CONTRO AGORATO – Lisia – testo, traduzione, analisi

àŽÅ¡àŽâ€˜àŽ¤àŽâ€˜ àŽâ€˜àŽ”àŽÅ¸àŽ¡àŽâ€˜àŽ¤àŽÅ¸àŽ¥ àŽâ€˜àŽàŽ”àŽâ€¢àŽâ„¢àŽÅ¾àŽâ€¢àŽ©àŽ£
CONTRO AGORATO, SULLA DELAZIONE

TESTO GRECO
TRADUZIONE
1
2
3
4
5
6
7
13
14
15
16
àŽ ààŽ¿àÆ’àŽ®àŽºàŽµàŽ¹ àŽ¼àŽ­àŽ½, ࡽ¦ à¡¼â€žàŽ½àŽ´ààŽµàâ€š àŽ´àŽ¹àŽºàŽ±àÆ’àâ€žàŽ±àŽ¯, àâ‚¬à¡¾¶àÆ’àŽ¹àŽ½ à¡½â€˜àŽ¼à¡¿â€“àŽ½ àâ€žàŽ¹àŽ¼àâ€°ààŽµà¡¿â€“àŽ½ ࡽ‘àâ‚¬à¡½²à àâ€žà¡¿¶àŽ½ à¡¼â‚¬àŽ½àŽ´àà¡¿¶àŽ½ àŽ¿à¡¼³ ࡼ€àâ‚¬àŽ­àŽ¸àŽ±àŽ½àŽ¿àŽ½ àŽµà¡½â€“àŽ½àŽ¿àŽ¹ à¡½â€žàŽ½àâ€žàŽµàâ€š àâ€žà¡¿· àâ‚¬àŽ»àŽ®àŽ¸àŽµàŽ¹ àâ€žà¡¿· à¡½â€˜àŽ¼àŽµàâ€žàŽ­àà¡¿³, àâ‚¬ààŽ¿àÆ’àŽ®àŽºàŽµàŽ¹ àŽ´à¡½² àŽºà¡¼â‚¬àŽ¼àŽ¿à¡½¶ àŽ¿à¡½àâ€¡ ࡼ¥àŽºàŽ¹àÆ’àâ€žàŽ±: àŽºàŽ·àŽ´àŽµàÆ’àâ€žà¡½´àâ€š àŽ³àŽ¬à àŽ¼àŽ¿àŽ¹ ࡼ¦àŽ½ àŽ”àŽ¹àŽ¿àŽ½àâ€¦àÆ’àÅ’àŽ´àâ€°ààŽ¿àâ€š àŽºàŽ±à¡½¶ à¡¼â‚¬àŽ½àŽµàË†àŽ¹àÅ’àâ€š. àâ€žàâ€¦àŽ³àâ€¡àŽ¬àŽ½àŽµàŽ¹ àŽ¿à¡½â€“àŽ½ ࡼàŽ¼àŽ¿à¡½¶ ࡼ¡ àŽ±à¡½àâ€žà¡½´ ࡼ”àâ€¡àŽ¸ààŽ± àâ‚¬àà¡½¸àâ€š à¡¼Ë†àŽ³àÅ’ààŽ±àâ€žàŽ¿àŽ½ àâ€žàŽ¿àâ€¦àâ€žàŽ¿àŽ½à¡½¶ àŽºàŽ±à¡½¶ àâ€žà¡¿· àâ‚¬àŽ»àŽ®àŽ¸àŽµàŽ¹ àâ€žà¡¿· à¡½â€˜àŽ¼àŽµàâ€žàŽ­àà¡¿³ ࡽ‘àâ‚¬àŽ¬ààâ€¡àŽ¿àâ€¦àÆ’àŽ±: ࡼ”àâ‚¬ààŽ±àŽ¾àŽµ àŽ³à¡½°à àŽ¿à¡½â€”àâ€žàŽ¿àâ€š àâ€žàŽ¿àŽ¹àŽ±à¡¿¦àâ€žàŽ±, àŽ´àŽ¹’ ࡼƒ ࡽ‘àâ‚¬’ ࡼàŽ¼àŽ¿à¡¿¦ àŽ½àâ€¦àŽ½à¡½¶ àŽµà¡¼°àŽºàÅ’àâ€žàâ€°àâ€š àŽ¼àŽ¹àÆ’àŽµà¡¿â€“àâ€žàŽ±àŽ¹, ࡽ‘àâ‚¬àÅ’ àâ€žàŽµ à¡½â€˜àŽ¼à¡¿¶àŽ½, ࡼà¡½°àŽ½ àŽ¸àŽµà¡½¸àâ€š àŽ¸àŽ­àŽ»à¡¿Æ’, àŽ´àŽ¹àŽºàŽ±àŽ¯àâ€°àâ€š àâ€žàŽ¹àŽ¼àâ€°ààŽ·àŽ¸àŽ®àÆ’àŽµàâ€žàŽ±àŽ¹. àŽ”àŽ¹àŽ¿àŽ½àâ€¦àÆ’àÅ’àŽ´àâ€°ààŽ¿àŽ½ àŽ³à¡½°à àâ€žà¡½¸àŽ½ àŽºàŽ·àŽ´àŽµàÆ’àâ€žà¡½´àŽ½ àâ€žà¡½¸àŽ½ ࡼàŽ¼à¡½¸àŽ½ àŽºàŽ±à¡½¶ ࡼ‘àâ€žàŽ­ààŽ¿àâ€¦àâ€š àâ‚¬àŽ¿àŽ»àŽ»àŽ¿ààâ€š, ࡽ§àŽ½ àŽ´à¡½´ àâ€žà¡½° à¡½â‚¬àŽ½àÅ’àŽ¼àŽ±àâ€žàŽ± à¡¼â‚¬àŽºàŽ¿ààÆ’àŽµàÆ’àŽ¸àŽµ, à¡¼â€žàŽ½àŽ´ààŽ±àâ€š à¡½â€žàŽ½àâ€žàŽ±àâ€š à¡¼â‚¬àŽ³àŽ±àŽ¸àŽ¿à¡½ºàâ€š àâ‚¬àŽµàà¡½¶ àâ€žà¡½¸ àâ‚¬àŽ»à¡¿â€ àŽ¸àŽ¿àâ€š àâ€žà¡½¸ à¡½â€˜àŽ¼àŽ­àâ€žàŽµààŽ¿àŽ½, ࡼàâ‚¬à¡½¶ àâ€žà¡¿¶àŽ½ àâ€žààŽ¹àŽ¬àŽºàŽ¿àŽ½àâ€žàŽ± ࡼ€àâ‚¬àŽ­àŽºàâ€žàŽµàŽ¹àŽ½àŽµ, àŽ¼àŽ·àŽ½àâ€¦àâ€žà¡½´àâ€š àŽºàŽ±àâ€ž’ ࡼàŽºàŽµàŽ¯àŽ½àâ€°àŽ½ àŽ³àŽµàŽ½àÅ’àŽ¼àŽµàŽ½àŽ¿àâ€š. àâ‚¬àŽ¿àŽ¹àŽ®àÆ’àŽ±àâ€š àŽ´à¡½² àâ€žàŽ±à¡¿¦àâ€žàŽ± ࡼàŽ¼à¡½² àŽ¼à¡½²àŽ½ ࡼ°àŽ´àŽ¯à¡¾³ àŽºàŽ±à¡½¶ à¡¼â€¢àŽºàŽ±àÆ’àâ€žàŽ¿àŽ½ àâ€žà¡¿¶àŽ½ àâ‚¬ààŽ¿àÆ’àŽ·àŽºàÅ’àŽ½àâ€žàâ€°àŽ½ àŽ¼àŽµàŽ³àŽ¬àŽ»àŽ± ࡼàŽ¶àŽ·àŽ¼àŽ¯àâ€°àÆ’àŽµ, àâ€žà¡½´àŽ½ àŽ´à¡½² àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽ¹àŽ½ àŽºàŽ¿àŽ¹àŽ½à¡¿â€¡ àâ‚¬à¡¾¶àÆ’àŽ±àŽ½ àâ€žàŽ¿àŽ¹àŽ¿ààâ€žàâ€°àŽ½ à¡¼â‚¬àŽ½àŽ´àà¡¿¶àŽ½ ࡼ€àâ‚¬àŽ¿àÆ’àâ€žàŽµààŽ®àÆ’àŽ±àâ€š àŽ¿à¡½ àŽ¼àŽ¹àŽºààŽ¬, ࡽ¡àâ€š ࡼàŽ³à¡½¼ àŽ½àŽ¿àŽ¼àŽ¯àŽ¶àâ€°, ࡼ”àŽ²àŽ»àŽ±àË†àŽµàŽ½. ࡼàŽ³à¡½¼ àŽ¿à¡½â€“àŽ½, <ࡽ¦> à¡¼â€žàŽ½àŽ´ààŽµàâ€š àŽ´àŽ¹àŽºàŽ±àÆ’àâ€žàŽ±àŽ¯, àŽ´àŽ¯àŽºàŽ±àŽ¹àŽ¿àŽ½ àŽºàŽ±à¡½¶ ࡽ…àÆ’àŽ¹àŽ¿àŽ½ ࡼ¡àŽ³àŽ¿à¡¿¦àŽ¼àŽ±àŽ¹ àŽµà¡¼¶àŽ½àŽ±àŽ¹ àŽºàŽ±à¡½¶ ࡼàŽ¼àŽ¿à¡½¶ àŽºàŽ±à¡½¶ à¡½â€˜àŽ¼à¡¿â€“àŽ½ ࡼ…àâ‚¬àŽ±àÆ’àŽ¹ àâ€žàŽ¹àŽ¼àâ€°ààŽµà¡¿â€“àÆ’àŽ¸àŽ±àŽ¹ àŽºàŽ±àŽ¸’ ࡽ…àÆ’àŽ¿àŽ½ à¡¼â€¢àŽºàŽ±àÆ’àâ€žàŽ¿àâ€š àŽ´ààŽ½àŽ±àâ€žàŽ±àŽ¹: àŽºàŽ±à¡½¶ àâ‚¬àŽ¿àŽ¹àŽ¿à¡¿¦àÆ’àŽ¹ àâ€žàŽ±à¡¿¦àâ€žàŽ± àŽ½àŽ¿àŽ¼àŽ¯àŽ¶àâ€° ࡼ¡àŽ¼à¡¿â€“àŽ½ àŽºàŽ±à¡½¶ àâ‚¬àŽ±àà¡½° àŽ¸àŽµà¡¿¶àŽ½ àŽºàŽ±à¡½¶ àâ‚¬àŽ±à’ à¡¼â‚¬àŽ½àŽ¸ààÅ½àâ‚¬àâ€°àŽ½ à¡¼â€žàŽ¼àŽµàŽ¹àŽ½àŽ¿àŽ½ à¡¼â€šàŽ½ àŽ³àŽ¯àŽ³àŽ½àŽµàÆ’àŽ¸àŽ±àŽ¹. àŽ´àŽµà¡¿â€“ àŽ´’ à¡½â€˜àŽ¼à¡¾¶àâ€š, ࡽ¦ à¡¼â€žàŽ½àŽ´ààŽµàâ€š à¡¼Ë†àŽ¸àŽ·àŽ½àŽ±à¡¿â€“àŽ¿àŽ¹, ࡼàŽ¾ à¡¼â‚¬ààâ€¡à¡¿â€ àâ€š àâ€žà¡¿¶àŽ½ àâ‚¬ààŽ±àŽ³àŽ¼àŽ¬àâ€žàâ€°àŽ½ ࡼàâ‚¬àŽ¬àŽ½àâ€žàâ€°àŽ½ à¡¼â‚¬àŽºàŽ¿à¡¿¦ àÆ’àŽ±àŽ¹, ࡼµàŽ½’ àŽµà¡¼°àŽ´à¡¿â€ àâ€žàŽµ àâ‚¬àà¡¿¶àâ€žàŽ¿àŽ½ àŽ¼à¡½²àŽ½ ࡾ§ àâ€žààÅ’àâ‚¬à¡¿³ à¡½â€˜àŽ¼à¡¿â€“àŽ½ ࡼ¡ àŽ´àŽ·àŽ¼àŽ¿àŽºààŽ±àâ€žàŽ¯àŽ± àŽºàŽ±àâ€žàŽµàŽ»ààŽ¸àŽ· àŽºàŽ±à¡½¶ ࡽ‘àâ€ ‘ ࡽ…àâ€žàŽ¿àâ€¦, ࡼ”àâ‚¬àŽµàŽ¹àâ€žàŽ± ࡾ§ àâ€žààÅ’àâ‚¬à¡¿³ àŽ¿à¡¼± à¡¼â€žàŽ½àŽ´ààŽµàâ€š ࡽ‘àâ‚¬’ à¡¼Ë†àŽ³àŽ¿ààŽ¬àâ€žàŽ¿àâ€¦ ࡼ€àâ‚¬àŽ­àŽ¸àŽ±àŽ½àŽ¿àŽ½, àŽºàŽ±à¡½¶ ࡽ… àâ€žàŽ¹ ࡼ€àâ‚¬àŽ¿àŽ¸àŽ½à¡¿â€žàÆ’àŽºàŽµàŽ¹àŽ½ àŽ¼àŽ­àŽ»àŽ»àŽ¿àŽ½àâ€žàŽµàâ€š ࡼàâ‚¬àŽ­àÆ’àŽºàŽ·àË†àŽ±àŽ½: ࡼ…àâ‚¬àŽ±àŽ½àâ€žàŽ± àŽ³à¡½°à àâ€žàŽ±à¡¿¦àâ€žàŽ± à¡¼â‚¬àŽºààŽ¹àŽ²à¡¿¶àâ€š à¡¼â€šàŽ½ àŽ¼àŽ±àŽ¸àÅ’àŽ½àâ€žàŽµàâ€š ࡼ¥àŽ´àŽ¹àŽ¿àŽ½ àŽºàŽ±à¡½¶ ࡽàÆ’àŽ¹àÅ½àâ€žàŽµààŽ¿àŽ½ à¡¼Ë†àŽ³àŽ¿ààŽ¬àâ€žàŽ¿àâ€¦ àâ€žàŽ¿àâ€¦àâ€žàŽ¿àâ€¦à¡½¶ àŽºàŽ±àâ€žàŽ±àË†àŽ·àâ€ àŽ¯àŽ¶àŽ¿àŽ¹àÆ’àŽ¸àŽµ. à¡½â€¦àŽ¸àŽµàŽ½ àŽ¿à¡½â€“àŽ½ ࡼ¡àŽ¼àŽµà¡¿â€“àâ€š àâ€žàŽµ à¡¿¥à¡¾·àÆ’àâ€žàŽ± àŽ´àŽ¹àŽ´àŽ¬àŽ¾àŽ¿àŽ¼àŽµàŽ½ àŽºàŽ±à¡½¶ à¡½â€˜àŽ¼àŽµà¡¿â€“àâ€š àŽ¼àŽ±àŽ¸àŽ®àÆ’àŽµàÆ’àŽ¸àŽµ, ࡼàŽ½àâ€žàŽµà¡¿¦àŽ¸àŽµàŽ½ à¡½â€˜àŽ¼à¡¿â€“àŽ½ à¡¼â€žààŽ¾àŽ¿àŽ¼àŽ±àŽ¹ àŽ´àŽ¹àŽ·àŽ³àŽµà¡¿â€“àÆ’àŽ¸àŽ±àŽ¹.
