Site icon Portale Scolastico | Atuttascuola

Il Canzoniere (Rerum Vulgarium Fragmenta)

Libri-di-testo

di Francesco Petrarca

Rime in vita di Laura (162-214)

162

Lieti fiori et felici, et ben nate herbe

che madonna pensando premer sòle;

piaggia ch’ascolti sue dolci parole,

et del bel piede alcun vestigio serbe;

schietti arboscelli et verdi frondi acerbe,

amorosette et pallide vïole;

ombrose selve, ove percote il sole

che vi fa co’ suoi raggi alte et superbe;

o soave contrada, o puro fiume,

che bagni il suo bel viso et gli occhi chiari

et prendi qualità dal vivo lume;

quanto v’invidio gli atti honesti et cari!

Non fia in voi scoglio omai che per costume

d’arder co la mia fiamma non impari.

 

163

Amor, che vedi ogni pensero aperto

e i duri passi onde tu sol mi scorgi,

nel fondo del mio cor gli occhi tuoi porgi,

a te palese, a tutt’altri coverto.

Sai quel che per seguirte ò già sofferto:

et tu pur via di poggio in poggio sorgi,

di giorno in giorno, et di me non t’accorgi

che son sí stanco, e ‘l sentier m’è troppo erto.

Ben veggio io di lontano il dolce lume

ove aspre vie mi sproni et giri,

ma non ò come tu da volar piume.

Assai contenti lasci i miei desiri,

pur che ben desïando i’ mi consume,

né le dispiaccia che per lei sospiri.

 

164

Or che ‘l ciel et la terra e ‘l vento tace

et le fere e gli augelli il sonno affrena,

Notte il carro stellato in giro mena

et nel suo letto il mar senz’onda giace,

veggio, penso, ardo, piango; et chi mi sface

sempre m’è inanzi per mia dolce pena:

guerra è ‘l mio stato, d’ira et di duol piena,

et sol di lei pensando ò qualche pace.

Cosí sol d’una chiara fonte viva

move ‘l dolce et l’amaro ond’io mi pasco;

una man sola mi risana et punge;

e perché ‘l mio martir non giunga a riva,

mille volte il dí moro et mille nasco,

tanto da la salute mia son l’unge.

 

165

Come ‘l candido pie’ per l’erba fresca

i dolci passi honestamente move,

vertú che ‘ntorno i fiori apra et rinove,

de le tenere piante sue par ch’esca.

Amor che solo i cor’ leggiadri invesca

né degna di provar sua forza altrove,

da’ begli occhi un piacer sí caldo piove

ch’i’ non curo altro ben né bramo altr’ésca.

Et co l’andar et col soave sguardo

s’accordan le dolcissime parole,

et l’atto mansüeto, humile et tardo.

Di tai quattro faville, et non già sole,

nasce ‘l gran foco, di ch’io vivo et ardo,

che son fatto un augel notturno al sole.

 

166

S’i’ fussi stato fermo a la spel’unca

là dove Apollo diventò profeta,

Fiorenza avria forse oggi il suo poeta,

non pur Verona et Mantoa et Arunca;

ma perché ‘l mio terren più non s’ingiunca

de l’humor di quel sasso, altro pianeta

conven ch’i’ segua, et del mio campo mieta

lappole et stecchi co la falce adunca.

L’oliva è secca, et è rivolta altrove

l’acqua che di Parnaso si deriva,

per cui in alcun tempo ella fioriva.

Cosí sventura over colpa mi priva

d’ogni buon fructo, se l’etterno Giove

de la sua gratia sopra me non piove.

 

167

Quando Amor i belli occhi a terra inchina

e i vaghi spirti in un sospiro accoglie

co le sue mani, et poi in voce gli scioglie,

chiara, soave, angelica, divina,

sento far del mio cor dolce rapina,

et sí dentro cangiar penseri et voglie,

ch’i’ dico: Or fien di me l’ultime spoglie,

se ‘l ciel sí honesta morte mi destina.

Ma ‘l suon che di dolcezza i sensi lega

col gran desir d’udendo esser beata

l’anima al dipartir presta raffrena.

Cosí mi vivo, et cosí avolge et spiega

lo stame de la vita che m’è data,

questa sola fra noi del ciel sirena.

 

168

Amor mi manda quel dolce pensero

che secretario anticho è fra noi due,

et mi conforta, et dice che non fue

mai come or presto a quel ch’io bramo et spero.

Io, che talor menzogna et talor vero

ò ritrovato le parole sue,

non so s’i’ ‘l creda, et vivomi intra due,

né sí né no nel cor mi sona intero.

In questa passa ‘l tempo, et ne lo specchio

mi veggio andar ver’ la stagion contraria

a sua impromessa, et a la mia speranza.

Or sia che pò: già sol io non invecchio;

già per etate il mio desir non varia;

ben temo il viver breve che n’avanza.

 

169

Pien d’un vago penser che me desvia

da tutti gli altri, et fammi al mondo ir solo,

ad or ad ora a me stesso m’involo

pur lei cercando che fuggir devria;

et veggiola passar sí dolce et ria

che l’alma trema per levarsi a volo,

tal d’armati sospir’ conduce stuolo

questa bella d’Amor nemica, et mia.

Ben s’i’ non erro di pietate un raggio

scorgo fra ‘l nubiloso, altero ciglio,

che ‘n parte rasserena il cor doglioso:

allor raccolgo l’alma, et poi ch’i’ aggio

di scovrirle il mio mal preso consiglio,

tanto gli ò a dir, che ‘ncominciar non oso.

