Acculturazione, inculturazione e sottoculture

di Irma Lanucara

La cultura appare distinta in “sottoculture”, cioè particolari forme culturali che possono essere in certi aspetti diverse rispetto alla “cultura ufficiale” o addirittura contrapposte al complesso degli atteggiamenti,delle credenze ecc..

Attraverso il meccanismo dell’imitazione sociale, all’interno delle diverse classi della società stratificata avviene il fenomeno dell’interscambio culturale, nel senso che la cultura della classe avvantaggiata, ad esempio, passa alla classe media o svantaggiata.

Il processo della “migrazione culturale” non riguarda tutta la cultura, ma soltanto quelle parti che si considerano come utili ai fini del soddisfacimento di alcuni bisogni sociali; si verifica così il cosiddetto processo di acculturazione.

La cultura, per poter essere trasmessa (processo di inculturazione), presuppone una fitta rete e un complesso sistema di intercomunicazione e di simboli; tale sistema consente ad ogni membro del gruppo sociale di appropriarsi, comprendere ed  elaborare l’esperienza culturale accumulata,consentendogli, non solo di essere “fruitore” della cultura, ma anche “produttore”.

Nei processi di trasmissione culturale e, quindi, di inculturazione, alcuni elementi scompaiono, mentre altri nuovi si aggiungono all’eredità culturale; questo fenomeno è paragonabile alla nascita di una lingua, nella quale alcuni vocaboli scompaiono ed altri si aggiungono.