Il potere elettromagnetico dell Evento Inatteso

Realizzata da Luca Catania e promossa da Madri Internet Marketing

Come evitare che i tuoi messaggi vengano cestinati senza essere letti

Guida promossa da Madri Internet Marketing e realizzata da Luca Catania

Realizzata da Luca Catania e promossa da Madri Internet Marketing

Come evitare che i tuoi messaggi vengano cestinati senza neanche essere letti

Tra pochi secondi vedremo quel semplice, ma tanto trascurato, principio che pubblicitari ed esperti di comunicazione persuasiva utilizzano per attirare l’attenzione dei clienti più impegnati.

Ti aiuterò a piazzare unelettrocalamita da 20.000 Watt nelle tue e-mail promozionali, nelle tue landing page e nelle tue presentazioni, riducendo al minimo l’effetto “cestino” anche con quei clienti che fino a ieri non prestavano attenzione ai tuoi messaggi.

Buona lettura (fai attenzione agli oggetti metallici nelle tue vicinanze 😉 )!

Realizzata da Luca Catania e promossa da Madri Internet Marketing

Quel grilletto psicologico che ci costringe” a non sbadigliare durante un corso in aula

Immagina un’aula con 200 persone.

Immagina un relatore che parla con se stesso in versione femminile.

Immagina 200 stuzzicadenti pronti a bucare 200 palloncini.

Adesso immagina che in quellaula si parla di marketing e non di come organizzare feste a tema per ragazzini esuberanti.

Quel grilletto psicologico si chiama evento inatteso”

C’è una cosa che il nostro cervello non può resistere dal fare: prevedere.

S’, prova ad esempio a non prevedere come sarà  la stanza dellhotel in cui andrai in vacanza. Impossibile vero?

Arrivati in hotel si possono verificare tre situazioni:

1) La stanza è più o meno come pensavamo che fosse.

2) La stanza è decisamente più brutta di come avevamo previsto.

3) La stanza è decisamente più bella di come avevamo previsto.

Vediamo come si comporta il nostro cervello in questi casi.

 

1) La stanza è più o meno come pensavamo che fosse

Il nostro cervello si rilassa. Ci possiamo distrarre”.

Iniziamo a pensare ad altro (es. chissà  come sarà  il paesino qui vicino?”).

2) La stanza è decisamente più brutta di come avevamo previsto

Nel nostro cervello scatta un allarme. La pressione sanguigna aumenta. Diventiamo rossi dalla rabbia. Ci concentriamo al 100% sul problema e non smettiamo di pensarci (di prestarci attenzione) finché non siamo riusciti a risolverlo.

3) La stanza è decisamente più bella di come avevamo previsto

Nel nostro cervello iniziano a suonare 1000 campane :-).

La pressione sanguigna aumenta. La bocca per estensione sembra toccare le orecchie. Non possiamo che prendere il telefono e raccontare a tutti l’incredibile scoperta. La nostra esplorazione non finisce finché non abbiamo aperto ogni singolo cassetto. L’attenzione per i particolari è massima.

Questa è la forza dell’evento inatteso

Il motivo che nel caso 2 e 3 ci costringe a prestare la massima attenzione è sintetizzato in questo schema:

 

Reagiamo ai cambiamenti di stato!

Detta in maniera più semplice,

• se per strada, dove tutti camminano, passa qualcuno di corsa,

• se ad unasta vince chi offre meno,

• se durante un convegno di marketing ci fanno gonfiare dei palloncini,

ecco che l’evento inatteso fa scattare istantaneamente il grilletto dell’attrazione. Anche contro il nostro volere!

Evento inatteso = Curiosità 

Curiosità  = Attrazione

Questo semplice ma potentissimo principio può essere applicato in qualsiasi contesto, come ad esempio in un’immagine:

(Riesci a vedere l’evento inatteso? )

 

Ma tra il dire e il fare, c’è di mezzo

1) La concretezza.

2) La specificità .

3) Le disconnessioni.

A questo punto (forse) ti starai dicendo: bè, interessante questo principio ma troppo difficile da applicare! Ci vuole troppa fantasia!”.

Non è una questione di creatività 

Per poter creare immagini o headline magnetiche hai solo bisogno di un metodo scientifico da seguire e di quei tre ingredienti che ti ho indicato sopra.

Ma comincia dal metodo scientifico”

Immagina di voler scrivere un headline ad effetto elettrocalamita.

