Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

 

I giovani di oggi: gli eterni bambini

dalla tesina "Peter Pan" esame di stato 2011

di Angela Maraggia

La nostra società vede sua parte integrante un’intera generazione, quella compresa tra i 20 e i 40 anni che vive una situazione molto critica. Il problema è molto sentito anche a livello istituzionale tanto che questi soggetti sono stati argomento dell’attenzione di un ministro dell'economia, Padoa Schioppa, che ha coniato per loro il termine "bamboccioni" ovvero giovani, che non vanno a vivere da soli e che spesso sono ancora mantenuti dai genitori.

Da un indagine dell’’ISTAT emerge che più del 70% delle persone nella fascia di età compresa tra 19 e 39 anni, vive ancora con i genitori. Si devono quindi cercare le cause di questa situazione. Alcuni sono costretti a causa delle ristrettezze economiche, alcuni restano pur avendo disponibilità economiche per comodità e per risparmiare, altri ancora, approfittano della disponibilità dei genitori senza fare sforzi per trovare una propria strada indipendente. Le cause comunque non sono da ricercare solo nell’ambito economico come conseguenza della crisi e della mancanza di occupazione, ma anche in ambito culturale ed educativo, perché vivere con i genitori sta diventando, non più un'eccezione di cui vergognarsi ma una condizione comune e socialmente accettata.

I primi a non protestare sono spesso proprio quei genitori che accettano di continuare a mantenere economicamente quei figli che non sono più bambini da parecchi anni.

Questo fenomeno non esiste solo in Italia; in altri paesi viene stigmatizzato col nome di "generazione ni-ni" con cui si identificano quei giovani che dichiarano, senza complessi, di essere "nullafacenti convinti" e che quindi rimangono a vivere in casa sulle spalle dei genitori senza accampare scuse e attenuanti relative alla mancanza di prospettive e di lavoro.

Queste persone in genere arrancano nello studio, oppure ci hanno rinunciato da tempo, ma non pensano a trovarsi un lavoro, oppure non hanno alcuna vera occupazione. Niente doveri né responsabilità : continuano a condurre un'esistenza senza prospettive per il futuro, vagando in un limbo che per il momento li soddisfa, e in cui pensano di rimanere indefinitamente.

I sociologi si chiedono come si possa essere arrivati a questa situazione .

La risposta è composta da altre domande. E' solo colpa della crisi? O la società intera, e le famiglie in primo luogo, sono diventate troppo indulgenti e tendono a viziare in maniera malsana i giovani? Ci vorrebbe più severità? O forse basterebbe qualche briciola di buon senso in più?

Possiamo però osservare che non è la prima volta che il nostro paese si trova in difficoltà economiche. Se pensiamo al periodo successivo alla seconda guerra mondiale, possiamo osservare che i nostri nonni vivevano in un paese in cui la povertà era molto più diffusa. Ma forse è stata la loro voglia di non farci vivere nella la povertà a condurci a questo.

Non dobbiamo però dimenticare che ci sono moltissimi giovani che vivono svolgendo  lavori sottopagati precari in cui i soggetti sono sfruttati ed in assenza di garanzie : tutti fattori  che certamente non rendono facile l'autonomia.

La questione "bamboccioni" quindi non può essere sottovalutata. Anche il ministro Brunetta, che ha proposto provocatoriamente una legge che obbligasse ad andare via di casa a 18 anni. Sicuramente si tratta di una proposta estrema, ma che potrebbe avere un seguito se ci fossero le condizioni per realizzarla. Se i prezzi degli immobili non fossero esorbitanti, e se il mercato del lavoro fosse più fiorente, dinamico e fornisse maggiori garanzie ai lavoratori e apertura ai giovani.

Sarebbe riduttivo limitarsi ad una definizione ironica di una situazione da non sottovalutare perché implica diverse e serie problematiche. Lo dimostrano le ricerche dell’istituto IARD10

 

Nota

10 IARD: è un istituto specializzato attivo dal 1961 nel campo della ricerca sui processi culturali, educativo e formativo con un approccio che integrano le prospettive delle diverse scienze sociali, e dal 1988 si è trasformato in Fondazione riconosciuta come “ente morale”. Opera in tutto il territorio nazionale, avvalendosi di un gruppo di collaboratori esterni, scelti fra i più noti esperti dei vari settori. Inoltre fornisce consulenze e supporto tecnico alla realizzazione di interventi per conto dell’Unione Europea.

  • torna all'indice di Peter Pan Tesina esame di stato 2011 di Angela Maraggia

Libri su Peter Pan

Libri sui giovani

Top twentytwo collaboratori attivi

1-Paola Viale (1045 file)

2-Miriam Gaudio (676 file)

3-Carlo Zacco (394 file)

4-Vincenzo Andraous (354 file)

5-Gianni Peteani (294 file)

6- Giovanni Ghiselli (288 file)

7-Enrico Maranzana  (266 file)

8-Piero Torelli (153 file)

9-Luca Manzoni (147 file)

10-Sandro  Borzoni (133 file)

11-Maria Concetta Puglisi (117 file)

12-Irma Lanucara (104 file)

13-Gennaro Capodanno (92 file)

14-Elio Fragassi (85 file)

15-Laura Alberico (70 file)

16-Alissa Peron (63 file)

17-Francesco Avolio (59 file

18-Rosalia Di Nardo (54 file)

19-Silvia Sorrentino (47 file)

20-Vittorio Tornar (46 file)

20-Cristina Rocchetto (46 file)

22-Samuele Gaudio (44 file)

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2017 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

 

 

 

 

 

 

 

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di

 

 

Privacy Policy