Digita qui sotto quale materiale gratuito cerchi su atuttascuola, oppure mp3 didattici su www.gaudio.org

 

 

Home

Tesine

Relazioni

Riassunti

Temi

Italiano

Latino

Storia

Matematica

Ecdl

Forum maturità

Scienze

Inglese

Economia

Informatica

Università  

Esami stato

Greco

Geografia

Filosofia

Diritto

Fisica

Arte

Elettronica

Elementari

Medie

Professionali

Alternanza scuolalavoro

AltreMaterie

Dirigenti scolastici

Legislazione scolastica

E-mail

Newsletter

 

 

Tema svolto sui giornali

In una società dominata dai mezzi di informazione di massa e facilitata da ritrovati tecnici sempre più nuovi e sofisticati, ha ancora un senso leggere un giornale?

-Esponi le tue considerazioni sotto forma di un saggio breve, illustrandole in modo chiaro e articolato ed avendo ben chiari il ricevente (persone che nutrono un qualche interesse per l'argomento) e la collocazione (giornalino scolastico).

 

Marco Barera

Classe 5^C

 

Agli inizi del terzo millennio le frontiere dell’informazione e della comunicazione si sono spinte oltre ogni immaginazione ed ipotesi futuristica o fantascientifica.

La tecnologia avanzata ha perfezionato i mezzi di comunicazione rendendoli sempre più veloci e completi: in tempo reale è possibile ricevere notizie da tutte le parti del mondo, interagire con le fonti. Addirittura, grazie alla rete telematica, qualsiasi individuo munito di PC potrebbe attingere direttamente alle fonti da lui desiderate, scegliendo e creando egli stesso il “giornale” in base a ciò che più lo interessa o che lo colpisce.

I nuovi mezzi di comunicazione permettono inoltre di annullare i limiti dello spazio e del tempo, consentono all’utente di fruire del servizio in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo, lo rendono soggetto attivo dell’informazione e non più un semplice lettore passivo.

Da un punto di vista generale poi, internet, la rete, i mass media, accomunano milioni e milioni di persone, li avvicinano ad un sistema culturale omogeneo,una sorta di omologazione di gusti e di idee.

Nello stesso tempo i new media possono offrire un’infinita pluralità di notizie, commenti, opinioni, immagini che, secondo me, può degenerare in un eccesso di informazione, un sistema incontrollabile in cui il semplice cittadino può perdersi o, peggio, confondersi ed essere oggetto di pericolose strumentalizzazioni.

Viene da pensare ovviamente che in questo scenario il giornale, il quotidiano vero e proprio, non abbia più un ruolo, i fogli di carta che ci hanno abituato ad avere le notizie in modo regolare e pacato. Già con l’avvento dei talk show televisivi e delle tv satellitari sembrava la fine per la cultura della carta stampata, ma secondo me non è così.

Innanzitutto il sistema telematico è ancora privo di regole e di controllo sociale per cui spesso rappresenta un rischio ( chi ha controllato la fonte? Chi mi assicura che la notizia sia vera?), poi l’avere un flusso infinito di informazione riduce la capacità di riflessione, il piacere della lettura personale, il gusto di una notizia inattesa che si può cogliere sfogliando un giornale. Altro punto importante è che al giorno d’oggi le notizie sembrano essere divulgate dai mass media come se venisse seguita una moda. Certi argomenti, a volte,  godono di incredibile priorità fino ad annullare altri fatti della stessa importanza, oppure allo stesso modo queste notizie perdono in brevissimo  tempo la loro attualità a causa del bombardamento incessante di altre nuove informazioni. 

Infine dobbiamo anche tenere conto della complessità del linguaggio telematico che richiede comunque una minima competenza tecnologica, una conoscenza della lingua inglese e un certo livello economico culturale. Infatti non tutti nel mondo possono permettersi un computer e quindi internet.

Quindi la carta stampata effettivamente, nei paesi più ricchi, conoscerà (o ha già conosciuto) una certa crisi, ma non tale da scomparire, e, soprattutto, continuerà a vivere e a svilupparsi dove la nuova tecnologia non ha ancora messo piede.

Per concludere direi che pur considerando la straordinaria potenzialità dell’informazione multimediale, il giornale resta ancora uno strumento fondamentale per la libera circolazione delle idee, per un’informazione che arrivi a tutti, all’operaio come al manager, al ragazzo della mia età come alla persona anziana.

Occorre secondo me riflettere sul potere dei new media e sul rischio di una comunicazione totalmente meccanizzata a cui non tutti ancora possono accedere e comprendere.

Libri

Top twentytwo collaboratori attivi

1-Paola Viale (1045 file)

2-Miriam Gaudio (676 file)

3-Carlo Zacco (394 file)

4-Vincenzo Andraous (354 file)

5-Gianni Peteani (294 file)

6- Giovanni Ghiselli (288 file)

7-Enrico Maranzana  (266 file)

8-Piero Torelli (153 file)

9-Luca Manzoni (147 file)

10-Sandro  Borzoni (133 file)

11-Maria Concetta Puglisi (117 file)

12-Irma Lanucara (104 file)

13-Gennaro Capodanno (92 file)

14-Elio Fragassi (85 file)

15-Laura Alberico (70 file)

16-Alissa Peron (63 file)

17-Francesco Avolio (59 file

18-Rosalia Di Nardo (54 file)

19-Silvia Sorrentino (47 file)

20-Vittorio Tornar (46 file)

20-Cristina Rocchetto (46 file)

22-Samuele Gaudio (44 file)

 

 

Pagina facebook Atuttascuola

Pagina facebook Cantastoria

iscriviti al gruppo facebook di Atuttascuola se sei un docente o al gruppo facebook di Maturità 2017 se sei uno studente

 

 

Temi svolti

Tesine

Invalsi

Esami di stato

 

 

 

 

 

 

 

Didattica, Pedagogia, Musica, Ed. fisica, Religione, Software, Corsi online, Francese, Tedesco, Spagnolo, AltreMaterie, Atuttascuola 2.0, Docenti, Studenti, Biblioteca di letteratura italiana, Autopresentazione del webmaster, Hanno scritto di noi, Collabora con noi, Segnala un sito, Note legali, E-mail, Newsletter

Compra i libri di

 

 

Privacy Policy