Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

 

Cinema

tema svolto

Traccia:

Commenta questa frase di Roberto Rossellini:

“Oggi, la crisi in cui il cinema si dibatte, forse non sarà mortale per il semplice fatto che viviamo in un’epoca caratterizzata dall’immagine, e il cinema è l’immagine per eccellenza; questa crisi, secondo me, non è determinata, come si potrebbe comunemente pensare, perché ci sono le biciclette, le motociclette, le automobili, la motonautica, perché c’è la televisione, queste sono tutte scuse estremamente superficiali; la ragione vera è che il cinema ha perso di vitalità, perché ha finito per confondersi.”

Svolgimento:

Indubbiamente questa frase fa riflettere e si possono riconoscere in tanti film di infimo livello alcune caratteristiche che sembrano più tipiche di un videogioco, della pubblicità, o di vari spettacoli di intrattenimento..

Eppure, non mi sento di condividere in pieno l’affermazione di Rossellini. Soprattutto, non sono d’accordo nel considerare tout-court il cinema contemporaneo di livello inferiore rispetto a quello di alcuni decenni fa.

Sin dai suoi inizi il cinema commerciale ha affiancato quello di più alta sensibilità artistica. Attenzione, però, ad intenderci sul significato di “commerciale”. I film di Hitchcock erano senz’altro fra i più “commerciali” del suo tempo, sia come budget, sia come effetti speciali e catene di distribuzione, eppure nessuno oggi nega il grande valore artistico del suo cinema. Sono invece d’accordo con Rossellini quando dice che il cinema deve distinguersi. Per me , giustamente, una buona parte del piacere che ispira il cinema è propria data dalla sua specificità. Quando posso immedesimarmi in un personaggio con la famosa inquadratura soggettiva, quando posso ascoltare lingue ormai morte o vivere situazioni di grande tensione, magari in un cinema dotato di dolby sistem, allora capisco bene di essere al cinema.

Il cinema è stata definita la “settime arte” ed effettivamente si affianca agli altri tipi di rappresentazione del mondo, ma con una straordinaria capacità di rendere la realtà.

Pertanto, io vedo abbastanza di buon grado le novità tecnologiche (i cosiddetti effetti speciali) se essi sono usati per sviluppare questa capacità di rendere ogni realtà, anche quella dell’immaginazione.

Certo, molti registi le usano solo per offrire solo spettacoli volgari o banali,ma non bisogna dimenticare che lo fanno solo perché gli spettatori, cioè noi, lo chiedono.

Eppure sono convinto che non tutti i film prodotti oggi siano da considerare cinema-spazzatura. Anzi spesso, ad un contenuto di un certo livello si unisce l'attrattiva di una vicenda avvincente ed interessante. Bisogna saper distinguere, giudicare, criticare, essere consapevoli, ecc… e questo è compito di tutti, e della scuola in particolare.
Certe volte il giudizio personale può avere più valore di quello dei critici, che spesso stroncano film ricchi di spunti interessanti.

Pertanto rifuggo da giudizi sommari o generalizzati. Secondo me occorre vedere ogni film senza pregiudizi, anche perché talvolta i registi più amati dalla critica fanno delle opere mediocri, mentre dal cinema commerciale vengono spunti di riflessione interessanti. Dipende anche da come io mi pongo davanti ad un film, se mi aspetto solo di evadere e svagarmi, oppure se cerco di conoscere una nuova realtà con attenzione e coinvolgimento.

Quindi, la crisi di cui parla Rossellini c’è, ma non solo non è mortale. Forse di crisi, nella storia del cinema, ce ne sono state anche di peggiori.

Notabene: l'ispirazione per l'elaborazione di questo tema è venuta leggendo il seguente tema Il cinema. Si rimanda al sito www.skuola.net, sul quale è pubblicato quel tema, per altro materiale didattico gratuito e utilissimo per studenti e docenti.

Libri

Top twentytwo collaboratori attivi

1-Paola Viale (1045 file)

2-Miriam Gaudio (676 file)

3-Carlo Zacco (394 file)

4-Vincenzo Andraous (354 file)

5-Gianni Peteani (294 file)

6- Giovanni Ghiselli (288 file)

7-Enrico Maranzana  (266 file)

8-Piero Torelli (153 file)

9-Luca Manzoni (147 file)

10-Sandro  Borzoni (133 file)

11-Maria Concetta Puglisi (117 file)

12-Irma Lanucara (104 file)

13-Gennaro Capodanno (92 file)

14-Elio Fragassi (85 file)

15-Laura Alberico (70 file)

16-Alissa Peron (63 file)

17-Francesco Avolio (59 file

18-Rosalia Di Nardo (54 file)

19-Silvia Sorrentino (47 file)

20-Vittorio Tornar (46 file)

20-Cristina Rocchetto (46 file)

22-Samuele Gaudio (44 file)

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2017 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

 

 

 

 

 

 

 

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di

 

 

Privacy Policy