 

170

Più volte già dal bel sembiante humano

ò preso ardir co le mie fide scorte

d’assalir con parole honeste accorte

la mia nemica in atto humile et piano.

Fanno poi gli occhi suoi mio penser vano

perch’ogni mia fortuna, ogni mia sorte,

mio ben, mio male, et mia vita, et mia morte,

quei che solo il pò far, l’à posto in mano.

Ond’io non poté’ mai formar parola

ch’altro che da me stesso fosse intesa:

cosí m’ha fatto Amor tremante et fioco.

E veggi’ or ben che caritate accesa

lega la lingua altrui, gli spirti invola:

chi pò dir com’egli arde, è ‘n picciol foco.

 

171

Giunto m’à Amor fra belle et crude braccia,

che m’ancidono a torto; et s’io mi doglio,

doppia ‘l martir; onde pur, com’io soglio,

il meglio è ch’io mi mora amando, et taccia:

ché poria questa il Ren qualor più agghiaccia

arder con gli occhi, et rompre ogni aspro scoglio;

et à sí egual a le bellezze orgoglio,

che di piacer altrui par che le spiaccia.

Nulla posso levar io per mi’ ‘ngegno

del bel diamante, ond’ell’à il cor sí duro;

l’altro è d’un marmo che si mova et spiri:

ned ella a me per tutto ‘l suo disdegno

torrà già mai, né per sembiante oscuro,

le mie speranze, e i miei dolci sospiri.

 

172

O Invidia nimica di vertute,

ch’a’ bei principii volentier contrasti,

per qual sentier cosí tacita intrasti

in quel bel petto, et con qual’ arti il mute?

Da radice n’ài svelta mia salute:

troppo felice amante mi mostrasti

a quella che’ miei preghi humili et casti

gradí alcun tempo, or par ch’odi et refute.

Né però che con atti acerbi et rei

del mio ben pianga, et del mio pianger rida,

poria cangiar sol un de’ pensier’ mei;

non, perché mille volte il dí m’ancida,

fia ch’io non l’ami, et ch’i’ non speri in lei:

che s’ella mi spaventa, Amor m’affida.

 

173

Mirando ‘l sol de’ begli occhi sereno,

ove è chi spesso i miei depinge et bagna,

dal cor l’anima stanca si scompagna

per gir nel paradiso suo terreno.

Poi trovandol di dolce et d’amar pieno,

quant’al mondo si tesse, opra d’aragna

vede: onde seco et con Amor si lagna,

ch’à sí caldi gli spron’, sí duro ‘l freno.

Per questi extremi duo contrari et misti,

or con voglie gelate, or con accese

stassi cosí fra misera et felice;

ma pochi lieti, et molti penser’ tristi,

e ‘l più si pente de l’ardite imprese:

tal frutto nasce di cotal radice.

 

174

Fera stella (se ‘l cielo à forza in noi

quant’alcun crede) fu sotto ch’io nacqui,

et fera cuna, dove nato giacqui,

et fera terra, ove’ pie’ mossi poi;

et fera donna, che con gli occhi suoi,

et con l’arco a cui sol per segno piacqui,

fe’ la piaga onde, Amor, teco non tacqui,

che con quell’arme risaldar la pôi.

Ma tu prendi a diletto i dolor’ miei:

ella non già, perché non son più duri,

e ‘l colpo è di saetta, et non di spiedo.

Pur mi consola che languir per lei

meglio è, che gioir d’altra; et tu me ‘l giuri

per l’orato tuo strale, et io tel credo.

 

175

Quando mi v’ène inanzi il tempo e ‘l loco

ov’i’ perdei me stesso, e ‘l caro nodo

ond’Amor di sua man m’avinse in modo

che l’amar mi fe’ dolce, e ‘l pianger gioco,

solfo et ésca son tutto, e ‘l cor un foco

da quei soavi spirti, i quai sempre odo,

acceso dentro sí, ch’ardendo godo,

et di ciò vivo, et d’altro mi cal poco.

Quel sol, che solo agli occhi miei resplende,

co i vaghi raggi anchor indi mi scalda

a vespro tal qual era oggi per tempo;

et cosí di lontan m’alluma e ‘ncende,

che la memoria ad ognor fresca et salda

pur quel nodo mi mostra e ‘l loco e ‘l tempo.

 

176

Per mezz’i boschi inhospiti et selvaggi,

onde vanno a gran rischio uomini et arme,

vo securo io, ché non pò spaventarme

altri che ‘l sol ch’à d’amor vivo i raggi;

et vo cantando (o penser’ miei non saggi!)

lei che ‘l ciel non poria lontana farme,

ch’i’ l’ò negli occhi, et veder seco parme

donne et donzelle, et son abeti et faggi.

Parme d’udirla, udendo i rami et l’òre

et le frondi, et gli augei lagnarsi, et l’acque

mormorando fuggir per l’erba verde.

Raro un silentio, un solitario horrore

d’ombrosa selva mai tanto mi piacque:

se non che dal mio sol troppo si perde.

 

177

Mille piagge in un giorno et mille rivi

mostrato m’à per la famosa Ardenna

Amor, ch’a’ suoi le piante e i cori impenna

per fargli al terzo ciel volando ir vivi.

Dolce m’è sol senz’arme esser stato ivi,

dove armato fier Marte, et non acenna,

quasi senza governo et senza antenna

legni in mar, pien di penser’ gravi et schivi.

