Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

 

Storia linguistica dell’Italia Repubblicana

Dal 1946 ai nostri giorni

di Tullio De Mauro

Terza parte della presentazione del libro, di Giovanni Ghiselli

Editori Laterza, Roma-Bari 2014

 

Presentazione III

 

De Mauro nota che tra lingue parlate in Europa nel primo millennio, hanno avuto massima persistenza il greco, il basco, le parlate celtiche in Gran Bretagna e quelle della nostra penisola.

“L’Europa linguistica riflette oggi, nel complesso, gli assetti che raggiunse nel tardo Medioevo. L’Italia linguistica del 1946, invece, aveva una configurazione che rifletteva non solo la latinizzazione, realizzatasi molto lentamente, e mai del tutto compiutasi, tra III sec. a. C. e inizi dell’età imperiale, ma anche le condizioni più antiche (… ) Una forte e stabilizzata differenziazione etnico-linguistica delle popolazioni caratterizzò l’Italia preromana rispetto a ogni altra area europea. A metà del primo millennio a. C. l’Italia era occupata da popolazioni di assai varia provenienza e inserimento nel territorio, e quindi da una varia selva di idiomi eterogenei, indoeuropei e non indoeuropei, alcuni di più remoto radicamento nel suolo italiano, come l’etrusco e il sardo, altri importati in fasi più recenti da oltre le Alpi e attraverso l’Adriatico e il Mediterraneo centrale come il messapico, il greco, il punico ” (p. 25)

Segue un elenco  di lingue parlate allora in Italia.

 

Del resto Leopardi nell’Ottocento continua a considerare la lingua italiana  “piuttosto un aggregato di lingue che una lingua, laddove la francese è unica” ha maggiore facoltà rispetto alle altre “di adattarsi alle forme straniere…Queste considerazioni rispetto alla detta facoltà della nostra lingua, si accrescono quando si tratta della lingua latina, o della greca. Perché alle forme di queste lingue, la nostra si adatta anche identicamente, più che qualunque altra lingua del mondo: e non è maraviglia, avendo lo stesso genio, ed essendosi sempre conservata figlia vera di dette lingue, non solo per ragioni di genealogia e di fatto, ma per vera e reale somiglianza e affinità di natura e di carattere” (Zibaldone,  964 e 965).

Per quanto riguarda la lingua greca, più avanti leggiamo“Chi vuole vedere un piccolo esempio della infinita varietà della lingua greca, e come ella sia innanzi un aggregato di più lingue che una lingua sola, secondo che ho detto altrove, e vuol vederlo in uno stesso scrittore e in uno stesso libro; legga il Fedro di Platone. Nel quale troverà, non dico tre stili, ma tre vere lingue, l’una nelle parole che compongono il dialogo tra Socrate e Fedro, la quale è la solita e propria di Platone, l’altra nelle due orazioni contro l’amore, in persona di Lisia e di Socrate; la terza nell’orazione di questo in lode dell’amore.” (Zibaldone, 2717).

 

Ma torniamo a De Mauro e all’Italia della metà del I millennio a. C.: “Il latino era parlato solo dalle popolazioni di una piccola area compresa tra Monti Tiburtini, Colli Albani e foce del Tevere, contornate e incalzate da popolazioni che parlavano etrusco, osco umbro e greco, quest’ultimo portato nel cuore della città di Roma da mercanti. Nell’Italia moderna la sola diretta sopravvivenza di tanti idiomi diversi dal latino è il greco, che nel Medioevo continuò a essere parlato estesamente in Sicilia, nel Sud e nella stessa città di Roma e, secondo una tesi accreditata, sopravviverebbe ancora nelle parlate neogreche della Calabria e del Salento. Per il resto dominano non le dirette sopravvivenze degli idiomi non latini, bensì le continuazioni del latino, o meglio le sopravvivenze di ciò che il latino era andato diventando sulle bocche delle varie popolazioni di diverso idioma (…) Le radici dell’Italia linguistica moderna e del Novecento stanno ancora nell’assetto linguistico dell’Italia alla fine del I millennio a. C. e nella persistenza, per quanto indiretta, della politica linguistica della Romana res publica. Non si intende il presente senza almeno rievocare quelle radici ” (p. 26).

