Analisi di testi epigrafici in lingua lesbia


di Alissa Peron

La prima iscrizione che consideriamo è datata intorno al 340 a. C., è una delle più antiche iscrizioni di Lesbo ed è scritta nella àŽºàŽ¿àŽ¹àŽ½àŽ®, cosa strana perché l’uso normale del IV secolo è quello di adoperare ancora nelle iscrizioni il dialetto locale, soprattutto a Mitilene.
Nota: le parentesi quadre nelle iscrizioni indicano integrazione per guasto meccanico, le integrazioni per errore di tradizione sono tra parentesi uncinate, le espunzioni tra parentesi graffe; qui ho riprodotto sommariamente questi segni.
In questa iscrizione abbondano le integrazioni tra parentesi quadre, sono state proposte diverse integrazioni ma il senso è più intuibile che ricostruibile; è un testo tecnico conservato su pietra che sembra contenere precise indicazioni di tipo architettonico sulla costruzione del muro laterale del naos di un tempio. Sappiamo che a Messe esisteva un tempio comune a tutti i Lesbii, la città è sopra Pirra non lontano da Mitilene; qualcuno ritiene che si tratti di quel tempio e pertanto la costruzione del muro interessava tutti i Lesbii e che fossero stati chiamati anche costruttori provenienti da fuori Lesbo, dunque forse l’iscrizione è nella àŽºàŽ¿àŽ¹àŽ½àŽ® per questo motivo. Altri pensano che il lapicida fosse di lingua ionica e che avendo inserito più ionismi di quanto ci si aspetterebbe abbia ottenuto un risultato vicino alla àŽºàŽ¿àŽ¹àŽ½àŽ® (interpretazione fantasiosa). Comunque stiano le cose si percepisce già intorno alla metà del IV secolo una lingua dell’ufficialità comune a tutti.
 

Testo dell’iscrizione (Mitilene, 340-320 a. C.)

(…) ࡼàâ‚¬à¡½¶ àŽ´à¡½² àâ‚¬àŽ»àŽ¯àŽ½àŽ¸àŽ¿(u) (àŽ³àŽµà¡¿â€“àÆ’àŽ¿àŽ½ ࡼàâ‚¬àŽ¹àŽ¸àŽ®àÆ’àŽµàŽ¹, àâ‚¬àŽ¿àŽ®àÆ’àŽµàŽ¹ àŽ´à¡½² àâ€žàŽ¿à¡½ºàâ€š àâ€ž)àŽ¿àŽ¯àâ€¡àŽ¿àâ€¦àÆ’ àâ‚¬àŽ¬àŽ½àâ€žàŽ±àâ€š ࡽ•àË†àŽ¿àâ€š à¡½â‚¬àŽºàâ€žàâ€°àŽºàŽ±àŽ¯àŽ´àŽµàŽºàŽ± àâ‚¬àŽ¿àŽ´à¡¿¶àŽ½, àâ€žà¡½¸ ࡽ•àË†àŽ¿àâ€š ࡼ´àÆ’àŽ¿àâ€¦àâ€š àâ€žàŽ¿à¡½ºàâ€š àâ€žàŽ¿àŽ¯àâ€¡àŽ¿àâ€¦àâ€š àâ€žàŽ¿à¡¿â€“àâ€š àâ€žàŽ±àŽ¸àŽ¼àŽ¿à¡¿â€“àâ€š àâ€žàŽ¿à¡¿â€“àâ€š àŽ¸àâ€¦ààŽ±àŽ¯àŽ¿àŽ¹àâ€š àŽºàŽ±à¡½¶ àâ€žàŽ±à¡¿â€“àâ€š àŽºàŽ±àâ€žà¡½° àâ€žàŽ¿à¡½ºàâ€š àŽ¼àŽ±àŽºààŽ¿à¡½ºàâ€š àâ€žàŽ¿àŽ¯àâ€¡àŽ¿àâ€¦àâ€š àâ‚¬àŽ±ààŽ±àÆ’àâ€žàŽ¬àÆ’àŽ¹àŽ½àŽâ€¡ àŽ½àÅ’àŽ¼àŽ¿àâ€¦àâ€š àŽ´à¡½² àŽ¸àŽ®àÆ’àŽµàŽ¹ àŽµà¡¼°àâ€š àâ€žàŽ¿à¡½ºàâ€š àŽ¼àŽ±àŽºààŽ¿à¡½ºàâ€š àâ€žàŽ¿àŽ¯àâ€¡àŽ¿àâ€¦àâ€š àŽ´àÅ½àŽ´àŽµàŽºàŽ±. àŽÅ¡àŽ±à¡½¶ àŽ¸àŽ®àÆ’àŽµàŽ¹ ࡼàâ‚¬à¡½¶ àâ€žà¡½° àŽºàŽµàŽ¯àŽ¼àŽµàŽ½àŽ± à¡½â‚¬ààŽ¸àŽ¿àÆ’àâ€žàŽ¬àâ€žàŽ·àŽ½ àÆ’àâ€žàŽ±àâ€žàŽ¿à¡¿¦ àŽ½àÅ’àŽ¼àŽ¿àâ€¦, ࡽ•àË†àŽ¿àâ€š àâ€žààŽ¹à¡¿¶àŽ½ àâ‚¬àŽ¿àŽ´à¡¿¶àŽ½, àâ‚¬àŽ¬àâ€¡àŽ¿àâ€š àâ‚¬àŽ¿àŽ´à¡¿¶àŽ½ àâ€žààŽ¹à¡¿¶àŽ½ àŽºàŽ±à¡½¶ ࡼ¡àŽ¼àŽ¯àÆ’àŽµàŽ¿àâ€š àŽ´àŽ±àŽºàâ€žààŽ»àŽ¿àâ€¦. ࡼ˜àâ‚¬à¡½¶ àŽ´à¡½² àâ€žàŽ¿à¡¿¦ à¡½â‚¬ààŽ¸àŽ¿àÆ’àâ€žàŽ¬àâ€žàŽ¿àâ€¦ àŽ¸àŽ®àÆ’àŽµàŽ¹ àâ‚¬àŽ»àŽ¯àŽ½àŽ¸àŽ¿àŽ½ à¡¼â‚¬àŽ½à¡½° àŽ¼àŽ­àÆ’àŽ¿àŽ½ àâ€žà¡¿¶àŽ½ àÆ’àâ€žàŽ±àâ€žà¡¿¶àŽ½, àâ‚¬àŽ¬àâ€¡àŽ¿àâ€š àâ€žààŽ¹à¡¿¶àŽ½ àâ‚¬àŽ¿àŽ´à¡¿¶àŽ½ à¡¼â‚¬àŽ½àŽ±àŽ²àŽ±àŽ»àÅ’àŽ¼àŽµàŽ½àŽ¿àâ€š àŽ´à¡½² àâ€žà¡½°àâ€š àâ‚¬àŽ»àŽ¯àŽ½àŽ¸àŽ¿àâ€¦àâ€š àŽºàŽ±à¡½¶ ࡼàâ‚¬àŽµààŽ³àŽ±àÆ’àŽ¬àŽ¼àŽµàŽ½àŽ¿àâ€š àŽ»àŽµà¡¿â€“àŽ±, à¡½â‚¬ààŽ¸à¡½° àŽºàŽ±àâ€žà¡½° àŽ½àÅ’àŽ¼àŽ¿àŽ½, ࡼ€àâ‚¬àŽ¿àŽ¾àŽ­àÆ’àŽµàŽ¹ àâ€žà¡¿¶àŽ½ àŽ»àŽ¯àŽ¸àâ€°àŽ½ àâ‚¬àŽ¬àŽ½àâ€žàâ€°àŽ½ àâ€žà¡½° àŽ¼à¡½²àŽ½ àŽ¼àŽ­àâ€žàâ€°àâ‚¬àŽ± àŽ¾àŽ¿àÅ½àŽ´àŽ¹ (…).

Traduzione:
Sopra la parte di pietra porrà un cornicione (forse parte alta del tempio) e farà tutti i muri in altezza di 18 piedi, e i muri pari in altezza agli stipiti, alle porte e alle ante che stanno sui muri maggiori (è difficile a intendersi e buona parte delle parole sono integrate basandosi su materiale rinvenuto nello stesso luogo e nello stesso contesto e su altre iscrizioni di contenuto simile). Poi porrà sui muri grandi dodici file di materiale costruttorio (àŽ½àÅ’àŽ¼àŽ¿àâ€¦àâ€š valore tecnico poco diffuso; il muro doveva essere un’alternanza tra file di mattoni e pietra, muro marcato da motivi orizzontali posti accanto ad una struttura verticale che faceva da direzione). E porrà sul basamento (àŽºàŽµàŽ¯àŽ¼àŽµàŽ½àŽ¿àŽ½) un pilastro perpendicolare fatto di una fila fissa di tre piedi in altezza e di tre piedi e mezzo dattilo di larghezza. Sul pilastro porrà della pietra nel mezzo delle file fisse (il pilastro arriva a reggere la prima fila di pietre, poi inizia l’alternanza pietre mattoni che si ripete dodici volte), mettendo sopra le pietre di tre piedi di spessore e costruendolo in maniera piana, perpendicolare alla fila, e liscerà di tutte le pietre le metope con uno scalpello (finisce qui la pietra, poi forse dirà come lisciare altre parti come fa pensare il àâ€žà¡½° àŽ¼àŽ­àŽ½.

Commento linguistico
La sintassi e la morfologia delle parole sono abbastanza chiare a parte i termini tecnici; alcuni futuri dovevano essere tipicamente lesbii (ࡼ€àâ‚¬àŽ¿àŽ¾àŽ­àÆ’àŽµà¡¼°), i verbi espressi sono pochi e fanno supporre che tutta l’iscrizione fosse al futuro con valore ingiuntivo. Non è iscrizione dialettale perché gli accusativi plurali della flessione tematica sono in àŽ¿àâ€¦àÆ’ come in attico; forme come à¡½â‚¬ààŽ¸àŽ¿àÆ’àâ€žàŽ¬àâ€žàŽ·àŽ½ sono tipiche dell’attico, in eolico ci sarebbe stato alfa.
Altri caratteri meno vistosi sono l’uso della preposizione à¡¼â‚¬àŽ½àŽ¬, la forma dei poeti di Lesbo è à¡½â€žàŽ½ (ma la forma à¡¼â‚¬àŽ½àŽ¬ è molto usata ovunque in questo periodo); àŽ¼àŽ­àÆ’àŽ¿àŽ½ è con la scempia, di solito il lesbio ha la forma etimologica àŽ¼àŽ­àÆ’àÆ’àŽ¿àŽ½.
Vi sono pochi caratteri dialettali, àâ‚¬àŽ¿àŽ®àÆ’àŽµàŽ¹ con lenizione di j, convive in àŽºàŽ¿àŽ¹àŽ½àŽ® con la forma àâ‚¬àŽ¿àŽ¹àŽ®àÆ’àŽµàŽ¹. L’iscrizione è in àŽºàŽ¿àŽ¹àŽ½àŽ®, è con ogni probabilità un documento ufficiale, i contraenti dovevano comprenderlo allo stesso modo.

Più o meno contemporanea è la seconda iscrizione, sempre di Mitilene; gli editori di questo testo l’hanno nominata decreto sulla concordia, riguarda questioni di politica interna; la lingua è diversa da quella prima vista.

Testo dell’iscrizione (Mitilene, decreto sulla concordia, 332 a. C.)