Pur giunto al fin de la giornata oscura,

rimembrando ond’io vegno, et con quai piume,

sento di troppo ardir nascer paura.

Ma ‘l bel paese e ‘l difectoso fiume

con serena accoglienza rassecura

il cor già vòlto ov’abita il suo lume.

 

178

Amor mi sprona in un tempo et affrena,

assecura et spaventa, arde et agghiaccia,

gradisce et sdegna, a sé mi chiama et scaccia,

or mi tene in speranza et or in pena,

or alto or basso il meo cor lasso mena:

onde ‘l vago desir perde la traccia

e ‘l suo sommo piacer per che li spiaccia,

d’error sí novo la mia mente è piena.

Un amico penser le mostra il vado,

non d’acqua che per gli occhi si resolva,

da gir tosto ove spera esser contenta;

poi, quasi maggior forza indi la svolva,

conven ch’altra via segua, et mal suo grado

a la sua lunga, et mia, morte consenta.

 

179

Geri, quando talor meco s’adira

la mia dolce nemica, ch’è sí altèra,

un conforto m’è dato ch’i’ non pèra,

solo per cui vertú l’alma respira.

Ovunque ella sdegnando li occhi gira

(che di luce privar mia vita spera?)

le mostro i miei pien’ d’umiltà sí vera,

ch’a forza ogni suo sdegno indietro tira.

E cciò non fusse, andrei non altramente

a veder lei, che ‘l volto di Medusa,

che facea marmo diventar la gente.

Cosí dunque fa’ tu: ch’i’ veggio exclusa

ogni altra aita, e ‘l fuggir val nïente

dinanzi a l’ali che ‘l signor nostro usa.

 

180

Po, ben puo’ tu portartene la scorza

di me con tue possenti et rapide onde,

ma lo spirto ch’iv’entro si nasconde

non cura né di tua né d’altrui forza;

lo qual senz’alternar poggia con orza

dritto perl’aure suo desir seconde,

battendo l’ali verso l’aurea fronde,

l’acqua e ‘l vento e la vela e i remi sforza.

Re degli altri, superbo altero fiume,

che ‘ncontri ‘l sol quando e’ne mena ‘l giorno,

e ‘n ponente abandoni un più bel lume,

tu te ne vai col mio mortal sul corno;

l’altro coverto d’amorose piume

torna volando al suo dolce soggiorno.

 

181

Amor fra l’erbe una leggiadra rete

d’oro et di perle tese sott’un ramo

dell’arbor sempre verde ch’i’ tant’amo,

benche n’abbia ombre più triste che liete.

L’ésca fu ‘l seme ch’egli sparge et miete,

dolce et acerbo, ch’i’ pavento et bramo;

le note non fur mai, dal dí ch’Adamo

aperse gli occhi, sí soavi et quete.

E ‘l chiaro lume che sparir fa ‘l sole

folgorava d’intorno: e ‘l fune avolto

era la man ch’avorio et neve avanza.

Cosí caddi a la rete, et qui m’àn colto

gli atti vaghi et l’angeliche parole,

e ‘l piacer e ‘l desire et la speranza.

 

182

Amor, che ‘ncende il cor d’ardente zelo,

di gelata paura il tèn constretto,

et qual sia più, fa dubbio a l’intellecto,

la speranza o ‘l temor, la fiamma o ‘l gielo.

Trem’al più caldo, ard’al più freddo cielo,

sempre pien di desire et di sospetto,

pur come donna in un vestire schietto

celi un huom vivo, o sotto un picciol velo.

Di queste pene è mia propia la prima,

arder dí et notte; et quanto è ‘l dolce male

né ‘n penser cape, nonche ‘n versi o ‘n rima;

l’altra non già: ché ‘l mio bel foco è tale

ch’ogni uom pareggia; et del suo lume in cima

chi volar pensa, indarno spiega l’ale.

 

183

Se ‘l dolce sguardo di costei m’ancide,

et le soavi parolette accorte,

et s’Amor sopra me la fa sí forte

sol quando parla, over quando sorride,

lasso, che fia, se forse ella divide,

o per mia colpa o per malvagia sorte,

gli occhi suoi da Mercé, sí che di morte,

là dove or m’assicura, allor mi sfide?

Però s’i’ tremo, et vo col cor gelato,

qualor veggio cangiata sua figura,

questo temer d’antiche prove è nato.

Femina è cosa mobil per natura:

ond’io so ben ch’un amoroso stato

in cor di donna picciol tempo dura.

 

184

Amor, Natura, et la bella alma humile,

ov’ogn’altra vertute alberga et regna,

contra men son giurati: Amor s’ingegna

ch’i’ mora a fatto, e ‘n ciò segue suo stile;

Natura tèn costei d’un sí gentile

laccio, che nullo sforzo è che sostegna;

ella è sí schiva, ch’abitar non degna

più ne la vita faticosa et vile.

Cosí lo spirto d’or in or v’èn meno

a quelle belle care membra honeste

che specchio eran di vera leggiadria;

et s’a Morte Pietà non stringe ‘l freno,

lasso, ben veggio in che stato son queste

vane speranze, ond’io viver solia.

 

185

Questa fenice de l’aurata piuma

al suo bel collo, candido, gentile,

forma senz’arte un sí caro monile,

ch’ogni cor addolcisce, e ‘l mio consuma:

forma un diadema natural ch’alluma

l’aere d’intorno; e ‘l tacito focile

d’Amor tragge indi un liquido sottile

foco che m’arde a la più algente bruma.