ࡼ˜àâ‚¬àŽµàŽ¹àŽ´à¡½´ àŽ³à¡½°à àŽ±à¡¼± àŽ½à¡¿â€ àŽµàâ€š àŽ±à¡¼± à¡½â€˜àŽ¼àŽ­àâ€žàŽµààŽ±àŽ¹ àŽ´àŽ¹àŽµàâ€ àŽ¸àŽ¬ààŽ·àÆ’àŽ±àŽ½ àŽºàŽ±à¡½¶ àâ€žà¡½° àâ‚¬ààŽ¬àŽ³àŽ¼àŽ±àâ€žàŽ± <àâ€žà¡½°> ࡼàŽ½ àâ€žà¡¿â€¡ àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽµàŽ¹ ࡼ€àÆ’àŽ¸àŽµàŽ½àŽ­àÆ’àâ€žàŽµààŽ± ࡼàŽ³àŽµàŽ³àŽ­àŽ½àŽ·àâ€žàŽ¿, àŽ¿à¡½ àâ‚¬àŽ¿àŽ»àŽ»à¡¿· àâ€¡ààÅ’àŽ½à¡¿³ ࡽ•àÆ’àâ€žàŽµààŽ¿àŽ½ àŽ±à¡¼µ àâ€žàŽµ àŽ½à¡¿â€ àŽµàâ€š àŽ±à¡¼± àŽâ€ºàŽ±àŽºàŽµàŽ´àŽ±àŽ¹àŽ¼àŽ¿àŽ½àŽ¯àâ€°àŽ½ ࡼàâ‚¬à¡½¶ àâ€žà¡½¸àŽ½ àŽ àŽµàŽ¹ààŽ±àŽ¹à¡¾¶ ࡼ€àâ€ àŽ¹àŽºàŽ½àŽ¿à¡¿¦àŽ½àâ€žàŽ±àŽ¹, àŽºàŽ±à¡½¶ à¡¼â€¦àŽ¼àŽ± àŽ»àÅ’àŽ³àŽ¿àŽ¹ àâ‚¬àà¡½¸àâ€š àŽâ€ºàŽ±àŽºàŽµàŽ´àŽ±àŽ¹ àŽ¼àŽ¿àŽ½àŽ¯àŽ¿àâ€¦àâ€š àâ‚¬àŽµàà¡½¶ àâ€žà¡¿â€ àâ€š àŽµà¡¼°ààŽ®àŽ½àŽ·àâ€š ࡼàŽ³àŽ¯àŽ³àŽ½àŽ¿àŽ½àâ€žàŽ¿. ࡼàŽ½ àŽ´à¡½² àâ€žà¡¿· àâ€¡ààÅ’àŽ½à¡¿³ àâ€žàŽ¿ààâ€žà¡¿³ àŽ¿à¡¼± àŽ²àŽ¿àâ€¦àŽ»àÅ’àŽ¼àŽµàŽ½àŽ¿àŽ¹ àŽ½àŽµàÅ½àâ€žàŽµààŽ± àâ‚¬ààŽ¬àŽ³àŽ¼àŽ±àâ€žàŽ± ࡼàŽ½ àâ€žà¡¿â€¡ àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽµàŽ¹ àŽ³àŽ¯àŽ³àŽ½àŽµàÆ’àŽ¸àŽ±àŽ¹ ࡼàâ‚¬àŽµàŽ²àŽ¿ààŽ»àŽµàâ€¦àŽ¿àŽ½, àŽ½àŽ¿àŽ¼àŽ¯àŽ¶àŽ¿àŽ½àâ€žàŽµàâ€š àŽºàŽ¬àŽ»àŽ»àŽ¹àÆ’àâ€žàŽ¿àŽ½ àŽºàŽ±àŽ¹àà¡½¸àŽ½ àŽµà¡¼°àŽ»àŽ·àâ€ àŽ­àŽ½àŽ±àŽ¹ àŽºàŽ±à¡½¶ àŽ¼àŽ¬àŽ»àŽ¹àÆ’àâ€ž’ à¡¼â€šàŽ½ ࡼàŽ½ àâ€žà¡¿· àâ€žàÅ’àâ€žàŽµ àâ€¡ààÅ’àŽ½à¡¿³ àâ€žà¡½° àâ‚¬ààŽ¬àŽ³àŽ¼àŽ±àâ€žàŽ±, ࡽ¡àâ€š àŽ±à¡½àâ€žàŽ¿à¡½¶ ࡼàŽ²àŽ¿ààŽ»àŽ¿àŽ½àâ€žàŽ¿, àŽºàŽ±àâ€žàŽ±àÆ’àâ€žàŽ®àÆ’àŽ±àÆ’àŽ¸àŽ±àŽ¹. ࡼ¡àŽ³àŽ¿à¡¿¦àŽ½àâ€žàŽ¿ àŽ´à¡½² àŽ¿à¡½àŽ´à¡½²àŽ½ à¡¼â€žàŽ»àŽ»àŽ¿ àÆ’àâ€ àŽ¯àÆ’àŽ¹àŽ½ ࡼàŽ¼àâ‚¬àŽ¿àŽ´à¡½¼àŽ½ àŽµà¡¼¶àŽ½àŽ±àŽ¹ ࡼ¢ àâ€žàŽ¿à¡½ºàâ€š àâ€žàŽ¿à¡¿¦ àŽ´àŽ®àŽ¼àŽ¿àâ€¦ àâ‚¬ààŽ¿àŽµàÆ’àâ€žàŽ·àŽºàÅ’àâ€žàŽ±àâ€š àŽºàŽ±à¡½¶ àâ€žàŽ¿à¡½ºàâ€š àÆ’àâ€žààŽ±àâ€žàŽ·àŽ³àŽ¿à¡¿¦àŽ½àâ€žàŽ±àâ€š àŽºàŽ±à¡½¶ àâ€žàŽ±àŽ¾àŽ¹àŽ±ààâ€¡àŽ¿à¡¿¦àŽ½àâ€žàŽ±àâ€š. àâ€žàŽ¿ààâ€žàŽ¿àâ€¦àâ€š àŽ¿à¡½â€“àŽ½ ࡼàŽ²àŽ¿ààŽ»àŽ¿àŽ½àâ€žàŽ¿ ࡼàŽ¼à¡¿¶àâ€š àŽ³àŽ­ àâ‚¬àâ€°àâ€š ࡼàŽºàâ‚¬àŽ¿àŽ´à¡½¼àŽ½ àâ‚¬àŽ¿àŽ¹àŽ®àÆ’àŽ±àÆ’àŽ¸àŽ±àŽ¹, ࡼµàŽ½àŽ± à¡¿¥à¡¾³àŽ´àŽ¯àâ€°àâ€š ࡼƒ àŽ²àŽ¿ààŽ»àŽ¿àŽ¹àŽ½àâ€žàŽ¿ àŽ´àŽ¹àŽ±àâ‚¬ààŽ¬àâ€žàâ€žàŽ¿àŽ¹àŽ½àâ€žàŽ¿.
[…]
