Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

 

Terrorismo

Attacchi terroristici: Madrid, Londra, New York

Ci sono pensieri così elementari che non vengono più pensati, se non quando la tela della vita quotidiana si strappa. Uno è questo: che la convivenza umana si fonda sul presupposto, scontato, che fra gli uomini ci sia una simpatia reciproca, una solidarietà preliminare. Se ne accorgono quando la disgrazia li insegue o li circonda e li costringe a guardarsi le spalle in ogni atto della vita ordinaria.

Senza questa simpatia preventiva, la convivenza umana non ci sarebbe.

Il terrorismo ha in odio quella simpatia. Per questo sceglie luoghi comuni della mobilità umana: l’autobus, la metropolitana, un bar, un treno… Con l’intenzione di rendere insicuri e angosciosi i gesti della vita quotidiana.

L’obbiettivo più casuale è l’obbiettivo preferito. Non i grandi della terra, i veri bersagli sono i corpi bruciati o martoriati nei vagoni, le città sventrate.

È vero che c’è una guerra del terrore e che i suoi nemici sono i cittadini dell’Occidente. La risposta al terrorismo non ha bisogno tanto di parole grosse, quanto di fatti.

Ricordiamo che l’11 Settembre non c’era la guerra in Iraq. Ormai c’è e il suo futuro è la responsabilità di tutti noi.

È vero che l’Europa tiene la testa voltata altrove, mentre nel mondo, e nelle sue stesse belle città, il terrorismo islamista affila i coltelli del sacrificio? È vero. Non è proprio così per quegli antiglobalisti attivisti che a distanza di anni continuano a farsi un punto d’onore. Non sono più tanti e avrebbero ancora più ragione se protestassero, prima che in nome dei propri obbiettivi, in nome dell’abitudine a salire su un autobus, a prendere una metropolitana. Come tutti. 

Il Terrorismo è un metodo di lotta politica basato sul ricorso alla violenza, con l’obbiettivo di generare un sentimento di insicurezza e di panico e quindi di creare un clima favorevole per realizzare obbiettivi di natura politica e militare.

 

Terrorismo moderno

Il terrorismo moderno si sviluppa dai primi decenni del XIX secolo con la diffusione di caos nazionalistici e movimenti politici rivoluzionari.

A partire dal secondo dopoguerra il fenomeno, a causa dei conflitti generati da politiche coloniali e questioni nazionali, si diffuse e diventò strettamente connesso alla politica e al fenomeno della criminalità organizzata, una delle maggiori minacce del nuovo sistema politico internazionale.

Una delle zone più calde è stata il Medio Oriente, dove il conflitto interno ha visto il continuo ricorso a questo tipo di lotta sia da parte dei palestinesi, che degli israeliani. Negli ultimi due decenni, anche grazie all’affermazione della rivoluzione in Iran e alla presa di potere dei taliban in Afghanistan, l’intero mondo islamico ha assistito ad uno sviluppo del radicalismo armato, che ha rivolto la sua offensiva contro i paesi occidentali e in particolare contro gli Stati Uniti.

A partire dal 1988 al fondamentalismo islamico si attribuiscono le più sanguinose azioni terroristiche. Agli stessi movimenti risale probabilmente il gravissimo attacco che gli Stati Uniti subirono la mattina dell’11 Settembre 2001, quando quattro aerei civili furono dirottati da commando suicidi lanciati contro le due torri del World Trade Center di New York e contro il Pentagono, la sede del Ministero della Difesa, provocando migliaia di vittime.

La diffusione del terrorismo ha coinvolto anche paesi democratici come la Germania, l’Irlanda, il Giappone, l’Italia, la Spagna e la Francia.

 

11 Settembre 2001

Libri

Top twentytwo collaboratori attivi

1-Paola Viale (1045 file)

2-Miriam Gaudio (676 file)

3-Carlo Zacco (394 file)

4-Vincenzo Andraous (354 file)

5-Gianni Peteani (294 file)

6- Giovanni Ghiselli (288 file)

7-Enrico Maranzana  (266 file)

8-Piero Torelli (153 file)

9-Luca Manzoni (147 file)

10-Sandro  Borzoni (133 file)

11-Maria Concetta Puglisi (117 file)

12-Irma Lanucara (104 file)

13-Gennaro Capodanno (92 file)

14-Elio Fragassi (85 file)

15-Laura Alberico (70 file)

16-Alissa Peron (63 file)

17-Francesco Avolio (59 file

18-Rosalia Di Nardo (54 file)

19-Silvia Sorrentino (47 file)

20-Vittorio Tornar (46 file)

20-Cristina Rocchetto (46 file)

22-Samuele Gaudio (44 file)

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2017 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

 

 

 

 

 

 

 

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di

 

 

Privacy Policy