à¡¼Å“àŽ³àŽ½àâ€° àŽ²àÅ’àŽ»àŽ»àŽ± àŽºàŽ±à¡½¶ àŽ´à¡¾¶àŽ¼àŽ¿àâ€š àâ‚¬àŽµàà¡½¶ àâ€žà¡¿¶àŽ½ àŽ¿à¡¼° (…8) àŽµà¡¼°àÆ’àŽ¬àŽ³àŽ·àŽ½àâ€žàŽ±àŽ¹ ࡽ¤àâ€š àŽºàŽµàŽ½ àŽ¿à¡¼° àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽ¹àâ€žàŽ±àŽ¹ àŽ¿à¡¼´àŽºàŽµàŽ¹àŽµàŽ½ àâ€žà¡½°àŽ¼ àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽ¹àŽ½ ࡼàŽ½ àŽ´àŽ±àŽ¼àŽ¿àŽºààŽ±àÆ’àŽ¯àŽ±àŽ¹ àâ€žà¡½¸àŽ¼ àâ‚¬àŽ¬àŽ½àâ€žàŽ± àâ€¡ààÅ’àŽ½àŽ¿àŽ½ ࡼ”àâ€¡àŽ¿àŽ½àâ€žàŽµàâ€š àâ‚¬àà¡½¸àâ€š à¡¼â‚¬àŽ»àŽ»àŽ¬àŽ»àŽ¿àŽ¹àâ€š ࡽ àâ€š àŽµà¡½àŽ½àŽ¿àÅ½àâ€žàŽ±àâ€žàŽ±, àâ€žààâ€¡àŽ±àŽ¹ à¡¼â‚¬àŽ³àŽ¬àŽ¸àŽ±àŽ¹, àŽµà¡½”àŽ¾àŽ±àÆ’àŽ¸àŽ±àŽ¹ àŽ¼à¡½²àŽ½ àâ€žà¡½°àŽ¼ àŽ²àÅ’àŽ»àŽ»àŽ±àŽ½ àŽºàŽ±à¡½¶ àâ€žà¡½¸àŽ½ àŽ´à¡¾¶àŽ¼àŽ¿àŽ½ àâ€žàŽ¿à¡¿â€“àâ€š àŽ¸àŽ­àŽ¿àŽ¹àÆ’àŽ¹ àâ€žàŽ¿à¡¿â€“àâ€š àŽ´àâ€¦àŽ¿àŽºàŽ±àŽ¯àŽ´àŽµàŽºàŽ± àŽºàŽ±à¡½¶ àâ€žà¡¿¶àŽ¹ àŽ”àŽ¯àŽ¹ àâ€žà¡¿¶àŽ¹ ࡼ¨ààŽ±àŽ¯àâ€°àŽ¹ àŽºàŽ±à¡½¶ àŽ’àŽ±àÆ’àŽ¯àŽ»àŽ·àŽ¹ àŽºàŽ±àŽ¹ à¡½Ë†àŽ¼àŽ¿àŽ½àŽ¿àŽ¯àâ€°àŽ¹ àŽºàŽ±à¡½¶ àâ€žà¡¾¶àŽ¹ à¡½Ë†àŽ¼àŽ¿àŽ½àŽ¿àŽ¯àŽ±àŽ¹ àŽºàŽ±à¡½¶ àŽ”àŽ¯àŽºàŽ±àŽ¹ àŽºàŽ±à¡½¶ ࡼ˜àâ‚¬àŽ¹àâ€žàŽµàŽ»àŽµàŽ¯àŽ±àŽ¹ àâ€žà¡¿¶àŽ½ à¡¼â‚¬àŽ³àŽ¬àŽ¸àâ€°àŽ½, àŽ±à¡¼´ àŽºàŽµ àÆ’àâ€¦àŽ½àŽµàŽ½àŽ¯àŽºàŽµàŽ¹ àâ€žà¡¿¶àŽ¹ àŽ´àŽ¬àŽ¼àâ€°àŽ¹ àâ€žà¡¿¶àŽ¹ àŽÅ“àâ€¦àâ€žàŽ¹àŽ»àŽ·àŽ½àŽ¬àâ€°àŽ½ àâ€žà¡½° àŽ´àÅ’àŽ¾àŽ±àŽ½àâ€žàŽ±, àŽ¸àâ€¦àÆ’àŽ¯àŽ±àŽ³ àŽºàŽ±à¡½¶ àâ‚¬ààÅ’àÆ’àŽ¿àŽ´àŽ¿àŽ¼ àâ‚¬àŽ¿àŽ®àÆ’àŽ±àÆ’àŽ¸àŽ±àŽ¹, àâ€žàŽµàŽ»àŽµàŽ¹àŽ¿àŽ¼àŽ­àŽ½àâ€°àŽ½ àâ€žà¡¿¶àŽ½ à¡¼â‚¬àŽ³àŽ¬àŽ¸àâ€°àŽ½, àŽºàŽ±àâ€ž ࡽ„àâ€žàâ€žàŽ¹ àŽºàŽµ àâ€žà¡¿¶àŽ¹ àŽ´àŽ¬àŽ¼àâ€°àŽ¹ àâ€ àŽ±àŽ¯àŽ½àŽ·àâ€žàŽ±àŽ¹àŽâ€¡ àâ€žàŽ±à¡¿¦àâ€žàŽ± àŽ¼à¡½²àŽ½ àŽ·à¡¿¦àâ€¡àŽ¸àŽ±àŽ¹, à¡¼â‚¬àŽ³àŽ¬àŽ¸àŽ±àŽ¹ àŽ´à¡½² àâ€žààâ€¡àŽ±àŽ¹ àâ€žà¡¿¶ àŽ´àŽ¬àŽ¼àâ€° àâ€žà¡¿¶ àŽÅ“àâ€¦àâ€žàŽ¹àŽ»àŽ·àŽ½àŽ¬àâ€°àŽ½, ࡼàË†àŽ¬àâ€ àŽ¹àÆ’àŽ¸àŽ±àŽ¹ àâ€žà¡¾¶àŽ¹ àŽ²àÅ’àŽ»àŽ»àŽ± àŽºàŽ±à¡½¶ àâ€žà¡¿¶àŽ¹ àŽ´àŽ¬àŽ¼àâ€°àŽ¹àŽâ€¡ àŽ±à¡¼° àŽ¼àŽ­àŽ³ àŽºàŽ­ àâ€žàŽ¹àâ€š àŽ³àŽµàŽ½àŽ¿àŽ¼àŽ­àŽ½àŽ±àâ€š àŽºàŽ±àâ€ž àâ€žà¡½¸àŽ½ àŽ½àÅ’àŽ¼àŽ¿àŽ½ àâ€ ààŽ³àŽµàŽ¹ ࡼàŽº àâ€žà¡¾¶àâ€š àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽ¹àŽ¿àâ€š ࡼ¢ ࡼ€àâ‚¬àâ€¦àŽ¸àŽ¬àŽ½àŽ·, àâ€¡àà¡¿â€ àÆ’àŽ¸àŽ±àŽ¹ àâ€žà¡¿¶àŽ¹ àŽ½àÅ’àŽ¼àâ€°àŽ¹àŽâ€¡ àŽ±à¡¼° àŽ´àŽ­ àŽºàŽµ à¡¼â€žàŽ»àŽ»àŽ¿àŽ½ àâ€žàŽ¹àŽ½à¡½° àâ€žààÅ’àâ‚¬àŽ¿àŽ½ àŽÅ“àâ€¦àâ€žàŽ¹àŽ»àŽ·àŽ½àŽ¬àâ€°àŽ½ ࡼ¢ àâ€žà¡¿¶àŽ³ àŽºàŽ±àâ€žàŽ¿àŽ¹àŽºàŽ­àŽ½àâ€žàâ€°àŽ¿àŽ½ ࡼàŽ¼ àŽÅ“àâ€¦àâ€žàŽ¹àŽ»àŽ®àŽ½àŽ±àŽ¹ ࡼàâ‚¬à¡½¶ àâ‚¬ààŽ¿àâ€žàŽ¬àŽ½àŽ¹àŽ¿àâ€š àŽ”àŽ¯àâ€žàŽ± àŽ£àŽ±àâ€°àŽ½àâ€¦àŽ¼àŽµàŽ¯àâ€° àÆ’ààŽ¼àŽ²àŽ±àŽ¹ ࡼ€àâ€žàŽ¹àŽ¼àŽ±àÆ’àŽ¸àŽ­àŽ½àâ€žàŽ± àâ€ àâ€¦àŽ³àŽ±àŽ´àŽµààŽ¸àŽ·àŽ½ ࡼàŽº àâ€žà¡¾¶àâ€š àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽ¹àŽ¿àâ€š ࡼ¢ ࡼ€àâ‚¬àâ€¦àŽ¸àŽ¬àŽ½àŽ·àŽ½, àâ€¡ààŽ®àŽ¼àŽ±àâ€žàŽ± àâ€žàŽ¿ààâ€žàâ€°àŽ½… (la parte finale è poco leggibile).

Traduzione prima sezione:
Il consiglio e l’assemblea hanno decretato riguardo a ciò che (soggetto plurale non sappiamo quale, gli editori propongono di integrare àÆ’àâ€žààÅ’àâ€žàŽ±àŽ³àŽ¿àŽ¹, gli strateghi o i magistrati) hanno proposto affinché i cittadini abitino la città in democrazia per tutto il tempo comportandosi reciprocamente nel modo più benevolo con buona sorte.

Commento:
é un’iscrizione articolata stilisticamente più curata di altre che si basano quasi sempre sulla paratassi, ed è ricca di elementi formulari giuridici come ࡼ”àŽ³àŽ½àâ€° verbo che apre l’iscrizione, terza persona singolare nonostante il soggetto plurale, alternativa è ࡼ”àŽ´àŽ¿àŽ¾àŽµ; segue un costrutto con l’infinito all’aoristo e la cosa è strana: indica il decreto di qualcosa che non è ancora stata realizzata, questi infiniti sono svincolati da ogni nozione cronologica, e prevale quella d’aspetto.
àŽ’àÅ’àŽ»àŽ»àŽ± è la àŽ²àŽ¿àâ€¦àŽ»àŽ® attica, radice bol + na con alfa lungo suffisso dei nomi femminili, che in attico semplifica e qui produce assimilazione; la radice è in labiovelare sonora e in latino resta l’appendice labiale che dà origine a volo.
àŽ¤à¡¿¶àŽ½ è usato per introdurre la relativa, non ci sono dubbi.
àŽâ€¢à¡¼°àÆ’àŽ¬àŽ³àŽ·àŽ½àâ€žàŽ±àŽ¹ è indicativo presente di un verbo in vocale che si tratta come atematico allungando la vocale, anche il primo alfa è lungo; il verbo è àŽµà¡¼°àÆ’àŽ·àŽ³àŽ­àŽ¿àŽ¼àŽ±àŽ¹.
àŽÅ¡àŽµàŽ½ sta per à¡¼â€žàŽ½ àÆ’àŽµàŽ³àâ€¦àŽ¹àâ€žàŽ¿ àŽ´àŽ± àŽ¿àâ€žàâ€žàŽ±àâ€žàŽ¹ààŽ¿ àŽ´àŽ¹ àŽ¿àŽ¹àŽºàŽ­àâ€°, anche qui trattato come verbo atematico; ࡽ¤àâ€š àŽºàŽµàŽ½ + ottativo si trova spesso in iscrizioni lesbie a indicare proposizione completiva che segnala l’intenzione di chi avanza il decreto.
àŽ¤à¡½°àŽ¼ àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽ¹àŽ½ è parziale assimilazione nella sequenza fonosintattica, ma l’editore avverte che ci sono indizi nelle iscrizioni lesbie del fatto che le nasali avrebbero subito dal III secolo a. C. un affievolimento nella pronuncia, e una delle conseguenze è l’assimilazione; quando si deve scrivere la nasale si ricorre a quella dello stesso luogo di articolazione, il nesso doveva essere pronunciato come una sorta di doppia occlusiva. L’editore segnala casi come àŽâ€˜àŽ´àŽ´ààŽ¿àâ€žàŽ­àŽ»àŽµàŽ¿àâ€š per l’attico àŽâ€˜àŽ½àŽ´ààŽ¿àâ€žàŽµàŽ»àŽµàŽ¯àŽ¿àâ€š, la nasale non è articolata e quindi nemmeno scritta; in altri casi la nasale scompare del tutto, àâ€žà¡½¸ àŽ´à¡¾¶àŽ¼àŽ¿àŽ½ per àâ€žà¡½¸àŽ½ àŽ´à¡¾¶àŽ¼àŽ¿àŽ½. Un altro caso è àâ€žàÅ’àŽ¼ seguito da parola non iniziante per labiale, una nasale vale l’altra perché non è percepita.
La forma àŽ´àŽ±àŽ¼àŽ¿àŽºààŽ±àÆ’àŽ¯àŽ±àŽ¹ ha assibil’azione in un lessema in cui negli altri dialetti che assibilano la dentale si conserva (àŽ´àŽ·àŽ¼àŽ¿àŽºààŽ±àâ€žàŽ¯àŽ±), da una parte per la volontà di conservare l’etimo (connessione con àŽºààŽ¬àâ€žàŽ¿àÆ’), dall’altra per motivi cronologici: quando si afferma questo lessema ha già finito di agire il processo assibilativo; quella del lesbio è una tendenza che va oltre quella dello ionico.

In àâ€žà¡½¸àŽ¼ àâ‚¬àŽ¬àŽ½àâ€žàŽ± àâ€¡ààÅ’àŽ½àŽ¿àŽ½ si ha lo stesso fenomeno di àâ€žà¡½°àŽ¼ àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽ¹àŽ½.
à¡¼Ë†àŽ»àŽ»àŽ¬àŽ»àŽ¿àŽ¹àâ€š ha alfa ed è accusativo plurale.
La forma avverbiale àŽµà¡½àŽ½àŽ¿àÅ½àâ€žàŽ±àâ€žàŽ± è la forma attesa dal radicale *eunoo da cui si ha àŽµà¡½”àŽ½àŽ¿àâ€¦àÆ’: nella àŽºàŽ¿àŽ¹àŽ½àŽ® il superlativo sarebbe àŽµà¡½àŽ½àŽ¿ààÆ’àâ€žàŽ±àâ€žàŽ¿àâ€š da àŽµà¡½àŽ½àŽ¿àŽ­àÆ’àâ€žàŽ±àâ€žàŽ¿àâ€š, dall’iato àŽ¿àŽµ si genera contrazione.

Gli infiniti che seguono costituiscono l’oggetto del decreto.

Traduzione seconda sezione:
Che il consiglio e il popolo preghino i dodici dei e Zeus Eraio e àŽ’àŽ±àÆ’àŽ¹àŽ»àŽµààâ€š e à¡½Ë†àŽ¼àÅ’àŽ½àŽ¿àŽ¹àŽ¿àâ€š e à¡½Ë†àŽ¼àÅ’àŽ½àŽ¿àŽ¹àŽ± e la Giustizia e il Compimento dei beni, qualora ci sia accordo da parte del popolo dei Mitilenesi riguardo a ciò che è stato decretato, che si faccia un sacrificio e una processione una volta compiuti i beni (cioè realizzate le positività attese) secondo ciò che sembri bene al popolo.

