Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

           

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

Cultura, merito, meritocrazia competitività

di Giovanni Ghiselli

Ricorrono frequentemente, accanto a "cultura" e "scuola", le parole "merito-meritocrazia", e "competitività".
Con questo articolo vorrei analizzarle in breve, eppure non senza una prospettiva diacronica che mi permetta di utilizzare i miei autori greci e latini. Temo che le parole in questione abbiano subito un restringimento e un avvilimento semantico. Cercherò dunque di rivendicare e restituire loro la pienezza del significato. Parto dalla più importante.
Cultura  non è erudizione, ma paideia, bildung, formazione insomma della persona. E' illuminante la distinzione che Euripide fa nelle Baccanti quando scrive: “il sapere non è sapienza” (v. 395).
Non è inutile notare che il “sapere” è designato dal drammaturgo con una aggettivo sostantivato al neutro (sofón), un termine che può evocare lo studio dell’erudito rinchiuso nelle biblioteche, mentre il sostantivo sofía  indica la saggezza dell'uomo capace di rispettare e amare la vita, ed è parola  di genere femminile, il che vale a sottolineare il suo sapore di ricchezza mentale feconda, produttiva.
Il sapere non è sapienza, afferma dunque il  primo stasimo delle Baccanti, e procede con l'auspicio di  tenere la mente e l'anima lontane dagli uomini straordinari (vv.428-429).
Ma chi sono gli "straordinari"? Si può rispondere ricordando Delitto e castigo. Gli straordinari sono i modelli negativi che Raskòlnikov, il giovane protagonista del romanzo, ricava dalla storia: sono quei presunti superuomini che si considerano al di sopra delle leggi.
 "Gli uomini si dividono in -ordinari- e -straordinari-.Quelli ordinari devono vivere nell'obbedienza e non hanno diritto di violare la legge, perché essi, vedete un po', sono appunto ordinari. Quelli straordinari, invece, hanno il diritto di compiere delitti d'ogni specie e di violare in tutti i  i modi la legge, per il semplice fatto di essere straordinari". Così argomenta il personaggio di Dostoevskij, uno studente povero.
Quindi, per assimilarsi a questi presunti superuomini, il ragazzo ammazza due vecchie, ma viene tradito dai  propri nervi e finisce in Siberia. Un monito da tenere presente. Se Raskòlnikov guardava a Napoleone come esempio da imitare, ora i modelli  pericolosi per tanti sprovveduti sono, ben più meschinamente, i vari Briatore di turno sulla ribalta.

Una buona difesa da tali abbagli che accecano le menti è la cultura. 
Chi ha la buona abitudine di leggere gli ottimi autori viene spinto a indagare se stesso ( Eraclito), a conoscere se stesso (come prescriveva l'oracolo delfico), a trarre comprensione anche dal dolore (Eschilo), a sviluppare in pieno la propria personalità fino a diventare quello che veramente è (Pindaro). L’abitudine alla lettura, soprattutto per chi proviene da famiglie scarsamente secolarizzate, si prende a scuola.
Bisogna lottare perché la sostanza dell'umanesimo, della cultura, della civiltà, rimanga nelle nostre aule scolastiche. E non solo. In Il giuoco delle perle di vetro, Bildungsroman di Herman Hesse leggiamo queste parole profetiche: "Si sa o si intuisce che quando il pensiero non è puro e vigile, quando la venerazione dello spirito non è più valida, anche le navi e le automobili incominciano presto a non funzionare, anche il regolo calcolatore dell'ingegnere e la matematica delle banche e della borsa vacillano per mancanza di valore e di autorità, e si cade nel caos (.) Erano tempi feroci e violenti, tempi caotici e babilonici nei quali popoli e partiti, vecchi e giovani, rossi e bianchi non s'intendevano più. Andò a finire che, dopo sufficienti salassi e un grande immiserimento, sempre più forte si fece sentire il desiderio di rinsavire, di ritrovare un linguaggio comune, un desiderio di ordine, di costumatezza, di misure valide, di un alfabeto e di un abaco che non fossero dettati dagli interessi dei grandi, né venissero modificati a ogni piè sospinto. Sorse un bisogno immenso di verità e giustizia, di ragionevolezza, di superamento del caos".

