Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

Il silenzio dei vivi

Elisa Springer

RELAZIONE DI ITALIANO di Erika Ticozzelli

TITOLO: “Il silenzio dei vivi” edizione: Gli specchi Marsilio

AUTRICE:

Elisa Springer è nata a Vienna nel 1918 in una famiglia di commercianti ebrei di origini ungheresi. Sopravvissuta ai campi di sterminio, nel 1946 si trasferisce in Italia dove vive a Manduria, in provincia di Taranto, fino al 2004 (anno della sua morte all'età di 86 anni).

RIASSUNTO:

Il libro si apre con Elisa che ricorda la sua vita, la sua casa e tutte le persone a lei care che non ha più rivisto alla fine della guerra. Elisa è nata a Vienna e il suo tormento iniziò in seguito alla votazione nel 1938 dell' Anschluss (annessione con espropriazione totale dei patrimoni degli ebrei. Espulsione dalle scuole). In questo modo veniva approvata la legge che poneva fine all'indipendenza della' Austria, ma che la rendeva parte della Grande Germania. Uno dei i primi a risentire di questo cambiamento fu il padre di Elisa, Richard Springer, che venne catturato dalle SS e portato prima a Dachau e poi a Buchenwald da dove non fece più ritorno. La madre ed Elisa vennero cacciate dalla loro casa, ma trovarono una sistemazione temporanea. Nel 1939 la situazione precipitò sempre di più e le persecuzioni incominciarono ad interessare anche le donne e tutti gli ebrei. Una zia di Elisa che viveva a Londra, era riuscita ad ottenere il permesso di soggiorno solo per la madre ed Elisa avrebbe dovuto raggiungerla in un secondo momento. La madre di Elisa, si rifiutò di lasciare la propria figlia sola e così decise di rimanere per trovarle una via di scampo. Da lì a poco, riuscirono a conoscere un ebreo italiano che consentì a sposare Elisa per farle prendere una nuova cittadinanza. I tempi si prolungarono perchè i nazisti avevano capito i retroscena di questi matrimoni e così cercarono di ostacolarli. Nel frattempo il permesso di soggiorno per la madre era scaduto ed inoltre, con il matrimonio,Elisa doveva lasciare presto l'Austria. La madre tentò di scappare in Ungheria, ma venne catturata e grazie alle conoscenze dello zio Richard, che nel frattempo le ospitava, venne relegata nel ghetto di Budapest; così Elisa si trovò sola con la speranza che un giorno avrebbe potuto rivedere sua madre. Elisa decise di trovare riparo in Italia, dove decise di fermarsi a Milano a lavorare come traduttrice. Ma le persecuzioni arrivarono anche lì ed Elisa venne arrestata nel giugno del 1944 e rinchiusa in carcere prima a San Vittore, poi a Como, infine di nuovo a San Vittore, da dove fu portata, con un treno che partiva da Verona il 2 agosto 1944, ad Auschwitz- Birkenau. Dopo un lungo e disumano viaggio, la fecero scendere insieme agli altri ebrei in un campo di betulle in piena notte dove vi erano gli ufficiali che li dividevano in due file; a chi veniva spedito nella fila di destra gli rimanevano soltanto poche ore di vita. C'erano un ufficiale medico SS, Joseph Mengele e uno scrivano ucraino, un certo Bogdan. Quando fu la volta di Herta (una sua amica conosciuta durante la sua prima detenzione) con i suoi bambini, Elisa notò che l'SS in camice bianco non alzò nemmeno gli occhi su di lei. Con il frustino la spinse nella fila dove c'erano in maggioranza vecchi, donne gravide, ammalati, invalidi e bambini. In quel momento senza pensare chiese in buon tedesco di poter seguire l'amica. D'improvviso, con uno scatto di rabbia, Bogdan prese Elisa per un braccio, la riportò nella colonna di sinistra e le disse: " Resta dove sei, domani mi ringrazierai". Mengele non fece caso al fatto e proseguì imperterrito il suo lavoro. Terminata la selezione, Herta e i suoi figli e tutti i deportati della colonna di destra furono condotti all'interno del cortile di quel fabbricato in mattoni rossi con un grosso camino che fumava in continuazione. In meno di due ore sarebbero stati fumo e cenere. Fortunatamente nella sua