Commento:
Gli infiniti come àŽµà¡½”àŽ¾àŽ±àÆ’àŽ¸àŽ±àŽ¹ esprimono aspettualità aoristica, qui è chiaro perché è oggetto del decreto e ancora deve compiersi, ciò che si è compiuto viene espresso con il perfetto. Qui l’aoristo è giustificato dal fatto che una parte del contenuto precede l’applicazione dell’altra: tra le due prescrizioni c’è una sorta di verifica del decreto, e a ciò che precede la verifica si può dare una qualche storicità; che ci sia la verifica è provato dalla frase subito successiva: queste preghiere sono state rivolte, ciò che è scritto prima è venuto prima del momento in cui si sta parlando; è però presente l’aoristo anche nella seconda parte, dunque è più semplice pensare ad una valenza aspettuale e non storica del tempo (ma vedi anche oltre).
Il lesbio quando possibile preferisce il dativo con àŽ¿àŽ¹àÆ’àŽ¹, per disambiguare la forma e non confonderla con quella dell’accusativo; per l’articolo non vale l’adozione della desinenza lunga di dativo, la funzione disambiguante è svolta solo dall’accento acuto da una parte circonflesso dall’altra.
Nella forma àŽ²àŽ±àÆ’àŽ¯àŽ»àŽ·àŽ¹ non agisce Osthoff.
àŽâ€˜à¡¼´ àŽºàŽµ corrisponde ad àŽµà¡¼° à¡¼â€žàŽ½, la forma àÆ’àâ€¦àŽ½àŽµàŽ½àŽ¯àŽºàŽµàŽ¹ sarà di congiuntivo connesso con il radicale che in ionico-attico dà ࡼ¤àŽ½àŽµàŽ³àŽºàŽ¿àŽ½: da ࡼàŽ½àŽ­àŽ³àŽºàŽµàŽ¹ si passa a ࡼàŽ½àŽµàŽ¯àŽºàŽµàŽ¹ forse per palatalizzazione dell’elemento nasale, poi a àŽµàŽ½àŽ¯àŽºàŽµàŽ¹ per monottongazione di àŽµàŽ¹; in lesbio le forme di congiuntivo a vocale breve sono attestate in parecchi casi nell’aoristo suffissale, sia sigmatico sia asigmatico; verso la fine del IV secolo a. C. dopo questa iscrizione si attesta per effetto della àŽºàŽ¿àŽ¹àŽ½àŽ® il congiuntivo a vocale lunga senza iota sottoscritto alla terza persona singolare, e questa assenza di iota diventa rigorosa dopo il III secolo.
àŽ¦àŽ±àŽ¯àŽ½àŽ·àâ€žàŽ±àŽ¹ è congiuntivo medio, si presenta nella stessa forma dell’attico.
La forma àŽÅ“àâ€¦àâ€žàŽ¹àŽ»àŽ·àŽ½àŽ¬àâ€°àŽ½, non ha contrazione.
Casi di apparente assimilazione di nasale finale di parola: àŽ¸àâ€¦àÆ’àŽ¯àŽ±àŽ³ àŽºàŽ±àŽ¯, àâ‚¬ààÅ’àÆ’àŽ¿àŽ´àŽ¿àŽ¼ àâ‚¬àŽ¿àŽ®àÆ’àŽ±àÆ’àŽ¸àŽ±àŽ¹.
Nella voce àŽºàŽ±àâ€ž ࡽ„àâ€žàâ€žàŽ¹ si distingue àŽºàŽ±àâ€žàŽ¬ apocopato e ࡽ„àâ€žàâ€žàŽ¹ con dentale raddoppiata.

Traduzione terza sezione:
Queste preghiere sono state rivolte: con buona fortuna da parte del popolo dei Mitilenesi è stato decretato dal consiglio e dal popolo: se qualcuno, secondo la legge, sia stato condannato all’esilio o a morte dalla città, si applichi la legge; se invece accada che in qualche altro modo tra i Mitilenesi o tra coloro che risiedono a Mitilene Sotto la pritania di Ditas figlio di Saonimos, privato dei diritti sia bandito dalla città o sia condannato a morte, i beni di costoro…

Commento:
Notare la forma àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽ¹àŽ¿àâ€š, il sostantivo si flette sempre con tema in àŽ¹.
In ࡼ€àâ‚¬àâ€¦àŽ¸àŽ¬àŽ½àŽ· si nota l’oscuramento vocalico.
àŽÅ¡àŽ±àâ€žàŽ¿àŽ¹àŽºàŽ­àŽ½àâ€žàâ€°àŽ½ è forma atematica da un àŽºàŽ±àâ€žàŽ¿àŽ¯àŽºàŽ·àŽ¼àŽ¹.
àŽ ààŽ¿àâ€žàŽ¬àŽ½àŽ¹àŽ¿àâ€š (àâ‚¬ààŽ¿ integrato per guasto meccanico) viene dal femminile àâ‚¬ààÅ’àâ€žàŽ±àŽ½àŽ¹àâ€š come àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽ¹àâ€š, in attico sarebbe àâ‚¬ààâ€¦àâ€žàŽ±àŽ½àŽ¯àâ€š, a Lesbo la forma più attestata è con àâ‚¬ààŽ¿ ma a quel che sembra la forma etimologica sarebbe in àâ€¦, potrebbe venire dall’Asia minore; àâ‚¬ààâ€¦àâ€žàŽ±àŽ½àŽ¯àâ€š diventa àâ‚¬ààÅ’àâ€žàŽ±àŽ½àŽ¹àâ€š per una sorta di dialettismo, ma talvolta di sostituisce ad essa àâ‚¬àààâ€žàŽ±àŽ½àŽ¹àâ€š a partire dalla àŽºàŽ¿àŽ¹àŽ½àŽ®, in particolare per introduzione ionica, ma prima della grafia si sarà attestato un suono u nella pronuncia, straniero per i Lesbii, e ciò porta con sé scompensi, forme errate di grafia che denunciano percezione sbagliata della pronuncia, forme itacistiche (àâ‚¬ààŽ¯àâ€žàŽ±àŽ½àŽ¹àÆ’), l’itacismo è conseguente allo stranierismo e il lesbio adotta il segno che nel proprio alfabeto è quello del suono più vicino a quello entrato da fuori di Lesbo. Anche in attico talvolta si attesta àâ‚¬ààŽ¿, ma è un falso etimo, la percezione di un preverbio è più normale e la grafia non è prestito da Lesbo. Questo sostantivo in àŽ¹àÆ’ è astratto, seguito da àŽ”àŽ¯àâ€žàŽ± genitivo maschile di tema in alfa lungo per giustapposizione di sio, caduta di àÆ’j e contrazione in alfa lungo; àŽ£àŽ±àâ€°àŽ½àâ€¦àŽ¼àŽµàŽ¯àâ€° è patronimico come àŽ àŽ·àŽ»àŽµàŽ¹àŽ¬àŽ´àŽµàâ€°.
àŽ£ààŽ¼àŽ²àŽ±àŽ¹ è forma di congiuntivo aoristo tematico terza persona singolare da àÆ’àâ€¦àŽ¼àŽ²àŽ±àŽ¯àŽ½àâ€°, è congiuntivo con iota ascritto; in questa iscrizione l’uso di iota ascritto non è regolare, dunque qui la sua presenza è prova di regolarità della forma; in seguito si attesta anche per questa voce la forma senza iota, per estensione della forma uguale dei verbi come ࡼàŽ½àŽ¯àŽºàŽµàŽ¹ che diventa ࡼàŽ½àŽ¯àŽºàŽ·. C’è dunque oscillazione tra forme di congiuntivo con desinenza in iota e la forma desinenziale senza iota, quella originale che si attesterà per effetto della àŽºàŽ¿àŽ¹àŽ½àŽ® negli aoristi suffissali dopo il III secolo a. C. àŽ£ààŽ¼àŽ²àŽ±àŽ¹ è congiuntivo aoristo tematico che nella struttura flessiva si presenta con vocale lunga, come ࡼ”àŽ³àŽ½àâ€°; queste forme verbali sono state ipercaratterizzate al congiuntivo, poiché sono state dotate del morfema àŽµ alternata con àŽ¿ proprio del congiuntivo, àÆ’ààŽ¼àŽ²àŽ±àŽµ contrae in àÆ’ààŽ¼àŽ²àŽ±, l’elemento àŽ¹ è problematico nella sua genesi anche nell’indicativo, si è percepito come tratto desinenziale e si aggiunge per connotare la terza persona singolare; la forma deriva dunque da un àÆ’àâ€¦àŽ¼àŽ²àŽ±àŽµàŽ¹, poi àÆ’ààŽ¼àŽ²àŽ±àŽ¹ con alfa lungo dove àŽ¹ ascritto si deve intendere come sottoscritto. La situazione di iota ascritto e sottoscritto è fluttuante: in iscrizioni e papiri la fluttuazione è nella grafia, ma quello che intendiamo come iota sottoscritto non è sempre contrassegnato alla stessa maniera, alcune iscrizioni non lo riportano; in ogni caso se iota c’è è ascritto, e questa irregolarità complica le cose se si vuole capire come questo dialetto si comporta nella flessione del congiuntivo.
Sono in quest’iscrizione due forme di infinito, àâ€ àâ€¦àŽ³àŽ±àŽ´àŽµààŽ¸àŽ·àŽ½ e ࡼ€àâ‚¬àâ€¦àŽ¸àŽ¬àŽ½àŽ·àŽ½, il primo è un aoristo passivo, il secondo attivo.
à¡¼ËœàŽº àâ€žà¡¾¶àâ€š àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽ¹àŽ¿àâ€š diventa in attico ࡼàŽº àâ€žà¡¿â€ àâ€š àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽµàâ€°àâ€š.
Guardando alla struttura dell’iscrizione ci si accorge che la relazione tra ࡼ”àŽ³àŽ½àâ€° e il contenuto del decreto è costruita sull’uso di tre tipi di infinito: aoristo perlopiù, all’inizio e alla fine, perfetto nella parte centrale, che dovrebbe essere quello cronologicamente marcato, ed infine una sola forma di infinito presente, àâ€¡àà¡¿â€ àÆ’àŽ¸àŽ±àŽ¹. La nozione cronologica è del tutto estranea all’uso di questi tempi verbali? In casi di iscrizioni simili ci si è basati proprio sulla relazione del verbo decretare con il contenuto per fissare il momento in cui le iscrizioni sono state realizzate rispetto all’atto di un decreto: passava infatti del tempo tra il decreto e il fatto che fosse messo su una stele, la decisione di farne un’iscrizione era legata al peso del decreto, e venivano posti su stele quei decreti che avevano avuto conseguenze rilevanti di tipo politico-amministrativo sulla storia della città. Il fatto che fosse passato del tempo tra l’atto del decreto e la sua resa pubblica mutava la percezione del rapporto temporale esistente tra il momento dell’iscrizione e la stele, ma anche tra il momento in cui il testo è messo su stele e quello in cui viene reso esecutivo. La relazione tra i diversi atti è complicata, o nell’iscrizione ci si astiene dal regolare i tempi o si devono fare delle scelte; il sistema verbale del greco non si fonda almeno in epoca classica su relazioni cronologiche relative, non c’è rapporto di consecutio temporum. Nel greco classico i morfemi che marcano la cronologia come l’aumento connotano una cronologia assoluta sul piano grammaticale, sul piano del senso la differenza è meno percepibile; l’aumento marca la storicità dell’azione, non la relazione cronologica tra due momenti. Il piuccheperfetto greco è un’azione compiuta collocata nella storicità poiché vi si aggiunge l’aumento; quindi anche quei tempi che nascono per marcare la relatività dell’azione (piuccheperfetto, futuro perfetto) in origine non hanno questa funzione e sono diversi dal piuccheperfetto e dal futuro anteriore latini. Ma a partire dall’età della àŽºàŽ¿àŽ¹àŽ½àŽ® e nei primi secoli dell’età imperiale, quando la lingua ha relazioni più intense con il latino, troviamo documenti papiracei d’archivio specie lettere, soprattutto in Egitto, che sembrano attestare un uso della cronologia relativa: in alcune lettere sembra esserci qualche traccia dello stile epistolare latino, simbolo sommo del modo di concepire i rapporti temporali in senso cronologico relativo, poiché si costruiscono i tempi di quello che si scrive pensandoli relativamente al momento della lettura. Quest’iscrizione è ancora ad altezza cronologica troppo elevata perché ci sia già stato questo cambiamento, ma vale la pena di considerare i tempi già con maggiore attenzione a questa evoluzione.