Purpurea vesta d’un ceruleo lembo

sparso di rose i belli homeri vela:

novo habito, et bellezza unica et sola.

Fama ne l’odorato et ricco grembo

d’arabi monti lei ripone et cela,

che per lo nostro ciel sí altera vola.

 

186

Se Virgilio et Homero avessin visto

quel sole il qual vegg’io con gli occhi miei,

tutte lor forze in dar fama a costei

avrian posto, et l’un stil coll’altro misto:

di che sarebbe Enea turbato et tristo,

Achille, Ulixe et gli altri semidei,

et quel che resse anni cinquantasei

sí bene il mondo et quel ch’ancise Egisto.

Quel fior anticho di vertuti et d’arme

come sembiante stella ebbe con questo

novo fior d’onestate et di bellezze!

Ennio di quel cantò ruvido carme,

di quest’altro io: et oh pur non molesto

gli sia il mio ingegno, e ‘l mio lodar non sprezze!

 

187

Giunto Alexandro a la famosa tomba

del fero Achille, sospirando disse:

O fortunato, che sí chiara tromba

trovasti, et chi di te sí alto scrisse!

Ma questa pura et candida colomba

a cui non so s’al mondo mai par visse,

nel mio stil frale assai poco rimbomba:

cosí son le sue sorti a ciascun fisse.

Ché d’Omero dignissima et d’Orpheo,

o del pastor ch’anchor Mantova honora,

ch’andassen sempre lei sola cantando,

stella difforme et fato sol qui reo

commise a tal che ‘l suo bel nome adora,

ma forse scema sue lode parlando.

 

188

Almo Sol, quella fronde ch’io sola amo,

tu prima amasti, or sola al bel soggiorno

verdeggia, et senza par poi che l’addorno

suo male et nostro vide in prima Adamo.

Stiamo a mirarla: i’ ti pur prego et chiamo,

o Sole; et tu pur fuggi, et fai d’intorno

ombrare i poggi, et te ne porti il giorno,

et fuggendo mi toi quel ch’i’ più bramo.

L’ombra che cade da quel’ humil colle,

ove favilla il mio soave foco,

ove ‘l gran lauro fu picciola verga,

crescendo mentr’io parlo, agli occhi tolle

la dolce vista del beato loco,

ove ‘l mio cor co la sua donna alberga.

 

189

Passa la nave mia colma d’oblio

per aspro mare, a mezza notte il verno,

enfra Scilla et Caribdi; et al governo

siede ‘l signore, anzi ‘l nimico mio.

A ciascun remo un penser pronto et rio

che la tempesta e ‘l fin par ch’abbi a scherno;

la vela rompe un vento humido eterno

di sospir’, di speranze, et di desio.

Pioggia di lagrimar, nebbia di sdegni

bagna et rallenta le già stanche sarte,

che son d’error con ignorantia attorto.

Celansi i duo mei dolci usati segni;

morta fra l’onde è la ragion et l’arte,

tal ch’incomincio a desperar del porto.

 

190

Una candida cerva sopra l’erba

verde m’apparve, con duo corna d’oro,

fra due riviere, all’ombra d’un alloro,

levando ‘l sole a la stagione acerba.

Era sua vista sí dolce superba,

ch’i’ lasciai per seguirla ogni lavoro:

come l’avaro che ‘n cercar tesoro

con diletto l’affanno disacerba.

” Nessun mi tocchi – al bel collo d’intorno

scritto avea di diamanti et di topazi – :

libera farmi al mio Cesare parve “.

Et era ‘l sol già vòlto al mezzo giorno,

gli occhi miei stanchi di mirar, non sazi,

quand’io caddi ne l’acqua, et ella sparve.

 

191

Sí come eterna vita è veder Dio,

né più si brama, né bramar più lice,

cosí me, donna, il voi veder, felice

fa in questo breve et fraile viver mio.

Né voi stessa com’or bella vid’io

già mai, se vero al cor l’occhio ridice:

dolce del mio penser hora beatrice,

che vince ogni alta speme, ogni desio.

Et se non fusse il suo fuggir sí ratto,

più non demanderei: che s’alcun vive

sol d’odore, e tal fama fede acquista,

alcun d’acqua o di foco, e ‘l gusto e ‘l tatto

acquetan cose d’ogni dolzor prive,

i’ perché non de la vostra alma vista?

 

192

Stiamo, Amor, a veder la gloria nostra,

cose sopra natura altere et nove:

vedi ben quanta in lei dolcezza piove,

vedi lume che ‘l cielo in terra mostra,

vedi quant’arte dora e ‘mperla e ‘nostra

l’abito electo, et mai non visto altrove,

che dolcemente i piedi et gli occhi move

per questa di bei colli ombrosa chiostra.

L’erbetta verde e i fior’ di color’ mille

sparsi sotto quel’ elce antiqua et negra

pregan pur che ‘l bel pe’ li prema o tocchi;

e ‘l ciel di vaghe et lucide faville

s’accende intorno, e ‘n vista si rallegra

d’esser fatto seren da sí belli occhi.

 

193

Pasco la mente d’un sí nobil cibo,

ch’ambrosia et nectar non invidio a Giove,

ché, sol mirando, oblio ne l’alma piove

d’ogni altro dolce, et Lethe al fondo bibo.

Talor ch’odo dir cose, e ‘n cor describo,

per che da sospirar sempre ritrove,

rapto per man d’Amor, né so ben dove,

doppia dolcezza in un volto delibo:

ché quella voce infin al ciel gradita

suona in parole sí leggiadre et care,

che pensar no ‘l poria chi non l’à udita.

