Illuminismo

sintesi di storia di Irma Lanucara

ILLUMINISMO

L’Illuminismo è un movimento di rinnovamento culturale che interessò tutti i campi della vita nel corso del ‘700. Esso dava molta importanza alla ragione umana, ritenuta capace di dare all’uomo la felicità e di “illuminare” il buio dell’ignoranza. Tra i maggiori teorici dell’Illuminismo ricordiamo Rousseau, Voltaire e Montesquieu.

L’Illuminismo nasce grazie al progresso scientifico che era iniziato nel corso del ‘600 grazie anche a Galileo Galilei, a Newton e a Lavoisier. Al progresso scientifico si affiancò quello tecnologico, che aveva portato in Inghilterra alla cosiddetta rivoluzione industriale.

La filosofia pose in primo piano la ragione umana e l’esperienza; in campo religioso si diffuse il cosiddetto deismo, cioè il credere in un dio generico, non ad una particolare religione, poiché le religioni tradizionali, come il cristianesimo, vennero criticate.

L’Illuminismo influenzò anche il campo dell’economia: anche gli scambi commerciali dovevano nascere da una libera iniziativa. In particolare Smith parlò di liberismo economico, fondato sul libero scambio, attraverso il quale si doveva raggiungere il benessere della società.