Andromaca dalle mura scorge il cadavere di Ettore Iliade XXII vv. 437-472

Exit mobile version