Passiamo al merito. Questa è una parola che contiene l'idea di reciprocità. Si compie bene un lavoro e se ne ottiene un compenso.
Reciprocità, ovviamente nel bene, non è una brutta parola, come non lo è “contrappasso” nel male.
Nel poema agricolo di Esiodo leggiamo : "a se stesso apparecchia il male l'uomo che lo prepara per un altro,  e il pensiero cattivo è pessimo per chi l'ha pensato" (Opere e giorni, vv. 265-266).
Tommaso d'Aquino spiega il contrappasso con queste parole: " Sed haec est forma divini iudicii, ut secundum quod aliquis fecit patiatur" (S. Theol. II, II, 61, 4 3), ma questo è il sistema del giudizio divino, che uno riceva secondo quello che ha fatto
Io  diffido di chi sbandiera la propria generosità e santità ripetendo di essere uno che fa del bene a tutti senza aspettarsi nulla in cambio. Mi ricorda il sanguinario Riccardo III di Shakespeare, quando, ancora duca di Gloucester, in un breve monologo dice di se stesso che "copre la propria nuda scelleratezza con vecchi scampoli carpiti a casaccio alla Sacra Scrittura e tanto più sembra un santo quanto più fa il diavolo" ( Riccardo III, I, iii).
Il merito dunque merita compenso e vuole essere riconosciuto. La capacità, l’impegno, la lealtà. la generosità sono meritevoli di riconoscimento in termini di onore innanzitutto, poi anche di remunerazione materiale, che non costituisca però una umiliazione di chi ha avuto in dono dal destino talento e volontà  inferiori
Intendo dire che la mercede del merito non deve essere sproporzionata rispetto alle necessità di ogni persona, di ogni famiglia.
Le disuguaglianze colossali sono una negazione della democrazia e della libertà.
La meritocrazia, come la democrazia, dovrebbe escludere la pre-potenza che appartiene alla gamma dei significati della parola kratos. Merito massimo, soprattutto nel caso dell'uomo politico, è impiegare le proprie capacità per il bene della comunità. Governare, amministrare deve essere un servizio reso alla comunità, non una fonte di lucro individuale e colossale.  Minister deve essere uno che compie un servizio.

 Meritevole, e davvero morale, è il servizio che si rende favorendo la vita, la propria e quella degli altri.

Concludo con la competitività. Esiodo la chiama Eris e distingue quella buona da quella cattiva

 Buono è lo spirito di emulazione che, posto alle radici della terra (Opere e giorni, 19), ossia alla base del progresso umano,  spinge a migliorarsi continuamente, a fare sempre meglio.

 Da biasimare è invece l’Eris che “fa crescere la guerra e la contesa funesta” (v. 14), ossia la competizione che tira a fregare per dirla con parole povere e molto dirette.
Ricorrere ai classici aiuta anche a capire che "il discorso della verità è semplice, e quanto è conforme a giustizia non ha bisogno di interpretazioni ricamate. Invece  il discorso ingiusto, siccome è malato dentro, ha bisogno di "artifici scaltri". Sono parole che Euripide attribuisce a Polinice nella tragedia Fenicie, ma si potrebbero attribuire a tante personae, parola latina che indica maschere,  personaggi ubiqui,  onnipresenti nelle trasmissioni televisive dove vanno e vengono  per ciarlare e arzigogolare, oscurando o perfino nascondendo la verità che  in greco è invece alètheia, etimologicamente "non latenza". 
 Qualcuno potrebbe obiettare che senza reciprocità, senza compenso, senza competitività non vi è motivazione. Rispondo che la spinta più forte ad agire viene dal constatare che le nostre azioni contribuiscono al bene comune oltre che al nostro.
Tanti giovani, ben lungi dall'essere fannulloni, e pure tanti non giovani provano questo nobile desiderio.
E' nell'incrocio fra il voler acquisire sapere e la soddisfazione di trasmetterlo che si sostanzia, da sempre una ricompensa reciproca fra l'allievo e il docente. Chi non lo sa? Eppure è un dato che sembra smarrito.