fila c'era anche l'amica Hedy. Gli uomini e le donne rimasti sul posto vennero spinti invece in due baracche diverse, destinate alla disinfezione e alle docce. Subito Elisa si vide costretta a spogliarsi nuda davanti ai soldati SS armati e alle sorveglianti: come tutte le donne, venne depilata, in ogni parte. Asciugate con enormi ventole che producevano aria calda, subito dopo, ricevettero divise e abiti consunti, senza biancheria e con zoccoli disuguali. All' ingresso vennero registrate e marchiate del numero di matricola sull' avambraccio sinistro. Per Elisa Springer, A24020. Auschwitz era diviso in due parti: c'era Auschwitz 1, formato solo da lager e Auschwitz Birkenau, il vero e proprio campo di sterminio, a cui era annesso il campo femminile. Elisa fu costretta a vivere in una baracca costruita in legno senza finestre e con due entrate. In mezzo una stufa mai funzionante nemmeno quando la temperatura esterna scendeva a più di venticinque gradi sotto zero. Alle pareti erano appoggiati dei tavolacci a castello su tre piani separati. Fu costretta a dormire su quei tavolacci in dodici che impedivano ogni tipo di movimento. Al risveglio le veniva dato un surrogato di caffè che usava per sciacquarsi. Poi c'era l'appello: dovano metterti in fila fuori e gli ufficiali le contavano. Non era concesso guardare in faccia i tedeschi, ma si doveva guardare dritto senza muoversi mai. L'appello durava secondo il tempo atmosferico: se la giornata era bella, magari tre ore potevano bastare, se il tempo era brutto, tante volte durava anche dieci o dodici ore. Un giorno Elisa, soltanto per aver sorretto una compagna che stava per svenire l'ufficiale l'ha bruciata con un ferro rovente sulla coscia destra. Questa era soltanto una delle punizioni, poi si usava anche strappare le unghie dei piedi con gli stivali e tante altre cose. Il mangiare consisteva in un po' di minestra di rape dal sapore strano che bruciava terribilmente. Dopo la liberazione Elisa scoprì che nella minestra c'era del bromuro per farle stare calme ed altri medicamenti per renderle sterili (esperimenti che facevano sui prigionieri). Nel pomeriggio c'era un nuovo appello e dopo si rientrava nella baracca dove ti portavano della margarina con un pezzettino di carne. Questa alimentazione così carente sarà causa di molte malattie tra cui il tifo, la scabbia, la febbre gialla, la dissenteria. Ogni quindici giorni c'erano delle selezioni che portavano ai camini crematori. Nella baracca di Elisa non si lavorava mai perché erano destinate ad un altro campo. Poi, verso la fine di ottobre, Elisa venne trasferita e il suo convoglio doveva andare a Buchenwald, invece, durante il viaggio, il convoglio è stato diviso: una parte è andata a finire a Buchenwald incontro alla morte mentre il reparto dove stava Elisa a Hedy andò a finire a Bergen Belsen. La vita a Bergen Belsen era pressoché identica a quella di Auschwitz, anche se inizialmente sembrava migliore in quanto on funzionavano ancora i crematori. Ma con l'arrivo del comandante J.Kramer, iniziarono ad essere attivate anche lì le camere a gas e i forni. Da Bergen Belsen è stata trasferita a Raghun. Vicino a questo campo si sentivano in lontananza dei bombardamenti, segno che le truppe alleate stavano arrivando. Il 17 marzo del 1945 dovette affrontare un altro spostamento con destinazione ignota. Dopo quattro giorni di viaggio arrivarono nel lager di Theresienstadt, in Cecoslovacchia dove nel giro di pochi giorni i deportati aumentavano enormemente. Il Reich stava per attuare la Soluzione finale. In questo campo elisa si ammalò di tifo petecchiale e rimase in coma per circa un mese. Al suo risveglio l'amica Hedy le disse che era il 9 Maggio del 1945 e che Terezin è stato liberato dalle truppe russe. Elisa venne messa in quarantena in un lazzaretto, poi ritornò in l'Austria da una sua zia, poi andò in Italia nell'Agosto del '45 dove fu aiutata e dove rincominciò a vivere.