La terza iscrizione è importante sul piano storico, Viene da Ereso città natale di Saffo; l’editore l’ha intitolata Processo contro i tiranni, questi personaggi che accentravano il potere nelle loro mani e che erano chiamati ancora àŽ²àŽ±àÆ’àŽ¯àŽ»àŽµàŽ¹àâ€š si ponevano in relazioni non uniformi con il potere macedone; la data è compresa tra 332 e 301 a. C., fluttuazione che allude non agli eventi di cui si parla cronologicamente alti (si parla di Alessandro), ma la data bassa può essere relativa al momento in cui il contenuto viene messo su stele. Ad Ereso c’è o c’è stato un processo contro i tiranni in cui è stato decretato qualcosa, il tiranno è Agonippo. Oggi si tende ad abbassare la data dell’iscrizione verso la fine del periodo indicato, nell’ultimo decennio del IV secolo; l’iscrizione dice molto anche sul rapporto tra le città greche d’Asia e, se non Alessandro, i suoi successori, le prime monarchie ellenistiche.
Il contenuto è divisibile in due parti, una prima nella quale vi sono “gli atti del processo”, cioè le malefatte del tiranno, una seconda che è il vero decreto, la sentenza del processo; questo scarto è anche contrassegnato dall’uso dei modi verbali: la sezione descrittiva è con verbi di modo finito, nella seconda parte i verbi reggenti sono all’infinito, dobbiamo immaginare sottinteso un ࡼ”àŽ³àŽ½àâ€° o un ࡼ”àŽ´àŽ¿àŽ¾àŽµ. Si nota anche una differenza di stile tra prima e seconda parte: la prima somiglia ad una cronaca storica o alla porzione della narratio di un’orazione giudiziaria, tanto che qualcuno pensa ad un pezzo d’autore, senz’altro è tutto legato e potrebbe essere un brano consequenziale. Gli accenti sembrano non rispettare la norma della baritonesi, e in certe circostanze ci sono spiriti aspri, come se ci si volesse staccare dai due tratti caratteristici dell’eolico; il responsabile è Schwyzer, il curatore della raccolta di iscrizioni lo indica espressamente. Schwyzer, l’editore a cui Bottin attinge, fa questa scelta perché non tutti ritengono che le iscrizioni lesbie dell’età della àŽºàŽ¿àŽ¹àŽ½àŽ® debbano essere scritte secondo i criteri grafici che presuppongono i fenomeni tipici della lingua di Lesbo. Queste considerazioni editoriali poggiano sul fatto che in certe parti dell’isola gli effetti della àŽºàŽ¿àŽ¹àŽ½àŽ® àŽ´àŽ¹àŽ¬àŽ»àŽµàŽºàâ€žàŽ¿àâ€š si avvertono prima che altrove ed Ereso sembra essere una di queste aree; ci sono comunque forme decisamente lesbie sul piano morfologico.

Testo dell’iscrizione (processo contro i tiranni, 332-301 a. C.)
(…) àâ‚¬àŽ¿àŽ»àŽ¹àŽ¿ààŽºàŽ·àŽ¸àŽ­àŽ½àâ€žàŽ±àâ€š ࡼ°àâ€š àâ€žà¡½°àŽ½ à¡¼â‚¬àŽºààŽ¿àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽ¹àŽ½ à¡¼â‚¬àŽ½àŽ¿àŽ¹àŽºàŽ¿àŽ´àÅ’àŽ¼àŽ·àÆ’àŽµ àŽºàŽ±à¡½¶ àâ€žàŽ¿à¡½¶àâ€š àâ‚¬àŽ¿àŽ»àŽ¯àâ€žàŽ±àŽ¹àâ€š àŽ´àŽ¹àÆ’àŽ¼àâ€¦ààŽ¯àŽ¿àŽ¹àâ€š àÆ’àâ€žàŽ±àâ€žà¡¿â€ ààŽ±àâ€š àŽµà¡¼°àÆ’àŽ­àâ‚¬ààŽ±àŽ¾àŽµ àŽºàŽ±à¡½¶ àâ€žàŽ¿à¡½¶àâ€š ࡼàŽ»àŽ»àŽ±àŽ½àŽ±àâ€š ࡼàŽ»àŽ±àŽ¯àŽ¶àŽµàâ€žàŽ¿ àŽºàŽ±à¡½¶ àâ€žàŽ¿à¡½¶àâ€š àŽ²àâ€°àŽ¼àŽ¿à¡½¶àâ€š à¡¼â‚¬àŽ½àŽ­àÆ’àŽºàŽ±àË†àŽµ àâ€žà¡¿¶ àŽ”àŽ¹à¡½¸àâ€š àâ€žà¡¿¶ àŽ¦àŽ¹àŽ»àŽ¹àâ‚¬àâ‚¬àŽ¯àâ€° àŽºàŽ±à¡½¶ àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽµàŽ¼àŽ¿àŽ½ ࡼàŽ¾àŽµàŽ½àŽ¹àŽºàŽ¬àŽ¼àŽµàŽ½àŽ¿àâ€š àâ‚¬àà¡½¸àâ€š à¡¼Ë†àŽ»àŽ­àŽ¾àŽ±àŽ½àŽ´ààŽ¿àŽ½ àŽºàŽ±à¡½¶ àâ€žàŽ¿à¡½¶àâ€š ࡼàŽ»àŽ»àŽ±àŽ½àŽ±àâ€š àâ€žàŽ¿à¡½¶àâ€š àŽ¼à¡½²àŽ½ àâ‚¬àŽ¿àŽ»àŽ¯àâ€žàŽ±àŽ¹àâ€š àâ‚¬àŽ±ààŽµàŽ»àÅ’àŽ¼àŽµàŽ½àŽ¿àâ€š àâ€žà¡½° ࡽ…àâ‚¬àŽ»àŽ± ࡼàŽ¾àŽµàŽºàŽ»àŽ¬àÆ’àŽµ ࡼàŽº àâ€žà¡¾¶àâ€š àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽ¹àŽ¿àâ€š àâ‚¬àŽ±àŽ½àŽ´àŽ±àŽ¼àŽ¯, àâ€žàŽ±à¡½¶àâ€š àŽ´à¡½² àŽ³àâ€¦àŽ½àŽ±à¡¿â€“àŽºàŽ±àâ€š àŽºàŽ±à¡½¶ àâ€žàŽ±à¡½¶àâ€š àŽ¸àâ€¦àŽ³àŽ±àâ€žàŽ­ààŽ±àâ€š àÆ’àâ€¦àŽ»àŽ»àŽ±àŽ²à¡½¼àŽ½ àŽºàŽ±à¡½¶ ࡼ”ààŽ¾àŽ±àŽ¹àâ€š ࡼàŽ½ àâ€žà¡¾¶ à¡¼â‚¬àŽºààŽ¿àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽ¹ àâ€žààŽ¹àÆ’àâ€¡àŽ¹àŽ»àŽ¯àŽ¿àŽ¹àâ€š àŽºàŽ±à¡½¶ àŽ´àŽ¹àŽ±àŽºàŽ¿àÆ’àŽ¯àŽ¿àŽ¹àâ€š àÆ’àâ€žàŽ±àâ€žà¡¿â€ ààŽ±àâ€š àŽµà¡¼°àÆ’àŽ­àâ‚¬ààŽ±àŽ¾àŽµ, àâ€žà¡½°àŽ½ àŽ´à¡½² àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽ¹àŽ½ àŽºàŽ±à¡½¶ àâ€žà¡½° ࡼ±àà¡½° àŽ´àŽ¹àŽ±ààâ‚¬àŽ¬àÆ’àŽ±àâ€š àŽ¼àŽµàâ€žà¡½° àâ€žà¡¿¶àŽ½ àŽ»àŽ±àŽ¹àÆ’àâ€žà¡¾¶àŽ½ ࡼàŽ½àŽ­àâ‚¬ààŽ·àŽ¾àŽµ àŽºàŽ±à¡½¶ àÆ’àâ€¦àŽ³àŽºàŽ±àâ€žàŽ­àŽºàŽ±àâ€¦àÆ’àŽµ àÆ’àÅ½àŽ¼àŽ±àâ€žàŽ± àâ€žà¡¿¶àŽ½ àâ‚¬àŽ¿àŽ»àŽ¹àâ€žà¡¾¶àŽ½, àŽºàŽ±à¡½¶ àâ€žà¡½¸ àâ€žàŽµàŽ»àŽµàâ€¦àâ€žàŽ±à¡¿â€“àŽ¿àŽ½ ࡼ€àâ€ àŽ¹àŽºàÅ’àŽ¼àŽµàŽ½àŽ¿àâ€š àâ‚¬àà¡½¸àâ€š à¡¼Ë†àŽ»àŽ­àŽ¾àŽ±àŽ½àŽ´ààŽ¿àŽ½ àŽºàŽ±àâ€žàŽµàË†àŽµààŽ´àŽµàâ€žàŽ¿ àŽºàŽ±à¡½¶ àŽ´àŽ¹àŽ­àŽ²àŽ±àŽ»àŽ»àŽµ àâ€žàŽ¿à¡½¶àâ€š àâ‚¬àŽ¿àŽ»àŽ¯àâ€žàŽ±àŽ¹àÆ’àŽâ€¡ àŽºàà¡¿â€“àŽ½àŽ±àŽ¹ àŽ¼à¡½²àŽ½ àŽ±à¡½àâ€žà¡½¸àŽ½ àŽºààâ€¦àâ‚¬àâ€žà¡¾¶àŽ¹ àË†àŽ¬àâ€ àŽ¹àŽ³àŽ³àŽ¹ à¡½â‚¬àŽ¼àÅ’àÆ’àÆ’àŽ±àŽ½àâ€žàŽ±àâ€š àâ‚¬àŽµàà¡½¶ àŽ¸àŽ±àŽ½àŽ¬àâ€žàâ€°àŽâ€¡ àŽ±à¡¼° àŽ´àŽ­ àŽºàŽµ àŽºàŽ±àâ€žàŽ±àË†àŽ±àâ€ àŽ¹àÆ’àŽ¸à¡¿â€¡ àŽ¸àŽ¬àŽ½àŽ±àâ€žàŽ¿àâ€š, à¡¼â‚¬àŽ½àâ€žàŽ¹àâ€žàŽ¹àŽ¼àŽ±àÆ’àŽ±àŽ¼àŽ­àŽ½àâ€° à¡¼Ë†àŽ³àâ€°àŽ½àŽ¯àâ‚¬àâ‚¬àâ€° àâ€žà¡½°àŽ½ àŽ´àŽµàâ€¦àâ€žàŽ­ààŽ±àŽ½ àŽ´àŽ¹àŽ±àâ€ àŽ¿àà¡½°àŽ½ àâ‚¬àŽ¿àŽ®àÆ’àŽ±àÆ’àŽ¸àŽ±àŽ¹, àâ€žàŽ¯àŽ½àŽ± àâ€žààÅ’àâ‚¬àŽ¿àŽ½ àŽ´àŽµààŽµàŽ¹ àŽ±à¡½àâ€žà¡½¸àŽ½ ࡼ€àâ‚¬àŽ¿àŽ¸àŽ±àŽ½à¡¿â€ àŽ½. àŽâ€˜à¡¼° àŽ´àŽ­ àŽºàŽµ àŽºàŽ±àŽ»àŽ»àŽ±àâ€ àŽ¸àŽ­àŽ½àâ€žàŽ¿àâ€š à¡¼Ë†àŽ³àâ€°àŽ½àŽ¯àâ‚¬àâ‚¬àâ€° àâ€žà¡¾¶ àŽ´àŽ¯àŽºàŽ± àŽºàŽ±àâ€žàŽ¬àŽ³àŽ· àâ€žàŽ¯àâ€š àâ€žàŽ¯àŽ½àŽ± àâ€žà¡¿¶àŽ½ à¡¼Ë†àŽ³àâ€°àŽ½àŽ¯àâ‚¬àâ‚¬àâ€° ࡼ¢ àŽµà¡¼´àâ‚¬àŽ· ࡼ¢ àâ‚¬ààŽ¿àŽ¸à¡¿â€  àâ‚¬àŽµàà¡½¶ àŽºàŽ±àŽ¸àÅ’àŽ´àâ€° ࡼ¢ àâ€žà¡¿¶àŽ½ àŽºàâ€žàŽ·àŽ¼àŽ¬àâ€žàâ€°àŽ½ ࡼ€àâ‚¬àŽ¿àŽ´àÅ’àÆ’àŽ¹àŽ¿àâ€š, àŽºàŽ±àâ€žàŽ¬ààŽ±àâ€žàŽ¿àŽ½ ࡼ”àŽ¼àŽ¼àŽµàŽ½àŽ±àŽ¹ àŽºàŽ±à¡½¶ àŽ±à¡½àâ€žà¡½¸àŽ½ àŽºàŽ±à¡½¶ àŽ³àŽ­àŽ½àŽ¿àâ€š àâ€žà¡½¸ àŽºàŽ®àŽ½àâ€°, àŽºàŽ±à¡½¶ àâ€žà¡¼â€ àŽ»àŽ»àŽ± ࡼ”àŽ½àŽ¿àâ€¡àŽ¿àâ€š ࡼ”àÆ’àâ€žàâ€° àâ€žà¡¿¶ àŽ½àÅ’àŽ¼àâ€° ࡽ¡àâ€š àâ€žà¡½°àŽ½ àÆ’àâ€žàŽ¬àŽ»àŽ»àŽ±àŽ½ à¡¼â‚¬àŽ½àŽµàŽ»àÅ’àŽ½àâ€žàŽ± àâ€žà¡½°àŽ½ àâ‚¬àŽµàà¡½¶ àâ€žà¡¿¶àŽ½ àâ€žàâ€¦ààŽ¬àŽ½àŽ½àâ€°àŽ½ àŽºàŽ±à¡½¶ àâ€žà¡¿¶àŽ½ ࡼàŽºàŽ³àÅ’àŽ½àâ€°àŽ½. àŽ àŽ¿àŽ®àÆ’àŽ±àÆ’àŽ¸àŽ±àŽ¹ àŽ´à¡½² àŽºàŽ±àŽ¹ ࡼàâ‚¬àŽ±àà¡½°àŽ½ ࡼàŽ½ àâ€žà¡¾¶ ࡼàŽºàŽ»àŽ·àÆ’àŽ¯àŽ± àŽ±à¡½àâ€žàŽ¯àŽºàŽ±, àâ€žà¡¿¶ àŽ¼à¡½²àŽ½ àŽ´àŽ¹àŽºàŽ¬àŽ¶àŽ¿àŽ½àâ€žàŽ¹ àŽºàŽ±à¡½¶ àŽ²àŽ±àŽ¸àÅ’àŽµàŽ½àâ€žàŽ¹ àâ€žà¡¾¶ àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽµàŽ¹ àŽºàŽ±à¡½¶ àâ€žà¡¾¶ àŽ´àŽ¹àŽºàŽ±àŽ¯àŽ± àŽµà¡½â€“ ࡼ”àŽ¼àŽ¼àŽµàŽ½àŽ±àŽ¹, àâ€žàŽ¿à¡¿â€“àâ€š àŽ´à¡½² àâ‚¬àŽ±àà¡½° àâ€žà¡½¸ àŽ´àŽ¯àŽºàŽ±àŽ¹àŽ¿àŽ½ àâ€žà¡½°àŽ½ àË†à¡¾¶àâ€ àŽ¿àŽ½ àâ€ àŽµààÅ’àŽ½àâ€žàŽµàÆ’àÆ’àŽ¹ àâ€žà¡½° ࡼàŽ½àŽ±àŽ½àâ€žàŽ¯àŽ± àâ€žàŽ¿ààâ€žàâ€°àŽ½. à¡¼ËœàŽ´àŽ¹àŽºàŽ¬àÆ’àŽ¸àŽ·àŽâ€¡ à¡½â‚¬àŽºàâ€žàŽ±àŽºàÅ’àÆ’àŽ¹àŽ¿àŽ¹ à¡½â‚¬àŽ³àŽ´àŽ¿àŽ®àŽºàŽ¿àŽ½àâ€žàŽ± àâ€žààŽµà¡¿â€“àÆ’àŽâ€¡ ࡼ€àâ‚¬à¡½¸ àâ€žàŽ±àâ€¦àâ€žà¡¾¶àŽ½ ࡼ€àâ‚¬àŽ­àŽ»àâ€¦àÆ’àŽ±àŽ½ ࡼ‘àâ‚¬àâ€žàŽ¬, àŽ±à¡¼± àŽ´à¡½² à¡¼â€žàŽ»àŽ»àŽ±àŽ¹ àŽºàŽ±àâ€žàŽµàŽ´àŽ¯àŽºàŽ±àÆ’àÆ’àŽ±àŽ½.