 

Giovanni ghiselli  g.ghiselli@tin.it

 

Versione ampliata, con note e con un messaggio di una utente

Nella riunione in cui ci siamo trovati per proporre gli argomenti di questo numero della rivista, abbiamo detto e ripetuto le parole “cultura”, “ merito-meritocrazia”, e “competitività”.

Con questo articolo vorrei analizzarle in breve, eppure non senza una prospettiva diacronica che mi permetta di utilizzare i miei autori greci e latini. Temo che le parole in questione abbiano subito un restringimento semantico. Cercherò dunque di rivendicare e restituire loro la pienezza del significato. Parto dalla più importante.

Cultura  non è erudizione ma paideia, bildung, formazione insomma della persona. E’ illuminante la distinzione che Euripide fa nelle Baccanti quando scrive "to; sofo;n  d  j ouj  sofiva" ( vv. 395), il sapere non è sapienza.

  Non è inutile notare che il sapere, la pretesa saggezza dell’uomo, è designato con una aggettivo sostantivato al neutro, un termine che ha carattere di artificiosità; mentre il sostantivo sofiva- che indica la saggezza dell’uomo che sente rispetto e amore per la vita –è parola  di genere femminile, il che vale a sottolineare il suo sapore di vita feconda, produttiva. Come sono le donne beate loro“ e tutte le femmine di tutti-i sereni animali-che avvicinano a Dio”, per dirla con Umberto Saba[1].

Il sapere non è sapienza, afferma dunque il  primo stasimo delle Baccanti, e procede con l’auspicio di  tenere la mente e l’anima lontane

dagli uomini straordinari (vv.428-429).

Questi, gli straordinari, nel romanzo Delitto e castigo, sono i modelli negativi che Raskolnikov, il giovane protagonista del libro, ricava dalla storia: sono quei presunti superuomini che si considerano al di sopra delle leggi. Una storia fatta anche di ingiustizie, prepotenze, massacri.

 "Gli uomini si dividono in -ordinari- e -straordinari-.Quelli ordinari devono vivere nell'obbedienza e non hanno diritto di violare la legge, perché essi, vedete un po’, sono appunto ordinari. Quelli straordinari, invece, hanno il diritto di compiere delitti d'ogni specie e di violare in tutti i  i modi la legge, per il semplice fatto d'essere straordinari". Questo aveva pensato e scritto il personaggio di Dostoevskij. Poi,  per dimostrare a se stesso di essere uno “straordinario”, il ragazzo ammazza due vecchie. Ma in seguito i nervi e il senso di colpa lo tradiscono, viene scoperto, e finisce in Siberia.

Ebbene, io credo che molti giovani di oggi abbiano bisogno dello scudo della cultura per difendersi dall’invasione dei modelli diffusi dalla pubblicità, televisione e gran parte della stampa, paradigmi negativi che fanno una propaganda martellante e ubiqua all’egoismo, all’edonismo, al consumismo. Se Raskolnikov guardava a Napoleone come esempio da imitare, ora i modelli degli ignoranti sono i vari Briatore  di turno sulla ribalta.

 Viceversa, dagli ottimi autori il giovane  potrebbe prendere l’abitudine di indagare se stesso ( Eraclito), di conoscere quindi se stesso (oracolo delfico citato da diversi scrittori), di trarre comprensione anche dal dolore, dalle difficoltà sormontabili ma non evitabili (Eschilo, Hermann Hesse e tanti altri), di sviluppare la propria personalità e diventare chi veramente è (Pindaro, Nietzsche), non un povero burattino della pupazzata consumistica, né una disgraziata vittima dell’astuzia affaristica. La scuola educativa deve insegnare a pensare e a parlare.

Si deplora, molto giustamente, la violenza sulle donne, ma non si risale alle cause: è l’imbestiamento di chi non sa parlare, di chi non conosce parole belle e, perché no, seduttive, che spinge alla violenza. E’ una regressione ai tempi primitivi quali descrive Lucrezio: Venere nelle selve congiungeva i corpi degli amanti; di fatto conquistava ciascuna femmina, o la reciproca brama o l'impetuosa violenza del maschio (vel violenta viri vis), accesa dalla libidine sfrenata,  o una mercede: ghiande e bacche o pere scelte (De rerum natura, V, 962-965).

