Un grande regno lungo il fiume Nilo

di Irma Lanucara

La civiltà egizia si sviluppò lungo il fiume Nilo nello stesso periodo in cui si svilupparono le grandi civiltà della Mesopotamia e durò ben tre millenni. Essa non subì grandi modifiche nel corso di questo lungo periodo, riuscendo a mantenere le sue caratteristiche quasi del tutto inalterate. Un elemento fondamentale di questa civiltà fu il legame con il fiume Nilo, specialmente per il fenomeno delle piene (=l’acqua del fiume inonda le zone vicine), che non veniva visto come un fatto negativo, ma, al contrario, come un segno di benevolenza da parte degli dei. Le piene erano causate dalle abbondanti piogge estive e quando l’acqua si ritirava depositava nel suolo il cosiddetto limo, uno strato di melma di colore rossastro che rendeva il terreno particolarmente fertile. Questo fenomeno favoriva l’agricoltura e di conseguenza anche il commercio, rendendo ricco l’Egitto.

Il territorio egiziano fu abitato fin dalla preistoria. Durante il Neolitico alcuni cambiamenti climatici causarono la progressiva desertificazione della regione. Per questo motivo le popolazioni si spostarono vicino al Nilo, iniziando a dedicarsi all’agricoltura (mentre prima erano nomadi e si dedicavano alla caccia e alla pesca). Prima del 3000 a.C. la regione era divisa in due parti: il Basso Egitto, che era a nord, e l’Alto Egitto nella zona del sud. L’Alto Egitto non era molto ricco e il terreno coltivabile non era molto; invece l’economia del Basso Egitto era molto ricca, anche perché era vicino al Nilo e si favorivano gli scambi commerciali.

L’unificazione del paese avvenne partendo dall’Alto Egitto verso il 3000 a.C.. I piccoli regni vennero unificati da Menes, il primo faraone (=”grande casa”), che stabilì la capitale a Menfi. Secondo la tradizione sul trono egiziano si succedettero trentuno dinastie. Gli storici hanno suddiviso la storia egizia in tre grandi periodi:

-         L’Antico Regno (2700-2200 a.C.);

-         Il Medio Regno (2050-1786 a.C.);

-         Il Nuovo Regno (1567-1080 a.C.).