Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

Ripassa per la maturità:

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

Poesie di Angiolo Silvio Novaro

Poesie di A. Silvio Novaro

raccolte a cura di Maria Paola Viale

 

I magi

La carovana
non è lontana
dei Magi d'Oriente.
Scalpitìo di cavalli si sente,
suoni di pifferi, confuse
aria di cornamuse.
I re portano tesori
su cavalli bardati d'argento,
e i pastori a passo lento
ingenui cuori.

 

Marzo

Marzo: una lacrimetta
che una ventata asciuga,
e qualche nuvoletta
che il sole mette in fuga.

Minaccia di bufera

e poi, tutto ad un tratto,
riso di primavera.
Oh! marzo, marzo matto

 

 

 

PLENILUNIO

Luna tonda

e rossa, sul mare.

Fuoco di raggi danza

sull'onda scura.

Plenilunio

magico momento.

Volano i miei pensieri

lanugine nel vento.

Assaporo profonde

emozioni, nel silenzio.

 

"Dammi la mano e la vita

E usciamo: la luna c'invita..."

A.S. Novaro da Il Cuore Nascosto

 

 

INVITO

Invita le stelle del cielo

alla tua festa nunziale

verranno con l'abito di gala.

Veglieranno discrete

la notte d'amore.

La luna sussurrerà al tuo cuore

un augurio che dice

"Ogni giorno della vita nuova

sia fiorito di gioia".

 

 

"Voce a sera di campana

Che rimemora ciò che fu..."

A.S. Novaro da Il Piccolo Orfeo

 

 

Miei cari,

voi che avete ali per volare

sostate un istante a questa casa

aperta alla brezza dei ricordi.

Camminavamo insieme nella vita

a piedi nudi, sopra dure pietre

contenti di ogni briciola di sole.

 

Al mesto focolare

confido il mio dolore

la speranza di rivedervi ancora.

Cammineremo tenendoci per mano

lungo strade asfaltate di luce.

Rifiorirà la vita nella gioia.

 

 

"O Maria...il tuo Figliuolo...

Spenta è per Lui la guerra..."

A.S. Novaro da La Madre di Gesù

 

SUPPLICA

Sulle torri rullano

tamburi di guerra.

 

Madre di Cristo

manda tuo figlio

messaggero di pace sulla Terra.

La sua mano onnipotente

plachi il vento dell'odio

semini nei cuori

desideri di pace.

 

 

"Noi siamo il fiore dell'eterno seme...

Di là dalla fuggevole vigilia

Ci attende la più grande maraviglia"

A.S. Novaro da Il Piccolo Orfeo

 

A MONTALE1

Si dice, Eugenio, che non hai saputo

guardare oltre la muraglia

che ha in cima cocci aguzzi di bottiglia.

Per me quell'OLTRE tu l'hai percepito

l'hai collocato nel luogo sconosciuto

dove vapora la vita quale essenza.

Ora che vivi tra bionde trasparenze

il tuo messaggio sul futuro si è chiarito.

Non mostreremo più

agli azzurri specchianti del cielo

l'ansietà del volto giallino.

Vivremo un nuovo destino

come fiori impazziti di luce.

 

 

"Tutto m'è raro, impreveduto dono

Grazia fiorita,

O vita!"

A.S. Novaro da Il Piccolo Orfeo

 

LA VITA È DONO

Acqua di fiume che corri al mare

già nell'infanzia verde e lontana

tu mi cantavi una dolce canzone

"La vita e' dono".

 

Sono passate cento stagioni

il tuo messaggio non è mutato.

Nell'ora grigia della bufera

lo sento ancora cantarmi in cuore

"La vita e' dono". 

 

"Sono il fanciullo dell'età lontana..."

A.S. Novaro da Il Piccolo Orfeo

 

TEMPO d'INFANZIA

Anni lontani.

Sull'uscio di casa

urlava la guerra

- col suono sgraziato

di cento sirene -

un canto di morte.

Ma dentro la casa

splendeva il sereno

il sole robusto

di chi si vuol bene

e un cuore di bimba

sognava la vita

fiorita di stelle.

 

 

 "La madre...

Accanto aveva il suo figliuolo..."

A.S. Novaro da La casa del Signore

 

MATERNITA'

Ghirlande di speranza

sui rami dell'attesa.

Oggi s'è aperto il grembo

hai partorito il frutto

di un sogno accarezzato.

La felicità ripete al tuo cuore

un ritornello d'amore

"Sei diventata mamma".

 

 

"Dorme il bimbo ancora sotto i veli

Dove la madre tacita lo pose..."

A.S. Novaro da Il Cestello

 

PER UNA MAMMA

Suonano nel tuo cuore

campane di gioia.

Il bimbo è nato

dischiuso come fiore

di rinata primavera.