S’, una di quelle headline capaci di attirare l’attenzione dei tuoi clienti anche in una giornata piena di meeting ed appuntamenti.

Ecco come devi procedere:

1) Parti da un concetto generico.

2) Rendilo concreto.

3) Rendilo specifico.

4) Aggiungi un evento inatteso.

5) Il frullato è pronto!

Tutto chiaro :-)?

No, e sai perché?

Perché quello che ho scritto non è concreto e non è specifico. Proprio come la maggior parte dei messaggi, delle headline, che fanno scattare nei tuoi clienti la molla dello sbadiglio e il click sul pulsante cancella”.

Meglio vedere qualche esempio concreto”. Per semplicità  proveremo ad applicare la nostra formula a delle headline.

 

La concretezza e Picasso

La maggior parte delle headline falliscono perché non sono concrete.

Prova ad esempio a leggere queste:

Vacanza relax sulla neve

Se fossi Picasso, saresti in grado di dipingere quel relax”?

Certo che si, ma prova a chiedere ad un tuo amico di fare la stessa cosa.

E poi ad un altro ancora. Otterresti tre quadri completamente diversi.

Questo accade perché ognuno di noi associa alla parola Relax un concetto diverso. Per me il relax è una spiaggia deserta, per Giuseppe è lanciarsi con lelastico e per Gigi è fare una partita a Golf.

Prova a fare lo stesso test con la frase vacanza sulla neve”

Pensi che sia abbastanza concreta? Io, Giuseppe e Gigi disegneremmo gli stessi luoghi? Sai già  la risposta (no).

Ma perché i concetti devono essere concreti?

Il nostro cervello deve fare uno sforzo per decodificare la parola relax”. E non è detto che lo faccia come noi vogliamo.

Pensi che ai tuoi clienti piaccia affaticarsi 🙂 o pensi che sia più efficace dargli un bellissimo (e concreto) quadro di Picasso da guardare?

 

La concretezza con la tecnica del pittore

Per evitare che la tua headline sia una delle tante”, devi semplicemente prendere una di quelle tele che hai dipinto pensando, ad esempio, a relax” e descriverne i dettagli.

Immagina di essere il proprietario di un Hotel del Trentino.

Ecco come diventerebbe la tua headline usando la tecnica del pittore:

Vacanza relax sulla neve (non concreta)

Vacanza nei luoghi incantati del Trentino (più concreta)

Vacanza tra le vette innevate del Trentino (concreta)

Adesso è più chiaro il concetto di concretezza?

Finalmente abbiamo un’immagine concreta: delle vette innevate”.

Finalmente possiamo immaginare una passeggiata circondati da alte montagne da cocuzzoli imbiancati.

Ora proviamo a rendere anche questaltra headline concreta:

– Cuore e arterie in forma grazie ad una scoperta scientifica

– Cuore e arterie in forma grazie alla musica classica (più concreta)

– Meno infarti grazie alla musica classica (concreta)

Hai visto cosa ho fatto? Ho trasformato quel concetto che poteva essere dipinto in 100 modi diversi (scoperta scientifica”) in uno ben preciso (musica classica”). Poi ho ripetuto la procedura di concretizzazione” anche sul concetto cuore e arterie in forma”.

Ma sai qual è la cosa più importante? Che con questo esercizio sei costretto a tirar fuori l’unicità  del tuo prodotto/servizio. S’, perché devi concentrarti sui particolari dei tuoi prodotti/servizi!

Semplicemente provando a rendere i concetti che esprimi (anche quando parli) più toccabili” ne aumenta l’unicità . Provare per credere.

 

Ho detto anche specificità ?

Esatto. Il 1° elemento è la concretezza, il 2° è proprio la specificità 

che ci serve solo” a rendere un concetto, un oggetto, un versetto, un passetto :-), quantificabile o identificabile in maniera univoca (senza fraintendimenti).

Proviamo con un esempio pratico

Questa frase è sicuramente concreta:

Vacanza tra le vette innevate del Trentino

Ma posso identificare esattamente il luogo a cui fa riferimento? No!

Vacanza tra le vette innevate del Trentino

– Vacanza tra le famose vette innevate delle Pale di San Martino

E adesso? 🙂 Siii!

Finalmente posso vederle! Ecco le famose Pale di San Martino!