Traduzione prima sezione (l’iscrizione è mutila nella parte iniziale)
(…) assediati nell’acropoli ricostru’ e depredò i cittadini di ventimila stateri, e derubò i Greci e distrusse gli altari di Zeus Filippios e intraprese una guerra contro Alessandro e, privati i cittadini greci (cioè i Greci che avevano diritto di cittadinanza) delle armi, li rinchiuse fuori dalla città tutti quanti, e avendo catturato le mogli e le figlie e avendole rinchiuse nell’acropoli le depredò di 3200 stateri, e avendo saccheggiato la città e i templi insieme con gli altri predoni (epiteto insultante nei confronti dei collaboratori) la bruciò e arse insieme i corpi dei cittadini e infine, essendo andato da Alessandro, raccontava il falso e calunniava i cittadini.

Commento:
La forma ࡼ°àâ€š presuppone una àŽµ davanti, l’editore ha restituito integrando il numero di caratteri che potevano stare nello spazio disponibile, la àŽµ doveva stare alla fine della riga precedente, dunque àŽµà¡¼°àÆ’; è questa la forma di preposizione di moto a luogo, contro ࡼàŽ½ nel resto dell’Eolia, il lesbio condivide l’innovazione ionica. Di solito nell’edizione alessandrina di Alceo e Saffo si trova àŽµà¡¼°àâ€š quando la parola successiva comincia per vocale, àŽµàâ€š quando segue consonante; ma nelle iscrizioni di Lesbo si ha di norma àŽµà¡¼°àâ€š, ࡼàâ€š è raro e si trova solo dopo il II secolo a. C., perlopiù in composizione e davanti a vocale. Questo giustifica l’integrazione di ࡼ°àâ€š e non ࡼàâ€š da parte dell’editore e ci fa riflettere sul tipo di testo dei poeti lesbii che possediamo, non sappiamo a cosa si trovassero davanti gli alessandrini che ce li hanno trasmessi.
Seguono alcune forme eoliche: àŽµà¡¼°àÆ’àŽ­àâ‚¬ààŽ±àŽ¾àŽµ regge il doppio accusativo, sia l’ogetto sia la persona derubata sono espressi in accusativo; nell’oggetto solo la forma aggettivale è eolica. In ࡼàŽ»àŽ»àŽ±àŽ½àŽ±àâ€š l’editore applica i criteri grafici che ci si aspetterebbe se l’iscrizione fosse vergata in àŽºàŽ¿àŽ¹àŽ½àŽ®, con lo spirito aspro.
à¡¼ËœàŽ»àŽ±àŽ¯àŽ¶àŽµàâ€žàŽ¿ ha la dieresi, è considerato come avente radicale bisillabico, *laiz; ciò perché alfa è considerato lungo, come nella corrispondente forma dell’attico àŽ»àŽ·àŽ¯àŽ¶àâ€°; la forma con dittongo lungo è àŽ»à¡¿â€žàŽ¶àŽ¿àŽ¼àŽ±àŽ¹, àŽ¹àŽ» àÆ’àŽ¿àÆ’àâ€žàŽ±àŽ½àâ€žàŽ¹ààŽ¿ àŽ»à¡¿Æ’àÆ’àâ€žàŽ®àâ€š convive con àŽ»àŽ·àŽ¹àÆ’àâ€žàŽ®àâ€š, ed esiste àŽ»àŽ·àŽ¯àâ€š = preda; in alcuni casi in attico si ha abbreviamento dell’elemento lungo, àŽ»àŽµàŽ¯àŽ± = preda, àŽ»àŽ±àŽ¯àŽ¶àŽ¿àŽ¼àŽ±àŽ¹ può anche avere la àŽµ. Sono attestate forme in cui si abbrevia l’elemento lungo in applicazione di Osthoff, ma in altre più rare nel greco non si applica Osthoff; Hodot osserva che in genere nel dialetto di Lesbo la legge è sempre applicata, salvo nei casi in cui è necessaria la conservazione dell’elemento lungo per ragioni funzionali alla morfologia: se si ha aumento o raddoppiamento si mantiene il dittongo lungo, come nell’infinito perfetto àŽ·à¡½â€“àâ€¡àâ€žàŽ±àŽ¹, serve a mantenere la perspicuità morfologica. In lesbio ciò è più problematico perché Osthoff è più vincolante; forse ࡼàŽ»àŽ±àŽ¯àŽ¶àŽµàâ€žàŽ¿ dovrebbe essere percepito con alfa breve per Osthoff, non siamo in grado di distinguere la quantità di alfa, se fosse breve dovremmo percepire il nesso àŽ±àŽ¹ come un regolare dittongo con primo elemento breve; lo stesso per il sostantivo àŽ»àŽ±àŽ¹àÆ’àâ€žà¡¾¶àŽ½, non c’è nessuna ragione perché non si applichi Osthoff, la dieresi del verbo è immotivata.
L’aoristo ࡼàŽ¾àŽµàŽ½àŽ¹àŽºàŽ¬àŽ¼àŽµàŽ½àŽ¿àâ€š è da connettere con àŽµàŽ½àŽ¯àŽºàŽµàŽ¹ dell’iscrizione precedente.
L’avverbio àâ‚¬àŽ±àŽ½àŽ´àŽ±àŽ¼àŽ¯ si trova più spesso in attico nella forma àâ‚¬àŽ±àŽ½àŽ´àŽ·àŽ¼àŽµà¡¿â€“, significa in massa, radice di àâ‚¬à¡¾¶àâ€š e àŽ´à¡¿â€ àŽ¼àŽ¿àâ€š.
àŽ¤à¡¾¶ ha assenza di iota ascritto, è forma di un articolo al dativo.
La forma ࡼ±ààŽ¬ corrisponde all’attico ࡼ±àŽµààŽ¬; la radice di tutti i termini che afferiscono alla sfera sacrale in attico è *hier come in ionico, in eolico si presentano con radicale *ir o *eir; *ir è l’unica radice che si trova nel IV e III secolo, poi si trovano le forme in àŽµàŽ¹à ed àŽ·à. Questo radicale fa discutere per l’etimo, si connette in qualche caso ࡼ±àŽµààÅ’àâ€š alla forma ࡼ°ààÅ’àâ€š pensando ad una diversa gradazione apofonica, che ha reso un radicale bisillabico monosillabico senza bisogno di sonantizzare à perché l’elemento si potrebbe vocalizzare; àŽµàŽ¹à si potrebbe giustificare con un diverso grado apofonico del primo elemento e la riduzione del secondo. àŽâ€¢àŽ¹ àŽµà, se riduciamo una o l’altra o entrambe le sillabe riconduciamo a questa radice quasi tutte le forme: ࡼ±àŽµà, ࡼ°à, àŽµà¡¼°à, ma non si giustifica ࡼ à; àŽ¸àâ€¦àŽ±àŽ»àŽ¾àâ€¦àŽ½àŽ¿ ààŽ¹àâ€žàŽ¹àŽµàŽ½àŽµ àŽ¾àŽ·àŽµ àŽ»àŽ± àâ€ àŽ¿ààŽ¼àŽ± àŽ¹àŽ½ àŽ· sia un adattamento a partire da àŽµà¡¼°à, per una sorta di ipercorrettismo, come se àŽµàŽ¹ fosse una e lunga chiusa e non un vero dittongo; pensando che a Lesbo la e lunga secondaria è àŽ· si potrebbe correggere in àŽ·. Se la radice da cui provengono tutte le forme è comune ed è *eier, àŽµàŽ¹ è vero dittongo. Come si giustifica l’aspirazione? Non può esserci una j, àŽ¹jàŽµà, perché ad essere semivocale è la i intervocalica, che non lascia mai aspirazione retrograda. In dorico queste stesse parole si esprimono con il radicale *iar, alfa si giustifica o con una laringale oppure come l’esito della sonantizzazione di à, e il nesso àŽ¹à viene percepito come bisillabico, o meglio àŽ¹ viene percepito come consonantico e à ha bisogno di una vocale su cui appoggiarsi; potrebbe essere anche un’estensione analogica perché alfa è il vocalismo più diffuso in dorico. Per Garcia Ramon à sarebbe un elemento suffissale aggiunto dopo la perdita delle due laringali h1 e h2 che stavano all’inizio della parola; la radice si può ricostruire con *h1ih2; i termini ࡼ°àŽ¬àŽ¿àŽ¼àŽ±àŽ¹ e ࡼ°àŽ±àâ€žààÅ’àâ€š sono riconducibili alla stessa radice per il parallelo con il sanscrito e l’avestico, àŽ± è h2 che si conserva; per questo Ramon suppone un h2 in questa posizione, secondo lui in queste parole non vediamo lo spirito aspro perché i termini medici si sono diffusi dalla Ionia d’Asia area psilotica. I valori di ࡼ°àŽ¬àŽ¿àŽ¼àŽ±àŽ¹ e ࡼ°àŽ±àŽ¯ààâ€° sono già presenti nei significati di ࡼ±àŽµààÅ’àÆ’: veloce, forte e sacro, e l’area della forza è quella connessa con la salute. I tre significati sarebbero la confl’azione di tre radici diverse, una tipica delle lingue occidentali (osco, umbro, alto tedesco), una delle lingue orientali (sanscrito, cfr omerico ࡼ±àŽµàà¡½¸àŽ½ àŽ¼àŽ­àŽ½àŽ¿àÆ’), le due forme si sono confuse in greco essendo simili. Nel miceneo iie-re la seconda i viene sentita come semivocalica e ciò si rappresenta graficamente. La forma àŽµà¡¼°ààÅ’àâ€š è un altro grado apofonico, l’unica attestazione di questo grado in greco; in ࡼ°àŽ¬àŽ¿àŽ¼àŽ±àŽ¹ si ipotizza una forma con grado pieno in cui c’è la laringale e un elemento semiconsonantico, radice h1ieh2.
Abbiamo due genitivi plurali, àâ€žà¡¿¶àŽ½ àŽ»àŽ±àŽ¹àÆ’àâ€žà¡¾¶àŽ½ e àâ€žà¡¿¶àŽ½ àâ‚¬àŽ¿àŽ»àŽ¹àâ€žà¡¾¶àŽ½, differenza di terminazione tra articolo e sostantivo; i due nomi sono temi in alfa lungo della prima declinazione, su alfa lungo si innesta la desinenza som indoeuropea del genitivo plurale, con caduta di àÆ’ e contrazione eolica che genera alfa lungo; nell’articolo Som si innesta su un radicale *to perché maschile, àâ€žàŽ¿àÆ’àŽ¿àŽ¼ evolve in àâ€žà¡¿¶àŽ½; se l’articolo fosse femminile da àâ€žàŽ±àÆ’àŽ¿àŽ¼ avremmo àâ€žà¡¾¶àŽ½, l’articolo in eolico è diverso al maschile e al femminile.
Segue il contenuto del decreto:

Traduzione seconda sezione:
Sia giudicato con voto segreto avendo giurato in relazione alla pena di morte, e se fosse stata decretata la morte, avendo Agonippo fatto una controvalutazione (la sua arringa), si facesse la seconda votazione: in che modo bisogno che egli muoia.