àŽËœàŽ·ààŽ±àŽ¼àŽ­àŽ½àŽ·àâ€š àŽ´à¡½² ࡽ•àÆ’àâ€žàŽµààŽ¿àŽ½ ࡼ€àâ€ àŽ¹àŽºàŽ½àŽµà¡¿â€“àâ€žàŽ±àŽ¹ ࡼàŽº àŽâ€ºàŽ±àŽºàŽµàŽ´àŽ±àŽ¯àŽ¼àŽ¿àŽ½àŽ¿àâ€š. àâ‚¬ààŽ¿àÆ’àŽ¹àÅ’àŽ½àâ€žàŽµàâ€š àŽ´’ àŽ±à¡½àâ€žà¡¿· àâ€žà¡¿¶àŽ½ àâ€žàŽµ àÆ’àâ€žààŽ±àâ€žàŽ·àŽ³à¡¿¶àŽ½ àâ€žàŽ¹àŽ½àŽµàâ€š àŽºàŽ±à¡½¶ àâ€žà¡¿¶àŽ½ àâ€žàŽ±àŽ¾àŽ¹àŽ¬ààâ€¡àâ€°àŽ½, ࡽ§àŽ½ ࡼ¦àŽ½ àŽ£àâ€žààŽ¿àŽ¼àŽ²àŽ¹àŽºàŽ¯àŽ´àŽ·àâ€š àŽºàŽ±à¡½¶ àŽ”àŽ¹àŽ¿àŽ½àâ€¦àÆ’àÅ’àŽ´àâ€°ààŽ¿àâ€š, àŽºàŽ±à¡½¶ à¡¼â€žàŽ»àŽ»àŽ¿àŽ¹ àâ€žàŽ¹àŽ½à¡½²àâ€š àâ€žà¡¿¶àŽ½ àâ‚¬àŽ¿àŽ»àŽ¹àâ€žà¡¿¶àŽ½ àŽµà¡½àŽ½àŽ¿àŽ¿à¡¿¦àŽ½àâ€žàŽµàâ€š à¡½â€˜àŽ¼à¡¿â€“àŽ½, ࡽ¥àâ€š àŽ³’ ࡼàŽ´àŽ®àŽ»àâ€°àÆ’àŽµàŽ½ ࡽ•àÆ’àâ€žàŽµààŽ¿àŽ½, ࡼ àŽ³àŽ±àŽ½àŽ¬àŽºàâ€žàŽ¿àâ€¦àŽ½ àÆ’àâ€ àÅ’àŽ´ààŽ±. ࡼ¦àŽ»àŽ¸àŽµ àŽ³à¡½°à àâ€ àŽ­ààâ€°àŽ½ àŽµà¡¼°ààŽ®àŽ½àŽ·àŽ½ àâ€žàŽ¿àŽ¹àŽ±ààâ€žàŽ·àŽ½, ࡼ£àŽ½ ࡼ¡àŽ¼àŽµà¡¿â€“àâ€š ࡼ”ààŽ³à¡¿³ àŽ¼àŽ±àŽ¸àÅ’àŽ½àâ€žàŽµàâ€š ࡼ”àŽ³àŽ½àâ€°àŽ¼àŽµàŽ½: àâ‚¬àŽ¿àŽ»àŽ»àŽ¿à¡½ºàâ€š àŽ³à¡½°à àâ€žà¡¿¶àŽ½ àâ‚¬àŽ¿àŽ»àŽ¹àâ€žà¡¿¶àŽ½ àŽºàŽ±à¡½¶ à¡¼â‚¬àŽ³àŽ±àŽ¸àŽ¿à¡½ºàâ€š ࡼ€àâ‚¬àâ€°àŽ»àŽ­àÆ’àŽ±àŽ¼àŽµàŽ½, àŽºàŽ±à¡½¶ àŽ±à¡½àâ€žàŽ¿à¡½¶ ࡽ‘àâ‚¬à¡½¸ àâ€žà¡¿¶àŽ½ àâ€žààŽ¹àŽ¬àŽºàŽ¿àŽ½àâ€žàŽ± ࡼàŽ¾àŽ·àŽ»àŽ¬àŽ¸àŽ·àŽ¼àŽµàŽ½. ࡼàŽ½à¡¿â€ àŽ½ àŽ³à¡½°à à¡¼â‚¬àŽ½àâ€žà¡½¶ àŽ¼à¡½²àŽ½ àâ€žàŽ¿à¡¿¦ ࡼàâ‚¬à¡½¶ àŽ´àŽ­àŽºàŽ± àÆ’àâ€žàŽ¬àŽ´àŽ¹àŽ± àâ€žà¡¿¶àŽ½ àŽ¼àŽ±àŽºàà¡¿¶àŽ½ àâ€žàŽµàŽ¹àâ€¡à¡¿¶àŽ½ àŽ´àŽ¹àŽµàŽ»àŽµà¡¿â€“àŽ½ à¡½â€¦àŽ»àŽ± àâ€žà¡½° àŽ¼àŽ±àŽºàà¡½° àâ€žàŽµàŽ¯àâ€¡àŽ· àŽ´àŽ¹àŽ±àÆ’àŽºàŽ¬àË†àŽ±àŽ¹, à¡¼â‚¬àŽ½àâ€žà¡½¶ àŽ´à¡½² àâ€žàŽ¿à¡¿¦ à¡¼â€žàŽ»àŽ»àŽ¿ àâ€žàŽ¹ à¡¼â‚¬àŽ³àŽ±àŽ¸à¡½¸àŽ½ àâ€žà¡¿â€¡ àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽµàŽ¹ àŽµà¡½â€˜ààŽ­àÆ’àŽ¸àŽ±àŽ¹ àâ€žàŽ¬àâ€š àâ€žàŽµ àŽ½àŽ±à¡¿¦àâ€š àâ‚¬àŽ±ààŽ±àŽ´àŽ¿à¡¿¦àŽ½àŽ±àŽ¹ àŽâ€ºàŽ±àŽºàŽµàŽ´àŽ±àŽ¹àŽ¼àŽ¿àŽ½àŽ¯àŽ¿àŽ¹àâ€š àŽºàŽ±à¡½¶ àâ€žà¡½¸ àâ‚¬àŽµàà¡½¶ àâ€žà¡½¸àŽ½ àŽ àŽµàŽ¹ààŽ±àŽ¹à¡¾¶ àâ€žàŽµà¡¿â€“àâ€¡àŽ¿àâ€š àâ‚¬àŽµààŽ¹àŽµàŽ»àŽµà¡¿â€“àŽ½. ࡽàà¡¿¶àŽ½àâ€žàŽµàâ€š àŽ´à¡½² àŽ¿à¡½â€”àâ€žàŽ¿àŽ¹ àŽ¿à¡¼± à¡¼â€žàŽ½àŽ´ààŽµàâ€š à¡½â‚¬àŽ½àÅ’àŽ¼àŽ±àâ€žàŽ¹ àŽ¼à¡½²àŽ½ àŽµà¡¼°ààŽ®àŽ½àŽ·àŽ½ àŽ»àŽµàŽ³àŽ¿àŽ¼àŽ­àŽ½àŽ·àŽ½, àâ€žà¡¿· àŽ´’ ࡼ”ààŽ³à¡¿³ àâ€žà¡½´àŽ½ àŽ´àŽ·àŽ¼àŽ¿àŽºààŽ±àâ€žàŽ¯àŽ±àŽ½ àŽºàŽ±àâ€žàŽ±àŽ»àâ€¦àŽ¿àŽ¼àŽ­àŽ½àŽ·àŽ½, àŽ¿à¡½àŽº ࡼ”àâ€ àŽ±àÆ’àŽ±àŽ½ ࡼàâ‚¬àŽ¹àâ€žààŽ­àË†àŽµàŽ¹àŽ½ àâ€žàŽ±à¡¿¦àâ€žàŽ± àŽ³àŽµàŽ½àŽ­àÆ’àŽ¸àŽ±àŽ¹, àŽ¿à¡½àŽº ࡼàŽ»àŽµàŽ¿à¡¿¦àŽ½àâ€žàŽµàâ€š, ࡽ¦ à¡¼â€žàŽ½àŽ´ààŽµàâ€š