E se non le conosco? Bé, hai creato curiosità  ;-). Curiosità  di scoprire cosa sono queste Pale” e perché sono cos’ famose”.

Ma possiamo fare di meglio

Manca ancora un particolare: che tipo di vacanza stiamo proponendo?

– Vacanza tra le famose vette innevate delle Pale di San Martino

– Vacanza benessere tra le famose vette innevate delle P. di S.M.

– Weekend in centro benessere tra le famose vette innevate delle Pale di San Martino

Non una vacanza qualunque ma una vacanza benessere.

Purtroppo però vacanza benessere” non è abbastanza concreto, quindi lo abbiamo trasformato in weekend in centro benessere”.

 

Facciamo un riepilogo

Prima di passare alla nostra arma segreta, facciamo un riepilogo di quanto detto sino ad ora. Quale miglior modo di farlo se non con un altro esempio pratico?

Ok, proviamo a rendere questa headline concreta e specifica:

– Come evitare di sprecare soldi online

> Posso dipingere più di un quadro? S’. In quanti modi posso sprecare soldi online?

– Come evitare di sprecare soldi in pubblicità  online

> Ecco che affiora la concretezza: pubblicità  online”.

– Come evitare di sprecare quasi tutto il tuo budget in pubblicità 

> Finalmente siamo concreti. Ma la parola spreco” è quantificabile? No.

– Come evitare di sprecare l’80% del tuo budget in pub. online

> Adesso si che siamo specifici: l’80%”. Ma proviamo ad andare oltre: la parola pubblicità  online” è associabile in maniera specifica ad un servizio particolare? No.

– Come evitare di sprecare l’80% del tuo budget pub. su AdWords

> Perfetto! AdWords” si che è specifico. Posso identificarmi nel problema senza affaticare il mio cervello. Ma se proprio voglia ottenere il massimo

– Come evitare di sprecare l’80% del tuo budget pubblicitario su campagne AdWords sbagliate

> Adesso il tuo messaggio è credibile, concreto, specifico, più semplice da memorizzare, permette ai tuoi clienti di identificarsi istantaneamente nel problema ed è biologicamente curioso” :-)!

Riesci a vedere la differenza tra lheadline iniziale e quella finale?

Benissimo, allora prova l’esercizio che trovi nella prossima pagina.

 

Alleniamoci con questa copertina

Come renderesti più concrete” le frasi evidenziate dal pallino rosso?

Non girare pagina se prima non hai ragionato su queste frasi, ok?

 

Alleniamoci con questa copertina

Io avrei fatto cos’

Prova di specificità ”

Riesci a notare come queste piccole modifiche abbiano aumentato notevolmente il potere magnetico di questa copertina?

Adesso è proprio venuto il momento di vedere la nostra arma segreta!

 

Levento inatteso (e il suo potere magnetico)

Hai notato come la concretezza e la specificità  già  da sole sono capaci di trasformare un headline in un piccolo magnete da 9.000 Watt?

Bene, con quest’ultimo accorgimento aggiungeremo altri 11.000 Watt al nostro elettromagnete (per un totale di 20.000 Watt :-)!

Riesci a vedere l’evento inatteso in questa immagine?

Quei capelli lisci non si addicono a Merge Simpson:-), vero?

Ecco perché questa pubblicità  risulta simpatica e attraente”.

 

Come creare un evento inatteso”

Se vuoi avere la certezza matematica che i tuoi clienti leggano le tue e-mail, commentino i tuoi articoli, acquistino i tuoi prodotti, ascoltino i tuoi discorsi e guardino con interesse le tue pubblicità , ti basta aggiungere ai tuoi messaggi una spruzzatina di:

1) Contrasto con la status conosciuto delle cose

2) Disconnessioni (tra oggetti, concetti, azioni, )

Ma partiamo dal primo metodo.

Creare un evento inatteso con il contrasto”

Non credo che ci sia un modo più semplice per spiegare questo metodo se non quello di vedere un esempio concreto.

Headline di partenza »

Come ridurre dell’80% le spese pubblicitarie del tuo B&B”.

Status conosciuto (o andamento previsto) »

Se riduci le spese, si riducono anche le richieste di prenotazione.

Contrasto con la status conosciuto (o evento inatteso) »

Continuare a ricevere prenotazioni pur diminuendo le spese pubblicitarie.

