Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

 

Lettera aperta ai miei studenti di oggi e . . . di ieri

Carissimi studenti,

con questa lettera aperta mi rivolgo a tutti, ma in modo particolare a chi mi ha avuto, e mi ha, come insegnante, come compagno di lavoro, anzi, come ho scritto in un mio recente articolo sul web, come “capomastro” nel cantiere scuola.

In una società di egoismi e individualismi la condivisione è cosa rara, ed è proprio per questa sua rarità che è una ricchezza.

E’ mia convinzione, infatti, che non si possiede ciò che si ha, ma ciò che si dà.

Dopo anni di studio, ricerca e sperimentazione del mio innovativo metodo didattico relativo all’insegnamento/apprendimento della “Geometria descrittiva dinamica”, ho voluto partecipare al concorso nazionale “Orientascienza per i docenti”  che bandisce il “Premio  nazionale “Didattica della scienza”.

La commissione per la valutazione dei progetti è stata presieduta dal Prof. Luigi Berlinguer – Presidente della Commissione interministeriale per lo sviluppo della cultura scientifica e tecnologica – ed era composta da rappresentanti del MIUR, del mondo universitario, dell’editoria e del mondo della scuola.

Il risultato è stato molto lusinghiero tanto che tra tutti i progetti arrivati ne sono stati selezionati tredici; tra questi il progetto del “Liceo Artistico G. Misticoni di Pescara - Abruzzo” dal titolo “Geometria descrittiva dinamica” si è classificato al sesto posto.

Pertanto

Con questa lettera aperta voglio far partecipi di questo risultato tutte le componenti della scuola ma, in particolare sento il dovere di ringraziare, a nome personale e della scuola, tutti gli studenti che hanno creduto in questo lavoro di ricerca, sperimentazione ed affinamento metodologico che si è concretizzato didatticamente in una continua attività laboratoriale di carattere grafico.

In questa ricerca sono stato sempre sorretto, in modo particolare, dalla disponibilità degli studenti che hanno affrontato e condiviso con me, giorno per giorno, anno per anno e classe per classe, le fatiche, i dubbi, le incertezze e le insicurezze del nuovo di una ricerca contro le certezze e le sicurezze del dimostrato, dell’assodato e verificato.

A tutti loro va, da parte mia, un particolare e sincero ringraziamento perché senza il loro fattivo e sostanziale impegno di studio e contributo laboratoriale,  non avrei mai  potuto sviluppare e verificare, sul campo, questa mia indagine didattica che ha, come scopo fondamentale, l’attualizzazione dell’insegnamento/apprendimento delle discipline geometriche, sia in relazione alla rivoluzione digitale che sta investendo la società, sia in relazione alle singole e diverse abilità degli studenti.

Nel concludere questo mio messaggio mi piace puntualizzare (ma solo a scopo didattico) che questa ricerca ha avuto origine nel lontano 1983, quando ero docente presso l’ Istituto statale d’arte di Fermo, si è sviluppata in modo considerevole durante gli anni di insegnamento presso l’ Istituto statale d’arte di Sulmona e si è consolidata, mediante le verifiche, negli anni d’insegnamento presso l’ Istituto statale d’arte di Penne. Nel 2004, docente presso questo Liceo, ho raccolto tutta l’esperienza pubblicando i primi due volumi di una collana più complessa e completa. Questa lunga esperienza didattica, raccolta, organizzata e relazionata, è stata utilizzata come materiale per il concorso.

Vorrei concludere questo messaggio rivolgendomi, di nuovo a voi studenti, con parole non mie, ma  a mezzo di citazioni che coltivo quotidianamente nei miei pensieri . . . . .  invitandovi a fare lo stesso.

Anzitutto:

“Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti ma per   

seguir virtute e canoscenza” (Dante Alighieri),

perciò:

“Studia prima la scienza e poi seguita la pratica nata da essa scienza” (Leonardo da Vinci),

giacchè:

"Nessuna cosa si può amare né odiare se prima non si ha cognizione di quella" (Leonardo da Vinci),

perché:

“La creatività si identifica, in gran parte, con il coraggio di ragionare” (Albert Einstein),

in quanto:

“Dietro alle cose deve esserci un che di profondamente nascosto” (Albert Einstein),

tanto che:

“Niente è come sembra, niente è come appare, perché niente è reale” (Franco Battiato).

Prof. Elio Fragassi

http://www.webalice.it/eliofragassi

Top twentytwo collaboratori attivi

1-Paola Viale (1045 file)

2-Miriam Gaudio (676 file)

3-Carlo Zacco (394 file)

4-Vincenzo Andraous (354 file)

5-Gianni Peteani (294 file)

6- Giovanni Ghiselli (288 file)

7-Enrico Maranzana  (266 file)

8-Piero Torelli (153 file)

9-Luca Manzoni (147 file)

10-Sandro  Borzoni (133 file)

11-Maria Concetta Puglisi (117 file)

12-Irma Lanucara (104 file)

13-Gennaro Capodanno (92 file)

14-Elio Fragassi (85 file)

15-Laura Alberico (70 file)

16-Alissa Peron (63 file)

17-Francesco Avolio (59 file

18-Rosalia Di Nardo (54 file)

19-Silvia Sorrentino (47 file)

20-Vittorio Tornar (46 file)

20-Cristina Rocchetto (46 file)

22-Samuele Gaudio (44 file)

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2017 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

 

 

 

 

 

 

 

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di

 

 

Privacy Policy