à¡¼Ë†àŽ¸àŽ·àŽ½àŽ±à¡¿â€“àŽ¿àŽ¹, àâ€žà¡½° àâ€žàŽµàŽ¯àâ€¡àŽ·, àŽµà¡¼° àâ‚¬àŽµàÆ’àŽµà¡¿â€“àâ€žàŽ±àŽ¹, àŽ¿à¡½àŽ´à¡½² àŽºàŽ·àŽ´àÅ’àŽ¼àŽµàŽ½àŽ¿àŽ¹ àâ€žà¡¿¶àŽ½ àŽ½àŽµà¡¿¶àŽ½, àŽµà¡¼° àŽâ€ºàŽ±àŽºàŽµàŽ´àŽ±àŽ¹àŽ¼àŽ¿àŽ½àŽ¯àŽ¿àŽ¹àâ€š àâ‚¬àŽ±ààŽ±àŽ´àŽ¿àŽ¸àŽ®àÆ’àŽ¿àŽ½àâ€žàŽ±àŽ¹ (àŽ¿à¡½àŽ´à¡½²àŽ½ àŽ³à¡½°à àŽ±à¡½àâ€žàŽ¿à¡¿â€“àâ€š àâ€žàŽ¿ààâ€žàâ€°àŽ½ àâ‚¬àŽ»àŽ­àŽ¿àŽ½ ࡼ¢ à¡½â€˜àŽ¼à¡¿¶àŽ½ à¡¼â€˜àŽºàŽ¬àÆ’àâ€žà¡¿³ àâ‚¬ààŽ¿àÆ’à¡¿â€ àŽºàŽµàŽ½), à¡¼â‚¬àŽ»àŽ»’ àŽ±à¡¼°àÆ’àŽ¸àÅ’àŽ¼àŽµàŽ½àŽ¿àŽ¹ ࡼàŽº àâ€žàŽ¿à¡¿¦ àâ€žààÅ’àâ‚¬àŽ¿àâ€¦ àâ€žàŽ¿ààâ€žàŽ¿àâ€¦ àâ€žà¡½¸ à¡½â€˜àŽ¼àŽ­àâ€žàŽµààŽ¿àŽ½ àâ‚¬àŽ»à¡¿â€ àŽ¸àŽ¿àâ€š àŽºàŽ±àâ€žàŽ±àŽ»àâ€¦àŽ¸àŽ·àÆ’àÅ’àŽ¼àŽµàŽ½àŽ¿àŽ½,
Conviene a tutti voi, o giudici, fare giustizia a favore degli uomini che sono morti essendo benevoli verso il vostro popolo e conviene anche a me in modo non piccolo; infatti Dionisodoro era mio cognato e cugino. Dunque io ho forse lo stesso odio verso questo Agorato qui che ha il vostro popolo, infatti costui ha compiuto tali cose per cui da me ora è odiato naturalmente e da voi, qualora dio voglia, sarò punito giustamente. Uccise sotto i trenta, avendo fatto la spia contro quelli, mio cognato Dionisodoro e molti altri di cui udrete i nomi, uomini buoni verso il vostro popolo. Facendo questo danneggiò gravemente me in privato e ciascuno dei parenti, e rovinò non poco, come io penso, tutta la città in comune privandola di tali uomini. Io dunque, o giudici, ritengo che sia giusto sia per me sia per tutti voi vendicarci per come ciascuno può, e penso che se noi facessimo questo ci andrebbero meglio le cose sia da parte degli dei sia da parte degli uomini. Bisogna che voi, o Ateniesi, ascoltiate dall’inizio tutti i fatti perché sappiate anzitutto in che modo la vostra democrazia è stata abbattuta e da chi, poi in che modo gli uomini morirono per colpa di Agorato e che cosa dichiararono in punto di morte. Infatti se imparereste accuratamente tutte queste cose, condannereste questo Agorato qui più volentieri e più piamente. Dunque comincerò a raccontarvi dal punto da cui noi spiegheremo più facilmente e voi imparerete più facilmente.