Commento:
In questa sezione cominciano le voci di infinito, contenuto del decreto come l’iscrizione precedente; àŽºàà¡¿â€“àŽ½àŽ±àŽ¹ è l’aoristo di àŽºààŽ¯àŽ½àâ€° come sarebbe in attico, proprio della àŽºàŽ¿àŽ¹àŽ½àŽ®, a Lesbo sarebbe àŽºààŽ¯àŽ½àŽ½àŽ±àŽ¹ da àŽºààŽ¹àŽ½àÆ’àŽ±àŽ¹ per assimilazione.
àŽÅ¡ààâ€¦àâ‚¬àâ€žà¡¾¶àŽ¹ ha iota ascritto pronunciato sottoscritto; àŽ¸àŽ±àŽ½àŽ¬àâ€žàâ€° è per àŽ¸àŽ±àŽ½àŽ¬àâ€žàŽ¿àâ€¦ dell’attico.
La àŽ´àŽµàâ€¦àâ€žàŽ­ààŽ± àŽ´àŽ¹àŽ±àâ€ àŽ¿ààŽ¬ è un termine tecnico, la votazione intesa come confronto: ci sono due estremi e il voto è la scelta tra due ipotesi.
Il verbo àŽ´àŽµààŽµàŽ¹ è il àŽ´àŽµà¡¿â€“ dell’attico, radice àŽ´àŽµà, è uno dei contesti in cui à si vocalizza e si mantiene; questo eolismo è anche omerico.

Traduzione terza sezione:
Se, essendo Agonippo giudicato colpevole nel processo, qualcuno richiamasse in patria qualcun altro della famiglia di Agonippo, o lo dicesse o lo proponesse (àŽµà¡¼´àâ‚¬àŽ· = fare la proposta verbale, àâ‚¬ààŽ¿àŽ¸à¡¿â€  = avanzare la procedura delle proposta), riguardo al ritorno oppure alla restituzione dei beni, sia maledetto sia lui sia la famiglia di lui e per il resto sia perseguibile per legge in quanto ha abolito il decreto riguardo ai tiranni e ai loro discendenti.

Commento:
àŽÅ¡àŽ±àâ€žàŽ¬ààŽ±àâ€žàŽ¿àŽ½ contiene la parola à¡¼â‚¬ààŽ¬ = maledizione.
à¡¼Å“àŽ½àŽ¿àâ€¡àŽ¿àâ€š ha la radice di ࡼ”àâ€¡àâ€°, àâ€žà¡¿¶ àŽ½àÅ’àŽ¼àâ€° è da connettere con ࡼàŽ½ ࡼ”àâ€¡àâ€°.
àŽ£àâ€žàŽ¬àŽ»àŽ»àŽ±àŽ½ è corrispondente a àÆ’àâ€žàŽ®àŽ»àŽ·àŽ½, per metonimia il luogo dove è collocato diventa il decreto stesso.
Il costrutto ࡽ¡àâ€š + participio congiunto ha valore di causale soggettiva.
La forma ࡼ”àŽ¼àŽ¼àŽµàŽ½àŽ±àŽ¹ ha la normale desinenza eolica, àŽ¼àŽµàŽ½ ha componenti àŽ¼àŽµàŽ½ e àŽ±àŽ¹, quest’ultimo è anche all’interno di àŽ½àŽ±àŽ¹ desinenza di infinito, àŽ½àŽ±àŽ¹ potrebbe essere ampliamento della desinenza àŽ½.
La forma àâ€žà¡½¸ àŽºàŽ®àŽ½àâ€° è genitivo singolare, corrisponde all’attico ࡼàŽºàŽµàŽ¯àŽ½àŽ¿àâ€¦: in àŽºàŽ®àŽ½àâ€° non c’è la àŽµ iniziale elemento d’appoggio o sorta di intensificazione della nozione di deittico, è lo stesso del latino ecce; il ce o ke del latino ecce e cedo è lo stesso del greco àŽºà¡¿â€ àŽ½àŽ¿àâ€š / àŽºàŽµà¡¿â€“àŽ½àŽ¿àÆ’; essi derivano da àŽºàŽµ + morfema pronominale àŽµàŽ½ o àŽµàŽ½àŽ¿, che fuso con il tratto dimostrativo crea una forma connotata da entrambe le componenti; la contrazione è in attico in e lunga chiusa, in lesbio in e lunga aperta. La componente àŽµàŽ½àŽ¿ è presente in un altro pronome dalla genesi buffissima, si genera dal falso isolamento di una sequenza: àŽ´àŽµà¡¿â€“àŽ½àŽ¿àâ€š platonico, conflato artificialmente a partire da àŽ´àŽµà¡¿â€“àŽ½àŽ± = tale, generico e indeclinabile con sfumatura deittica, creato su una sequenza àâ€žà¡½° àŽ´à¡½² ࡼ”àŽ½àŽ±, all’interno di sequenza parlata; è stato avvertito come àâ€žàŽ¬ articolo e àŽ´à¡½² ࡼ”àŽ½àŽ± tutt’uno, pronunciato con e lunga chiusa, ed a un certo punto è stato scritto come e lunga chiusa, e questa forma ha poi generato una flessione, rara e perlopiù del linguaggio colloquiale.

Traduzione quarta sezione:
Si facesse anche una maledizione nell’assemblea immediatamente: a chi ha giudicato e ha aiutato la città e la giustizia le cose vadano bene, a coloro che hanno dato il voto contro il giusto succeda il contrario. Fu espresso il giudizio: 883 voti, tra questi 7 furono di assoluzione, gli altri furono di condanna.

Commento:
Quest’ultima parte ci fa capire che l’iscrizione è successiva al processo.
I dativi sono senza iota sottoscritto; ࡼàŽºàŽ»àŽ·àÆ’àŽ¯àŽ± è scritto con scempiamento, attesta forse un fatto di pronuncia, infatti il doppio àŽº in lesbio si trova dal III o II secolo per effetto della àŽºàŽ¿àŽ¹àŽ½àŽ®; se si pronunciava la scempia si era persa l’etimologia. In altri casi lo scempiamento è dovuto a errori di ortografia o a ragioni di risparmio di materiale scrittorio, tuttavia questo in lesbio è un fatto regolare.
La forma àŽ²àŽ±àŽ¸àÅ’àŽµàŽ½àâ€žàŽ¹ viene da un àŽ²àŽ±àŽ¸àÅ’àŽ·àŽ¼àŽ¹ che in ionico sarebbe àŽ²àâ€°àŽ¸àŽ­àâ€° e in attico àŽ²àŽ¿àŽ·àŽ¸àŽ­àâ€°; il radicale è àŽ²àŽ¿àŽ±àŽ¸àŽµ, su questa base si costruiscono tutte le forme, àŽ²àŽ± con alfa lungo è fusione di àŽ¿+àŽ±.
Lo iota di àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽµàŽ¹ è integrato, qui dovremmo aspettarci àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽ¹ con iota lungo per la flessione del tema in àŽ¹; questa è attestazione di una flessione politematica uguale all’attico derivata dalla àŽºàŽ¿àŽ¹àŽ½àŽ®.
La forma àâ€ àŽµààÅ’àŽ½àâ€žàŽµàÆ’àÆ’àŽ¹ è un concentrato di forme lesbie, in attico sarebbe àâ€ àŽ­ààŽ¿àâ€¦àÆ’àŽ¹, il lesbio viene da àâ€ àŽµààŽ¿àŽ½àâ€ž + àŽµàÆ’àÆ’àŽ¹ desinenza di dativo plurale.
Nella forma ࡼ€àâ‚¬à¡½¸ àâ€žàŽ±àâ€¦àâ€žà¡¾¶àŽ½ ࡼ€àâ‚¬àŽ­àŽ»àâ€¦àÆ’àŽ±àŽ½ ࡼ‘àâ‚¬àâ€žàŽ¬, il genitivo partitivo è strano: il dativo àâ€žàŽ±ààâ€žàŽ±àŽ¹àâ€š si modella sul radicale femminile, ma in attico per estensione analogica il genitivo plurale è àâ€žàŽ¿ààâ€žàâ€°àŽ½ anche al femminile; qui si usa il radicale femminile àâ€žàŽ±àâ€¦àâ€žàŽ± su cui si innesta son e come nell’articolo la forma contratta è in alfa lungo.

La quarta iscrizione è mitilenese, un decreto riguardante il ritorno in patria di esuli politici databile con precisione al 324 a. C., dalla lingua abbastanza pulita da risultare scorrevole. é stata trovata su una stele marmorea scuperta in età romantica e pubblicata dal 1819, ma ne resta solo la parte inferiore; sono misure prese per mettere pace fra i cittadini dopo il rientro degli esuli.