Allor insieme, in men d’un palmo, appare

visibilmente quanto in questa vita

arte, ingegno et Natura e ‘l Ciel pò fare.

 

194

L’aura gentil, che rasserena i poggi

destando i fior’ per questo ombroso bosco,

al soave suo spirto riconosco,

per cui conven che ‘n pena e ‘n fama poggi.

Per ritrovar ove ‘l cor lasso appoggi,

fuggo dal mi’ natio dolce aere tosco;

per far lume al penser torbido et fosco,

cerco ‘l mio sole et spero vederlo oggi.

Nel qual provo dolcezze tante et tali

ch’Amor per forza a lui mi riconduce;

poi sí m’abbaglia che ‘l fuggir m’è tardo.

I’ chiedrei a scampar, non arme, anzi ali;

ma perir mi dà ‘l ciel per questa luce,

ché da l’unge mi struggo et da presso ardo.

 

195

Di dí in dí vo cangiando il viso e ‘l pelo,

né però smorso i dolce inescati hami,

né sbranco i verdi et invescati rami

de l’arbor che né sol cura né gielo.

Senz’acqua il mare et senza stelle il cielo

fia inanzi ch’io non sempre tema et brami

la sua bell’ombra, et ch’i’ non odi et ami

l’alta piaga amorosa, che mal celo.

Non spero del mio affanno aver mai posa,

infin ch’i’ mi disosso et snervo et spolpo,

o la nemica mia pietà n’avesse.

Esser pò in prima ogni impossibil cosa,

ch’altri che morte, od ella, sani ‘l colpo

ch’Amor co’ suoi belli occhi al cor m’impresse.

 

196

L’aura serena che fra verdi fronde

mormorando a ferir nel volto viemme,

fammi risovenir quand’Amor diemme

le prime piaghe, sí dolci profonde;

e ‘l bel viso veder, ch’altri m’asconde,

che sdegno o gelosia celato tiemme;

et le chiome or avolte in perle e ‘n gemme,

allora sciolte, et sovra òr terso bionde:

le quali ella spargea sí dolcemente,

et raccogliea con sí leggiadri modi,

che ripensando ancor trema la mente;

torsele il tempo poi in più saldi nodi,

et strinse ‘l cor d’un laccio sí possente,

che Morte sola fia ch’indi lo snodi.

 

197

L’aura celeste che ‘n quel verde lauro

spira, ov’Amor ferí nel fianco Apollo,

et a me pose un dolce giogo al collo,

tal che mia libertà tardi restauro,

pò quello in me che nel gran vecchio mauro

Medusa quando in selce transformollo;

né posso dal bel nodo omai dar crollo,

là ‘ve il sol perde, non pur l’ambra, o l’auro:

dico le chiome bionde, e ‘l crespo laccio,

che sí soavemente lega et stringe

l’alma che d’umiltate e non d’altr’armo.

L’ombra sua sola fa ‘l mio cor un ghiaccio,

et di bianca paura il viso tinge;

ma li occhi ànno vertú di farne un marmo.

 

198

L’aura soave al sole spiega et vibra

l’auro ch’Amor di sua man fila et tesse

là da’ begli occhi, et de le chiome stesse

lega ‘l cor lasso, e i lievi spirti cribra.

Non ò medolla in osso, o sangue in fibra,

ch’i’ non senta tremar, pur ch’i’ m’apresse

dove è chi morte et vita inseme, spesse

volte, in frale bilancia appende et libra,

vedendo ardere i lumi ond’io m’accendo,

et folgorare i nodi ond’io son preso,

or su l’omero dextro et or sul manco.

I’ nol posso ridir, ché nol comprendo:

da ta’ due luci è l’intellecto offeso,

et di tanta dolcezza oppresso et stanco.

 

199

O bella man, che mi destringi ‘l core,

e ‘n poco spatio la mia vita chiudi;

man ov’ogni arte et tutti i lor studi

poser Natura e ‘l Ciel per farsi honore;

di cinque perle orïental’ colore,

et sol ne le mie piaghe acerbi et crudi,

diti schietti soavi, a tempo ignudi

consente or voi, per arricchirme, Amore.

Candido leggiadretto et caro guanto,

che copria netto avorio et fresche rose,

chi vide al mondo mai sí dolci spoglie?

Cosí avess’io del bel velo altrettanto!

O incostantia de l’umane cose!

Pur questo è furto, et vien chi me ne spoglie.

 

200

Non pur quell’una bella ignuda mano,

che con grave mio danno si riveste,

ma l’altra et le duo braccia accorte et preste

son a stringere il cor timido et piano.

Lacci Amor mille, et nesun tende invano,

fra quelle vaghe nove forme honeste

ch’adornan sí l’alto habito celeste,

ch’agiunger nol pò stil né ‘ngegno humano:

li occhi sereni et le stellanti ciglia,

la bella bocca angelica, di perle

piena et di rose et di dolci parole,

che fanno altrui tremar di meraviglia,

et la fronte, et le chiome, ch’a vederle

di state, a mezzo dí, vincono il sole.

 

201

Mia ventura et Amor m’avean sí adorno

d’un bello aurato et serico trapunto,

ch’al sommo del mio ben quasi era aggiunto,

pensando meco: A chi fu quest’intorno?

