico per definire, al termine del processo dinamico del lavoro di rappresentazione, un messaggio grafico chiaro quale inequivocabile e rigorosa simulazione del pensiero creativo inteso come attualizzazione del futuro perché ciò che è importante non è la riproduzione o la produzione di un disegno, ma la comunicazione di un’idea accurata e compiutamente definita.

Dal prossimo primo settembre sarò in pensione.

Concludo, quindi, questa esperienza didattica ricordando che; come diceva Dante: “. . . è l’amor che move il sole e l’altre stelle”, con il cruccio di non essere riuscito a coinvolgere altri colleghi in questo rinnovamento che, dal primo settembre, rimarrà, pertanto, orfano.

20 maggio 2010                                                                                              Elio Fragassi

                                                                                                          http://www.webalice.it/eliofragassi

Bibliografia

Top twentytwo collaboratori attivi

1-Paola Viale (1045 file)

2-Miriam Gaudio (676 file)

3-Carlo Zacco (394 file)

4-Vincenzo Andraous (354 file)

5-Gianni Peteani (294 file)

6- Giovanni Ghiselli (288 file)

7-Enrico Maranzana  (266 file)

8-Piero Torelli (153 file)

9-Luca Manzoni (147 file)

10-Sandro  Borzoni (133 file)

11-Maria Concetta Puglisi (117 file)

12-Irma Lanucara (104 file)

13-Gennaro Capodanno (92 file)

14-Elio Fragassi (85 file)

15-Laura Alberico (70 file)

16-Alissa Peron (63 file)

17-Francesco Avolio (59 file

18-Rosalia Di Nardo (54 file)

19-Silvia Sorrentino (47 file)

20-Vittorio Tornar (46 file)

20-Cristina Rocchetto (46 file)

22-Samuele Gaudio (44 file)

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2017 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

 

 

 

 

 

 

 

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di

 

 

Privacy Policy