Testo dell’iscrizione (e decreto Mytilenaeorum de exulum restitutione, 324 a. C.)
ࡼ˜àâ‚¬àŽ¹àŽ¼àŽ­àŽ»àŽµàÆ’àŽ¸àŽ±àŽ¹ àŽ´à¡½² àâ€žàŽ¿à¡½¶àâ€š àÆ’àâ€žààŽ¿àâ€žàŽ¬àŽ³àŽ¿àŽ¹àâ€š àŽºàŽ±à¡½¶ àâ€žàŽ¿à¡½¶àâ€š àŽ²àŽ±àÆ’àŽ¯àŽ»àŽ·àŽ±àâ€š àŽºàŽ±à¡½¶ àâ€žàŽ¿à¡½¶àâ€š àâ‚¬àŽµààŽ¹àŽ´ààÅ’àŽ¼àŽ¿àŽ¹àâ€š àŽºàŽ±à¡½¶ àâ€žàŽ¿à¡½¶àâ€š àŽ´àŽ¹àŽºàŽ±àÆ’àŽºàÅ’àâ‚¬àŽ¿àŽ¹àâ€š àŽºàŽ±à¡½¶ àâ€žàŽ±à¡½¶àâ€š à¡¼â€žàŽ»àŽ»àŽ±àŽ¹àâ€š à¡¼â€žààâ€¡àŽ±àŽ¹àâ€š, àŽ±à¡¼´ àŽºàŽµ àŽ¼à¡½´ àŽ³àŽ­àŽ½àŽ·àâ€žàŽ±àŽ¹ ࡼ„àâ‚¬àŽ±àŽ½àâ€žàŽ±, ࡽ àâ€š ࡼàŽ½ àâ€žà¡¿¶àŽ¹ àË†àŽ±àâ€ àŽ¯àÆ’àŽ¼àŽ±àâ€žàŽ¹ àŽ³àŽ­àŽ³ààŽ±àâ‚¬àâ€žàŽ±àŽ¹, àŽºàŽ±àâ€žàŽ¬àŽ³ààŽµàŽ½àâ€žàŽ¿àŽ½ àŽ´à¡½² àâ€žà¡½¸àŽ½ à¡¼â‚¬àŽ¸àŽ­àâ€žàŽµàŽ½àâ€žàŽ¬ àâ€žàŽ¹ àâ€žà¡¿¶àŽ½ ࡼàŽ½ àâ€žà¡¿¶àŽ¹ àË†àŽ±àâ€ àŽ¯àÆ’àŽ¼àŽ±àâ€žàŽ¹ àŽ³àŽµàŽ³ààŽ±àŽ¼àŽ¼àŽ­àŽ½àâ€°àŽ½, ࡽ¤àâ€š àŽºàŽµ àŽ¼à¡¿â€ àŽ´àŽµàŽ½ àŽ´àŽ¹àŽ¬àâ€ àŽ¿ààŽ¿àŽ½ àŽµà¡¼´àŽ· àâ€žàŽ¿à¡¿â€“àâ€š àŽºàŽ±àâ€žàŽµàŽ»àŽ·àŽ»àâ€¦àŽ¸àÅ’àŽ½àâ€žàŽµàÆ’àÆ’àŽ¹ àâ‚¬àà¡½¸àâ€š àâ€žàŽ¿à¡½¶àâ€š ࡼàŽ½ àâ€žà¡¾¶àŽ¹ àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽ¹ àâ‚¬ààÅ’àÆ’àŽ¸àŽµ ࡼ”àŽ¿àŽ½àâ€žàŽ±àâ€š, à¡¼â‚¬àŽ»àŽ»à¡½° àŽ´àŽ¹àŽ¬àŽ³àŽ¿àŽ¹àŽµàŽ½ àŽ¿à¡¼° àŽ´àŽ¹àŽ±àŽ»àŽµàŽ»ààŽ¼àŽµàŽ½àŽ¿àŽ¹ àâ‚¬àŽ¬àŽ½àâ€žàŽµàâ€š àâ‚¬àà¡½¸àâ€š àŽ±àŽ»àŽ»àŽ¬àŽ»àŽ¿àŽ¹àâ€š à¡¼â‚¬àŽ½àâ€¦àâ‚¬àÅ’àâ‚¬àâ€žàâ€°àâ€š àŽºàŽ±à¡½¶ à¡¼â‚¬àŽ½àŽµàâ‚¬àŽ¹àŽ²àŽ¿àâ€¦àŽ»àŽµààâ€žàâ€°àâ€š àŽºàŽ±à¡½¶ ࡼàŽ¼àŽ¼àŽ­àŽ½àŽ¿àŽ¹àŽµàŽ½ ࡼàŽ½ àâ€žà¡¾¶àŽ¹ ࡼ€àâ‚¬àâ€¦àŽºààŽ¯àÆ’àŽ¹ àâ€žà¡¾¶àŽ¹ àâ€žà¡¿¶ àŽ²àŽ±àÆ’àŽ¯àŽ»àŽ·àŽ¿àâ€š àŽºàŽ±à¡½¶ ࡼàŽ½ àâ€žà¡¾¶àŽ¹ àŽ´àŽ¹àŽ±àŽ»ààÆ’àŽ¹ àâ€žà¡¾¶àŽ¹ ࡼàŽ½ àâ€žàŽ¿ààâ€žàâ€°àŽ¹ àâ€žà¡¿¶àŽ¹ àË†àŽ±àâ€ àŽ¯àÆ’àŽ¼àŽ±àâ€žàŽ¹. àŽ”àŽ¹àŽ±àŽ»àŽ»àŽ¬àŽºàâ€žàŽ±àŽ¹àâ€š àŽ´’ࡼ”àŽ»àŽµàÆ’àŽ¸àŽ±àŽ¹ àâ€žà¡½¸àŽ½ àŽ´à¡¾¶àŽ¼àŽ¿àŽ½ à¡¼â€žàŽ½àŽ´ààŽ±àâ€š àŽµà¡¼´àŽºàŽ¿àÆ’àŽ¹, àŽ´àŽ­àŽºàŽ± àŽ¼à¡½²àŽ½ ࡼàŽº àâ€žà¡¿¶àŽ½ àŽºàŽ±àâ€žàŽµàŽ»àŽ¸àÅ’àŽ½àâ€žàâ€°àŽ½, àŽ´àŽ­àŽºàŽ± àŽ´à¡½² ࡼàŽº àâ€žà¡¿¶àŽ½ ࡼàŽ½ àâ€žà¡¾¶àŽ¹ àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽ¹ àâ‚¬ààÅ’àÆ’àŽ¸àŽµ ࡼàÅ’àŽ½àâ€žàâ€°àŽ½. àŽÅ¸à¡½â€“àâ€žàŽ¿àŽ¹ àŽ´à¡½² àÆ’àâ‚¬àŽ¿àâ€¦àŽ´àŽ±àŽ¯àâ€°àâ€š àâ€ àâ€¦àŽ»àŽ¬àÆ’àÆ’àŽ¿àŽ½àâ€žàŽ¿àŽ½ àŽºàŽ±à¡½¶ ࡼàâ‚¬àŽ¹àŽ¼àŽ­àŽ»àŽµàÆ’àŽ¸àŽ¿àŽ½ ࡽ àâ€š àŽ¼à¡¿â€ àŽ´àŽµàŽ½ ࡼ”àÆ’àÆ’àŽµàâ€žàŽ±àŽ¹ àŽ´àŽ¹àŽ¬àâ€ àŽ¿ààŽ¿àŽ½ àâ€žàŽ¿à¡¿â€“àâ€š àŽºàŽ±àâ€žàŽµàŽ»àŽ¸àÅ’àŽ½àâ€žàŽµàÆ’àÆ’àŽ¹ àŽºàŽ±à¡½¶ àâ€žàŽ¿à¡½¶àâ€š ࡼàŽ½ àâ€žà¡¾¶àŽ¹ àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽ¹ àâ‚¬ààÅ’àÆ’àŽ¸àŽµ ࡼàÅ’àŽ½àâ€žàŽµàÆ’àÆ’àŽ¹àŽâ€¡ àâ‚¬ààŽ¬àŽ¾àŽ¿àŽ¹àÆ’àŽ¹ àŽ´à¡½² àâ‚¬àŽµàà¡½¶ àâ€žà¡¿¶àŽ½ à¡¼â‚¬àŽ¼àâ€ àŽ¹àÆ’àŽ²àŽ±àâ€žàŽ·àŽ¼àŽ­àŽ½àâ€°àŽ½ àŽºàâ€žàŽ·àŽ¼àŽ¬àâ€žàâ€°àŽ½ ࡽ àâ€š àŽ¿à¡¼´ àâ€žàŽµ àŽºàŽ±àâ€žàŽ­àŽ»àŽ¸àŽ¿àŽ½àâ€žàŽµàâ€š àŽºàŽ±à¡½¶ àâ‚¬àà¡½¸àâ€š àâ€žàŽ¿à¡½¶àâ€š ࡼàŽ½ àâ€žà¡¾¶àŽ¹ àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽ¹ ࡼ”àŽ¿àŽ½àâ€žàŽ±àâ€š àŽºàŽ±à¡½¶ àâ‚¬àà¡½¸àâ€š à¡¼â‚¬àŽ»àŽ»àŽ¬àŽ»àŽ¿àŽ¹àâ€š àŽ¼àŽ¬àŽ»àŽ¹àÆ’àâ€žàŽ± àŽ¼à¡½²àŽ½ àŽ´àŽ¹àŽ±àŽ»àâ€¦àŽ¸àŽ®àÆ’àŽ¿àŽ½àâ€žàŽ±àŽ¹, àŽ±à¡¼° àŽ´à¡½² àŽ¼àŽ®, ࡼ”àÆ’àÆ’àŽ¿àŽ½àâ€žàŽ±àŽ¹ ࡽ àâ€š àŽ´àŽ¹àŽºàŽ±àŽ¹àÅ’àâ€žàŽ±àâ€žàŽ¿àŽ¹, àŽºàŽ±à¡½¶ ࡼàŽ½ àâ€žàŽ±à¡¿â€“àâ€š àŽ´àŽ¹àŽ±àŽ»àâ€¦àÆ’àŽ¯àŽµàÆ’àÆ’àŽ¹, àâ€žàŽ±à¡½¶àâ€š ࡽ€ àŽ²àŽ±àÆ’àŽ¯àŽ»àŽµàâ€¦àâ€š ࡼàâ‚¬àŽ­àŽºààŽ¹àŽ½àŽ½àŽµ, àŽºàŽ±à¡½¶ ࡼàŽ½ àâ€žà¡¾¶àŽ¹ àÆ’àâ€¦àŽ½àŽ±àŽ»àŽ»àŽ¬àŽ³àŽ±àŽ¹ ࡼàŽ¼àŽ¼àŽµàŽ½àŽ­àŽ¿àŽ¹àÆ’àŽ¹ àâ‚¬àŽ¬àŽ½àâ€žàŽµàâ€š àŽºàŽ±àŽ±à¡½¶ àŽ¿àŽ¹àŽºàŽ®àÆ’àŽ¿àŽ¹àÆ’àŽ¹ àâ€žà¡½°àŽ¼ àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽ¹àŽ½ ࡼ€àâ€žààŽ­àÆ’àâ€žàâ€°àâ€š àŽºàŽ±à¡½¶ à¡½â‚¬àŽ¼àŽ¿àŽ½àÅ’àŽµàŽ½àâ€žàŽµàâ€š àâ‚¬àà¡½¸àâ€š à¡¼â‚¬àŽ»àŽ»àŽ¬àŽ»àŽ¿àŽ¹àâ€š, àŽºàŽ±à¡½¶ àâ‚¬àŽµàà¡½¶ àâ€¡ààŽ·àŽ¼àŽ¬àâ€žàâ€°àŽ½ àâ‚¬àŽµàŽ´à¡½° àâ€žà¡½¸ àâ‚¬ààŽ¿àÆ’àŽ´àŽ­àŽ´àŽµàâ€¡àŽ¸àŽ±àŽ¹ àâ€žàŽ±à¡½¶àâ€š àŽ´àŽ¹àŽ±àŽ»ààÆ’àŽ¹àâ€š ࡽ àâ€š àâ‚¬àŽ»àŽµà¡¿â€“àÆ’àâ€žàŽ± àŽºàŽ±à¡½¶ àâ‚¬àŽµàà¡½¶ à¡½â€žààŽºàâ€° àâ€žàÅ’àŽ½ àŽºàŽµ ࡼ€àâ‚¬àŽ¿àŽ¼àÅ’àÆ’àÆ’àŽ¿àŽ¹àÆ’àŽ¹ àŽ¿à¡¼° àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽ¹àâ€žàŽ±àŽ¹, àâ‚¬àŽµàà¡½¶ àâ€žàŽ¿ààâ€žàâ€°àŽ½ àâ‚¬àŽ¬àŽ½àâ€žàâ€°àŽ½ ࡽ„àÆ’àÆ’àŽ± àŽºàŽµ à¡½â‚¬àŽ¼àŽ¿àŽ»àŽ¿àŽ³àŽ­àâ€°àŽ¹àÆ’àŽ¹ àâ‚¬àà¡½¸àâ€š à¡¼â‚¬àŽ»àŽ»àŽ¬àŽ»àŽ¿àŽ¹àâ€š, àŽ¿à¡¼° à¡¼â‚¬àŽ³ààŽ­àŽ¸àŽµàŽ½àâ€žàŽµàâ€š à¡¼â€žàŽ½àŽ´ààŽµàâ€š àâ€ àŽ­ààŽ¿àŽ½àâ€žàŽ¿àŽ½ ࡼàâ‚¬à¡½¶ àâ€žà¡½¸àŽ½ àŽ´à¡¾¶àŽ¼àŽ¿àŽ½, ࡽ€ àŽ´à¡½² àŽ´à¡¾¶àŽ¼àŽ¿àâ€š à¡¼â‚¬àŽºàŽ¿ààÆ’àŽ±àŽ¹àâ€š, à¡¼â€ àŽ¹ àŽºàŽµ à¡¼â€žàŽ³àŽ·àâ€žàŽ±àŽ¹ àÆ’àâ€¦àŽ¼àâ€ àŽ­ààŽ·àŽ½, àŽ²àŽ¿àŽ»àŽ»àŽµàâ€¦àŽ­àâ€žàâ€°. àŽâ€˜à¡¼° àŽ´àŽ­ àŽºàŽµ ࡽ€ àŽ´à¡¾¶àŽ¼àŽ¿àâ€š à¡¼â€žàŽ³àŽ·àâ€žàŽ±àŽ¹ àâ€žà¡½° à¡½â‚¬àŽ¼àŽ¿àŽ»àŽ¿àŽ³àŽ®àŽ¼àŽµàŽ½àŽ±, àâ‚¬àà¡½¸àâ€š à¡¼â‚¬àŽ»àŽ»àŽ¬àŽ»àŽ¿àŽ¹àâ€š àÆ’àâ€¦àŽ¼àâ€ àŽ­ààŽ¿àŽ½àâ€žàŽ±, àË†àŽ±àâ€ àŽ¯àÆ’àŽ±àÆ’àŽ¸àŽ±àŽ¹ àŽºàŽ±à¡½¶ àâ€žàŽ¿à¡¿â€“àâ€š àŽºàŽ±àâ€žàŽµàŽ»àŽ¸àÅ’àŽ½àâ€žàŽµàÆ’àÆ’àŽ¹ ࡼàâ‚¬à¡½¶ àŽ£àŽ¼àŽ¹àŽ¸àŽ¯àŽ½àŽ± àâ‚¬ààŽ¿àâ€žàŽ¬àŽ½àŽ¹àŽ¿àâ€š ࡽ„àÆ’àÆ’àŽ± àŽºàŽµ àâ€žàŽ¿à¡¿â€“àâ€š àŽ»àŽ¿àŽ¯àâ‚¬àŽ¿àŽ¹àÆ’àŽ¹ àË†àŽ±àâ€ àŽ¯àÆ’àŽ¸àŽ·. àŽâ€˜à¡¼° àŽ´àŽ­ àŽºàŽ­ àâ€žàŽ¹ ࡼàŽ½àŽ´àŽµààŽ· àâ€žà¡¿¶ àË†àŽ±àâ€ àŽ¯àÆ’àŽ¼àŽ±àâ€žàŽ¿àâ€š, àâ‚¬àŽµàà¡½¶ àâ€žàŽ¿ààâ€žàâ€°àŽ½ àŽºààŽ¯àÆ’àŽ¹àâ€š ࡼ”àÆ’àâ€žàâ€° ࡼàâ‚¬à¡½¶ àâ€žà¡¾¶àŽ¹ àŽ²àÅ’àŽ»àŽ»àŽ±àŽ¹. àŽÅ¡àâ€¦ààÅ½àŽ¸àŽµàŽ½àâ€žàŽ¿àâ€š àŽ´à¡½² àâ€žà¡¿¶ àË†àŽ±àâ€ àŽ¯àÆ’àŽ¼àŽ±àâ€žàŽ¿àâ€š ࡽàâ‚¬à¡½¸ àâ€žà¡¿¶ àŽ´àŽ¬àŽ¼àâ€° àÆ’ààŽ¼àâ‚¬àŽ±àŽ½àâ€žàŽ± àâ€žà¡½¸àŽ½ àŽ´à¡¾¶àŽ¼àŽ¿àŽ½ ࡼàŽ½ àâ€žà¡¾¶àŽ¹ àŽµà¡¼°àŽºàŽ¿àŽ¯àÆ’àâ€žàŽ±àŽ¹ àâ€žà¡¿¶ àŽ¼à¡¿â€ àŽ½àŽ½àŽ¿àâ€š àâ‚¬àŽµàŽ´à¡½° àâ€žà¡½°àŽ½ àŽ¸àâ€¦àÆ’àŽ¯àŽ±àŽ½ àŽµà¡½”àŽ¾àŽ±àÆ’àŽ¸àŽ±àŽ¹ àâ€žàŽ¿à¡¿â€“àâ€š àŽ¸àŽ­àŽ¿àŽ¹àÆ’àŽ¹ ࡼàâ‚¬à¡½¶ àÆ’àâ€°àâ€žàŽ·ààŽ¯àŽ±àŽ¹ àŽºàŽ±à¡½¶ àŽµà¡½àŽ´àŽ±àŽ¹àŽ¼àŽ¿àŽ½àŽ¯àŽ±àŽ¹ àâ€žà¡¿¶àŽ¼ àâ‚¬àŽ¿àŽ»àŽ¯àâ€žàŽ±àŽ½ àâ‚¬àŽ¬àŽ½àâ€žàâ€°àŽ½àŽâ€¡ àŽ³àŽ­àŽ½àŽµàÆ’àŽ¸àŽ±àŽ¹ àâ€žà¡½°àŽ½ àŽ´àŽ¹àŽ¬àŽ»àâ€¦àÆ’àŽ¹àŽ½ àâ€žàŽ¿à¡¿â€“àâ€š àŽºàŽ±àâ€žàŽµàŽ»àŽ¸àÅ’àŽ½àâ€žàŽµàÆ’àÆ’àŽ¹ àŽºàŽ±à¡½¶ àâ€žàŽ¿à¡¿â€“àâ€š àâ‚¬ààÅ’àÆ’àŽ¸àŽµ ࡼàŽ½ àâ€žà¡¾¶àŽ¹ àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽ¹ ࡼàÅ’àŽ½àâ€žàŽµàÆ’àÆ’àŽ¹àŽâ€¡ àâ€žàŽ¿à¡½¶àâ€š àŽ´à¡½² ࡼ´ààŽ·àŽ±àâ€š àâ€žàŽ¿à¡½¶àâ€š àŽ´àŽ±àŽ¼àŽ¿àÆ’àŽ¯àŽ¿àŽ¹àâ€š ࡼ„àâ‚¬àŽ±àŽ½àâ€žàŽ±àâ€š àŽºàŽ±à¡½¶ àâ€žàŽ±à¡½¶àâ€š ࡼ°ààŽµàŽ¯àŽ±àŽ¹àâ€š à¡½â‚¬àŽµàŽ¯àŽ³àŽ·àŽ½ àâ€žàŽ¿à¡½¶àâ€š àŽ½àŽ±ààŽ¿àŽ¹àâ€š àŽºàŽ±à¡½¶ àâ€žà¡½¸àŽ½ àŽ´à¡¾¶àŽ¼àŽ¿àŽ½ àâ‚¬àà¡½¸àâ€š àŽµà¡½”àâ€¡àŽ±àŽ½ àÆ’àâ€¦àŽ½àŽ­àŽ»àŽ¸àŽ·àŽ½.

