L'arbusto

di Maria Paola Viale

É una pianta legnosa e perenne,  simile all'albero, i cui rami, che  si separano dal tronco centrale, sono molto vicino al terreno. Quindi il tronco non è presente del tutto. In genere, l’arbusto non supera i 5 metri.

La flora arbustiva in Italia è molto diversificata a causa della presenza di differenti e molteplici ambienti poiché si passa dal mare e si arriva alla montagna. Essi sono utilizzati per molteplici usi:

a)    formare siepi;

 

b)    come divisorio tra le diverse parti di un giardino;

c)    coprire muri o le pareti di un box;

d)    formare elementi decorativi utilizzando arbusti con la fioritura, con la fruttificazione ( come oleandri, ibischi, mimosa e agrumi) o con il profumo del fogliame “aromatizzato” (rosmarino, lavanda).    

Esempi di arbusti

1)    Tra gli arbusti a foglia sempreverde :

a)   Gli agrumi -  il nome deriva dal latino "acris" (acidulo) e sono arbusti, talvolta spinosi, quasi tutti con foglie intere e persistenti ( cioè sempreverdi). I frutti sono bacche succose dette esperidi, con buccia (epicarpo) colorata e profumata. Anche nei Giardini Hanbury sono coltivate una ventina di piante di agrumi: aranci dolci, aranci amari, limoni, cedri, pompelmi, bergamotti ecc.

2)    Tra gli arbusti per siepi:

a)Agrifoglio - arbusto dioico ( =  cioè  gli stami e il pistillo sono portati su due piante distinte) ha chioma piramidale, corteccia liscia grigia e rami verdastri, ha il fogliame verde scuro lucente;

b) Rosa- arbusto per siepe con fiore.

3)    Tra gli arbusti rampicanti con fiore:

a)  Buganvillea;

b)  Glicine;

c)   Rosa.