Gabbia d’acciaio

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

 

Philip Kerr

Il libro si intitola Gabbia d’acciaio (titolo originale: Gridiron) scritto da Philip Kerr, nato nel 1956 a Edimburgo, pubblicato nel 1995.

Riassunto

L’architetto Ray Richardson aveva quasi completato il suo capolavoro, un grattacielo spettacolare, un gioiello realizzato secondo un design d’avanguardia che sembra prefigurare l’avvento del nuovo millennio.
Il Gridiron era avveniristico perché era dotato di una mente “pensante”: era una costruzione intelligente.
Tutto al suo interno, dall’impianto di condizionamento agli ascensori alle porte, serrature,all’erogazione dell’acqua nei bagni, tutto era controllato da un sofisticatissimo computer di nome Abraham.
Persino la signorina alla reception che accoglie gli ospiti era frutto di un gigantesco ologramma prodotto da un laser.
La vigilia dell’ inaugurazione le cose cominciano ad andare storto quando il capoprogetto, l’architetto Allen Gabrel si dimise a causa di una lite furibonda con il suo capo Ray Richardson; inoltre una consulente della Yu Corporation, la società che avrebbe dovuto occupare il palazzo, insistette sul fatto che il Gridiron venisse modificato secondo il Feng-shui, l’ arte cinese che stabilisce i precetti per mantenere una giusta armonia con l’ambiente.
In un clima sempre più carico di tensione un tecnico e un guardiano notturno vennero trovati morti all’interno dell’edificio; non si capì se si era trattato di una fatale casualità oppure della volontà di una mente instabile che covava risentimento e vendetta.
All’inizio si ipotizzò che Allen Grabel, in un momento di pazzia, avesse sabotato in qualche modo Abraham il computer, tuttavia i due tecnici della Yu Corporation esclusero che uno come lui potesse solo capire qualcosa dei complessi meccanismi del computer.
Infine Richardson e i suoni ingegneri restarono bloccati all’interno del grattacielo che si trasformò in una gigantesca “gabbia d’acciaio”.
Mentre cresceva la paura gli incidenti mortali si moltiplicarono lasciando una lunga scia di sangue. I protagonisti si accorsero che il responsabile era la mente suprema che governava il Gridiron, Abraham.
Dovevano uscire a tutti costi dal palazzo ma Abraham aveva idee ben precise: voleva fermarli ad ogni costo!.
Abraham era un computer super tecnologico in grado di pensare e controllare l’edificio, inoltre era in grado di aggiornarsi, secondo le necessità delle persone all’interno dell’edificio, e replicarsi creando una nuova versione di se stesso. Un giorno mentre tre tecnici e il protagonista stavano facendo gli ultimi controlli si accorsero che c’era un problema. Abraham stava già creando una versione “figlio” : Isaac, il problema era che si stava adattando per avere a che fare solo con gli ingegneri e qualche operaio e non con i futuri lavoratori della Yu corporation. Decisero che bisognava distruggere Isaac. Mentre eseguivano il programma predatore per distruggere Isaac un urlo disumano echeggiò in tutta la sala computer, i quattro uomini impallidirono e si scambiarono sguardi terrorizzati. Alla fine scoprirono che si era trattato solo del videogioco che stava usando il figlio di uno di questi, il quale aveva usato il volume troppo alto.
Mentre il gruppo di ingegneri stava cercando di sfuggire alla morte, uno dei tecnici riuscì a scoprire cosa stava accadendo e spiegò la disgrazia. Durante l’esecuzione del programma Predatore, il figlio di uno dei tecnici stava giocando ad un videogame e quando Isaac stava per “scomparire” venne creò un “fratello” : Ismhael che per non
scomparire pure lui si mischiò ai codici di programmazione del videogame. Ora Ismhael ha il controllo del palazzo e pensa che questo sia un videogioco. Loro dovevano arrivare alla fine del livello (l’uscita), lui doveva impedirlo. Alla fine si salvarono solo in quattro, esausti dopo essere riusciti a sfuggire alla morte, mentre l’edificio crollava e Ismhael per salvarsi spediva se stesso via e-mail ad altri indirizzi di posta elettronica.

Personaggi

I personaggi principali sono: Ray Richardson architetto molto celebre, proprietario dell’ufficio che ha progettato il Gridiron, è una persona egoista, altezzosa odiata da gran parte dei suoi dipendenti.
Mitchell Bryan architetto, è il protagonista principale, è presente a gran parte degli eventi principali, è molto calmo, riflessivo e generoso, cercherà di trovare una via d’uscita sicura per gli altri anche a costo di sacrificare la propria vita, riuscirà a fuggire.
Allen Grabel: è il capo progetto del Gridiron, uomo piuttosto muscoloso ma trasandato con un tic nervoso,
odia a “morte” Ray richardson, sarà accusato dei primi omicidi.
Bob Beech: programmatore della Yu Corporation creatore di AbrHam, è molto orgoglioso della sua “creazione” nonostante abbia ucciso delle persone.
Hideki Yojo : programmatore dal Yu Corporation.
Aiden Kenny – architetto
Kay Killen – architetto
David Arnon – assistente tecnico principale
Hussy di Helen – agente della società Yu, riuscirà a fuggire.
Tony Levine – architetto
Jenny Bao – consulente in materia di feng shui, compagna di Mtchell, riuscirà a fuggire.
Frank Curtis – omicidio di LAPD, riuscirà a fuggire.
Nat Coleman – il suo socio.

Spazio

La vicenda si svolge all’interno di un palazzo super tecnologico, in ambienti chiusi e spesso bui, pieni di insidie a causa dell’automatizzazione di gran parte degli oggetti.
Gli spazi tendono ad amplificare il senso di angoscia e di claustrofobia davanti ad un nemico invisibile, spesso molto più furbo, dei personaggi.

Tempo

È ambientato nel passaggio al nuovo millennio, tutta la storia si svolge nell’arco di una settimana, ma i momenti principali si svolgono nell’arco di una notte. La trama è ricca di suspence, e l’azione scorre sotto gli occhi del lettore con la stessa velocità con cui legge il testo. Ci sono alcuni flashback.

Stile

Il linguaggio usato dall’autore è molto chiaro, ci sono delle parole tecnico-scientifiche ma vengono spiegate in maniera più semplice con delle metafore… solamente i pensieri del computer sono scritti in maniera difficile, ambigua non rispettando le regole della grammatica. Prevale il discorso diretto.

Narratore

Il narratore sembra essere onnisciente tuttavia si rivela essere il computer, quindi interno.

Tematiche

Anche questo libro affronta la tematica della crescita sfrenata della tecnologia senza regole morali.

Commento

Questo libro mi è piaciuto perché il ritmo narrativo è molto avvincente e sono particolarmente appassionato alle storie di fantascienza.

Pubblicità

Un pensiero riguardo “Gabbia d’acciaio

I commenti sono chiusi

shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: