Perfectum opus orationis

Ottavo capitolo di "Essere finito ed essere eterno. Per una elevazione al senso dell'essere" di Edith Stein

della prof.ssa Irma Lanucara

CAPITOLO VIII – PERFECTUM OPUS RATIONIS

-         Nel 1931 Edith Stein pubblica un articolo intitolato L’intelletto e gli intellettuali, nel quale si afferma che l’intelletto è un dono del quale abbiamo bisogno, ma è necessario considerarne i limiti con umiltà. Difatti ogni umana forma di sapere è frammentaria, incompleta e di fronte a tale presa di coscienza vi sono due possibilità: o la disperazione o si compie il salto della fede, dato che la verità non si può conquistare con la sola attività intellettuale. In tale prospettiva lo sguardo di un bambino che si affida vale molto di più del più grande sapiente.

-         Di fronte alla verità totale, dunque, appaiono due vie: o la disperazione o l’apertura alla fede. Tale è la tesi centrale del saggio del 1929, la stessa che anima la stesura dell’opera maggiore della Stein, Essere finito e essere eterno.

 

        I.            Potenza e atto. Tale scritto si colloca tra il saggio del 1929 ed Essere finito e essere eterno.

All’inizio viene posta la questione dell’ “essere” in relazione alla prova dell’esistenza di Dio. Si dice infatti che bisogna partire dal semplice fatto del nostro essere, fatto questo del quale si può essere certi utilizzando la sola conoscenza naturale. È necessario fare riferimento a ciò per dimostrare come in Edith Stein non ci sia affatto una confusione tra filosofia e teologia.

      II.            Filosofia e teologia nei corsi di Munster. Anche l’impegno pedagogico di Edith Stein si traduce in un approfondimento del rapporto tra filosofia e teologia.

(p. 200 fino al primo capoverso)

Del resto ogni teoria dell’educazione porta con sé una concezione del mondo, una metafisica e una determinata idea dell’uomo. E per Edith Stein una “metafisica cristiana” dovrebbe essere alla base di ogni pedagogia.

Inoltre anche un’antropologia che non prendesse in esame il rapporto dell’uomo con Dio, cioè la domanda di felicità che lo costituisce, risulterebbe incompleta. Per questo un’antropologia filosofica dovrebbe essere accompagnata sempre da un’antropologia teologica: questo è l’unico modo per dare un’immagine completa del mondo reale, cioè una metafisica.

La Stein precisa anche che teologia e filosofia sono certamente l’una il completamento dell’altra ed hanno comunque un oggetto e un metodo differenti. Questo dimostra come ella avesse ben chiara la distinzione tra filosofia e teologia.

Oggetto della teologia è Dio; oggetto della filosofia è il mondo creato ed essa tratta di Dio solo nella misura in cui le creature rimandano a Dio.

La teologia prende le mosse dalla rivelazione e utilizza la ragione naturale solo per rendere comprensibili all’uomo le verità di fede. La filosofia, invece, prende le mosse dalla ragione naturale e trova nella teologia il completamento, in quanto gli strumenti di cui ci si può servire non bastano per arrivare alla verità.

-         Anche nel saggio del 1929 si era affermato che la fede debba fungere da criterio per la conoscenza filosofica e questo sembra contraddire l’idea secondo la quale la ricerca filosofica sia autonoma. In realtà, secondo la Stein, non solo il filosofo credente sottomette la ragione alla fede, ma anche il filosofo in generale: questo perché il filosofo, in quanto tale, cerca una risposta completa ai suoi interrogativi e, pertanto, non può non interessarsi a quella forma di conoscenza che è la fede.

    III.            Essere finito e essere eterno. Ci si riferisce qui in modo particolare alla parte introduttiva dell’opera, incentrata sul confronto tra filosofia cattolica e filosofia moderna. La fede viene vista qui come criterio della filosofia e comunque in collaborazione con essa, precisando che la filosofia moderna, rompendo ogni legame con la fede e la teologia giunge a divenire “scienza atea” in nome di una totale autonomia.