Headline finale »

Come ridurre dell’80% le spese pubblicitarie del tuo B&B

(continuando a ricevere prenotazioni)”

Rivediamo a rallentatore quello che è successo

Questo metodo si basa sulle previsioni che fa il nostro cervello per poi deluderle inaspettatamente.

Nell’esempio la mia previsione è che riducendo dell’80% le spese pubblicitarie, avrò meno visibilità , meno persone sul mio sito e di conseguenza meno prenotazioni. Lheadline finale non fa altro che deludere le mie aspettative (in positivo :-).

 

Ecco alcuni esempi di headline che vanno in contrasto allo status conosciuto delle cose

– Queste headline possono farti perdere clienti.

– Sei sicuro che le tue vendite non ti stiano costando profitti?

– Perdere peso senza sentirsi affamati (anche se mangi spesso fuori casa)

– 5 esercizi di workout studiati per chi lavora e non ha tempo libero.

– 21 buone cose da fare in un brutto mercato.

Adesso passiamo al secondo metodo, ok?

Creare un evento inatteso con le disconnessioni”

In una sola parola: prendi due oggetti (azioni, situazioni, ecc.) che non hanno nulla a che vedere l’uno con l’altro e crea un ponte per unirli.

Zero fronzoli

Passiamo direttamente a degli esempi pratici:

» Una telefonata può distruggere la tua landing page

Disconnessione: telefono + pagina web

» Pannelli solari sulle tombe: energie rinnovabili in un cimitero spagnolo

Disconnessione: pannelli solari + tomba

» Quello che possiamo imparare dai criminali

Disconnessione: imparare + criminale (dai criminali non si dovrebbe imparare)

» Il Grande Fratello di Ikea

Disconnessione: grande fratello + negozio

» Il mio barbiere e il tuo posizionamento

Disconnessione: barbiere + posizionamento

Riesci a vedere le disconnessioni? E il loro potere magnetico :-)?

Bene, prima di concludere ti lascio con una checklist

 

Checklist per Headline magnetiche

– Quello che ho scritto è toccabile”? (concretezza)

– Quello che ho scritto è quantificabile? (specificità )

– Quello che ho scritto è prevedibile? (disconnessioni, status delle cose)

Se hai risposto s'” alle prime due affermazioni e no” alla terza, i tuoi messaggi, le tue headline, sono pronte per attirare l’attenzione dei tuoi clienti anche in una giornata stracolma di impegni.

Questo semplice principio è molto più potente di quello che potrebbe sembrare

Dai test che faccio (e rifaccio) è emersa una cosa in modo molto chiaro:

una headline magnetica abbassa notevolmente i bounce rate.

In altre parole riduce il numero di persone che scappano via dal sito immediatamente. Come pensi che possa interpretare Google questo segnale ;)?

Se questa guida ti è sembrata interessante puoi cliccare qui per unirti al nostro gruppo di scienziati (pazzi). Ma attenzione BioRanking non è per tutti.

Se non hai chiara la differenza tra visibilità  e risultati, se ti interessa solo l’aspetto tecnico dei motori di ricerca”, questo videocorso non è adatto a te.

In BioRanking studiamo i motivi che spingono un cliente ad acquistare o a scappare dal tuo negozio più confuso che persuaso, creiamo e lanciamo nuovi marchi sul mercato in modo che non possano fallire”, abbiamo delle idee tutte nostre su Facebook e i Social Network, facciamo Split Test molto particolari e condividiamo i risultati nel nostro Secret Lab, smontiamo e poi rimontiamo campagne pubblicitarie, e-mail promozionali e landing page per capirne i meccanismi psicologici che si nascondono dietro, ci rilassiamo mangiando paste di mandorla e guardando i video delle nostre vacanze :-).

Vuoi essere uno dei nostri? Clicca qui 🙂

 

Qualcosa in questa guida ti inquieta?

Se hai notato qualcosa che non va (una parola scritta male, un link rotto, un immagine che si vede male, ) o se c’è qualcosa che ti infastidisce, clicca sul coccodrillo e dimmi come posso risolvere il problema.

Nessuna segnalazione è troppo banale o troppo complessa.

Farò del mio meglio per portare quel coccodrillo lontano da te :-)!

Laboratorio artigianale di Marketing

http://www.bioranking.it/

http://twitter.com/LucaCatania/

http://www.facebook.com/people/Luca-Catania/1198266342

bio@bioranking.it