Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

Ripassa per la maturità:

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

LA GUERRA DEI TRENT' ANNI

di Laura

E’ l’ultima guerra di religione fra protestanti e cattolici. Assume un andamento europeo. Si può sintetizzare in quattro fasi:

1. FASE BOEMA. Protesta contro la tedeschizzazione e cattolicizzazione di Boemia e Ungheria da parte di Ferdinando. Scoppia nel 1618 con la celebre “defenestrazione di Praga”, in cui i rappresentanti dell’imperatore vengono buttati dalla finestra per protesta contro Ferdinando. A favore dell’imperatore si schiera il duca Massimiliano di Baviera. La guerra acquista una dimensione europea e dura fino al 1648 perché la questione della Boemia era solo una parte di un problema ben più grande: la questione del predominio fra cattolici e protestanti. La prima fase termina nel 1630 con la “battaglia della montagna bianca” in cui Massimiliano, aiutato dall’esercito spagnolo (cattolico), seda i rivoltosi.

2. FASE DELLA DANIMARCA. Interviene in re di Danimarca, Cristiano IV, preoccupato dei successi di Ferdinando, ma viene ripetutamente sconfitto dal famoso generale Wallenstein che è il secondo grande protagonista della guerra assieme a Massimiliano. Alla fine, nel 1629, Cristiano IV è costretto a firmare la Pace di Lubecca, che chiude la seconda fase. Tuttavia, l’imperatore Ferdinando non si accontenta della vittoria e ne vuole approfittare per restaurare in Europa l’autorità dell’imperatore e il cattolicesimo. Questo suscita un allarme di tutte le potenze europee e lo scoppio della terza fase.

3. FASE SVEDESE. L’imperatore tenta di imporre la sua autorità e il cattolicesimo e suscita l’allarme dell’Europa con due provvedimenti:
1) L’Editto di Restituzione che restituisce alla Chiesa Cattolica tutti i beni confiscati in precedenza. Questo editto scontenta sia protestanti che cattolici, che lo ritengono inopportuno
2) Per premiare Massimiliano della sua fedeltà, gli conferisce la carica di Principe Elettore, atto illegale, perché era una carica ereditaria di sette famiglie fin dalla Bolla d’Oro del 1356.
In conclusione preoccupava l’Europa anche un terzo aspetto, cioè il potere personale del generale Wallenstein. E’ un personaggio spietato che l’imperatore aveva nominato principe per ricompensarlo dei suoi sevizi, ma aspirava a diventare re. A questo punto interviene il grande sovrano di Svezia, Gustavo Adolfo, uno degli esempi più famosi di monarchia assoluta del ‘600. Ottiene numerose vittorie grazie ad un esercito reso efficiente da alcune innovazioni:
1) Artiglieria leggera, cannoni più maneggevoli.
2) Cavalleria addestrata per le cariche con la sciabola e fucilieri con moschetto leggero e tiro di precisione.
3) Creazione di un esercito professionale stabile e non mercenario, cosa più importante
Tuttavia, per un caso fortuito, cioè la morte in battaglia dello stesso Gustavo, l’imperatore riesce a ottenere la vittoria sulla Svezia, e la fase si conclude con la Pace di Praga del 1635. La Svezia rimane debole, in quanto al posto di Gustavo subentra la figlia Cristina di nove anni, che diventerà una grande protettrice di filosofi, poeti e letterati. Fu oltretutto una protettrice dell’Arcadia e presso la sua corte morì Cartesio.

4. FASE FRANCESE. Il cardinale Richelieu decide di intervenire contro l’impero. E’ un paradosso, perché si tratta di un cattolico che interviene contro un altro cattolico a favore dei protestanti. Ciò significa che le ragioni politiche prevalgono su quelle religiose. Richelieu interviene anche contro la Spagna, già in crisi, che verrà ancor di più abbattuta a causa dello sforzo militare eccessivo che deve sostenere. Aumentano, inoltre, le spinte indipendentistiche delle province spagnole, in particolare della Catalogna e del Portogallo, che diventa indipendente nel 1640 (era stato inglobato da Filippo II). La battaglia conclusiva di questa fase avviene nel 1643, a Rocroi: la Francia vince contro la Germania.

A questo punto abbiamo la Pace di Westfalia nel 1648, che viene firmata dal successore Ferdinando III. Ha delle conseguenze fondamentali per la storia successiva:

1. Il definitivo crollo del progetto politico e religioso dell’imperatore di estendere la sua egemonia cattolica su tutti i cristiani d’Europa.
2. Fine delle guerre di religione con la sconfitta del progetto di sottometter ei protestanti. Il paradosso è che la guerra è stata inutile, perchè si ritorna al principio della Pace di Augusta, del 1555: cuius regio, eius religio.
3. Dissoluzione del potere imperiale e divisione della Germania in una miriade di staterelli. Gli Asburgo governano solo su Austria, Boemia e Ungheria. Dovremo aspettare il 1871 quando il grande statista Bismarck riunificherà la Germani formando il cosiddetto Secondo Reich, per distinguerlo dal Primo, cioè il Sacro Romano Impero, e dal Terzo, quello costituito da Hitler.
4. Le conseguenze della Pace di Westfalia sono durature. La Francia acquista un potere che manterrà fino al 1871 quando verrà sconfitta da Bismarck. N.B.: La guerra non è finita con Westfalia, ma prosegue tra Spagna e Francia sino al 1659 con la Pace dei Pirenei.
5. Conseguenza economica. La devastazione dell’Europa, il danno alle finanze degli Stati in guerra, la diffusione delle epidemie, favorita dal movimento degli eserciti e dalle fughe delle popolazioni dalle campagne alle città, dove l’assembramento favorisce il diffondersi delle infezioni, anche con la comparsa di nuove malattie, come la sifilide.

Tutto questo pone la Guerra dei Trent’Anni fra le cause della crisi del ’600, ma aggrava i sintomi di una crisi già iniziata precedentemente.

libri

Top twenty collaboratori attivi

1-Paola Viale (1010 file)

2-Miriam Gaudio (575 file)

3-Vincenzo Andraous (344 file)

4-Gianni Peteani (266 file)

5-Enrico Maranzana  (246 file)

6- Giovanni Ghiselli (222 file)

7-Luca Manzoni (124 file)

7-Sandro  Borzoni (124 file)

9-Maria Concetta Puglisi (117 file)

10-Gennaro Capodanno (86 file)

10-Piero Torelli (86 file)

12-Elio Fragassi (77 file)

13-Alissa Peron (63 file)

14-Francesco Avolio (59 file

15-Laura Alberico (57 file)

16-Rosalia Di Nardo (54 file)

17-Silvia Sorrentino (47 file)

18-Vittorio Tornar (46 file)

19-Samuele Gaudio (44 file)

19-Cristina Rocchetto (44 file)

 

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2014 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

Guarda le videolezioni:

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di