PERSONAGGI:

_Richard Springer: padre di Elisa, ragioniere, di cui ricorda i regali che le portava al ritorno dai suoi viaggi.
_La madre Sidonie Bauer, detta Siddy, molto bella.
_Mucchi, la giovane governante.
_La nonna paterna, Betty, e materna, Sofia; il nonno materno, Elkan.
_Gli zii e le zie : l'unica sopravvissuta fu la zia Lotte, che ospitò e curò Elisa a Vienna al suo ritorno dalla deportazione.
_GE.STA.PO. : polizia segreta di stato in Germania.
_Hedy è l'amica che si affianca alla protagonista in tutta la sua odissea attraverso i campi di Auschwitz, di Bergen-Belsen, di Theresienstädt.
_Joseph Mengele, medico di Auschwitz, tristemente famoso per i suoi esperimenti su cavie umane.
_Herta: amica conosciuta in carcere a San Vittore

SPAZIO:

Come si vede dal riassunto la vicenda si svolge in molti stai: Austria, Italia, l'odierna Repubblica Cieca ecc.. Sono presenti descrizioni dettagliate di ambienti chiusi (per esempio: lager, baracche, camera a gas, la sua ex casa a Vienna).

TEMPO:

Il libro parla della vita di Elisa Springer (nata il 12 febbraio 1918). La maggior parte della vicenda, comunque si svolge durante la seconda guerra mondiale(1938-1945) . All'inizio del libro è presente un'introduzione datata 1995, anno in cui Elisa tornò ad Auschwitz.

STILE:

Si può classificare questo racconto come biografia. In questo libro è molto presente il dialogo, lessico formale anche se sono spesso presenti termini o frasi in tedesco.

TECNICHE DI PRESENTAZIONE DELLE PAROLE E DEI PENSIERI DEI PERSONAGGI:

Il discorso utilizzato è quello diretto. Vengono citate molte persone che Elisa alla fine della guerra non vedrà più ed inoltre, vengono presentati affettuosamente dalla scrittrice.

NARRATRICE:

Il libro è raccontato in prima persona da Elisa Springer, dove sono presenti riflessioni della stessa.

TEMATICHE:

In questo libro ci sono tematiche molto importanti. Elisa affida il libro a tutti
i ragazzi e fa ricadere la loro attenzione sull'esigenza di libertà, sul rispetto per l'uomo, sul
fatto di non dimenticare quello che è successo per creare un mondo migliore dove c'è libertà,
serenità, convivenza tra i popoli. Inoltre invita tutti quelli che come lei hanno vissuto questo
dramma a parlare e raccontare, anche se è doloroso, perchè l'umanità non deve dimenticare
quello che è accaduto.

COMMENTO:

Questo libro è un libro che ti fa riflettere e capire le sofferenze che hanno subito tante persone inutilmente. Elisa abbatte l'indifferenza e la vigliaccheria di coloro che, ancora adesso, negano l'evidenza dello sterminio. Quindi, è importante non dimenticare per non ripetere l'enorme errore fatto in passato, perchè è inconcepibile giocare con la vita e la dignità umana.

di Ticozzelli Erika

Libri

Top twenty collaboratori

1-Paola Viale (956 file)

2-Miriam Gaudio (519 file)

3-Vincenzo Andraous (333 file)

4-Gianni Peteani (255 file)

5-Enrico Maranzana  (227 file)

6- Giovanni Ghiselli (178 file)

7-Luca Manzoni (124 file)

8-Sandro  Borzoni (121 file)

12-Maria Concetta Puglisi (99 file)

10-Elena (84 file)

11-Gennaro Capodanno (83 file)

12-A.Lalomia (80 file)

13-Piero Torelli (75 file)

14-Elio Fragassi (74 file)

15-Francesco Avolio (59 file)

16-Rosalia Di Nardo (53 file)

17-Alissa Peron (49 file)

18-Vittorio Tornar (48 file)

19-Silvia Sorrentino (47 file)

20-Laura Alberico (44 file)

20-Samuele Gaudio (44 file)

20-Cristina Rocchetto (44 file)

 

 

 

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

Guarda le videolezioni:

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di