Quando le vostre navi furono distrutte e la situazione della città era diventata più debole, non molto tempo dopo arrivano al Pireo le navi degli spartani, e insieme avvenivano discorsi con gli Spartani sulla pace. In quel tempo, quelli che volevano che avvenisse nella città un cambiamento, congiuravano pensando di avere una bellissima occasione, e di poter, soprattutto in quel tempo, organizzare la situazione come volevano loro. Ritenevano che nient’altro fosse a loro di ostacolo se non i capi del popolo e gli strateghi e i tassiarchi. Dunque volevano liberarsene in qualche modo per ottenere facilmente ciò che volevano.
[…]
In seguito arriva da Sparta Teramene. Andatigli incontro alcuni degli strateghi e dei tassiarchi tra cui c’era Strambiccide e Dionisodoro ed alcuni altri tra i cittadini, benevoli verso di voi, come apparve dopo, si arrabbiarono molto. Giunse infatti portando una pace tale che noi conosciamola avendola imparata dai fatti; infatti abbiamo perduto molti buoni cittadini e noi stessi siamo stati esiliati dai trenta. Infatti c’era invece di abbattere dieci stadi delle lunghe mura, buttar giù tutte le lunghe mura, invece di ottenere qualcos’altro di buono per la città, c’era da consegnare le navi agli spartani e demolire il muro del Pireo. Questi uomini vedendo che di nome si parlava di pace, ma di fatto veniva abbattuta la democrazia, rifiutarono di permettere che queste cose, o Ateniesi, non perché avessero pietà delle mura ateniesi, se dovevano cadere, né perché avessero dolore per le navi se dovevano essere consegnate agli Spartani (infatti non li riguardava per nulla più che a ciascuno di voi), ma perche si erano accorti che in questo modo il vostro popolo sarebbe stato rovesciato,
    Titolo » mostra già che è un discorso d’accusa grazie al complemento àŽºàŽ±àâ€žàŽ¬ + genitivo che, nell’ambito
                 giudiziario è il complemento d’accusa, spesso seguito da un altro genitivo indicante la colpa
    La struttura è quella tipica dell’orazione
1.      exordium
2.      partitio
3.      narratio
4.      argomentatio
5.      peroratio
    La giuria era popolare, l’oratore doveva quindi coinvolgerla emotivamente, far loro partecipare dell’odio per il colpevole, far suscitare compassione per la vittima
EXORDIUM
    Paragrafo 1 » àŽ¼àŽ­àŽ½ e àŽ´àŽ­ non contrappongono ma mettono su un piano di continuità, come in un elenco
» usa la seconda persona plurale per creare una corrispondenza amichevole tra “io” e “voi”
» ࡽ‘àâ‚¬àŽ­à ha valore di “a favore di”
» àâ€žà¡¿· ࡽàŽ¼àŽµàâ€žàŽ­àà¡¿³ è una posizione attributiva del secondo tipo (ripetizione dell’articolo)
» àŽºà¡¼â‚¬àŽ¼àŽ¿à¡½¶ è una crasi di àŽºàŽ±à¡½¶ + ࡼàŽ¼àŽ¿àŽ¯
» ࡼ¥àŽºàŽ¹àÆ’àâ€žàŽ± è un superlativo
» àŽºàŽ·àŽ´àŽµàÆ’àâ€žàŽ®àâ€š indica una parentela acquisita
» àŽ”àŽ¹àŽ¿àŽ½àâ€¦àÆ’àÅ’àŽ´àâ€°ààŽ¿àâ€š è una delle vittime, parente dell’oratore
» à¡¼â‚¬àŽ½àŽµàË†àŽ¹àÅ’àâ€š indica un legame di sangue
» ࡼàŽ¼àŽ¿à¡½¶ ࡼ¡ àŽ±à¡½àâ€žà¡½´ è dativo di possesso
» àâ€žàŽ¿àâ€¦àâ€žàŽ¿àŽ½à¡½¶ è un pronome deittico (si accompagna nel momento della recitazione con un gesto)
   rafforzato da -àŽ½àŽ¹ che significa “qui”, in totale la traduzione è “questa qui”
» ࡽ‘àâ‚¬àŽ¬ààâ€¡àŽ¿àâ€¦àÆ’àŽ± è il soggetto di àâ€žàâ€¦àŽ³àâ€¡àŽ¬àŽ½àŽµàŽ¹ » la frase si apre e chiude con due termini legati tra loro
» ࡽ‘àâ‚¬àŽ¬ààâ€¡àâ€° è un composto di ࡽ‘àâ‚¬àÅ’ + à¡¼â€žààâ€¡àâ€°, originariamente significa “cominciare sotto”
» ࡽ‘àâ‚¬’ࡼàŽ¼àŽ¿à¡¿¦ è complemento d’agente + avverbio + verbo (struttura che si ripete subito dopo)
» àŽ¸àŽµàÅ’àâ€š, il richiamo al dio è sempre presente all’inizio di un discorso o di una composizione
» i due avverbi coordinate dal àâ€žàŽµ esprimono le ragioni per cui i giurati dovrebbero odiare
   insieme a lui Agorato, espongono le sue colpe e quindi le ragioni di biasimo
» àŽ´àŽ¹àŽºàŽ±àŽ¯àâ€°àâ€š “secondo la legge”, il biasimo ha quindi caratteristiche legali
    Paragrafo 2 » in positio principis troviamo il nome della vittima, Dionisodro perché vuole mettere in risalto
                          più chi è stato ucciso, non l’assassino » nasce un problema: tenere l’ordine della frase
                          portandola però al passivo, oppure cambiare l’ordine e mantenere l’attivo
» à¡½â€˜àŽ¼àŽ­àâ€žàŽµààŽ¿àŽ½ evidenzia ancora una volta il coinvolgimento della giuria nella causa