Traduzione prima sezione:
Si decretò che (sottinteso) gli strateghi e i re e i àâ‚¬àŽµààŽ¹àŽ´ààÅ’àŽ¼àŽ¿àŽ¹ (giudici circoscrizionali) e i àŽ´àŽ¹àŽºàŽ±àÆ’àŽºàÅ’àâ‚¬àŽ¿àŽ¹ (giudici inferiori ai precedenti) e gli altri magistrati vigilino se non avvenga tutto quanto come è stato scritto nel decreto e condannino chi ha mancato in qualcosa di quelle che sono scritte nel decreto perché non vi sia nessuna controversia per coloro che sono rientrati nei confronti di coloro che stavano già prima in città, ma tutti quanti, che si sono accordati reciprocamente, possano vivere senza sospetti e in tranquillità e possano restare in quanto decretato dal re e nell’accordo che sta dentro questo decreto.

Commento:
La sintassi è piuttosto piana, gli infiniti dipendono da un verbo di decretare,ma ad essi sono inframmezzati alcuni imperativi (àŽºàŽ±àâ€žàŽ¬àŽ³ààŽµàŽ½àâ€žàŽ¿àŽ½, verbo qui flesso in modo atematico e in attico in vocale; è scritto con àŽ¿ perché nel lesbio ci sono forme di imperativo terza persona plurale àŽ½àâ€žàŽ¿àŽ½ e àÆ’àŽ¸àŽ¿àŽ½ in àŽ¿ al posto di àâ€° dell’attico).
àŽÅ¡àŽ±àâ€žàŽ±àŽ³ààŽ­àâ€° è il àŽºàŽ±àŽ¸àŽ±àŽ¹ààŽ­àâ€° dell’ionico attico, processo di palatalizzazione.
ࡽ¬àâ€š àŽºàŽµ + ottativo è proposizione tra la finale e la consecutiva, costrutto non cos’ usuale, sottolinea concettualmente la nozione di possibilità espressa dal modo verbale.
Dopo il primo infinito ci sono una serie di accusativi lesbii in funzione di soggetto (àâ€žàŽ¿à¡½¶àâ€š àÆ’àâ€žààŽ¿àâ€žàŽ¬àŽ³àŽ¿àŽ¹àâ€š ecc.).
àŽÅ¡àŽ±àâ€žàŽµàŽ»àŽ·àŽ»àâ€¦àŽ¸àÅ’àŽ½àâ€žàŽµàÆ’àÆ’àŽ¹ ha suffisso participiale tipico dei participi attivi in àŽ½àâ€ž, e la desinenza lesbia di dativo àŽµàÆ’àÆ’àŽ¹.
ࡼˆàâ‚¬àâ€¦àŽºààŽ¯àÆ’àŽ¹ e àŽ´àŽ¹àŽ±àŽ»ààÆ’àŽ¹ vengono da ࡼ€àâ‚¬ààŽºààŽ¹àÆ’àŽ¹àâ€š e àŽ´àŽ¹àŽ¬àŽ»àâ€¦àÆ’àŽ¹àâ€š, sono dativi singolari, l’accento si sposta verso la fine della parola perché lo iota è lungo.

Traduzione seconda sezione:
Il popolo scelga venti uomini come arbitri, dieci da quelli rimpatriati, dieci da quelli che erano anche prima in città; costoro vigilino e badino con attenzione perché non vi sia controversia per i rimpatriati e coloro che erano già prima in città, faranno s’ anche riguardo ai possessi contesi che i rimpatriati sia con coloro che erano già in città sia tra loro si riconcilino del tutto, e se no (badino a che sottinteso) agiscano il più giustamente possibile e rimangano tutti quanti negli accordi che il re ha stabilito e nel patto, e abitino la città tranquillamente e in concordia gli uni con gli altri, e quanto alle ricchezze, dopo aver accolto i patti il più possibile e riguardo al giuramento che i cittadini faranno riguardo a tutte queste cose quante concordino tra loro, gli uomini scelti riferiscano al popolo e il popolo, avendo ascoltato, decida nel modo in cui giudichi essere utile”.

Commento:
Il lessema àŽ´àŽ¹àŽ±àŽ»àŽ»àŽ¬àŽºàâ€žàŽ±àŽ¹àâ€š indica gli uomini che hanno il potere di essere arbitri, il verbo è àŽ´àŽ¹àŽ±àŽ»àŽ»àŽ¬àÆ’àÆ’àâ€°.
Vi sono altri due imperativi con l’ultima vocale breve, poi due forme participiali con la desinenza eolica di dativo in àŽµàÆ’àÆ’àŽ¹.
Il participio presente di àŽµà¡¼°àŽ¼àŽ¹ si presenta in eolico e ionico diversamente dall’attico, si costruisce dal grado normale àŽµàâ€š mentre in attico parte dal grado ridotto àâ€š, la forma ࡽ¤àŽ½ à¡½â€žàŽ½àâ€žàŽ¿àâ€š è priva di spirito aspro solo per ragioni analogiche.
La forma àâ‚¬ààŽ¬àŽ¾àŽ¿àŽ¹àÆ’àŽ¹ è il futuro corrispondente a àâ‚¬ààŽ¬àŽ¾àŽ¿àâ€¦àÆ’àŽ¹ dell’attico, con palatalizzazione.
à¡¼Ë†àŽ¼àâ€ àŽ¹àÆ’àŽ²àŽ±àâ€žàŽ·àŽ¼àŽ­àŽ½àâ€°àŽ½ viene da à¡¼â‚¬àŽ¼àâ€ àŽ¹àÆ’àŽ²àŽ·àâ€žàŽ­àâ€° attico, con àŽ± al posto di àŽ· e coniugazione atematica.
La forma àŽ´àŽ¹àŽ±àŽ»àâ€¦àÆ’àŽ¯àŽµàÆ’àÆ’àŽ¹ è genuinamente eolica da àŽ´àŽ¹àŽ¬àŽ»àâ€¦àÆ’àŽ¹àâ€š.
àŽ¤àŽ±à¡½¶àâ€š è tradotto con il relativo: c’è un antecedente e la proposizione è un inciso con funzione attributiva.
ࡼ˜àâ‚¬àŽ­àŽºààŽ¹àŽ½àŽ½àŽµ ha doppio àŽ½ per assimilazione.
à¡¼ËœàŽ¼àŽ¼àŽµàŽ½àŽ­àŽ¿àŽ¹àÆ’àŽ¹ è forma di futuro da ࡼàŽ¼àŽ¼àŽ­àŽ½àâ€°, senza la contrazione che avremmo in attico, doppio suffisso in vocale e in sibilante che scompare perché in posizione intervocalica; c’è doppio suffisso dopo nasale perché una sola caratteristica di futuro avrebbe comportato incontro àŽ½àâ€š con conseguenze che avrebbero fatto perdere la perspicuità di queste voci come futuri, il radicale verbale è immutato; seguono altri futuri come àŽ¿à¡¼°àŽºàŽ®àÆ’àŽ¿àŽ¹àÆ’àŽ¹.
àŽ¤à¡½°àŽ¼ àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽ¹àŽ½ è àŽ¸àâ€¦àŽµàŽ»àŽ»àŽµ àâ‚¬àŽ±ààŽ¶àŽ¹àŽ±àŽ»àŽµ àŽ±àÆ’àÆ’àŽ¹àŽ¼àŽ¹àŽ»àŽ±àŽ¶àŽ¹àŽ¿àŽ½àŽµ ààŽ¹àÆ’àâ€žàŽ± àŽ½àŽµàŽ»àŽ»àŽµ àŽ¹àÆ’àŽ¾ààŽ¹àŽ¶àŽ¹àŽ¿àŽ½àŽ¹ àâ‚¬ààŽµàŽ¾àŽµàŽ´àŽµàŽ½àâ€žàŽ¹, àŽ¸àâ€¦àŽ¹ àŽ½àŽ¿àŽ½ àŽ´àŽ¿ààâ€¦àâ€žàŽ± àŽ±àŽ»àŽ»àŽ± àâ‚¬àŽµààŽ´àŽ¹àâ€žàŽ± àŽ´àŽ¹ àŽ±ààâ€žàŽ¹àŽ¾àŽ¿àŽ»àŽ±àŽ¶àŽ¹àŽ¿àŽ½àŽµ àŽ´àŽµàŽ»àŽ»àŽ± àŽ½àŽ±àÆ’àŽ±àŽ»àŽµ.
àŽâ„¢àŽ½ à¡½â‚¬àŽ¼àŽ¿àŽ½àÅ’àŽµàŽ½àâ€žàŽµàâ€š si ha un participio da un altro verbo di flessione atematica, à¡½â‚¬àŽ¼àŽ¿àŽ½àÅ’àŽ·àŽ¼àŽ¹.
Abbiamo la preposizione temporale àâ‚¬àŽµàŽ´àŽ¬ + infinito, con sostantivazione dell’infinito dipendente da preposizione corrispondente al àŽ¼àŽµàâ€žàŽ¬ dell’attico.
àŽ¤àŽ±à¡½¶àâ€š àŽ´àŽ¹àŽ±àŽ»ààÆ’àŽ¹àâ€š è accusativo plurale della flessione del tema in iota, àŽ´àŽ¹àŽ±àŽ»àâ€¦àÆ’àŽ¹àŽ½àâ€š produce palatalizzazione di àŽ½ e contrazione dei due àŽ¹, il risultato finale è iota lungo come certificato dall’accento sulla penultima.
La voce ࡼ€àâ‚¬àŽ¿àŽ¼àÅ’àÆ’àÆ’àŽ¿àŽ¹àÆ’àŽ¹ è data come di indicativo, ma qui dobbiamo supporre un congiuntivo perché si trova in una proposizione introdotta da àâ€žàÅ’àŽ½ àŽºàŽµ con valore relativo eventuale; la voce di congiuntivo si ottiene allungando l’elemento vocalico àŽ¿ in àâ€° (forse qui si ha induzione per le voci che precedono).
à¡¼Ë†àŽ³ààŽ­àŽ¸àŽµàŽ½àâ€žàŽµàâ€š è sempre da à¡¼â‚¬àŽ³ààŽ­àâ€° aoristo passivo, gli uomini scelti.
L’espressione à¡¼â€ àŽ¹ àŽºàŽµ à¡¼â€žàŽ³àŽ·àâ€žàŽ±àŽ¹ si può tradurre in attico ࡾ— à¡¼â€šàŽ½ ࡼ¡àŽ³à¡¿â€ àâ€žàŽ±àŽ¹, nel modo in cui ritenga.
àŽ’àŽ¿àŽ»àŽ»àŽµàâ€¦àŽ­àâ€žàâ€° è il àŽ²àŽ¿àâ€¦àŽ»àŽµàâ€¦àŽ­àâ€žàâ€° dell’attico, anch’esso ampliato in àŽ½.

Traduzione terza sezione:
Se il popolo giudica che i patti reciproci sono utili, faccia un decreto (o esprima il proprio voto) anche per i rimpatriati sotto la pritania di Smitinas, quante cose sono state votate per gli altri; se invece mancasse qualcosa al decreto, riguardo a questo il giudizio spetti alla àŽ²àŽ¿àâ€¦àŽ»àŽ®.

Commento:
àŽ£àŽ¼àŽ¹àâ€žà¡¿â€“àŽ½àŽ± è genitivo singolare di sostantivo maschile in alfa lungo.
àŽ ààŽ¿àâ€žàŽ¬àŽ½àŽ¹àŽ¿àâ€š designa la magistratura, anche qui gen