 

La conoscenza del latino amplia sicuramente la visione mentale. A questo proposito, Schopenhauer ha lasciato un’immagine efficace: “ L'uomo che non conosce il latino somiglia a colui che si trova in un bel posto, mentre il tempo è nebbioso: il suo orizzonte è assai limitato; egli vede con chiarezza solamente quello che gli sta vicino, alcuni passi più in là tutto diventa indistinto. Invece l'orizzonte del latinista si stende assai lontano, attraverso i secoli più recenti, il Medioevo e l'antichità.-Il greco o addirittura il sanscrito allargano certamente ancor più l'orizzonte.-Chi non conosce affatto il latino, appartiene al volgo, anche se fosse un grande virtuoso nel campo dell'elettricità e avesse nel crogiuolo il radicale dell'acido di spato di fluoro"[1].

 

“Roma non impose mai in modo pianificato la sua lingua. E, del resto, anche all’interno del suo più stretto territorio tradizionale non impose mai la norma colta urbana e lasciò che sopravvivesse il sermo rusticus. Entro la stessa Urbe fu tollerato che a diversi livelli sociali avessero corso parlate altre dal latino e al livello più alto fu privilegiato e, almeno dal tempo degli Scipioni e di Catone Censore, perfino idoleggiato il greco. Perciò dalle diverse popolazioni dell’Italia la lingua di Roma fu appresa in tempi e con modalità differenti, trasferendo nelle varianti locali del latino modi fonetici ed elementi lessicali dei preesistenti idiomi locali”. (p. 27)

 

Nel Satyricon si trova un sermo familiaris che si alterna spesso col sermo plebeius e col sermo rusticus . Il realismo di Petronio lo porta ad attribuire a ogni personaggio il modo di esprimersi del ceto cui appartiene

A proposito di realismo antico Auerbach sostiene che il Satyricon rappresenta la realtà in maniera più ampia e meno stilizzata dei realisti alessandrini, quali Teocrito nelle Siracusane (XV) o  Eroda nel lenone (III).  " Petronio, " come un realista moderno, pone la sua ambizione artistica nell'imitare senza stilizzazione un qualsiasi ambiente d'ogni giorno e contemporaneo, e nel far parlare alle persone il loro gergo. Con ciò raggiunge il limite estremo a cui sia arrivato il realismo antico"[2].

Auerbach  riporta alcune  frasi del liberto Ermerote e trova che  il suo linguaggio sia "quello un po’ becero e snervato d'un mercante cittadino incolto, pieno di frasi fatte" e, aggiunge, "vi si sente il tono sanguigno con cui vengono espressi sentimenti vivaci ma triviali"[3].

 Giovanni Ghiselli

 

continua


[1] A. Schopenhauer, Parerga e paralipomena, Tomo II, p. 772.

[2] E. Auerbach, Mimesis, pp. 37-38.

[3] E. Auerbach, Mimesis, Il realismo nella letteratura occidentale, p. 32.

Top twentytwo collaboratori attivi

1-Paola Viale (1045 file)

2-Miriam Gaudio (676 file)

3-Carlo Zacco (394 file)

4-Vincenzo Andraous (354 file)

5-Gianni Peteani (294 file)

6- Giovanni Ghiselli (288 file)

7-Enrico Maranzana  (266 file)

8-Piero Torelli (153 file)

9-Luca Manzoni (147 file)

10-Sandro  Borzoni (133 file)

11-Maria Concetta Puglisi (117 file)

12-Irma Lanucara (104 file)

13-Gennaro Capodanno (92 file)

14-Elio Fragassi (85 file)

15-Laura Alberico (70 file)

16-Alissa Peron (63 file)

17-Francesco Avolio (59 file

18-Rosalia Di Nardo (54 file)

19-Silvia Sorrentino (47 file)

20-Vittorio Tornar (46 file)

20-Cristina Rocchetto (46 file)

22-Samuele Gaudio (44 file)

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2017 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

 

 

 

 

 

 

 

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di

 

 

Privacy Policy