» al giorno d’oggi si cerca una giuria asettica, sganciata dalla causa, qui si insiste nella sua
   partecipazione alla causa, in quanto hanno il potere di portare a compimento l’odio
   dell’accusatore nella dichiarazione della colpa e la conseguente pena
» usa àâ‚¬àŽ»à¡¿â€ àŽ¸àŽ¿àâ€š, che indica l’insieme delle persone, non àŽ´àŽ®àŽ¼àŽ¿àâ€š, che lo definisce in quanto
   strutturato politicamente, per cui si può tradurre anche “democrazia”
» àâ‚¬àŽµàà¡½¶ + accusativo qui ha valore di “nei confronti di” essendo moto a luogo figurato
» àŽºàŽ±àâ€žà¡½° + genitivo, nel linguaggio giuridico significa “contro”
» ࡼàâ‚¬à¡½¶ + genitivo “sotto, al tempo di” indica una circostanza temporale
» ࡼ€àâ‚¬àŽ­àŽºàâ€žàŽµàŽ¹àŽ½àŽµ è aoristo perché non indica una serie di morti, ma un’unica. Il suo soggetto è
   Agorato (sottinteso) anche se non lo ha ucciso lui materialmente, ma sua è la colpa
» ࡼàŽºàŽµàŽ¯àŽ½àâ€°àŽ½ si riferisca ai trenta tiranni; il pronome dimostrativo ࡼàŽºàŽµàŽ¯àŽ½àŽ¿àâ€š si riferisce, nelle
   orazioni, a personaggi che non sono presenti oppure a vittime
» àŽ¼à¡½²àŽ½ costituisce un legame tra l’oratore, che ha subìto il danno, e la collettività, evidenziando
   il rapporto di corrispondenza tra il singolo e l’intera città, caposaldo della mentalità greca
    Paragrafo 3 » àŽ¼àŽµàŽ³àŽ¬àŽ»àŽ± e àŽ¿à¡½ àŽ¼àŽ¹àŽºààŽ¬; ࡼàŽ¶àŽ·àŽ¼àŽ¹àÅ’àÆ’àŽµ e ࡼ”àŽ²àŽ»àŽ±àË†àŽµàŽ½ sono sinonimi
» ࡽ¦ può essere caduta perché di solito ci si rivolgeva ai giudici in vocativo
» àŽ´àŽ¯àŽºàŽ±àŽ¹àŽ¿àŽ½ appartiene alla legge, ࡽ…àÆ’àŽ¹àŽ¿àŽ½ al diritto divino e significa “devoto, pio, santo,
   religiosamente corretto” » giustificazione della vendetta da entrambi i punti di vista
» nella mentalità greco-romana la vendetta è lecita e doverosa, ma non si affronta a cuor
   leggero, da questo deriva la necessità di esplicitare la sua legittimità
» àâ€žàŽ¹àŽ¼àâ€°ààŽ­àâ€° significa all’attivo “punire”, al medio “dedicarsi”
» àŽºàŽ±àŽ¸’ ࡽ…àÆ’àŽ¿àŽ½ ha valore distributivo
» àâ‚¬àŽ¿àŽ¹àŽ¿à¡¿¦àÆ’àŽ¹ è participio attivo al dativo plurale
» à¡¼â€šàŽ½ introduce un periodo ipotetico potenziale (non ha l’ottativo perché è un’infinitiva)
» àŽ´àŽµà¡¿â€“ è sempre impersonale, al medio è “aver bisogno, all’attivo regge sempre una soggettiva”
    Paragrafo 4 » à¡½â€˜àŽ¼à¡¿â€“àŽ½ è dativo etico (di svantaggio)
                       » ࡽ…àâ€žàŽ¿àâ€¦ è genitivo di ࡽ‚àÆ’àâ€žàŽ¹àâ€š alla forma secondaria (o + articolo corrispondente)
» ࡼàâ‚¬àŽ­àÆ’àŽºàŽ·àË†àŽ±àŽ½ deriva da ࡼàâ‚¬àŽ¹àÆ’àŽºàŽ­àâ‚¬àâ€žàâ€° e significa “dichiarare solennemente”, è il verbo che indica
   le parole del condannato a morte
» à¡¼â€šàŽ½ introduce un periodo ipotetico del III tipo con protasi al participio e apodosi all’ottativo
» ࡼ¥àŽ´àŽ¹àŽ¿àŽ½ e ࡽàÆ’àŽ¹àÅ½àâ€žàŽµààŽ¿àŽ½ sono comparativi neutri
» ࡽàÆ’àŽ¹àÅ½àâ€žàŽµààŽ¿àŽ½ allunga la terzultima vocale secondo la legge del proceleusmatico
» àŽºàŽ±àâ€žàŽ±àË†àŽ·àâ€ àŽ¯àŽ¶àŽ¿àŽ¹àÆ’àŽ¸àŽµ è un verbo tecnico proprio della condanna della giuria “votare contro”
» à¡½â€¦àŽ¸àŽµàŽ½ introduce una prolessi ed è un avverbio di moto da luogo insieme ad ࡼàŽ½àâ€žàŽµà¡¿¦àŽ¸àŽµàŽ½
» à¡½â€˜àŽ¼à¡¿â€“àŽ½ è un pluralis maiestatis
» con àŽ´àŽ¹àŽ·àŽ³àŽµà¡¿â€“àÆ’àŽ¸àŽ±àŽ¹ finisce il proemio e prepara alla narratio
NARRATIO
    Paragrafo 5 » àŽ³àŽ¬à ha il particolare uso di introdurre un racconto, non va tradotto
» la giuria è ancora fortemente chiamata i causa dal “voi” di à¡½â€˜àŽ¼àŽ­àâ€žàŽµààŽ±àŽ¹
» <àâ€žà¡½°> l’integrazione o meno dell’articolo cambia il senso della frase: se realmente fa parte del
   testo, allora àâ‚¬àÅ’àŽ»àŽµàŽ¹ è attributivo, altrimenti predicativo
» dopo che le navi ateniesi, alla fine della guerra del Peloponneso, furono distrutte e le navi
   degli spartani arrivano al porto del Pireo, la situazione della città si indebolisce e ci sono
   numerosi discorsi sugli spartani e sulla pace. La questione verte su come contenere
   l’evidente perdita in termini politici e tecnici
» àâ‚¬àŽ¿àŽ»àŽ»à¡¿· àâ€¡ààÅ’àŽ½à¡¿³ è un dativo di misura che si trova con il comparativo e con il dativo (in latino
   la stessa costruzione la si trova all’ablativo, che viene quindi chiamato ablativo di misura)
» àŽâ€ºàŽ±àŽºàŽµàŽ´àŽ±àŽ¹àŽ¼àŽ¿àŽ½àŽ¯àâ€°àŽ½ è in posizione attributiva rispetto al termine da cui dipende (struttura libera)
