Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

 

Legge 194

tema svolto

Traccia:

Recentemente sono scoppiate nuove discussioni e polemiche sulla legge 194 sull’Interruzione della gravidanza. A decenni, ormai, dal referendum abrogativo non riuscito, le polemiche ancora non cessano. Perché?

Svolgimento:

È logico che le polemiche continuino ed è giusto, poiché la legge 194, come tutte le leggi, certo, dell’ordinamento italiano è passibile di miglioramenti e cambiamenti. Per esempio, una delle motivazioni più cogenti che avevano portato all’approvazione della legge era la motivazione sociale. La legalizzazione dell’aborto avrebbe portato alla fine dell’aborto clandestino e avrebbe aiutato le coppie che erano costrette a questa pratica per difficoltà economiche. Ebbene, la pratica della legge 194 in questi decenni ha dimostrato che gli aborti clandestini non sono affatto scomparsi, anzi sono aumentati, e , soprattutto che le motivazioni sociali erano una semplice scusa, per giustificare quello che di fatto si è imposto in questi anni come una pratica di contraccezione come tante altre.

Intendo dire che una coppia decide di abortire così come prendere una pillola o un preservativo, con la stessa noncuranza, senza preoccuparsi minimamente se viene soppresso uno spermatozoo oppure un feto già sviluppato. Si chiudono gli occhi davanti ai documentari che mostrano il feto già formato, in grado di muoversi, respirare e bere il liquido amniotico in quella fase del suo sviluppo in cui è permesso abortire.

Meglio chiudere gli occhi, meglio non vedere certe realtà.

Ora, la recente proposta condivisa dal ministro della salute di far pagare il ticket per il secondo aborto mi pare del tutto lecita. Se mi faccio una distorsione ed ho bisogno di una tac o di una radiografia, pago il ticket. Ora perché qualcuno, che ha tra l’altro già usufruito di una prestazione sanitaria totalmente gratuita nel caso del primo aborto, non dovrebbe pagare il ticket per la seconda? Non potrebbe essere questo un sano deterrente per evitare che l’aborto continui ad essere, come di fatto è per alcuni, una pratica contraccettiva?

La dichiarazione dei diritti dell’uomo dell’ONU afferma che ”Ogni individuo ha diritto alla vita, alla libertà e alla sicurezza della propria persona”.

Ora, chi potrebbe affermare che un feto al terzo mese di gravidanza non è un uomo? Lo sanno le famiglie che abortiscono che quel feto ha un cuore? Lo sanno che potrebbero far nascere un bambino, non riconoscerlo, ed in base alla ottima legge italiana sull’adozione, quel bambino sarebbe subito affidato ad un famiglia disposta ad allevarlo, senza avere più neanche la possibilità remota di conoscere i suoi genitori naturali?

Quanto all’aborto legalizzato per i figli imperfetti, cioè portatori di handicap, sembra proprio che la nostra civiltà sviluppata voglia tornare ai tempi di Sparta, quando i bambini malformati venivano soppressi!

Perché allora non considerare sgradito non solo un feto, ma anche un figlio già nato, per gli stessi motivi per cui è previsto l’aborto “terapeutico”?

In una bellissima canzone di Madonna, “Papa, don’t preach” c’è condensato quello che penso sull’aborto: una giovane figlia chiede a suo padre, che vorrebbe farla abortire, di accettare la sua decisione di fare la ragazza madre e far nascere quel bimbo nato da una relazione estemporanea, piuttosto che far trionfare il perbenismo, che vorrebbe mettere a tacere motivi di pubblica vergogna. In definitiva, è più importante salvare la faccia o salvare una vita?

Libri

Top twentytwo collaboratori attivi

1-Paola Viale (1045 file)

2-Miriam Gaudio (676 file)

3-Carlo Zacco (394 file)

4-Vincenzo Andraous (354 file)

5-Gianni Peteani (294 file)

6- Giovanni Ghiselli (288 file)

7-Enrico Maranzana  (266 file)

8-Piero Torelli (153 file)

9-Luca Manzoni (147 file)

10-Sandro  Borzoni (133 file)

11-Maria Concetta Puglisi (117 file)

12-Irma Lanucara (104 file)

13-Gennaro Capodanno (92 file)

14-Elio Fragassi (85 file)

15-Laura Alberico (70 file)

16-Alissa Peron (63 file)

17-Francesco Avolio (59 file

18-Rosalia Di Nardo (54 file)

19-Silvia Sorrentino (47 file)

20-Vittorio Tornar (46 file)

20-Cristina Rocchetto (46 file)

22-Samuele Gaudio (44 file)

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2017 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

 

 

 

 

 

 

 

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di

 

 

Privacy Policy