Brama cieca, violenza e prostituzione dunque, in mancanza di civiltà e di cultura. Questo è un aspetto, tra i più dolorosi dell’ignoranza afasica, ma ce ne sono altri conseguenti al declino della scuola e dell’educazione che la scuola dovrebbe dare.

Bisogna comunque lottare perché la sostanza dell'umanesimo, della cultura della civiltà, rimanga nelle nostre aule scolastiche.

Per inserire i mostri della notte nel culto della persona umana, per trasformare le Erinni in Eumenidi, le maledizioni in benedizioni.

Dopo alcuni anni di cattivo funzionamento della scuola, non funziona più niente.

  "Si sa, o si intuisce, che quando il pensiero non è puro e vigile, quando la venerazione dello spirito non è più valida, anche le navi e le automobili incominciano presto a non funzionare, anche il regolo calcolatore dell'ingegnere e la matematica delle banche e della borsa vacillano per mancanza di valore e di autorità, e si cade nel caos (…) Erano tempi feroci e violenti, tempi caotici e babilonici nei quali popoli e partiti, vecchi e giovani[2], rossi e bianchi non s'intendevano più. Andò a finire che, dopo sufficienti salassi e un grande immiserimento, sempre più forte si fece sentire il desiderio di rinsavire, di ritrovare un linguaggio comune, un desiderio di ordine, di costumatezza, di misure valide, di un alfabeto e di un abbaco che non fossero dettati dagli interessi dei grandi, né venissero modificati a ogni piè sospinto. Sorse un bisogno immenso di verità e giustizia, di ragionevolezza, di superamento del caos"[3].

Per quanto riguarda la cultura-educazione può bastare.

Passiamo al merito. Questa è una parola che contiene l’idea di reciprocità. Si compie bene un lavoro e se ne ottiene un compenso.

Reciprocità, ovviamente nel bene, non è una brutta parola, come non lo è “contrappasso2 nel male.

Nel poema agricolo di Esiodo leggiamo leggiamo :" a se stesso apparecchia il male l'uomo che lo prepara per un altro[4],  e il pensiero cattivo è pessimo per chi l'ha pensato”.

Tommaso d’Aquino spiega il contrappasso con queste parole: “ Sed haec est forma divini iudicii, ut secundum quod aliquis fecit patiatur[5].

Io  diffido di chi sbandiera la propria generosità e santità dicendo che lui fa del bene a tutti, gratis et amore, senza aspettarsi nulla in cambio. Mi ricorda Riccardo III di Shakespeare, quando, ancora duca di Gloucester, in un breve monologo dice che copre la propria nuda scelleratezza con vecchi scampoli carpiti a casaccio alla Sacra Scrittura e tanto più sembra un santo quanto più fa il diavolo (I iii).

Il merito dunque merita compenso e vuole essere riconosciuto. Ma che cosa è meritevole di riconoscimento in termini di onore innanzitutto, poi anche di remunerazione[6] materiale, che non costituisca però una umiliazione di chi ha avuto in dono dal destino volontà e capacità inferiori?

Intendo dire che la mercede del merito non deve essere sproporzionata rispetto alle necessità di ogni essere umano.

Un operaio con cinque figli secondo me non dovrebbe guadagnare meno di un consigliere regionale celibe.

Le disuguaglianze colossali sono una negazione della democrazia e della libertà.

La meritocrazia tanto sbandierata, come la democrazia, dovrebbe escludere la pre-potenza che appartiene alla gamma dei significati della parola kravto~ (kratos). Merito massimo, soprattutto nel caso dell’uomo politico, è impiegare le proprie capacità per il bene comune. Meritevole è la generosità, l’altruismo, la capacità di favorire la vita, la propria e quella degli altri. Meritoria è la buona eris di  Esiodo, lo spirito di emulazione che spinge a fare sempre meglio. Da biasimare è invece la competitività che tira a fregare per dirla con parole povere e molto dirette.