Né mi riede a la mente mai quel giorno

che mi fe’ ricco et povero in un punto,

ch’i’ non sia d’ira et di dolor compunto,

pien di vergogna et d’amoroso scorno,

che la mia nobil preda non più stretta

tenni al bisogno, et non fui più costante

contra lo sforzo sol d’una angioletta;

o, fugendo, ale non giunsi a le piante,

per far almen di quella man vendetta

che de li occhi mi trahe lagrime tante.

 

202

D’un bel chiaro polito et vivo ghiaccio

move la fiamma che m’incende et strugge,

et sí le v’ène e ‘l cor m’asciuga et sugge

che ‘nvisibilmente i’ mi disfaccio.

Morte, già per ferire alzato ‘l braccio,

come irato ciel tona o leon rugge,

va perseguendo mia vita che fugge;

et io, pien di paura, tremo et taccio.

Ben poria anchor Pietà con Amor mista,

per sostegno di me, doppia colonna

porsi fra l’alma stancha e ‘l mortal colpo;

ma io nol credo, né ‘l conosco in vista

di quella dolce mia nemica et donna:

né di ciò lei, ma mia ventura incolpo.

 

203

Lasso, ch’i’ ardo, et altri non me ‘l crede;

sí crede ogni uom, se non sola colei

che sovr’ogni altra, et ch’i’ sola, vorrei:

ella non par che ‘l creda, et sí sel vede.

Infinita bellezza et poca fede,

non vedete voi ‘l cor nelli occhi mei?

Se non fusse mia stella, i’ pur devrei

al fonte di pietà trovar mercede.

Quest’arder mio, di che vi cal sí poco,

e i vostri honori, in mie rime diffusi,

ne porian infiammar fors’anchor mille:

ch’i’ veggio nel penser, dolce mio foco,

fredda una lingua et duo belli occhi chiusi

rimaner, dopo noi, pien’ di faville.

 

204

Anima, che diverse cose tante

vedi, odi et leggi et parli et scrivi et pensi;

occhi miei vaghi, et tu, fra li altri sensi,

che scorgi al cor l’alte parole sante:

per quanto non vorreste o poscia od ante

esser giunti al camin che sí mal tiensi,

per non trovarvi i duo bei lumi accensi,

né l’orme impresse de l’amate piante?

Or con sí chiara luce, et con tai segni,

errar non dêsi in quel breve vïaggio,

che ne pò far d’etterno albergo degni.

Sfòrzati al cielo, o mio stancho coraggio,

per la nebbia entro de’ suoi dolci sdegni,

seguendo i passi honesti e ‘l divo raggio.

 

205

Dolci ire, dolci sdegni et dolci paci,

dolce mal, dolce affanno et dolce peso,

dolce parlare, et dolcemente inteso,

or di dolce òra, or pien di dolci faci:

alma, non ti lagnar, ma soffra et taci,

et tempra il dolce amaro, che n’à offeso,

col dolce honor che d’amar quella ài preso

a cui io dissi: Tu sola mi piaci.

Forse anchor fia chi sospirando dica,

tinto di dolce invidia: Assai sostenne

per bellissimo amor quest’al suo tempo.

Altri: O fortuna agli occhi miei nemica,

perché non la vid’io? perché non venne

ella più tardi, over io più per tempo?

 

206

S’i’ ‘l dissi mai, ch’i’ vegna in odio a quella

del cui amor vivo, et senza ‘l qual morrei;

s’i’ ‘l dissi, che miei dí sian pochi et rei,

et di vil signoria l’anima ancella;

s’i’ ‘l dissi, contra me s’arme ogni stella,

et dal mio lato sia

Paura et Gelosia,

et la nemica mia

più feroce ver ‘me sempre et più bella.

S’i’ ‘l dissi, Amor l’aurate sue quadrella

spenda in me tutte, et l’impiombate in lei;

s’i’ ‘l dissi, cielo et terra, uomini et dèi

mi sian contrari, et essa ognor più fella;

s’i’ ‘l dissi, chi con sua cieca facella

dritto a morte m’invia,

pur come suol si stia,

né mai più dolce o pia

ver’ me si mostri, in atto od in favella.

S’i’ ‘l dissi mai, di quel ch’i’ men vorrei

piena trovi quest’aspra et breve via;

s’i’ ‘l dissi, il fero ardor che mi desvia

cresca in me quanto il fier ghiaccio in costei;

s’i’ ‘l dissi, unqua non veggianli occhi mei

sol chiaro, o sua sorella,

né donna né donzella,

ma terribil procella,

qual Pharaone in perseguir li hebrei.

S’i’ ‘l dissi, coi sospir, quant’io mai fei,

sia Pietà per me morta, et Cortesia;

s’i’ ‘l dissi, il dir s’innaspri, che s’udia

sí dolce allor che vinto mi rendei;

s’i’ ‘l dissi, io spiaccia a quella ch’i’torrei

sol, chiuso in fosca cella,

dal dí che la mamella

lasciai, finché si svella

da me l’alma, adorar: forse e ‘l farei.

Ma s’io nol dissi, chi sí dolce apria

meo cor a speme ne l’età novella,

regg ‘anchor questa stanca navicella

col governo di sua pietà natia,

né diventi altra, ma pur qual solia

quando più non potei,

che me stesso perdei

(né più perder devrei).

Mal fa chi tanta fe’ sí tosto oblia.

I’nol dissi già mai, né per dir poria

per oro o per cittadi o per castella.

Vinca ‘l ver dunque, et si rimanga in sella,

et vinta a terra caggia la bugia.