» la forte correlazione tra i due fatti è rafforzata anche da à¡¼â€¦àŽ¼àŽ±
–  Paragrafo 6» la lingua greca ha tre modi per indicare quello che in latino è res ed in italiano è cosa
1.      àâ‚¬ààŽ¬àŽ³àŽ¼àŽ± da àâ‚¬ààŽ¬àÆ’àÆ’àâ€° “ciò che si fa”
2.      àŽºàâ€žàŽ®àŽ¼àŽ± da àŽºàâ€žàŽ¬àŽ¿àŽ¼àŽ±àŽ¹ “ciò che si ha”
3.      àŽ±àÆ’àŽ´
» àâ€žàŽ¿ààâ€žà¡¿³ è in posizione predicativa perché l’aggettivo dimostrativo àâ€žàŽ¿à¡¿¦àâ€žàŽ¿ lo è sempre
» àŽ½àŽµàÅ½àâ€žàŽµààŽ± “nuovo” per la mentalità greco-romana la novità porta sempre ad un cambiamento
   in negativo, perché visto come corruzione della tradizione, portatrice di valori perfetti, stabili
» àâ‚¬ààŽ¬àŽ³àŽ¼àŽ±àâ€žàŽ± qui ha un significato politico che indica una rivoluzione, un cambio di governo
» àŽµà¡¼°àŽ»àŽ·àâ€ àŽ­àŽ½àŽ±àŽ¹ è il perfetto di àŽ»àŽ±àŽ¼àŽ²àŽ¬àŽ½àâ€° che si traduce “ho”, risultato di “ho preso”, che si
   differenzia da ࡼ”àâ€¡àâ€°, che è invece l’avere stabile, immutabile, non risultato di un’azione
» àâ€žàÅ’àâ€žàŽµ è un avverbio temporale che significa “allora”, in posizione attributiva diventa aggettivo
    Paragrafo 7 » àÆ’àâ€ àŽ¯àÆ’àŽ¹àŽ½ è III persona plurale “a loro”
» ࡼ¤ » introduce il secondo termine di paragone (quam latino)
      » è congiunzione avversativa (aut o vel latino)
      » introduce il secondo termiine di un’interrogativa disgiuntiva (an lativo)
      » è l’equivalente del secondo termine di paragone di uguaglianza/disuguaglianza
» àâ‚¬ààŽ¿àŽµàÆ’àâ€žàŽ·àŽºàÅ’àâ€žàŽ±àâ€š è participio perfetto da ࡼµàÆ’àâ€žàŽ·àŽ¼àŽ¹ che traduciamo con un sostantivo “i capi”,
   come anche àÆ’àâ€žààŽ±àâ€žàŽ·àŽ³àŽ¿à¡¿¦àŽ½àâ€žàŽ±àâ€š “capo militare”; entrambi all’accusativo perché soggetti di àŽµà¡¼°àŽ½àŽ±àŽ¯
» àâ€žàŽ±àŽ¾àŽ¹àŽ±ààâ€¡àŽ¿à¡¿¦àŽ½àâ€žàŽ±àâ€š è la guida di un settore dell’esercito (sono i centurioni latini)
» ࡼàŽ¼à¡¿¶àâ€š àŽ³àŽ­ àâ‚¬àâ€°àâ€š va tradotto insieme “in qualche modo”
» ࡼàŽºàâ‚¬àŽ¿àŽ´à¡½¼àŽ½ è ࡼàŽº + àâ‚¬àÅ’àŽ´àŽ¿àŽ½ significa “fuori dai piedi” (ࡼàŽ½àâ‚¬àŽ¿àŽ´àÅ’àŽ½ è invece “tra i piedi”)
» ࡼµàŽ½àŽ± introduce una finale con verbo all’ottativo obliquo
    Paragrafo 8-9-10-11-12
» presenta un esempio attaccando uno di questi capi di nome Cleofonte
» presenta Teramene, un privato cittadino che chiede il permesso di andare a Sparta e trattare la pace
» gli viene concesso per le sue capacità nei discorsi, e tutti si aspettano che torni con una pace onorevole
» torna invece con una pace assolutamente svantaggiosa per gli ateniesi, addirittura rovinosa politicamente
    Paragrafo 13 » ࡼ€àâ€ àŽ¹àŽºàŽ½àŽµà¡¿â€“àâ€žàŽ±àŽ¹ è un presente storico
» àâ€žàŽ¹àŽ½à¡½²àâ€š è il soggetto
» ࡼàŽ´àŽ®àŽ»àâ€°àÆ’àŽµàŽ½ da àŽ´àŽµàŽ»àÅ’àâ€° che al singolare è intransitivo con il significato “apparire”, al
   transitivo ha invece significato “mostrare”; la terminazione -àÆ’àŽ±àŽ½ è quella tramandata
» si capisce dal testo che il cliente di Lisia non era presente al momento dell’orazione
» ࡼ”àŽ³àŽ½àâ€°àŽ¼àŽµàŽ½ è aoristo indicativo atematico
    Paragrafo 14 » àŽ´àŽ¹àŽµàŽ»àŽµà¡¿â€“àŽ½, àŽ´àŽ¹àŽ¬ indica tutto il percorso delle mura, “attraverso”; àâ‚¬àŽµààŽ¹àŽµàŽ»àŽµà¡¿â€“àŽ½, indica “intorno”
» il àâ€žàŽµ…àŽºàŽ±à¡½¶ uniscono i due soggetti di ࡼàŽ½à¡¿â€ àŽ½
» à¡¼â‚¬àŽ½àâ€žà¡½¶ regge il genitivo di un infinito
» le clausole sono connesse dal àâ€žàŽµ àŽºàŽ±à¡½¶ ed hanno come conseguenza l’abbattere Atene in
   quanto forza naval, infatti la sua massima fortuna era stata la flotta
    Paragrafo 15 » ࡽàà¡¿¶àŽ½àâ€žàŽµàâ€š regge il complemento predicativo, in questo caso dell’oggetto
» à¡½â‚¬àŽ½àÅ’àŽ¼àŽ±àâ€žàŽ¹ àŽ¼à¡½²àŽ½ è contrapposto a àâ€žà¡¿· àŽ´’ ࡼ”ààŽ³à¡¿³
» àŽ¿à¡½àŽº ࡼ”àâ€ àŽ±àÆ’àŽ±àŽ½ non viene tradotto “non dire”, ma “dire di no”
» àŽµà¡¼° è seguito da futuri, si traduce aggiungendo il verbo “dovere”
» ࡼàŽ»àŽµàŽ¿à¡¿¦àŽ½àâ€žàŽµàâ€š è transitivo, regge àâ€žàŽµàŽ¯àâ€¡àŽ·; è un verbo di sensazione, quindi regge il participio
   predicativo, in questo caso dell’oggetto
    Paragrafo 16 » àŽ±à¡¼°àÆ’àŽ¸àÅ’àŽ¼àŽµàŽ½àŽ¿àŽ¹ è un verbo di sensazione, regge quindi il participio predicativo
                         » Lisia punta sulla sopravvivenza della democrazia; afferma che la questione centrale, vero
                            obiettivo degli spartani, è abbattere la democrazia ateniese, attraverso la demolizione della
                            sua potenza (mura e flotta)