Ricorrere ai classici aiuta anche a capire che “il discorso della verità è semplice e quanto è conforme a giustizia non ha bisogno di interpretazioni ricamate. Invece  il discorso ingiusto, siccome è malato dentro, ha bisogno di artifici scaltri”. Sono parole che Euripide attribuisce a Polinice nella tragedia Fenicie, ma si potrebbero attribuire a tanti dei nostri politici e tecnici che ciarlano a casaccio e arzigogolano nascondendo verità che  in greco è invece áletheia [7], etimologicamente “non latenza”. 

Su questo abbiamo discusso per un paio di ore e ci siamo trovati sostanzialmente d’accordo. Il vostro umile cronista ha riferito quanto si è detto con l’aggiunta, gratuita, di qualche sua modestissima conoscenza del resto ricavata con una vita di studio. Una vita impiegata e adoperata in favore di chi vuole imparare.

Tanti giovani, ben lungi dall’essere fannulloni, e pure tanti non giovani provano questo nobile desiderio.

Un paio di giorni fa, sono andato al Liceo Tito Livio di Padova, invitato dall’AICC[8].

Ho parlato per un’ora di Medea tra Euripide e Seneca. Ho avuto il rimborso del viaggio, peraltro non richiesto. Ebbene, il compenso del merito, il segno di quanto il mio lavoro è stato meritevole, è stata l’attenzione del pubblico, misto di ragazzi, di adulti e di vecchi come me, perfino più attempati di me che fra tre giorni compio 68 anni. Oramai sono settanta, ma la voglia di imparare e donare quanto ho imparato e imparo è sempre tanta[9].

 Grande soddisfazione mi ha dato anche la discussione che la mia chiacchierata ha suscitato e alcuni riscontri ricevuti per posta elettronica. Riporto il più bello che rende onore alla cultura, ai giovani che la desiderano, e, forse non indegnamente, al mio lavoro  di una vita.

 

     Gentilissimo professore,
Sono rimasta incantata della sua esposizione e avrei voluto ascoltarla molto più a lungo.
Le chiedo la cortesia di inviarmi i materiali cui accennava giovedì a questo indirizzo email , luciabusnardo@gmail.com, da cui Le sto scrivendo.
La ringrazio molto.
Cordiali saluti
Lucia Busnardo

 

Grazie a te Lucia, che tu sia ragazza o donna o anziana. Grazie a te e a quelli come te.

 

giovanni ghiselli g.ghiselli@tin.it

 

Note:


 

[1] A mia moglie, Il Canzoniere, 1921.

[2]  Oggi aggiungerei “maschi e femmine” (ndr).

[3] H. Hesse, Il giuoco delle perle di vetro, p. 33 e p. 368.

[4] oi| g j aujtw'/ kaka; teuvcei ajnh;r a[llw/ kaka; teuvcwn" (Opere e giorni, v.265),

[5] ma questo è il sistema del giudizio divino, che uno riceva secondo quello che ha fatto (S. Theol. II, II, 61, 4

 

[6] Munus è una parola che contiene, appunto, un’idea di reciprocità: significa infatti “compito” e “dono”.

[7] ajlhvqeia.

[8] Associazione italiana cultura classica

[9] Cfr. una battuta di Mastroianni, il protagonista di La città delle donne di Fellini: “oramai sono cinquanta,  ma la voglia è sempre tanta”

Top twenty collaboratori attivi

1-Paola Viale (1010 file)

2-Miriam Gaudio (575 file)

3-Vincenzo Andraous (344 file)

4-Gianni Peteani (266 file)

5-Enrico Maranzana  (246 file)

6- Giovanni Ghiselli (222 file)

7-Luca Manzoni (124 file)

7-Sandro  Borzoni (124 file)

9-Maria Concetta Puglisi (117 file)

10-Gennaro Capodanno (86 file)

10-Piero Torelli (86 file)

12-Elio Fragassi (77 file)

13-Alissa Peron (63 file)

14-Francesco Avolio (59 file

15-Laura Alberico (57 file)

16-Rosalia Di Nardo (54 file)

17-Silvia Sorrentino (47 file)

18-Vittorio Tornar (46 file)

19-Samuele Gaudio (44 file)

19-Cristina Rocchetto (44 file)

 

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2014 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

 

 

 

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di