 

Cullalo tra le braccia

stringilo dolce al cuore

sogna per lui limpidi cieli

tu che hai dato la vita

ad un germoglio d'amore.

 

 

"Voce di cuore che non si rassegna

Che al fuoco acceso del suo dolore..."

A.S. Novaro da Il Piccolo Orfeo

 

ZIA LAURA

Piangi, mio cuore.

Ha reclinato il capo

l'ultimo fiore

del ceppo antico.

Tu sai cos'è la vita

- una folata di vento -

E nella vita il dolore

crine pungente.

 

I doni

Primavera vien danzando
vien danzando alla tua porta.
Sai tu dirmi che ti porta ?

- Ghirlandette di farfalle,
campanelle di vilucchi,
quali azzurre, quali gialle
e poi rose, a fasci e a mucchi.

E l'estate vien cantando
vien cantando alla tua porta,
sai tu dirmi che ti porta ?

- Un cestel di bionde pèsche
vellutate, appena tocche;
e ciliege lustre e fresche
ben divise a mazzi e a ciocche.


Vien l'autunno sospirando
sospirando alla tua porta,
sai tu dirmi che ti porta ?

- Qualche bacca porporina,
nidi vuoti, rame spoglie,
e tre gocciole di brina,
e un pugnel di morte foglie.

E l'inverno vien tremando.
vien tremando alla tua porta,
sai tu dirmi che ti porta ?

-Un fastel d'aridi ciocchi,
un fringuello irrigidito;
e poe neve, neve a fiocchi,
e ghiacciuoli grossi un dito.

 

San Francesco 

Agli uomini che avean elmo e corazza,

che avean la spada e la ferrata mazza

dicea: - Gesù nessuna guerra vuole,

vuol che vi amiate sotto il dolce sole.

 

Dicea: - Gesù non vuol nessuna guerra,

vuol che vi amiate sulla dolce terra.

La tortorella mai non piange sola:

presso ha il compagno che la racconsola;

le piccole api fanno lor cellette

concordi, e ognuna un po' di miel vi mette;

le rondinelle van per miglia e miglia

concordi, e ognuna un chicco solo piglia.

 

Amatevi anche voi, dunque. Lasciate

il ferro e l'ira. Amatevi, e cantate!

 

 

I MESI DELL'ANNO

 

Gennaio mette ai monti la parrucca,

Febbraio grandi e piccoli imbacucca;

Marzo libera il sol di prigionia,

April di bei color gli orna la via;

Maggio vive tra musiche d'uccelli,

Giugno ama i frutti appesi ai ramoscelli;

Luglio falcia le messi al solleone,

Agosto, avaro, ansando le ripone;

Settembre i dolci grappoli arrubina,

Ottobre di vendemmia empie le tina;

Novembre ammucchia aride foglie in terra,

Dicembre ammazza l'anno, e lo sotterra.

 

Il ruscello
di Angiolo Silvio Novaro

 

C'era una volta un giovane ruscello
color di perla, che alla vecchia valle
tra molli giunchi e pratoline gialle,
correva snello;
e c'era un bimbo che gli tendea le mani
dicendo: "A che tutto cotesto foco?
Posa un po' qui: si gioca un caro gioco
se tu rimani.
Se tu rimani, o movi adagio i passi,
un lago nasce e nell'argento fresco
della bell'acqua io, con le mani, pesco
gemme di sassi.
Fermati dunque, non fuggir così!
L'uccello che cinguetta ora sul ramo
ancor cinguetterà, se noi giochiamo
taciti qui".
Rise il ruscello e tremolò commosso
al cenno delle amiche mani tese;
e con un tono di voce cortese
disse: "Non posso!
Vorrei: non posso! il cuor mi vola: ho fretta.
A mezzo il piano, a leghe di cammino,
la sollecita ruota del mulino
c'è che mi aspetta;
e c'è la vispa e provvida massaia
che risciacquar la nuova tela deve
e sciorinarla sì che al sole neve
candida paia;
e v'è il gregge, che a sera porge il muso
avido a bere di quest'onda chiara,
e gode s'io lo sazio, poi ripara
contento al chiuso.
Lasciami dunque" terminò il ruscello
"correre dove il mio dover mi vuole".
E giù pel piano, luccicando al sole,
disparve snello.

 

Ci vuole così poco
Angiolo Silvio Novaro

Ci vuole così poco
a farsi voler bene,
una parola buona
detta quando conviene,
un po' di gentilezza,
una sola carezza,
un semplice sorriso
che ci baleni in viso.
Il cuore sempre aperto
per ognuno che viene:
ci vuole così poco
a farsi voler bene.