Tu sai in me il tutto, Amor: s’ella ne spia,

dinne quel che dir dêi.

I’ beato direi,

tre volte et quattro et sei,

chi, devendo languir, si morí pria.

Per Rachel ò servito, et non per Lia;

né con altra s’aprei

viver, et sosterrei,

quando ‘l ciel ne rappella,

girmen con ella in sul carro de Helia.

 

207

Ben mi credea passar mio tempo omai

come passato avea quest’anni a dietro,

senz’altro studio et senza novi ingegni:

or poi che da madonna i’ non impetro

l’usata aita, a che condutto m’ài,

tu ‘l vedi, Amor, che tal arte m’insegni.

Non so s’i’ me ne sdegni,

che ‘n questa età mi fa divenir ladro

del bel lume leggiadro,

senza ‘l qual non vivrei in tanti affanni.

Cosí avess’io i primi anni

preso lo stil ch’or prender mi bisogna,

ché ‘n giovenil fallir è men vergogna.

Li occhi soavi ond’io soglio aver vita,

de le divine lor alte bellezze

fûrmi in sul cominciar tanto cortesi,

che ‘n guisa d’uom cui non proprie ricchezze,

ma celato di for soccorso aita,

vissimi, che né lor né altri offesi.

Or, bench’a me ne pesi,

divento ingiurïoso et importuno:

ché ‘l poverel digiuno

v’èn ad atto talor che ‘n miglior stato

avria in altrui biasmato.

Se le man’ di Pietà Invidia m’à chiuse,

fame amorosa, e ‘l non poter, mi scuse.

Ch’i’ ò cercate già vie più di mille

per provar senza lor se mortal cosa

mi potesse tener in vita un giorno.

L’anima, poi ch’altrove non à posa,

corre pur a l’angeliche faville;

et io, che son di cera, al foco torno;

et pongo mente intorno

ove si fa men guardia a quel ch’i’ bramo;

et come augel in ramo,

ove men teme, ivi più tosto è colto,

cosí dal suo bel volto

l’involo or uno et or un altro sguardo;

et di ciò inseme mi nutrico et ardo.

Di mia morte mi pasco, et vivo in fiamme:

stranio cibo, et mirabil salamandra;

ma miracol non è, da tal si vòle.

Felice agnello a la penosa mandra

mi giacqui un tempo; or a l’extremo famme

et Fortuna et Amor pur come sòle:

cosí rose et vïole

à primavera, e ‘l verno à neve et ghiaccio.

Però, s’i’ mi procaccio

quinci et quindi alimenti al viver curto,

se vòl dir che sia furto,

sí ricca donna deve esser contenta,

s’altri vive del suo, ch’ella nol senta.

Chi nol sa di chi vivo, et vissi sempre,

dal dí che ‘n prima que’ belli occhi vidi,

che mi fecer cangiar vita et costume?

Per cercar terra et mar da tutti lidi,

chi pò saver tutte l’umane tempre?

L’un vive, ecco, d’odor, là sul gran fiume;

io qui di foco et lume

queto i frali et famelici miei spirti.

Amor, et vo’ ben dirti,

disconvensi a signor l’esser sí parco.

Tu ài li strali et l’arco:

fa’ di tua man, non pur bramand’io mora,

ch’un bel morir tutta la vita honora.

Chiusa fiamma è più ardente; et se pur cresce,

in alcun modo più non pò celarsi:

Amor, i ‘l so, che ‘l provo a le tue mani.

Vedesti ben, quando sí tacito arsi;

or de’ miei gridi a ma medesmo incresce,

che vo noiando et proximi et lontani.

O mondo, o penser’ vani;

o mia forte ventura a che m’adduce!

O di che vaga luce

al cor mi nacque la tenace speme,

onde l’annoda et preme

quella che con tua forza al fin mi mena!

La colpa è vostra, et mio ‘l danno et la pena.

Cosí di ben amar porto tormento,

et del peccato altrui cheggio perdóno:

anzi del mio, che devea torcer li occhi

dal troppo lume, et di sirene al suono

chiuder li orecchi; et anchor non me ‘n pento,

che di dolce veleno il cor trabocchi.

Aspett’io pur che scocchi

l’ultimo colpo chi mi diede ‘l primo;

et fia, s’i’ dritto extimo,

un modo di pietate occider tosto,

non essendo ei disposto

a far altro di me che quel che soglia:

ché ben muor chi morendo esce di doglia.

Canzon mia, fermo in campo

starò, ch’elli è disnor morir fuggendo;

et me stesso reprendo

di tai lamenti; sí dolce è mia sorte,

pianto, sospiri et morte.

Servo d’Amor, che queste rime leggi,

ben non à ‘l mondo, che ‘l mio mal pareggi.

 

208

Rapido fiume che d’alpestra vena

rodendo intorno, onde ‘l tuo nome prendi,

notte et dí meco disïoso scendi

ov’Amor me, te sol Natura mena,

vattene innanzi: il tuo corso non frena

né stanchezza né sonno; et pria che rendi

suo dritto al mar, fiso u’ si mostri attendi

l’erba più verde, et l’aria più serena.

Ivi è quel nostro vivo et dolce sole,

ch’addorna e ‘nfiora la tua riva manca:

forse (o che spero?) e ‘l mio tardar le dole.

Basciale ‘l piede, o la man bella et bianca;

dille, e ‘l basciar sie ‘nvece di parole:

Lo spirto è pronto, ma la carne è stanca.

 

209

I dolci colli ov’io lasciai me stesso,

partendo onde partir già mai non posso,

mi vanno innanzi et émmi, ognor adosso

quel caro peso ch’Amor m’à commesso.

Meco di me mi meraviglio spesso,

ch’i’ pur vo sempre, et non son anchor mosso

dal bel giogo più volte indarno scosso,

ma com più me n’allungo, et più m’appresso.

Et qual cervo ferito di saetta,

col ferro avelenato dentr’al fianco,

fugge, et più duolsi quanto più s’affretta,

tal io, con quello stral dal lato manco,

che mi consuma, et parte mi diletta,

di duol mi struggo, et di fuggir mi stanco.

 

210

Non da l’hispano Hibero a l’indo Ydaspe

ricercando del mar ogni pendice,

né dal lito vermiglio a l’onde caspe,

né ‘n ciel né ‘n terra è più d’una fenice.

Qual dextro corvo o qual mancha cornice

canti ‘l mio fato, o qual Parca l’innaspe?

che sol trovo Pietà sorda com’aspe,

misero, onde sperava esser felice.

Ch’i’ non vo’ dir di lei: ma chi la scorge,

tutto ‘l cor di dolcezza et d’amor gli empie,

tanto n’à seco, et tant’altrui ne porge;

et per far mie dolcezze amare et empie,

o s’infinge o non cura, o non s’accorge,

del fiorir queste inanzi tempo tempie.

 

211

Voglia mi sprona, Amor mi guida et scorge,

Piacer mi tira, Usanza mi trasporta,

Speranza mi lusinga et riconforta

et la man destra al cor già stanco porge;

e ‘l misero la prende, et non s’accorge

di nostra cieca et disleale scorta:

regnano i sensi, et la ragion è morta;

de l’un vago desio l’altro risorge.

Vertute, Honor, Bellezza, atto gentile,

dolci parole ai be’ rami m’àn giunto

ove soavemente il cor s’invesca.

Mille trecento ventisette, a punto

su l’ora prima, il dí sesto d’aprile,

nel laberinto intrai, né veggio ond’esca.

 

212

Beato in sogno et di languir contento,

d’abbracciar l’ombre et seguir l’aura estiva,

nuoto per mar che non à fondo o riva,

solco onde, e ‘n rena fondo, et scrivo in vento;

e ‘l sol vagheggio, sí ch’elli à già spento

col suo splendor la mia vertú visiva,

et una cerva errante et fugitiva

caccio con un bue zoppo e ‘nfermo et lento.

Cieco et stanco ad ogni altro ch’al mio danno

il qual dí et notte palpitando cerco,

sol Amor et madonna, et Morte, chiamo.

Cosí venti anni, grave et lungo affanno,

pur lagrime et sospiri et dolor merco:

in tale stella presi l’èsca et l’amo.

 

213

Grazie ch’a pochi il ciel largo destina:

rara vertú, non già d’umana gente,

sotto biondi capei canuta mente,

e ‘n humil donna alta beltà divina;

leggiadria singulare et pellegrina,

e ‘l cantar che ne l’anima si sente,

l’andar celeste, e ‘l vago spirto ardente,

ch’ogni dur rompe et ogni altezza inchina;

e que’ belli occhi che i cor’ fanno smalti,

possenti a rischiarar abisso et notti,

et tôrre l’alme a’ corpi, et darle altrui;

col dir pien d’intellecti dolci et alti,

co i sospiri soave-mente rotti:

da questi magi transformato fui.

 

214

Anzi tre dí creata era alma in parte

da por sua cura in cose altere et nove,

et dispregiar di quel ch’a molti è ‘n pregio.

Quest’anchor dubbia del fatal suo corso,

sola pensando, pargoletta et sciolta,

intrò di primavera in un bel bosco.

Era un tenero fior nato in quel bosco

il giorno avanti, et la radice in parte

ch’appressar nol poteva anima sciolta:

ché v’eran di lacciuo’ forme sí nove,

et tal piacer precipitava al corso,

che perder libertate ivi era in pregio.

Caro, dolce, alto et faticoso pregio,

che ratto mi volgesti al verde bosco

usato di svïarne a mezzo ‘l corso!

Et ò cerco poi ‘l mondo a parte a parte,

se versi o petre o suco d’erbe nove

mi rendesser un dí la mente sciolta.

Ma, lasso, or veggio che la carne sciolta

fia di quel nodo ond’è ‘l suo maggior pregio

prima che medicine, antiche o nove,

saldin le piaghe ch’i’ presi in quel bosco,

folto di spine, ond’i’ ò ben tal parte,

che zoppo n’esco, e ‘ntra’vi a sí gran corso.

Pien di lacci et di stecchi un duro corso

aggio a fornire, ove leggera et sciolta

pianta avrebbe uopo, et sana d’ogni parte.

Ma Tu, Signor, ch’ài di pietate il pregio,

porgimi la man dextra in questo bosco:

vinca ‘l Tuo sol le mie tenebre nove.

Guarda ‘l mio stato, a le vaghezze nove

che ‘nterrompendo di mia vita il corso

m’àn fatto habitador d’ombroso bosco;

rendimi, s’esser pò, libera et sciolta

l’errante mia consorte; et fia Tuo ‘l pregio,

s’anchor Teco la trovo in miglior parte.

Or ecco in parte le question’ mie nove:

s’alcun pregio in me vive, o ‘n tutto è corso,

o l’alma sciolta, o ritenuta al bosco.

 

Exit mobile version