 

San Francesco e il lupo
Angiolo Silvio Novaro

 Viveva un dì, narra un’antica voce
intorno a Gubbio un lupo assai feroce
che aveva i denti più acuti che i mastini
e divorava uomini e bambini.
Dentro le mura piccole di Gubbio
stavano chiusi i cittadini e in dubbio
ciascuno della vita. La paura
non li lasciava uscire dalle mura.
E San Francesco venne a Gubbio, e intese
del lupo, delle stragi, delle offese;
ed ebbe un riso luminoso e fresco,
e disse: "O frati, incontro al lupo io esco!".
Le donne avevano lagrime così
grosse, ma il Santo ilare e ardito uscì.
E a mezzo al bosco ritrovò il feroce
ispido lupo, e con amica voce
gli disse: "O lupo, mio fratello lupo,
perché mi guardi così ombroso e cupo?
Perché mi mostri quegli aguzzi denti?
Vieni un po’ qua, siedimi accosto e senti:
Io so che tu fai molto male a Gubbio
e tieni ognuno della vita in dubbio,
e so che rubi uccidi e non perdoni
nemmeno ai bimbi, e mangi i tristi e i buoni:
Orbene ascolta: come è vero il sole,
ciò che tu fai è male. Iddio non vuole!
Ma tu sei buono; e forse ti ha costretto
a ciò la fame. Ebbene, io ti prometto
che in Gubbio avrai d’ora in avanti il vitto:
ma tu prometti essere onesto e dritto
e non dare la minima molestia:
Essere insomma una tranquilla bestia.
Prometti dunque tutto questo, dì?".
Il lupo abbassò il capo, e fece: "Si!".
"Davanti a Dio tu lo prometti?".
E in fede il lupo alzò molto umilmente un piede.
Allora il Santo volse allegro il passo
a Gubbio, e il lupo dietro, a corpo basso.
In Gubbio fu gran festa, immenso evviva:
scoppiò la gioia, e fino al ciel saliva.
E domestico il lupo entro rimase
le chiuse mura, e andava per le case
im mezzo ai bimbi come un vero agnello,
e leccava la gota a questo e a quello.
E poi morì. E fu da tutti pianto
e seppellito presso il campo santo

 

 Che dice la pioggerellina di Marzo?
Angiolo Silvio Novaro

 

 Che dice la pioggerellina
di marzo, che picchia argentina
sui tegoli vecchi
del tetto, sui bruscoli secchi
dell’orto, sul fico e sul moro
ornati di gèmmule d’oro?

Passata è l’uggiosa invernata,
passata, passata!
Di fuor dalla nuvola nera,
di fuor dalla nuvola bigia
che in cielo si pigia,
domani uscira’ Primavera
guernita di gemme e di gale,
di lucido sole,
di fresche viole,
di primule rosse, di battiti d’ale,
di nidi,
di gridi,
di rondini ed anche
di stelle di mandorlo, bianche...

Che dice la pioggerellina
di marzo, che picchia argentina
sui tegoli vecchi
del tetto, sui bruscoli secchi
dell’orto, sul fico e sul moro
ornati di gèmmule d’oro?

Ciò canta, ciò dice:
e il cuor che l’ascolta è felice.
Che dice la pioggerellina
di marzo, che picchia argentina
sui tegoli vecchi
del tetto, sui bruscoli secchi
dell’orto.

 

 

Angiolo Silvio Novaro

Rondini



Le rondini gridano l'ora
dai tetti. Vengono e vanno.
La terra si sveglia, lavora
a spogliarsi il grezzo panno,
viso e abito rinnovella,
cangia lana in seta bella.
La nuvola in aria si perde
la collina. luccica tutta,
i sentieri han l'erba verde
e la siepe stecchita ributta,
e l'azzurrognolo timo
mette fiori per il primo.
Dolce tempo, chiara grazia!
esce il gregge dall'ovile
e l'uomo esce dal suo gelo
è si sente più gentile
e più buono, e Iddio ringrazia.

 

 

 

libri

Top twenty collaboratori attivi

1-Paola Viale (1010 file)

2-Miriam Gaudio (575 file)

3-Vincenzo Andraous (344 file)

4-Gianni Peteani (266 file)

5-Enrico Maranzana  (246 file)

6- Giovanni Ghiselli (222 file)

7-Luca Manzoni (124 file)

7-Sandro  Borzoni (124 file)

9-Maria Concetta Puglisi (117 file)

10-Gennaro Capodanno (86 file)

10-Piero Torelli (86 file)

12-Elio Fragassi (77 file)

13-Alissa Peron (63 file)

14-Francesco Avolio (59 file

15-Laura Alberico (57 file)

16-Rosalia Di Nardo (54 file)

17-Silvia Sorrentino (47 file)

18-Vittorio Tornar (46 file)

19-Samuele Gaudio (44 file)

19-Cristina Rocchetto (44 file)

 

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2014 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

Guarda le videolezioni:

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di